Skip to main content

Full text of "Istoria delle origini e condizioni de' luoghi principali del Polesine di Rovigo"

See other formats







1( 



a 




-\o-\o 






ft 



\VJX 



U-- 







945. "51 
B7S3C 



ISTORIA 

DELLE ORIGINI F CONDIZIONI 
DE' LUOGHI PRINCIPALI 



D 



POLESINE DI ROVIGO 

D I 
GIANGIROLAMO BRONZIERO 

Ora per la prima volta data in luce, e 
DE D IC vfTvf vfLL' ILLU ST RIS S. S IG. 

GIANNANTONIO 

ROSETTA FERRARI 

Dottore di Legge, e Aggregato al Con/iglio Nobile 

di Rovigo . 




IN VENEZIA, MDCCXLVIII. 



iippreiio 



(ih C 



A R L O 



Pec 



ORA. 



CON LJC ÈNZ^ DE' SUPERIORI , E 'PRIVILEGIO. 



Illuftnfsimo Signore. 

Sii 



LO 




.Me finalmente è tocca- 
ta la buona forte di 
pubblicare per me^o delle mie 
Jìampe ì Ifloria delle Origini e Con- 
dizioni de Luoghi Principali del 
Vclefinè di I\ovigo D ferina dal 
celebre Giangirolamo Bronzerò ; 
mercè il facile e benefico genio di 
chi il JManofcritto cortefemente co- 



mu* 



54590? 



mumcommi , onde produrla a como- 
do e vantaggio degli Jìudiqfì ho 
potuto. E avvegnacchè non picco- 
la lode fi a $ uno Stampatore dall' 
ofcurità e dalle tenebre trarre al- 
la luce le Opere de' valentuomini 
per fama di lettere e dottrina il- 
lufòri ? io di ciò non tanto mi pre- 
gio, quanto dell' ejfermi giudi^io- 
J amente avvifatc d' indirizzarla a 
voi , llluftriffimo Signore , e fre- 
giandola del voftro nome, da quel- 
lo prendere i lieti augurj • Pof eia- 
che ejfendo voi per gli Jludj fat- 
ti, e per le cariche onorevolmente 
fojìenute , di quelle materie e qui- 
ftioni, che in quejlo libro fi trat- 
tano 3 informatiffimo / quejla mia 
offerta a maraviglia vi fi confa , 
ed è unicamente degna di voi . La- 



feto eh' io far eiò dove/fi -per da- 
re al mondo una pubblica e pili 
ekiara teftimonian^ci della rive- 
renza mia ver/o voi / e e he un 
ardente mio dejiderio , nato dalla 
memoria dei molti obblighi eh' io vi 
ho y a prefentarvi un qualche do- 
no da gran tempo invitato mi a- 
ve [fé. jS{<? minori [limoli mi fi ag- 
giungevano dalla confi de ragione del- 
la vofìra naturale umanità e cor^ 
tefia , colla quale ciò che vi fi re- 
ca y gradire , e l'animo di chi re- 
ca riguardare certamente vorrete . 
Iddio lungamente vi confervi , e vi 
faccia felice. 



Di V. Sig. III. 



Umilìfs. Devoti] s. Obbligatìfi, Serv* 
Carlo Pecora. 

LO* 



L O S T A M P A T OR E 

a chi legge. 

ESfendofi determinato di continuare l'edizione delle parti» 
colari Iftorie delle Cjtta e Luoghi di quello Veneto Sere- 
niflìmo Dominio nella maniera con cui fi fono ftampate le Ifto- 
rie di Verona del Cortese quelle di Brefcia del Capriolo ,, 
ho creduto di non poter .meglio feiegliere quanto nell'appigliar- 
mi all'inedita Iftoria di Giovan Girolamo Bronziero Profeflòr© 
di Padova dell'Origini^ e Condizioni dei Luoghi principali del Po- 
le.fi.ne di Rovigo, Queft'Uomo dattiflìmo, che meritamente ri- 
cevette gli applaufi dei primi Letterati del fuo tempo, aveva 
noti 1 folo un perfpicàce 1 ingegno per poter cori vero criterio efa- 
minare le cofe delle quali feri ve va , ma uno ftile atto a: farlo 
guftare a' fuoi Lettori. L'Iftoria che ora puBblrcoì ne potrà fa- 
re ^intiera fede. Il MS. di quella Iftoria è ftato tratto dalle te- 
nebre dal Iliuftrifs. Sig. Giulie Bocchi Cari oiiiào 1 à ella Cat^ 
drale di Treviso, e del. di lui Manovrato fervito.rfii fono pe,r~ 
che la mia edizione* ^nufcifTe ùtile* eftendemi fiata gè rie rara- 
mente comunicato dall'eruditifiimo Sig. Ottavio? Bocchi tritello» 
d'eòo* Sig. Canonico . Me fembrato bene" dr arricchite quella 
edizione con l'elogio dei Bronziero fcritto e frappato qVMon^ 
figurò Fki^po Giacomo Tomafini Vefcovo dì Cittì fcfuova , e 
con un,, indice delle oofe notabili fatto lavorare con tutta la di- 
ligetiÉ*. Spero che ijùeftà mia attenzione rara ben ricevuta da' 
letterati, i quali m'incoraggk"a«noa profeguire la mia imprefa» 
particolarmente comunicandomi le Iftorie che foffero non anco- 
ra ftampate e degne, come quella del Bronziero, della pubbli*» 
ea luce. 



! 
-• ! 



JQAMs 




JOAN, HIERONYMUS BRONZERIUS 

N amcenifllmo oppido & municipio Rhodigino, quod Abbatiam 
Vangadicenfem vocant , Anno mdlxxvii. die vii. Aprilis , 
boia prima honefto loco nafeitur, patre loanne Antonio, pu- 
blicis in patria muneribus darò,, & matre Laura ex antiquif- 
lima Roiìnorum Ferraris famiiia : ex qua Chriftophorus Sènior 
prò Hercule Ferrari» Duce Policinii prasieduram gerììt. Juve- 
nis vario ingenio poSt humanas literas à Ventut a Peflbne, cele- 
bri humaniorum litterarum dottore , acceptas., Studiis Phiìofophia? cum indefefìam 
operam navaflet fub Francifco Piccolornineo, & Cacare Cremonino Viris ce- 
leberrimis ; aufpiciis Alexandri Maffaria? , Euftachii Rudii , & Hieronymi Fa- 
bricii ab Àquapendente in Medicina? orbita pedem fixit: Virifque fu'pra lau- 
datis in eam honoris folennitatem affumptis Anno mdxcvii. die xn. Februa- 
rii Laurea Phiìofophia? & Medicina? ornatus fuit . Maffaria? vero docìrinam re- 
ligiolìflìme tuebatur, adeoque Galeni fummi prasceptoris affecla Studiohiììmus 
erat . Hinc folidis artis fua? fundamentis fubnixus Colonia» Venetorum sti- 
pendio medicinam fecit, deinde in patria. Genitoribus cum tribus fratribus 
Jacobo, Michaele, & Paulo defunctis , jamque famiiia? fua? fortunis abunde 
affluentibus, virtutis ac otii literarii Studio Patavium rediit: ubi decennium 
fuaviter traduxit. Hic iile compofitis rebus fuis, ut c multa? erat lecìionis , ac 
immenfi laboris , prò Medicis varia meditari ca?pit adverfus Peripateticos , 
atque in primis de Calore: in cujus libri laudem eleganter lufit amicus ejus 
Joannes Rhodius. 

Divini pandens genòmi , Vir magne , Caloris , 

Ingenti traais àigna calore tui . 
Primos fcecundi-jungis àura Seminis ortus , 

Te natàm athtreo femine monflrat opus. 
Liberi ab invi/a reliquos rub igine fervent : 
Totum Te Mujts afferit ijìe Liber. 
Aftrologia? interea plurimiim opera? impendi t : cumque pra?diétionibus no a 
raro eventus refponderet , maximam fui ingenii opinionem excitavit . Sed & 
nativo ingenii acumine plura a Ptolomaso aliena de Aphetis & locis Hyle- 
gialibus exeogitavit . In Medicina quoque adverfus receptas diu fententias 
non pauca meditabatur: in primis de Sanguificatione^ cujus fpecimen elegan- 
ti libello de Principatu Jecoris ex artificiofa Lampetra? diSTeclione Pompeio Cai- 
mo , primario apud Patavinos Theorico , infcripSit , atque in Theatro Ana- 
tomico magno applaufu divulgavi! : quem antea multis locis interpolatum 
Mundino, Medico Veneto clariffimo , familiari! iluo communicaverat , ea for- 
ma, qua apud me adhuc fervatur . Nec tamèn inanium rerum meditationi- 
bus fibi foli vacabat; fed etiam publica? utilitatis ftudio nobiliflìmam artem 
magna fide & diligentia exercuit : & prafertim amicorum infirmitatibus li- 
benter abfque foStro occurrebat : quorum animos gratis facetiis fuaviter erige- 
bat, in quas mire propenfus erat . Viro mediocris Statura? cervice brevi ca- 
put fùlciebatur: ab omni faftu ac pompa remonffimus erat. Infigni morum 
facilitate, apud Viros ampliffimos Mattha?um Priuli Cardinalem & Augufti- 
num Abbatem Vangadicenfem , Serenifs. Ducis Veneti Antonii filios , Do- 
minicum Molinum literarum patronum, Francifcum Maurocenum D. Marci 
Procuratorem , aliofque Senatores Venetos plurimum valuit . Apud Germa- 
nos & Britannos pari cum laude de literarum Studiis ufque ad contentionem 
amicitia floruit ; fed maxime Patavii , ubi fedem aliquot annis habuit . Inter 

mul- 



. multos gratìfliìmus erat viris clariflìmìs Csefari Cremomncrv' Joanni Colle , 
Benedico Silvatico , Jo: Domenico Sala , & Joanni Prevotio , Medicina: 
pubìicis profefforibus . Laurentio Pignorio philologo & Antiquario magni 
nominis conjunéìiffimus / etrufci idioihatis libellis fub titulo Re lattone di 
Hlfipeto , ac Morfeo & Jantafo , coitroverfiam cum Angelo Portenario de 
Julii Pauli patria enhte fubftinuit: quibus alterum ejufdem argumenti rufti- 
co Patavinorum fermone fub nomine Àeagni addidit. Monumenta quippe ve- 
terum ea diligentia & cura pervolveraty ut non tantum exterorum hiftorias 
pernofceret ; verum de Orìgine Policinii Commentarium aliquot annis cònte- 
xuerat: quo non modo Rhodigii, Lendenariae, & Abbatize Vangadicenfis gè- 
fta memorat : fed qua? temporum vetuftate interciderunt , Adriae & Spina: 
monumenta è ruderibus in lucem- revocabat : cui fata extremum colorem 
negarunt . Opus cum aliìs , Auétoris manu defcriptis , a Jacobo Rofino mili- 
tile Venetse tribuno, armorum ac literarum gloria clarhììmo, fervatur. Mu- 
tua benevolentia floruerunt amici ejus Albertìnus Papafava Epifcopus Adrien- 
fis, Albertinus Barifonus Abbas, Pandeclarum Leétor, & Archipresbyter Pa- 
tavinus , Jacobus Zabarella Medicinae profeflbr & Canonicus , Martinus San- 
delius, Fortunius Licems Bononiae Philofophus eminens, ~ Joannes Thuilius, 
Felix Ofius Humanitatis profefTores , Carolus Avantius , Joannes Rhodius , 
Joannes Dominicus Marelius Medicus Vicentinus : quibus non poftremum 
affèdtu me jure fubfcripferim . Hos quidem omnes magna religione coluit : 
lic tamen, ut femper ei prior effet veritas . Neque enim Mundino ita cha- 
rus fuit , ut ei fubfcripferit in omnibus . Quod de Semine libellus teftatur, 
cum aliis, quse nondum emiffa in fcriniis funt. Sic ille Patavii inter litera- 
rum obleclamenta , & amicos , quos tenere amabat , vitam feliciter duxit , 
quibus cum in librariis officinis plerumque.de rebus naturalibus difTerebat . 
Bellunum Cremonini confino accitus , ut ftipendio ocìogintorum coronatorum 
Protomedici munus ibidem objret, ab aere fubtiliffimo & vino aufteriori fu- 
bito valetudinis incommoda fentit : vir caeteroquin ungulari temperanti^ &ca- 
ftitatis moderatione notiffimus , more Platonico femel in die vefci folitus : 
frigoris vero , prsefertim notturni , adeo impatiens ; ut vel per fummos canis 
xftus duplici lodice tedìus decumberet . Semeftri itaque vix exacìo in febrem 
acutam inciditi qua magno omnium moeròre fublatus eft Anno mdgxxx. Co- 
lermi pompa & oratione funebri in JEde Servitarum depofitus . Pofteri , tan- 
ti Viri memores , ipfius meritis in sede D. Joannis Baptiftse in patria fub 
vultu marmoreo hoc monumentum ftatuerunt . 

IOANNES HIERONYMVS BRONZERIVS 

PHIL. MEDICINAE ASTRONOMIAE SCIENTISS. 

INGENIO, ELOQVENariA, INTEGRITATE CLARISS. 

NATVRAE DESTERITATE, 

MORVMQ. IVCVNDITATE SVAVISS. 

AEGRIS SALVTEM, PATRIAE FAMAM, 

SIBI GLORIAM COMPARAVIT. 

PATAVII VENETIISQ. FLORVIT , 

BELLONAE PROTOMEDICVS OBIIT. 

ANNO AETATIS LUI. SAL. M. DC. XXX. 

IACOBVS ROSINVS I. C. CANON. VERON. FRANC. F. 

IACOBVS ROSINVS TRIBVN. MILIT. PAVLI F. 

PATRVELES PARESQ. OBSERVANTIA 

ERGA OPTIMVM VIRVM 

MOESTISS. POSVERE. 

DEL- 




ORIGINI 



CONDIZIONI 

DE' LUOGHI PRINCIPALI 

DEL 

POLESINE di ROVIGO- 

Ovendo io fcrivere quello che ho potuto in- 
tendere , e raccogliere di vero , e di nota- 
bile intorno alle Origini, e Condizioni del- 
le Terre del Polefine di Rovigo t prima 
che difcenda a' particolari d' alcun luogo , 
confidererò il nome di Polefine, il fito , li 
confini, la qualità del Paefe , e da chi fia 
flato fino ai tempi prefenti abitato, e pof- 
feduto : nella narrazione , ed inveftiga^io- 
ne delle quali cofe, come anco nel rimanente, procurerò , per 
quanto farà poflibile alla tenuità del mio ingegno, che non fia 
defiderata brevità , chiarezza , ordine , e fopra ogni altra cofa 
verità . 11 Polefine nel latino è chiamato Pemnfula , cioè quali 
Ifola , o come Ifola : perchè effendo ferrato dai Po e dall'Adi- 




ge 



t ORIGINI E CONDIZIONI 

gè, pare che cos'i fia meritamente nominato; febben più riguar- 
dando all'anologia dell' Ifole, che alla proprietà del fignificato , 
il quale appretto i Geografi, ed i Grammatici importa un trat- 
to di terra tutto cinto da acque marittime , ma con qualche 
picciol braccio congiunto al continente , da Greci detto WpoW 
o-ot;, ovvero ;^gp<ropjf<r<?$, come il Peloponefo, o Morea, la Tau- 
rica, e Cimbrica Cherfonefi, la Scandinavia, l'Africa (fé è le- 
cito dir così) ed il Perù. E quantunque paia, che l'eftrenìita 
fuperiore del Polefine, ove termina con li Territorj Veronefe, 
e Verrarefe tra il Po e l'Adige, fia molto più riftretta , che il 
rimanente del corpo ; non è però tale fpazio ( parlando rifpetti- 
vamente ) così tenue , che bafti per mio credere a dargli for- 
ma di Penifola r o Cherfortefo . lo credo , che nel Polefine fi 
chiami veramente Pen'mfula , e quafi Ifola , non tutto quello 
che al prefente è comprefo nei Territorj dei luoghi principali 
tra~ il Po e T Adige , ma quella parte folamente , che vien 
ferrata tra rami dell'Adige , cioè dai canali , e dalla Chi- 
ruola *. e Ja ragione è perchè fi trova porta in mezzo , circon- 
data , e ferrata dalle acque d'un ifteflb fiume , come le ifole 
fono porte in mezzo, circondate, e ferrate da un irtertò mare. 
Ma di ciò anco abbafiò, ove fi confidereranno i termini. Quan- 
to al nome volgare di Polefine, come piace ad alcuni, par che 
foni eofa pofta tra il Po e l'Efe, effendo l'Adige dai Paefa- 
ni chiamato 1' Adefe, e il Ladefe , e con più corrotto vocabo- 
lo l'Efe.. 

Il Sardi giudicò edere rtato detto («) Polefine, quafi Polinefo, 
cioè molte ifole , alludendo per quanto fcuopro ai greco ttoùù , 
che vuol dir molto, e wVag, che vuol dire Ifola. E certo che 
per li numerofi partimenti fatti dall'Adige, i quali hanno for- 
ma di ifole, può meritamente effer chiamato un comporto , o 
aggregato di molte ifole. {b) Fra Leandro, dice Polinefo, che 
trafportata una fillaba chiamiamo Polefino , importare lo rteffo 
che grande ifola : il che farà forfè vero comparandolo alle al- 
tre fimili ferrate dai fiumi ; ma non femplice , e aflolutamente 
parlando . Tito Vefpafiano Strozza Ferrarefe uomo veramente 
eruditimmo , in alcuni fuoi verfi , i quali più abbafio ad altro 
propofito faranno regirtrati , chiamò il Polefine Irthmon i ne 

fo 

( a ) Lih. fecondo del/'lftor. ¥tndu 
,(b; "He Ila Roma Tran/pad. 






DEL POLESINE DI ROVIGO. 3 

fo vedere a qual nome, forma, o analogia egli avefie riguardo; 
falvo, fé non volle figuratamente mettere la parte per il tutto: 
poiché non è dubbio , che Iftbmus altro non importi , che 
quel picciol braccio , col quale la peninfula viene continuata 
col continente; come quello di Corinto al quale fi oppone quell' 
anguria di mare che cade tra doi continenti , chiamata Por- 
thmus . Soggiunge il Sardi , che forfè fu detto Polifino per il 
grave danno che prima diedero quelle acque dove correano ; 
ovvero Policeno per le innondazioni che lo rendevano molto 
folitario , e deferto . Il fito , fé riguardiamo ai termini della 
Venezia, fecondo Tolommeo (a) , e i più antichi, è nella Venezia; 
ma fecondo Plinio (£), il Biondo (e), Fra Leandro (d) y ed altri più 
moderni, è oltre ì'eftrema parte della Venezia verfo mezzo 
giorno , contiguo all' Adriatico , ed appartiene alla Flaminia : e 
perchè fu poi comprefa nell'Efarcato, e l'Efarcato ai tempi di 
Carlo Magno fu chiamato, come vuole il Sigonio (e) , Romagna , o 
Romaniola , e perciò è fiata collocata nella Romagna Trafpa- 
dana. Andrea Nicolio (/) autore deU'Iftoria di Rovigo dice, che 
è pofto tra l'Atriano, ora l'Adige, e la fofia Saga, ora il Po. E* 
vero , e non fi dubita , che fia fituato tra quelli due gran fiu- 
mi li maggiori di tutta Italia; ma non è già vero, che il Po, 
dal quale riceve termine il Polefine di Rovigo, fia fiato la folla 
Saga : perchè fé vi fu mai foffa Saga in quei contorni , e fé 
per erta corfero mar le acque del Po, non fi dovrà credere che 
altra fia fiata, fé non quella che faceva la Foce da Plinio (g) det- 
ta Sagis, la qual era molto più meridionale di Volane: e per- 
chè ciò refti ben manifefto, e chiarito, noterò cofa , che anco 
allo intendere le condizioni antiche dei noftri Paefi farà di qual- 
che ufo. Caviamo da Plinio (b) e da altri più moderni, chele 
paludi alla banda deftra del Po verfo Ravenna s'addimandava- 
no Padufa, e quelle dallato finiftro verfo Aitino Settemari, per- 
chè sboccavano per fette foci nello Adriatico : la prima delle 
quali e più meridionale era nominata Vatreno , Eridano, Me- 

A 2 Jan- 

Ca) t^el terzo Hb. della Geogr. 
(b) Xel lib. 3. della t{at. Iftor. 
( e ) Isella Romagna . 

(d) ideila Romagna Tranfp. 

(e) Lib. 4. de Regno lt. fub Mìl 774. 
( f ) l^el primo lib. 

(g) Hel terzo lib. cap. 16. 
( h ) ì^e l luogo citato . 



4 ORIGINI E CONDIZIONI 

landriano , e Spinetico da Spina citta antichifEma ; la feconda 
foce andando verfo fettentrione era detta Caprafia ; la terza 
Sagis; la quarta Volane; la quinta Carbonarie; la fefta Fonio- 
ni della Filicina/ la fettima Edrone. Ora febbene la foce Sa- 
gis non è più in edere, tuttavìa, fé crediamo al Sardi (*), ve- 
defi quefta ventotto miglia lontana da Primaro , detta in alcu- 
ne carte marine Porto di Cavaleone. Ora, che il Po, dal quale 
vien fatto termine al Polefine di Rovigo, fia fiume novo mol- 
to dittante verfo tramontana , e molto differente dal fopranno- 
minato Porto di Cavaleone, è cola tanto notoria , che quafi è 
vanita il farne più lungo difcorfo. Correva tutto il Po per quei 
rami che fono da Ferrara in giù , fcaricandofi nell'Adriatico , 
parte per quell'alveo che fu chiamato Bondanco, e Po di Vo- 
lane, ed era il divifore dell'Italia Cifpadana* e Trafpadana, par- 
te per un altro più auftrale, chiamato Sandalo, e da Plinio Vatre- 
no, e da altri Spinetico, che paffava per la valle di Padufa verfo 
PrimarO. Navigatur autem Padus (dice Polibio) (b) ex mare adojìium 
vocatum Olana fere ad duo milita Jìadiorum , proximum ex fonti- 
bus babet fluxum Jtmplicem * dividitur autem apud vocatos Triga~ 
bolos . Horum autem altevum quidem os vocatur Padufa , alterum 
autem Olana. Cosi fra la traduzione del Prifciano (e), che giu- 
dico io di tetto più emendato, fé però non v'entra di quella 
licenza che fi prendono talvolta gl'interpreti: poiché ove il Pe- 
rotto, ed il Cafaubono leggono Paduam, egli legge Padufam, il 
qual vocabolo , oltracché è ufato da Plinio ,, efprime anche più 
il vero; febben non negherei, che come molto fi mutano i no- 
mi di tutte l'altre cofe , cosi poffa effere fiato detto prima Pa- 
doa , e poi anco Padufa. E vaglia adire il vero, avendo io ve- 
duto due efemplari Greci uno del Cafaubono , l'altro più anti- 
co , trovo, che tutti due leggono Uafóct ; ma perchè non v'è 
dubbio, che quello fteflb luogo che Polibio già nominò Padoa , 
altri hanno nominato Padufa, parmi che poffa refìare affai evi- 
dentemente conclufo , che ai tempi di Polibio , altre acque del 
Po non correffero per li circoltanti Paefi , fé non quelle della 
due rami, nei quali cominciava adividerfi, dove al prefente è 
fituata Ferrara. E quanto al ramo ad quale fi parla, chiama- 
to 

' a ) TSl_e l libro primo . 
( b ) J^el fecondo lìb. 
(e) ^ipprejjo F. Le and. nrf Luogo cit. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 5 

to Po di Venezia, il Biondo (a), il Prifciano (£), Fra Lean- 
dro (e), il Sardi (d) y il Pigna (•*), ed il Nicolio (/) ifteflò, 
tutti confentono, che avefiè origine dalla rotta di Siccardo fuc- 
celfa a Ficheruolo dopo l'anno 1150. la quale riufeì cosi gran- 
de, e calcò in tanta decaduta d'acque, che al tutto fu imponi- 
bile l'otturarla: onde furono coftretti gli abitatori a permetter- 
gli quel corfo che fi aveva prefo con la totale defolazione d' 
Adria, dalla qual citta anco ainoftri tempi paffa poco lontana. 
Se mò per innanti ove al preferite corre il Po di Venezia fi 
trovafle o la Saga, o altra foffa antica notabile , nella quale , 
cerne vuole il Nicolio , entraffe precipitofamente la rotta di Sic- 
cardo, oppur altro non vi fi a mai (lato, che campagne divife 
da termini proprj, lo poffiamo con non molta difficolta conghiet- 
turare da quello che ne ieri ve ii Biondo (g) in quelle parole. - 
Supraque pervenitur ad Padi integri ripam unde ramus feinditur 
Ficaroli , deinceps integer ejì Padus . Hunc vero Ficaroli ramum 
intra centum proximos annos incboajfe ideo non dubitamus , quia 
Roberti Regis Neapolitani , & F ranci fei Petrarcbae pittura Italia, 
quam nos /equi fupra diximus , ipfum non babet ramum : prceterea 
Monafìerium Sancii Salvatoris, in quo Arx Ficaroli sedificata fuit , 
& e/us vices obtinens Sancii Laurentii de Cajìellis Ecclefìa Mo- 
na (ìerio S. Marci Ferrarienjìs annexa , vetujìa babet annorum qua- 
dringentorum jurium fuorum monumenta , in quìbus facile intelligi- 
tur ubi] Padus ipfe nunc ejì Ficaroli diElus, fu tj] e agros , confirmat- 
que nos in bac novitatis bujus rami opinione appojiti Jingulis prue- 
diiSf fìngulifque juribus Monajìerìi ultra, citraque Padum, bunc exi- 
Jìent'/bus fìnes , quibus dejignandis nulla umquam ìpftus rami men- 
t io fati a ejì. Con quefto autore, come fi è detto, quanto alla 
novità del ramo convengono tutti gli foprannominati. Ma fono 
alcuni i quali difeordano nel tempo , e riprendono il Biondo , 
che non abbia oflervato attentamente i millefimi delle addotte 
fcritture di San Salvatore, e che pofla , da chi fabbricò quella 
tavola del Re Roberto , effere (tato preterrneffo quel ramo del 

Po, 

(a) Isella Italia illuflr. circa il fine della Flaminia. 

( b ) ^ipprejfo F. Leandro nel luogo /opra citato . 

(e) l>iel luogo citato. 

(d) TS^el libro fecondo. 

(e ) Ts[el libro terzo. 

( f) ì^el libro fecondo. 

(g) ì^el luogo fopra citato* 



6 ORIGINI E CONDIZIONI 

Po, come da Tolommeo, e da molti altri fono flati tralafciati 
nelle loro tavole Geografiche alcuni fiumi di confiderazione : e 
tutto ciò portano contro il Biondo , a fine di foftenere , che di- 
ca il vero certa cronica antica allegata dal Prifciano nel primo 
delle Antichità di Ferrara , e veduta anco dallo Alberti , dalla 
quale cavano effer fucceffa quefta rotta, come già fi è detto, in- 
torno all'anno 1150. Ma fia di quefte controverfìe ciò che fi 
vuole, bafterà per ora all'intenzion mia avere dal comun con- 
fenfo di tutti li foprannominati Scrittori, che il ramo fi a novo^ 
e che contengano verità le fcritture di San Salvatore ; dalle 
quali abbiamo teftimonianza moìto probabile , che non correrle 
per quei contorni la foffa Saga , perchè farebbe fenza dubbio 
flata chiamata in qualche confine: ed il Biondo avendovela tro- 
vata , non l'avrebbe tacciuta , né così affolutamente avrebbe det- 
to, che ove al prefente corre il Po di Ficaruolo, vi foffero fem- 
plici campagne , pretermettendo un condotto d'acque tanto an- 
tico, notabile, efamofo, e così largo, e profondo, che foffe fla- 
to badante a ricevere o tutta, o la maggior parte dell'acqua di 
quel gran ramo del Po. Il Sardi (a) veramente ha detto, che 
le acque di quefta rotta capitarono prima nel Lago Ofcuro , e 
poi a Villanova nel Canal de' Buoi, ed indi in due fiumi, cioè 
nel Toi , e nella Corbola ; ma non fa perciò punto menzione 
di foffa Saga • E tanto fia detto abbaftanza del Po , dal qual 
per comun confenfo nello flato prefente riceve termine il noftro 
Polefine verfo mezzogiorno. 

Quanto all'Adige , che gli fa confine da tramontana , non 
ardirei affermare così determinatamente , come afferma il Ni- 
colio, effere flato lo Atriano; ma ne feri verei con la penna più 
fòfpefa . Torello Saraina (b) uomo veramente grave, e di molta 
erudizione, inclina a credere , l'Atriano non effere flato altro fiu- 
me , che l'Adige , fermato fbpra l'autorità di Sempronio , nelli 
cui fcritti dice aver letto , che da Adria il fiume che a lei 
paffava vicino, ed ora fi chiama l'Adige, fu nominato Atriano; 
ièbben poi fottoferive a Strabone, (e) ove ftimò anzi dal fiume 
effere ftata cognominata Adria; e ne porta la ragione, perchè i 
fiumi fono più antichi delle città , eonfiderando appreflo non 

eìfer 

(a) T^f/ lib. 2. [opra citato. 

(b) ì^el 2. lib. dell' Origine 1 e ampìiaxione dì Verona, 
(c)Hel lib. 7. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 7 

«(Ter lontano dal verifinaile, che da Atrio uno degli antichi Re 
dei Tofcani e la città , e il fiume vicino pollano ad un tempo 
fteflò aver ricevuto il nome; e cosi anco Tintele Gio: Francelco 
Tinto (a). Ma qui, prima che palliamo più oltre, devonfi av- 
vertire due cofe: una é l'antico corfo dell'Adige, il quale parla- 
va molto più lontano dalla citta d'Adriache ora non parta; l'al- 
tra è l'autorità di Sempronio molto fofpetta a quelli, che cono- 
feendo il grano , fpacciano Fra Giovanni Annio Viterbiefe per 
ciurmatore, come quello che abbia divulgato, e voluto accredi- 
tare il Tuo Berofo cogli altri , a fine di por loro in groppa quei 
luoi Commentar) pieni di tante ciancie, e di così alte menzogne. 
Io che tra gli altri fono di minima erudizione, non ho veduto al- 
cun antico degno di fede, che chiami fpecificatamente l'Adige, 
fé non Ateftm, come comunemente lo nominano nel Latino, e 
nel Greco A'rayt? appretto Strabone(£): al quale par che abbiano 
voluto accodarli il Rolandino , e alcuni altri Cronifti Padovani 
chiamandolo latinamente Atacim, e nel nominativo Atax ^ come 
ho trovato in tre luoghi d'una fcrittura di divifioni antiche del- 
li Cattanei da Lendinara fin del 1297. ovvero h\ tirata, pref- 
fo Plutarco (e), e trovo che quando non divideva, ma corteg- 
giava Verona , lafciandola verfo levante facea corfo mol- 
to diverfo da quello d' oggidì ; perchè , come notano il Sar- 
di (d) , ed altri (e) feguendo l'autorità di Girolamo Ateftino, 
ben informati di quella verità, della quale pure anco a' noftri 
tempi ne reftano vertigj nelle Lupie di Montagnana , difen- 
deva per la Cucha, per li Sabbioni, e per altre ville di quel 
tratto, fino a Saletto , corteggiando Erte, e Moncelice , e ca- 
pitando poi al mare, molto più vicino, e dirimpetto a Pado- 
va, che alla città d'Adria, come ci mortrano le tavole anti- 
che di Tolommeo porte dal Mercatore : il qual corfo mutò 
poi forfè per altre caufe; forfè per quella grandirtima inonda- 
zione d'Italia al tempo di Autare Re de' Longobardi (/) , e 
di Papa Pelagio, paffando a' tempi più moderni per Porto , 
Caftelbaldo, Rocche Marchefane, la Badia, Lendinara , e Ro- 



vigo 



(a) "Nel primo l. della ì^cb. dì Verona cap. 22. 

(b) Lio. 4. 

(e) "Nielli *Apof- dei Re, &> I m p. Rom. & nella Vita di Mario. 

( d ) Ìlei fine del primo lib. 

(e) Tigna l. 1. nel prìnc. 

(f ) V. il Sig. I. pr> de Reg. Ita/, fub mìkf, 58$. 



8 ORIGINI E CONDIZIONI 

vigo nelle paludi di Cavarzere, e Adria, ove fi vede aver de- 
caduta notabile , e indi nel mare, occupando l'alveo della fof- 
là Padovana, detta anco la Chiruola, perchè già fu cavata a 
mano da' Padovani, o perchè mettefse termine con il Polefine 
o perchè fcolafle i loro terreni , o per l'uno e per l'altro ef- 
fetto. Intorno poi alla fede che fi abbia da preftare al Sem- 
pronio, e agli altri antichi pretefi da Annio, ed a lui medefì- 
mo, non mi affaticherò nel recitare li giudizj di tutti eli uo- 
mini celebri, che con fondate ragioni gli hanno tenuti fofpet- 
ti, fìtrizj, e barbari: ma mi baderà rimettere gli Studiofi al 
Sabeliico (<»), al Volaterrano (£), a Bernardino Rutilio (e) 
a Gherardo Giovanni Voffio (d) , a Andrea Scotto (e) a Ot- 
tavio Ferrari (fj ì a Filippo Cluverio (g) a Giovanni Rofino 
(£) , a Giulio Cefare Capaccio (*) , alf'Alciato (&) , a Giofef- 
fo Scaligero, al Panvinio, al Riccobuono, al mio ca.rifnmoPi- 
gnoria , e , per tralafciar molti altri , a Gio: Francefco Tinto Ve- 
ronefe (/), dal quale vengono pienamente efaminate le caufe 
che muovono tanti eruditi a tenere quei libri per inventati da 
moderno, e mafeherato Scrittore , confiderando particolarmen- 
te in Sempronio, che nella Scrittura divulgata fotto il fuo no- 
me fi faccia menzione di Marcantonio, e di Augufto poiteriori 
di molti anni a quell'autore. Quanto all'autorità di Strabone 
rifpondo, ch'egli non afferma quello gli attribuifee il Saraina • 
ben cita Teopompo, che abbia voluto, Adria effere fiata deno- 
minata dal fiume , non fpecificando però quale egli fi fofTe , co- 
me ne anco fpecificano Stefano, ISc Euftazio citati dal Cafau- 
bono fopra Strabone ; nel rimanente parrai che fia da lafciare 
al giudizio degli eruditi, fé il nome di Adria fu denominati- 
vo da Atriano, o fé Atriano fia denominativo da Adria . Ma 
dira alcuno: Se l'Adige grande non fu 1' Atriano di Tolom- 



meo 



fa) T<lel Uh. 5. dee. 8. e nel 2. dee. io. 

(b) 1S(el 38. dei Coni. Urb. in Tarai. 

(e) ideila vita dì Fabje Vittore. 

( d ) l^el l. 3 . del Htfìoricìs Latinis . 

(e) Isella Bibl. Ifp. 

( f ) De Orìg. Roman. 

(g) Isella j'ua Ita/, ant- 

(h) TS^ei luoghi confi.krati dal Dffmpflero p* 69$, 

(i) l{el fuo Segret. 

( k) Lìb. p. rerum Tatrice non longe ad inìtìo . 

(1 ) Isella ~t{cbiha di Verona ove tratta dell'Orìgini 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 9 

meo, ove mette egli quefto fiume: poiché non è verifimile,che 
da tanto uomo fia flato pretermetto per obblivione, o per erro- 
re, efiendo dopo il Po dei maggiori d'Italia ? Gherardo Merca- 
tore diligentiflimo Colmografo ((ima, che l'Adige pofTa da To- 
lommeo effere ftato chiamato l'Atriano per un fuo ramo, che 
patta vicino ad Adria; ma quefto è corlo, che non fu in effe- 
re a' tempi di Tolomeo, onde non foddisfa tal penfiero per la 
riloluzione : né io ardirei affermando, o negando parlare più 
innanzi, mafiìmamente potendo qualche altro fiume, come dirò 
a fuo luogo, effer chiamato l'Atriano; e vedendo da Tolom- 
meo, come ho toccato di (opra, tralafciati altri fiumi notabili, 
tra i quali numera F. Leandro {a) y il Reno, e il Tefino, per 
non dire, che di fimii forta di errori moki ne fono (lati av- 
vertiti dal Cluverio (£)•" * tanto fia detto abbaftanza intorno 
all'opinione del Saraina , e del Nicolio,che l'Adige fia 1' A- 
triano di Tolommeo . Ma forge qui un'altra difficoltà, fé l'A- 
dige, dd quale parliamo, (ìa (tato, come fi è detto di fopra, 
l'Atifone di Plutarco, cosi nominato da quefto folo fcrittore(c), 
ove tratta del paflaggio dei Cimbri in Italia, e di ciò che al- 
la loro prima gionta feguì tra quefti e Lutazio Cattilo Procon- 
folei poiché non mancano fcrittori, i quali fi sforzano di fofte- 
nere l'Atifone di Plutarco effere ftato laTofa fiume e h'efce dal- 
le Alpi Sepontie, e sbocca nel Lago Verbano. Ma io confide- 
rando che i Cimbri calaflero per il Norico , come dice Plutar- 
co , o per le Alpi di Trento, come vogliono altri gravi Scrit- 
tori, e che perciò è neceffario che capitanerò nella Venezia ; 
ini rifolvo a credere, che il fiume, al quale fi riduffe , e for- 
tificò Cattilo per vietar a quei barbari il paffar verfo Roma , 
e che da Plutarco fu chiamato l'Atifone, non effere ftato altro 
fiume che l'Adige, come trovo aver foftenuto la maggiore, e 
la miglior parte degli Eruditi: e perchè di quefta controverfia 
ne ho a parte pienamente trattato, rimetterò i più curiofi a 
quanto ne ho ivi difeorfo. 

Ma torniamo ai termini del Polefine, i quali fin qui fono 
flati confiderai come ftanno al prefente, e come rinchiudono i 
Territorj dei Luoghi principali. Non intendo però al prefen- 

B te 

( a ) Tty/ Luogo citato . 

(b) >(t/ Luogo citato di fopra. 

(e) liei Luoghi fop. cit. Gii jipf. e della Vita di Mario. 



I0 ORIGINI E CONDIZIONI 

te tacere , che il Sabellico (a) mchiude il Polefine tra i rami 
foli dell'Adige, fcrivendo che quefto Fiume difcendendo perii 
Caftagnaro con la parte, che cinge la terra , piegando a de- 
lira mano, incontra il Tartaro ufcito dalle lue paludi ,e quelli 
Fiumi uniti infieme non vanno molto innanzi, che trovano l'al- 
tra parte dell' Adige a Malopera , e così fatto di più Fiumi un 
folo, chiudono di dietro il Polefine di Rovigo, e finalmente en- 
trando nelli laghi, o paludi non più fi chiamano Fiumi . Di- 
vifo poi l'Adige alla Torre Marcheggiana , il deftro braccio 
correndo a Lendinara, ed a Rovigo prima che venga a Capo 
d'argere chetamente rientra nelle proprie acque ; cosi mifchia- 
to correndo per laghi, e paludi giunge alla Torre nuova, ove 
ultimamente divifo mette con due foci nel mare, nominandofi la 
deftra Fofìfone, e la finiftra Brondolo; poi foggiunge, che l'A- 
dige tre fiate divifo fa due Polefini, quello di la da Rovigo , 
che chiama il vecchio, e quello di qua, che nomina il nuo- 
vo. Ora considerando io qual ragione abbia modo quefto erudi- 
to fcrittore a reftringere in termini più angufti il Polefine di quel- 
li, che abbiamo podi di fopra , e per qua! caufa chiami Pole- 
fine vecchio quello di la da Rovigo , e nuovo quello di qua, 
mi riduco a credere, che non abbia pofto in confiderazione quel- 
la parte dei Territorj, che è tra il Po, e tf Caftagnaro, i quali 
fino al dì d'oggi fi chiamano Communi agionti , ovvero feparati, 
avuto riguardo alla novità della loro unione alli Territorj vecchi 
citra Canalia, di che ne toccai di fopra trattando del nome ; ma 
quanto al refto non fo già vedere perchè abbia egli chiamato Po- 
lefine vecchio quello di la da Rovigo , e nuovo quello di qua, 
falvo fé non ha penfato , che la Chiruola ora detta Y Adige 
prande fia ramo più nuovo dell' Adigetto , che pafla per Ro- 
vigo, benché difficilmente mi perfuado ciò poter eflere , fé fi ha 
da credere, che la Buova dell' Adigetto ila Mata una Rotta del ra- 
mo Maeftro, e fé la Chiruola, o fofta Padovana era per divide- 
re il Polefine dal Padovano. Ma perchè non ho mai potuto tro- 
var i veri tempi delle mutazioni dei corfi dell' Adige per Cafta- 
gnaro, Malopera, Buova, e Chirvola, non ardirò in quefta 
parte affermare piò una cofa che l'altra. Ben non lafcierò di av- 
vertire quello, che intorno al Caftagnaro ho trovato nelle memo- 
rie di Viviano Fantonl da Lendinara (£) , e fono le parole infra - 

fcrir- 
(a) Isella 4, deca dell' ljl. Feri. lìb. primo, (b) Voi. 102 ,n fine. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. n 

fcritte ,, il Fiume dell' Adige eli iopra da Villabuona non avea 
„ quel dritto corfo, che ha al prelente; perciocché entrando per 
„ la bocca del Caftagnaro, poiché per fpazio di mezzo ftadio in 
„ circa per quell'alveo correva, volteggiava come per un'arco 
„ intorno a quatro ftadj , ove tuttavia appaiono i veftigi , e po- 
5 , l'eia poco di lopra Villabona ritornava nell'alveo ordinario. Fu 
„ cavata a mano quella parte , che per la corda dell'arco fi può 
„ mettere, che intorno a due ftadj , e fu dall' effetto chiamata 
j, Chirola , feguendo il corfo fuo l'alveo del Caftagnaro per ovedi- 
„ cono, che fi fece la rotta, eh' è poco di fotto al luoco della tor- 
» tuoiita otturato, come è fopra detto, ed in quella mutazione fu 
„ anco mutua ì.\ rolla, perchè dove prima era più in giù nel 
„ Fiume del, Caftagnaro, cioè dove ora tengono il pafTo di fotto 
„ pur dal detto luogo otturato, la ritirarono dove è al prelente 
„ vicino al Fiume. Sin qui ilFantoni, il quale fé avelie avuta 
quella notizia da ficure teftimonianze( il che però non vedo nota- 
to, come vorrei) d struggerebbe apertamente i termini affegnati 
dal Sabellico alPolefine ài Rovigo. Io talvolta ho penfato ,che nel 
tefto del Sabellico poffa efler errore, e che abbia voluto dire Po- 
lelìne Vecchio quello di qua , e nuovo quello di la da Rovi- 
go, reg^endofi alli confini antichi ; poiché fé crediamo al Sar- 
di (a) il Territorio Ferrarefe per privilegio d' Enrico VI. In> 
peratore avea per confine da quella parte del Polefìne l'Adige Fiu- 
me da Salvaterra fino alle confine di Vinegia, ch'erano alla Fo- 
ce delle Foffioni. Di più per teftimonio dell' ifteflo Sardi (£) ab- 
biamo, che il Paefe fommerfo dalle acque del Caftagnaro comin- 
ciò a eflere rafeiugato dal Duca Borio per opera di Prifciano pa- 
dre di quel Pellegrino, che ferirle le cofe di Ferrara , e delli 
Eftenfi; onde pare che valleggiando il Caftagnaro, ed effendo 
di nuovo pofto in' caria, quanto ora fi trova di qua, e di làda 
quefto ramo dell'Adige fia terreno nuovo aggiunto alli Terri- 
tori ed alle Campagne vecchie , le quali fono a( prefente tra 
1' Adigetto , e la Chiruola . Di ciò però intendo làfciarnc il giu- 
dizio a chi avrà miglior fortuna di me nello abbatterfi in fcrittu- 
re, che poffano chiarire, ed afficurare gli animi dei lettori con 
maggior certezza della verità. 

Il Polefìne viene ftimato lungo per 1' Adige grande miglia 
trentadue, per il Caftagnaro trenta, per l'Adigetto trentatrè , 

B 2 e par- 

ta) Libro primo, (b) Libro fecondo .' 



12 ORIGINI E CONDIZIONI 

e pare che nelle maggiori larghezze dall'Adige grande al Pò 
non palli le miglia dieciotto . Egli è tutto pianura fen- 
za monti , anzi baffo tanto , che il fondo dell' Adige in molti 
luoghi avvanza di altezza le Campagne; onde avviene , che 
fempre ha bifogno d'argini, e di altri ripari per efier difefo- 
dalle innondazioni, che farebbero i Fiumi nelle loro efcrefcen^ 
ze, come non ottante la buona guardia, ed induftria delli abi- 
tanti fpeffe volte fanno, levando li raccolti, ed efterminando 
con la fabbia gran parte dei campi più vicini . Porta anco il 
fito molto baffo, che alle Campagne nano neceflarj cavamene 
ti, e fcoiatoj , i quali ricevano, e conducano l'acque parte 
immediate alla marina, parte a quei rami dell'Adige , le boc* 
che dei quali a tale effetto l'inverno fi otturano . Cosi abbia- 
mo che faceffero anco i primi, ed antichi abitatori forzati & 
cavare in molti Luoghi a fine di divertir 1' acque , e feccare i 
terreni. Plinio (^) fa menzione della FoiTa Filicina cavata da' 
Tofcani Affagi, e nomina ancora quelle altre Folle , che de- 
rivando dalla Filicina fi chiamavano Pbilifl'mce Foffìones, il no- 
me delie quali Mimano alcuni confervarfi nella Foce , che ora 
chiamiamo ài Follone . Vuole il Sardi (A) che laFiliftina comin- 
ciane fotto Caftelnuovo, e conducente le acque nel mare parlando 
per Sariano, Trecenta, Caftelguglielmo, Frata, Santo Apolli- 
nare, ed altri luoghi inferiori a ppreffo Adria, accompagnandoli fe- 
co il Tartaro, col nome del quale fcrive Plinio (e) che fi chia- 
malTero le già nominate Foffioni Filicine. Fra Leandro (</) fe- 
guitando il Prifciano rapprefenta il tratto della Filicina in quella 
modo. „ Cominciava ella fotto la Rocca diCaftelnuovo c\à mil- 
„ le palla di rifeontro aSermito, la quale conduceva Facque del 
„ Po per i luoghi infraferitti ( ora così nominati) cioè dalla Maf- 
„ fa Serrano oggidì Sariano addimandato, da Trecenta, Giagnuo- 
„ lo, Caflelgulielmo , Maneggio, con ciò foffe cofa che in quei 
„ tempi non era fra Maneggio , e Caflelgulielmo quel Canale , 
„ né quei nuovi rami del Tartaro, e dei Ladice . Pofcia quindi 
j, trafeorreva dalla Chic fa di San Bellino, da Cartellino primo , 
„ da Salinguera , dalla Villa Comedato ( ora la Frata detta) da 
„ Gavignano, dalla Villa Marziana d' Arquade, Cornoti, Gr> 
jj gnano , Borleda , Santo Apollinare ( dagli Antichi Mafia 

de* 



53 



( a ) "He ! Luogo [opra citato . ( b ) Tv|> / primo ììb. f. 2 j. 
( e ) }{el luogo citato. ( d ) l{cl luogo titato , 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 13 

„ de' Campii; chiamata ) daRomagnano, Balearo , Grumolo , 
,, e Ccrognano contrade; pofcia sboccava nel Fiume Tartaro, 
„ e quindi patta va a Gafelaro, Cartagine, Fognano, Pezzole , 
„ Mizzane, e Cicete picciole contrade ; poi più oltre corren- 
„ do entrava nella Valle di Adria, talmente pafTando al mare 
„ faceva il Porto di Filiftina cosi nominato dalla detta Fofla, 
„ da alcuni addimandato il Tartaro dal predetto Fiume Tar- 
„ taro, come dimoftra Plinio ; imperocché era quefta bocca 
j, tanto dell'uno, quanto dell'altro, cioè di detta Fotta Filifti- 
„ na, come del Tartaro. Cosi defcrivono il corfo della Fili- 
ftina, del qual però non ardirei approvando , o rifiutando paf- 
fare più oltre, non avendo cofa da fondarmi, come non vedo 
le già raccontate. defcrizioni fiano. (tate cavate , né con che 
fondamento. Solo quanto il Tartaro dirò , che quefto Fiume y 
il quale fu poi accrefciuto in luogo della Filiftina da un ramò 
dell'Adige viene creduto 1' Atriano di Tolommeo non folo dal 
Mercatore (a) e dalGluverio (<*), ma da molti altri periti del- 
l'Antichità. A tempi noftri al Tartaro, che comincia dalle Valli 
Veronefi } e riceve molti concorri d'acque non folo di quelle 
Valli, ma dell' Adige, < che corre per il Caftagnaro , e per la 
Malopera forma il Fiume chiamato li Canali, il quale parlan- 
do fi può dire per il mezzo di quefto Paefe, che è tra il Po , e 
1' Adige, corteggia Adria, e pare appunto, che fia nel fito debito 
a fare un condotto d'acque per fcolare i terreni, come in fatti vi 
fi fcoiano quali tutte quelle campagne, che non hanno fofie par- 
ticolari per portare le loro acque al Mare , e che fenza queft'efi- 
to in breve tempo fi ridurrebbopo a ftato di paludi . Del Tartaro, 
e della Filiftina Celio Rodigino (£) ne fcrifle cosi „ Interluit Pli- 
nti tejìimonio nobtlh Tartarus . Apparent multis locts Phtltfìintg 
jofjcs ve/iigia , cyjus e fi apud eundem mentio , ówrat etiamnum no- 
men y fed paulum modo laxatum , qui vetuftatis mos efl , ptetrinam 
dicunt . Ma fé non ebbe egli altro fondamento di quefta opi- 
nione, moftrò di appagare ilfuo giudizio di prove molte tenui, 
Né fo fé il Sardi (e) abbia avuto miglior lume , o maggior 
appoggio quando, fcriìse, che il Tartaro di vifo non lungi dalla 
Baftia delle Zanzare correa con un ramo nel Po appretto Ho- 
ftia, con l'altro nella Filiftina bagnando prima le mura di Ro- 
vigo, del cui contado parte era Gavello. lo ho ben veduto un 

Ut ru- 
ta) l{à luoghi citati, (b) tìb, l,antiq*Jcfl,cap.JrimQ. (c),Z>£. frimo* 



14 ORIGINI E CONDIZIONI 

Iftrumento celebrato 1' anno Ì37P. Indizione fecundn die '6. Meri* 
Jis Febr.ìn terra Abbatta per Fioravanti Pezzolata Nodaro Figli» 
nolo d'Antonio dalla Corta , nel quale vien chiamato in certe 
confine un ramo del Tartaro con il nome di. Tartarello, e que- 
llo, per quanto fi cava da quella Scritturale dalle Tradizioni 
antiche y pafiando per Campagnano giungeva- alla Villa della 
Crocetta fotto alla Badia non trovandoli a quel tempo in effe* 
re il ramo dell'Adige della Malopera> che ora corteggia quel- 
la Villa, ma bensì un picciolo ramo dell' Adigetto fatto da una 
rotta a Capobufo , cosi detto perchè l'acqua fece il buco nek 
l'argine al capo di fopra da Salvaterra y iove al prefente fono 
i luoghi delli Bronzieri detti la Corte, perchè ivi anticamente 
era la corte di quella Villa, e quefìo ramicello dell' Adigetto 
andava ad incontrare , ed unirli coli' altro ramo del Tartaro,» 
Tartarello, formando come una croce, d'onde nacque il nome 
al luogo di Crocetta in quel fìto appunto , ove al prefente è 
la Chiefa di San Sebaftiano. Scendeva poi il detto ramo del 
Tartaro infieme con quello di Capobufo per Salvaterra , e 
per le Campagne inferiori di Lendinara a Ramo di palo , 
Ronchi, Molinella, Valdentro, San Bellino, Fratta, e più óltre 
fino al Mare; e quefta vogliano alcuni (a) che fóffe l'ifola lun- 
ga fra l'Adige ed il Tartaro, della quale vien fatta menzione 
in un Privilegio antico ài Papa Martino IIL che farà intro- 
dotto più ahbarTo, intendendo quelli per l'Adige 1' Adigetto, e 
non il grande, che parte il Polefine dal Padovano . Fu poi 
dalle Famiglie dei Ferrare!! detti anco dalle Vacche venuti da 
Argenta, e da quelle dei Romani venuti di Romagna ad abitar 
la Crocetta a' tempi di Leonello Marchefe, e di Borio Duca 
di Ferrara, ferrata la rotta di Capobufo, ed atterrato quell'al- 
veo, del quale fino a quello tempo fé ne vedono pur anco ve- 
li ig} : ed eflendo fuccefla , non fo fé prima , o dopo la Rotta 
*di Màlopera, fi levò quel ramo del Tartaro in modo, che non 
fi trova più in effere, e per le molte efcavazioni fotte per bo- 
nificar le campagne inferiori non fé ne vede più fegno alcuno, 
è rerta fola il Tartaro grande, il quale a' noftri tempi entra 
nel Fiume del Cartagnaro, per l'alveo del quale, come io cre- 
do, 'anco anticamente correva . 'Ma' ritornando ai cavamenri 
delli antichi Tofcanì , dicono , che quelli alfiftefTo fine, perii 

qua» 

(a) // fantwh «% m \ 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 15 

le cavarono la Filicina, cavafiero anchtì calere (offe , come 
la Saga, Megarino , la Curiola, là Gioviana , Ja Baraatica .'. la 
Rodigata , delle quali non ne vedendo l'atta menzione da Pli- 
nio, né da altro approbato fcrittore antico , come vedo della 
FililHna non mi da l'animo di afficurarmi dei nome /pedale 
di akuna di effe, come mi, afficuro del generico , col quale 
chiamò Plinio quelli cavaraenti intorno alla Fili (linfe , Phìltfti- 
n* Fojfiones ; e le dice il Biondo («)^1 quale for& fi ha ri- 
portato il Nicolio(6) che Plinio abbia voluto li Tofcani Affa- 
ci /ìlfagiam fofjam in Adrianorum paludei derivajje , & inde Ur- 
bis Adria fubmsrftonem ineboaffe ; veggano li Itudiofr Plinio in 
fonte e baftera per chiarirli della vanita di quell' uomo ; je per- 
chè pare, che dallo fteffo Plinio (e) il Boccaccio (d) , e Fra 
Leandro (e) abbiano cavato certo loropenfìéro, che foffe degli 
Aliaci attraverfaflfero , o foffero cavate per il traverfo del Po a 
fine di mitigare la rapidezza del iuo corfo, non voglio reftare 
<li avvertire, che la fenttura di Plinio non porta così aperta- 
mente quello fenfo. Omnia (dice egli) ea flumina , foffafque pri- 
mi A '/Tapi f ecere Thufci egejlo amrits ìmpeti* per tranfverfum 
in Atrianvyum paludes . Dal qual modo di dire ben fi com- 
prende, che li Afsagi cavaffero le foffe, ma non più trafverfe , 
che perii lungo, né che in virtù di effe T impeto dei Fiume 
reilaffe mitigatolo foffe cacciato a traverfo alle paludi d'A- 
dria • poiché poffiamo intendere che gli Affagi , oltre lo aver 
cavate quelle foffe, communque elle lì ftaffero, avellerò anco 
voltato l'impeto del Po col dargli nuovi elìti, e nuovi alvei , 
che lo divcrtiffero, e allontanaffero dalli terreni, che volevano 
feccare, maflìmamente dicendo, omnia ea jiumina^z. diitinzione 

delle Foffe. 

Pochi fono i luoghi, che facciano vini generali , ma ben mol- 
ti fono quelli, che producono forménti in copia, ed ogni altra 
forte di grano, e lino. I Cartelli, e li loro contadi fono fufrì- 
cientemente abitati . Gli uomini fono di buon configlio , aper- 
ti, e Uberi nel parlare, dediti al traffico delli circonvicini Fer- 
raresi, Padovani, e Veronefi. La bontà dell' aria non è confor- 
me, poiché nella parte fuperiore è più pura, e falubre , nella 
inferiore più graffa, e paluaafa; che perciò li Rettori deftina- 

ti 

(a) "Nella Flaminia, (b) "H.el Libro primo, (e) T>{el luogo citato. 
( d ) t{el Libro dei Fiumi . ()e ) J^ei luogo /opra citato . 



x6 ORIGINI E CONDIZIONI 

ti a Rovigo già feffanta, o poco più anni, Colevano efler dif- 
penfati <liì rifiedervi unanno folo,contra l'ufo di tutti gli altri 
del Dominio, che non finifcono i Reggimenti prima di meli 
fediei. Quella Terra però di ampiezza di circuito, e di Ter- 
ritorio fupera le altre; onde è, che nelle compartite di dieci fa 
Tempre cinque. Lendinara, come che abbia minor Territorio, 
fupera però di fertilità; e di popolo, fé non fta al pari di Ro- 
vigo, decade certo di poco. Quella nella compartita di dieci fa 
per tre, e per gii altri due fuol far la Badia , avendo quella 
Territorio di manco Villaggi e fottofopra non così fertili , co- 
me quelli di Lendinara. Gode però di fito ameno nell'Angolo 
tra due Rami dell'Adige, che la cingono da Tramontana , e da 
mezzo giorno A molto comodo alla Navigazione , e a quello fiu- 
me pare che anco Virgilio (a) attribuifea l'amenità: 

(puales aeritz liquentia flumina circum 

Sive Padi ripas, Athefim feu propter amoenum 

Confurgunt gemina Quercus. 
E Tito Vefpafiano Strozza (b) lafciò nel propofito quelli verfi 

Ora bipartitis Atbefis quam carulus undis 

Ambit , & bine JJÌbmum nomen habere ferunt 

Cajìellis munita juis Provincia , quod te 
Non fugit , ejì cura eredita tota mete* 

Rbodigium populis caput omnibus ardua tollit 
Mcenia , qua placidi fluminis unda fecat , 

Fertilis bine offert fé Lendinaria , pojì bane 

- Abbatta fuo gaudet amosna fìtu. 
Lafciò già notato in certe fue memorie manoferitte Vivia- 
no Fantoni da Lendinara, effere fiate quelle tre Terre in qual- 
che differrenza di lingua , ofTervando , che la Rodigina tiraffe 
più al Ferrarefe, e la Badiale alla ruflicana ; come volefle di* 
re, che in quelli da Lendinara manco degenerale, e fi con fer- 
vale in maggior purità il parlar paefano. Quello che fia flato 
a 5 tempi di quell'uomo non Io so tanto precifamente , che pof- 
la determinatamente affermare il contrario . Ben dirò , che al 
prefente fui proferire non trovo tra quelle Terre differenza di 
confiderazione , tuttocchè non voglia negare, che fiano difere- 
gàiìti nell'ufo d'alcune parole , le quali però fono poche , e le 

piti 

(a) l{el 9. dell'Emidi 
{\>) Ltb. 2. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. i 7 

più difdicevoli in -bocca de' plebei, come in tutti gli altri luo- 
ghi del Dominio Veneto, e fpecialmente in Padova , ed in Ve- 
rona . Ne mi pare di vedere in ciò Lendinara più privilegia- 
ta dell'altre. 

Ha- ogni Terra del noftro Polefine abbondantemente pefei, e 
carni; le acque non tòno di alcuna eiquifitezza per ufo dei be- 
re , anzi per il più fi trovano gravi, e mal lane, eccetto quel- 
la dell'Adige quando ila purificata.: Lane , feta, pecore, e ar- 
menti ne ha quanto ogni altro Paefe circonvicino. 

Sono in ogni tempo itati gli abitatori del Polefine molto trat- 
tabili , e affezionati ai loro Principi naturali , intendendo natu- 
rali quelli, lotto i quali fiamo nati, ed abbiamo avuto il ben ef- 
iere; onde è che non fi udirono mai né ribellioni, né folleva- 
zioni contro elfi, anzi un fommo ofTequio, che ha poi merita- 
te grazie, e favori fpecialù I primi padroni, ed abitatori, che 
riempirono quella parte , per le più antiche memorie degne di 
fede che polliamo avere, come' di Livio (a) ài Plinio, (b) e 
di altri ciarlici, fono flati li Tofcani AfTagi , benché il Sabelli- 
co (e) (timi molto probabile, che innanzi a quefri foriero le no- 
fìre Contrade abitate dagli Umbri, adducendone due ragioni- la 
prima, perchè la loro Nazione è tenuta la più antica di tut- 
te l'altre in Italia; poi perchè dicefi efiere (tate debellate dai 
Tofcani trecento delle loro Città; ma io fo più capitale che 
abbia nel propoli to lafciato fcritto Strabone ( d ) Avimìnum 
Umbrorum ejì Colonia , ut & Ravenna . E v vero , che alcu- 
ni (e) hanno voluto , che gli Umbri , il Dominio dei quali 
fu molto ampio, ed antico in Italia, folTero fcacciati dai Peiaf- 
gi, e quefti dai Lidj (/) , 1 quali da Tirreno Re loro, Figliuo- 
lo di Ercole, e di Onfale, o come piace a Erodoto, (g) ài Ati 
Re di Lidia, prima furono nominati Tirreni; e poi dall'ufo dei 
Sacrine; Tolcani. Ma io offervo intorno a quefta opinione , che 
né gli autori di effa , né Dionifio Alicarnafleo { b) diligentiflì- 
fflo neilo avvertire, ed efponere le antiche fucceffioni delle sen- 

C tì 

( a ) Tslel lìb. 5. 

(b) ^el luogo citato. 

(e) Ts(e) primo lìb. della 4. Deca , e nel primo della fettìma. 
(d) Libro quinto. 

( e ) Cono Ifl. di Mil. p. p. f. 2. 

(f) V. Dion. lAIìc. lìb. p. 
( g Lìb. prì,no . 

(h) ~t{el libro citato. 



i8 ORIGINI E CONDIZIONI 

ti in Italia, fanno alcuna efprefla menzione d'altra imprefa, che 
faceflero di qua dall' Appennino iPelafgi capitati nell'intimo del 
feno Adriatico, falvo che della edificazione di Spina, della qua- 
le più abbaflb faremo menzione . Ben viene efpreffo da quel- 
l'autore , come la parte di elfi , che penetrò più fra terra , paf- 
fando i Monti capitale nel Umbria occupando a quella Na- 
zione alcuni Cartelli; ma è pur anco efpreffo all'incontro, che 
dalli Umbri fonerò i Pelafgi preftamente cacciati , e coflretti a 
ridurfi cogli Aborigini finitimi dell'Umbria, dai quali furono 
amichevolmente ricevuti , ottenendo anco parte dei loro terre- 
ni; e come che poi quelli Pelafgi uniti con li Aborigini guer- 
reggiaffero, e togliefiero agli Umbri Crotone loro Metropoli, e 
Citta floridiflima , non perciò fi. vede che faceflero né mofla , 
ne imprefa alcuna contra gente, che foflé di qua dall'Appenni* 
no: ed Erodoto, (a) fcrivendo deiPelasgi pervenuti navigando 
al Paefe degli Umbri , non afferma, che gli fcacciaflero , ma 
che ivi C'rvitatibtts conJìruHis bab'ttaverint . E tornando a Dioni- 
so non caviamo dalla fualfloria, che i Tirreni fcacciaflero iPe- 
lasgi , ma ben che occupaflero le Citta per altro abbandonate 
da efli. Nel reflo non è così certo i Tirreni efler venuti di 
Lidia, che anco non fia flato creduto, e con gran fondamento, 
quefli efiere flati Italiani indigeni; alla quale opinione pare che 
più fi fia accodato Dionifio approvando tacitamente l'antichif- 
fimo, ed ampliflimo Dominio di quella ^Nazione , della quale 
per caufa delle grandi mutazioni, che infpazj lunghiflìmi di tem- 
po fogliono patir le Provincie da diverfe calamita universali , 
e dalle viciffiuidini delle Sette 5 per le quali fi cangiano le lin- 
gue, e fi dillruggono le fcritture , ne fono reftate poche , ed 
ofcuriflìme memorie, tanto che appena fappiamo, illoro impe- 
rio efiere flato una unione di molte Repubbliche, nella quale, 
come alcuni .(£) vanno conghietturando , le condizioni degli 
uomini, che abitavano le Città, erano uguali, e che eflendo 
dominatori di tutta quella parte d'Italia, chepofla tra il Te- 
vere, e le Alpi, mandarono una Colonia fui mare di fopra, chia- 
mandola Adria , onde fi cava , che foffero Padroni , e dominaf- 
fero li contorni dell'Adriatico. Così pare affai ragionevole , che 
dopo iTofcani, o infieme con elfi foffero abitate dalli Euganei, 

gente 

(a) Libro prim$. 

(b) Machiav. 



/ 



DEL POLESINE DI ROVIGO. i 9 

gente che alcuni vogliono eflcr pattata in Italia con Dardano 
Figliuolo di Cocito Re Italiano, dal quale partitori andattìe in 
Frigia , e di la poi cacciato da Teucro tornaffe con gli Euga- 
nei in Italia, fabbricandovi Erte Città antichittìma già capo del- 
la Venezia, nominandola Atefte, come fé quivi avettero fine, 
e terminattcro in ripofo i gravi incomodi , ed infortunj fino 
a quell'ora pattati. Ma io, tuttoché iottofcriva al parere di 
Diodoro Siculo nel proemio delle fue lftorie , il quale ftimò y 
che delle cole innanzi alla guerra diTroja non fé ne abbia per 
mancamento di icrittori alcuna ficura notizia , più volontieri 
però nel propofito ieguito Plinio, (a) come lo vedo feguitato 
dal sbellico (b) e dalla maggiore, e miglior parte degli fcritto- 
ri, i quali molto più probabilmente hanno giudicato Dardano 
Figliuolo non di Cocito, ma di Giove, e di Elettra, e che egli 
fia fiato tanto lontano dalla violenza di Teucro, che anzi da lui ot- 
tenere il Regno in Dote, e la Figliuola per Moglie; ftimando 
apprettò, che gli Euganei avendo accompagnato Ercole all'im- 
prela di Spagna, nei ritorno fi fermafiero ad abitar la Vene- 
zia; anzi, per quanto caviamo da Livio (e), tutte le terre, che 
erano tra l'Alpi, ed il Mare: e perchè Antenore cacciò gli Eu- 
ganei impadronendofi della Venezia, fabbricando Padova, ed oc- 
cupando, come dice Dione Crifoftomo (*/) optimam te>ram cit- 
ta Adriam , fi ha da corcludere, che dopo gli Euganei quello Pae- 
fe fotte fignoreggiato , e goduto dalli Trojani , o per dir me- 
glio dalli Eneti venuti con Antenore di Paflagonia : inter Pa- 
dum ( dice Polibio) (e) atque Alpes babitantSaii , mox Lcbitii y 
debinc ingens Infubrum natio ; pojì non longe a ripa flumints C§- 
nomani ; loca vero mari Adriatico vicina antiquum ex Paphlago- 
nia genus colit . Hi Veneti appellati neque mo ibus , neque ornata 
corporis [ed tantummodo lingua a Gallis differunt . E comecché 
della Origine, e venuta dei Veneti alcuni fiano diverto* da Po- 
libio, ftimando quelli eflcre dikefi dai Veneti Galli, che abita- 
rono già appreflo l'Oceano; altri , eflere Itata gente, che dopo 
avere nei confini diCappadocia guerreggiato con i Cirnerj, ve- 
nirle ad abitare i contorni del feno Adriatico ; ed altri , che 

G 2 già 

( a ) J^el lìb. 3. e. io. 

(b ) T^e / primo lìb iella fettìma Deca . 

(e) T^sl princ. del primo 'ib. 

(d) hfel Orazione ance ìnfcrìbitur . Tfy» fit cafit'fm. 

(e) 2ty/ Lìb. 2. V, Tifai* nel 3. /. cap. 1$. ea il s abellici nel 1. 1, de Ita 7 Mi* 



2o ORIGINI E CONDIZIONI 

già abitaffero appreffo Amaftro/ io però leguendo il giudizio 
più comune, che aderifce a Polibio, a Livio, a Xenodoto , 
ed a Cornelio Nepote, tengo che gli Heneti venifTero già di 
Paflagonia a Troja, e da Troja con Antenore in Italia , ove 
poi mutata l'H in V fodero chiamati Veneti, e da loro la pap 
te che abitarono Venezia. Sono alcuni, che s'inducono a cre- 
dere, li Tofcani efier paflati nella regione trafpadana dopo gli 
Eneti, ed i Trojani, e ciò per avere, come dicono , trovato in 
Livio , che quelli parlato il Po occupaffero tutti i luochi , che 
fono tra il Po, e le Alpi, eccetto un poco di angolo di quei 
Veneti 9 che abitavano circa il feno del Mar Adriatico ; ma/ 
quefri non lì avvedono, che Livio dicendo,, excepto Venetorum 
angùlo , qui finum circumeolunt marìs , parla in tempo prefen- 
te, e non nel pafsato, come elfi fi fingono; e che aggiongen* 
do a quelle di Livio alcune delle loro parole alterano notabil- 
mente il fuo fenfo, ove circoferive quella parte, che non fu 
tocca dai Tofcani, per il nome di quelli, che l'abitavano al 
fuo tempo. Non oda dunque punto quella autorità, e poffia- 
mo ficwramente foftenere, che li Trojani, e li Eneti 'non pri- 
ma, ma dopo li Tofcani godefsero , e dominafiero li contorni 
d'Adria fino ai tempi di Tarquinio Prifco , che fu circa fei- 
cento anni innanzi la natività del Salvatore, nel qual tempo 
le noftre, ed altre circonvicine contrade furono occupate dai 
Galli Egoni, dei quali appreffo FraLeandro cosi ne parla Po- 
libio: (-/*-) &ui autem uhra- Padum circa Apenn'tnum primi quidem 
Ananes , poji autem bos Boti habitaverunt , pofì bos autem feq.uU' 
ti ad Adriam Egones , ultra mare Senones - } fé ben pare, che 
lo fteffo Fra Leandro (£) eftenda il Dominio dei Senoni fino 
all'Adige, fondato fopra l'autorità di Livio, (e) ove dice : Tum 
Senones recenti ffimi advenavum ab Ufente Flumine ujque ad A-. 
tbejim fines habuere ; nel qual modo viene letto , ed; intefo , 
anco dal ■ Sabellico : (d) e le così fu, quefti vi fi fermarono fin- 
ché furono parte uccifi con il Re loro Viridamaro,. parte fcac* 
ciati dopo la vittoria di M.Claudio Marcello, del qual tempo 
diventò il paefe di ragion dei Romani , e di quella nobile im- 
prefa ne lafciò quelli verfi Virgilio: 

AJpi- 

( a ) K[e/ lib. citate . \ ' 

(b) TS^el Tefl. citato. 

(e) JS[el lib. 5. fopra citato. 

( d ) ì^el lib. 9. [opra citato . 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 21 

Ajpìce ut infìgnis fpoliis Marc eli us opimis 
Ingredìtur f ) vitlorquc viros fuperemìnet omnes , 
Rie rem Ronanam magno turbante tumulti* 
Sijìt't eques ^jìemet Posnos Gallumqus rebelle m y 
Fortiaque ama Patri Jujpendet capta Quirino . 
Ma quanto al dominio dei Senoni quello non è cosi certo, che non 
patiica -difficolta : prima perchè, lebbene è vero, che il tefto 
di Livio ltampato in Francfort , ed altri più antichi dicano , 
che i Senoni, i quali furono debellati dai Romani, arrivarono coi 
loro confini all'Adige; è però anco vero, che il tefto del Si- 
gonio da me ftimato il più corretto non dice ad Athefim , ma 
ad Aejìniy il quale è fiume dell'Umbria , e corre fecondo S tra- 
bone (//) inter Ancori am , & Senogalliam ; onde io crederò piut- 
toito, contro il parere di Fra Leandro, e del Sabellico, che i 
termini dei Veneti fi eftendeffero oltre l'Adige fino al Po; feb- 
ben può efiere, che alla parte fuperiore del Polefine , ove al 
prefente è il Cartello della Badia contiguo al Veronefe, arri- 
valfero i Cenomani, i quali infieme coi Veneti furono, per quan- 
to ne caviamo da Polibio, {b') eda Strabone (b) , amici dei Ro- 
mani, e loro confederati . Veneti vero , dice Polibio, (e) & Ce- 
nomani Legationibus Romanorum à J liniti amici tiam Populi Roma- 
ni focietati Gallorum prcetulerunt . E Strabone: Super Venetos au- 
tem fi ti fu nt Carni ^Cenomani ^ Medoaci Simbrii , quorum olii Roma- 
norum bolìes fuerunt ; Cenomani autem , ,ac, Veneti & ante Anni- 
brJicum bellum aux'tlia Rominis tulerurtt contri Bojos , & Sym- 
brios . Degli Egoni , fé Polibio voglia , che abitarle ro il con- 
torno d'Adria , non lo vedo cos'i chiaro , poicchè il tefto , 
che ha tradotto il Perotto, non ferve, come quello, che ha ap- 
provato lo Alberti; -ed acciò fi veda chiarala differenza, edin- 
fieme fi fcuopra il Dominio che ebbero i Veneti anco a' tem- 
pi dei Galli iopra i Luoghi contigui all' Adriatico tra il Po , 
e l' Adige , reciterò la traduzione del Perotto , che fta così . 
Inter Apznntnum rurfus , & Padum primo Ananes , pojl Boii 5 
inde Egones , pojìremo Senones qui juxta Adriaticum , &c. Nelle 
quali parole invece di dire ultra Padum circa Apenninum , fi di- 
ce inter Apenninum , & Padum : cofa , che a prima fronte 
pare detta con più propofito, non avendo del confonante , che 

chi 

(a) Lib. 5. 

(b) Lib. 2. (e) Lib. 6. 



22 ORIGINI E CONDIZIONI 

chi abita ( avuto rifpetto alla Citta di Roma , dal fìto della 
quale derivarono le differenze di Cifpadani , e Trafpadani , e 
riguardando al luogo, ove fcriffe Polibio) ultra Padum^ fiapoi 
circa l'Apennino. Così anco è più al propofito ; inde Egones r 
poJìremoSenones^ qui juxta Adriatkum mare', di quel altro ; fequu- 
ti ad Adriam Egoner, ultramare Senones: fapendofi, che i Se- 
noni furono in Italia, e di qua dall'Adriatico, oltrecchè le parole 
<òpót; 3-aàar/w importano ad , juxta^vel prope mare. Ma è pur vero, 
che anco il Perotto dall'altra parte malamente traduce la voce 
Trepxir latinamente intra , tuttocchè ad ogni modo non pofla figni- 
ficar altro, che ultra , e ftia anco beniffimo, poicchè ella ha rif- 
petto ai Veneti e ai Cenomani, dei quali parlando Polibio, fecon- 
do la traduzione fedeliffìma del Cafaubono, prommamente avea 
detto: Deinceps fluvium accolunt Cenomani ; quod fuperefl deinde 
f pattuiti ad Adriaticum Jìnum alius populus Unge antiquijjimus ob- 
firiebaty Venetas vocant fermane divergo a Galli s utenies , cetera 
moribus & cultu fimiles , De bis multam Tragici Poeta mentionem 
fecerunt , mulaque fabulantur . Ultra Padum circa Apenn'inum 
primi occurrunt Ananes &c. in modo che refta affai chiaro , che 
né li Egoni, né iSenoni mai ebbero che fare nelli Paefì poffeduti 
dai Veneti. Se mòquefH antichi Veneti innanzi ai tempi di Augurio 
fiano Itati liberi, e non mai foggetti all'Imperio Romano, èco- 
fa tra gli eruditi molto controverfa ; e tuttocchè non voglia io 
qui darne giudizio definitivo, nondimeno confeffo efiere molto 
inclinalo al credere anzi di nò, che di si , per le ragioni pro- 
dotte dal mio dottiffimo Pignoria (*); e per la autorità del 
Sigonio, alla quale nelle cofe difficili da effer decife fono foli- 
to di acquietarmi affai . Quelli ebbe opinione che i Veneti 
fpontaneamente ubbidiffero alli Romani, il qual modo ài fog- 
ge zione fu un diventar parte di quella nobiliffima Monarchia , 
e come non ebbe punto dell'abbietto, né del fervile , così pre- 
fervò tutto quello che fi puotè falvare della libertà dalia vio- 
lenza dell'armi. E certo, che in quelli popoli non fofifero affat- 
to fpinti, nèglifpìriti > né la libertà ai tempi di Cicerone, co- 
me erano forfè eitmti nel refto d'Italia, me lo fanno credere le 
parole, ch'egli lafciò fcritte (b) in quefto modo; £Md - ? Gal- 
liam quo tandem animo hanc rem audìturam putatis ? w« en 'm 

hujus 

( a ) Xell' Orìg. di "Padova cap. uh. 
(b; I^e/. 12. delle Filipp. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 23 

kujus belli propulfandi , adminiftrandi , fujìinendi principatum te- 
net . Gallia D. Bruti nutum ip/um ne dicam imperium fecuta ar- 
tnis viris , pecunia belli principia firmavit , eadem crudslitati M. 
Antonii fuum totum corpus objecit \ exhauritur , vafiatur , uri tur ; 
cmnes aquo animo belli patitur injurias , dummodo repellat periw- 
ìum fervitutis , & ut omittam reliquas partes Galliti (namfunt 
omnes pares ) Patavini alios excluferunt , nlios ejecerunt mijjos ab 
Antonio pecunia, militibus, & quod maxime àeeraty armis nojìros 
Duces adjuverunt ; fecerunt idem reliqui , qui quondam in eadem 
cali fa crant & propter muhorum annorum injurias alienati a fe- 
natu putabantur , quos minime mirum efl communtcata cum bis Re- 
publica fidelesejfe , qui etiam expertes ejusfidem fuam femper pr§- 
fìiterunt . Tanto dice Cicerone , dal quale pare , che fi pofla 
cavare che i popoli della Venezia obbediffero bene alli Romani, 
ma che non fofsero così afsolutamente foggetti , che avefsero iti 
tutto perduta la liberta; e ciò per iofpirito che moftravanodiabbor- 
rire un afsoluto comando, come quello che afpettavano da Mar- 
cantonio: e come che quefto fenfo fia molto conforme al ra- 
gionevole, io però mi do a credere, che come fpefso avviene, 
che quelli , ai quali tocca reggere , e comandare , Tempre fi 
avvanzano nello appropriarli il Dominio , quefto refiduo di li- 
berta, quale egli fi fofse, andafse poi a poco a poco mancando 
e degenerando in total foggezione , e che avvenifse ai Veneti 
quello che avvenne ai Baravi , dai quali mentre per comanda- 
mento di Vitellio trattafsero i capi del fuo efercito di cavar folda- 
ti e denari , Civilis primores gentis & promptijjìmos vulgi fpecìe 
epularum Jacrum in nemus vocatos , ubi noEie , ac latitia incaluif- 
fe videt , a laude , gloriaque gentis orfus injurias , CT raptus , & 
cetera fervi tii mala enumerat . Neque enim focietatem , ut olim , 
(ed tanquam mancipia haberi . Quando Legatum gravi quidem co- 
mitato , & fuperbo cum imperio venire , tradì fé prtefeftis , cen- 
turionibufque , quos ubi fpoliis , & fanguine expleverint , mutati 
exquirique novos ftnus , Ò* varia pradandi vocabula , injìare dele- 
Bum , quo liberi a parentibus , fratres a fratribus velut fupremum 
dividantur . Di che febbene ne trovo fatti molti argomenti pro- 
babili, nondimeno a me pare , per il bifogno del prefente di- 
fcorfo, doverne fciegliere folamente alcuni pochi dei più fonda- 
ti. Il primo farà, che vediamo nelle fopra notate parole di Ci- 
cerone la Gallia, fotto il nome della quale per la menzione , 

che 



24 ORIGINI E CONDIZIONI 

che fi fa dei Padovani, è cofa chiara eflere (tata comprefa la Ve- 
nezia, avere ubbidito a D. Bruto , ed eflere ftata fotto l'Im- 
perio di lui, il che teftifica anco Appiano Aleflandrino(^) fcri- 
vendo : Duo igitur Caii Cafaris percujjores in eorum Magiflrati- 
bus bello fuperari in hunc modum dedere pgnas , Trebonius in A- 
(ìa , Decimus autem Brutus inteir Celtas . Cosi caviamo da Vel- 
lejo Patercolo (b) , e da Macrobio, che (e) Afinio Pollione folle 
in quefte parti con imperio, e vi comandafle con modi ri folli- 
ti, e lenza rifpetto : Nam Follia Aftnius ( dice Patercolo ) cum 
feptem Legionibus diu repenta in potè fiate Anto nix '• Venetia magrits , 
fpeciofisque rebus circa Altinum , aliafque ejus regionis Urbes , edU 
tis Antoninm petens &c. E Macrobio .' Afmio etiam Politone 
acerbe cogente Patavinos , ut pecuniam , & arma conferrent , domi' 
nijque ob hoc latentibus , pr§mio Jervis cum libertate propofito , qui 
dominos fuos proderent , conjìat fervomm nullum vitlum pramio do- 
m'inum prodidijje . E fé nella Gallia fu comprefa , come abbia- 
mo veduto , la Venezia, non farà da fare minor capitale dell' 
autorità di Salluftio (d) ove dice : MariusConful abfens fatlusefì, 
& ei decreta Provincia Gallia - f ma quello che per mio fenfo più 
apertamente convince, è la Epiftola di D. Bruto {e) fcritta a 
Cicerone , nella quale gli raccomanda i Vicentini con quelle 
parole : Vicetini me , & M. Brutum precipue obfervant . Iftis ne 
quam patiare injuriam fieri in Senatu fervorum caufa a te peto • cau* 
Jam babent optimam , officium in Remp. fummum^ genus hominum 
adverfariorum feditiofum , & inerti IJimum\ fé dunque le controver- 
se tra Vicentini, e quei loro fervi andavano decife a Roma , 
fé dipendevano i loro comodi , ed aggiuftamenti dal giudizio 
del Senato, chi non vede efpreffamente la foggezione? la qua- 
le finalmente argomento io dalla ifcrizione d'un marmo anti- 
chrnìmo nel Gattello di Lonigo diftretto Vicentino , che Ita 

cosi . 

SEX. ATTILIUS M. F. SARANUS PROCONS . 
EX SENATUS CONSULTO INTER ATTESTINOS ET 
VICENTINOS EINES TERMINOSQUE STATUÌ JUSSIT. 
nelle quali parole fa apertamente per il Dominio dei Romani 

fopra 

(a) Lib. 4. de Civ. Rom. bello ab init. 

(b) Lib. t. Hìfloriar. 

(e) Lib. I. Saturn. iap. II. 

(d) De bello ]ugurt. in fin. 

(e) "He II' Undcc. delle Fami/, dì Cìcer. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 25 

iopra quelli popoli , che il termine fìa porto per Decreto , ed 
ordine del Senato , e che fi dica il Proconlole aver comanda- 
to . Ora che anco il Sigonio abbia avuto opinione , che nella 
forma °ia narrata li muffe, ed incorporane ( per così dire) la 
Venezia all'Imperio Romano, e che tale unione degenerale poi 
in io°°ezion manifelta , pare che affai evidentemente fi poffa 
cavare° da due luoghi, che voglio io qui riferire, ad verbum. Il 
primo è quefto 0) : £ * V u0 e*ifl' ma n P ote fi ( parla dei Vene- 
ti ) nulla eos occafione , vel nullo pot'ms rerum Italia motu pofl fi- 
tìem fernet datam violajfe , fed amicitiam bonis populi Romani rebus 
juntìam in perpetuum cafiijfime coluijfe: neque enim ipjos fé ullo 
aut Cenomanoruw , aut Carnorum finitimorum bello impliciti [f e ^ 
fed fùonte (e fidei , ac potefi ati Romanorum permifìffe accepimus . 
Le parole dell' altro luogo fono fcritte in quefta forma (£): 
PoDulus autem Romanus a mari fupero quidquid intra Rubico- 
tìem . ab infero quidquid intra Arnum ejì conclujum , proprio no- 
mine Italiam appellava . Ligures autem , Gallos , Venetos , & 
Carnos ob eam caufam escluftt , quod eos in Provincia fotmam 
redeperat , ac multo deteriore quam reliquam Italiam jure affece- 
rat , Ma' fia ciò come n voglia , lanciando fempre il luogo 
alla* venta ed ai più perfetti giudizj di Monfignor Pignoria , e 
del P. Portenari , che hanno fcritto, e tuttavia fcrivono in que- 
fto propofito* dirò, che nei noftri paefi il pofleffo dei Veneti * 
quale eoli fi foffe o libero , o foggetto aìli Romani , durò fino 
a' tempi di Atala, efiendo prima fotto Arcadio, e Onorio , fta- 
ta pr^la Roma , ed abbattuto l'Imperio de' Vifigoti . Condurle 
Attila in Italia l'anno 450. gli Unni, gli Eruli , i Quadi , gli 
Alani i Tunngi, e i Marcomanni al numero di più di 5000. 
combattenti* fpiànò Aquileia, e devaftò tutto il Paefe della Ve- 
nezia, e pochi anni dopo , che fu intorno al 4^3. Biorgo Re 
degli Alani pafsò anch' egli in quella -Provincia, e compì di di- 
ftru2°ere quello ch'era avvanzato al furore , ed alia crudeltà 
d'Attìla • e circa l'anno 471. altri dicono 476. vi palsò Odoa- 
cre Re degli Eruli, e dei Turingi , riducendo la Venezia a for-' 
ma di deferto, in modo che l'anno 482. altri dicono 490. quan- 
do Teodorico Re dei Goti per ordine di Zenone Imperatore pa- 



D 

(a ) L'tbr. primo de antia. }ure Italia C<tp~-z$, 
(b) Lìb. eod. cap, 1. 



SO 



m ORIGINI E CONDIZIONI 

so in Italia contra Odoacre, trovò, che tutta la nobiltà , e li 
più ricchi abitatori della Venezia s'erano con le loro famiglie 
ritirati ad abitar quellTSole, ove al preSente è fituata la Città 
di Venezia; ed allora effendo egli fatto Re d'Italia, parve, che 
tutto venifse fotto l'imperio dei Goti, i quali ne conservarono 
il Dominio fin che furono vinti, e depreffi, con la prefa di Vi- 
tige loro Re, da Belifario ^Capitano dell'Imperatore Giuftiniana 
poco dopo l'anno 534^ e poi del tutto Spenti da Narfete l'an- 
no 555. altri dicono 552. ; al qual tempo vennero a cadere 
fotto l'Imperio tutte le Citta, e luoghi, ch'erano tutti possedu- 
ti dai Goti , e conseguentemente anco la Venezia» Cosi cavia- 
mo da Agathia (<*) , il quale parlando dei Goti avvanzati do- 
po la rotta, e morte di Teia loro ultimo Re , dice che quefti 
a Narfete bas pacis accepere conditiones , ut fuas terras libere , 
& fine formici ine regerent '■•■ Romanomm tamen Imperatori obe- 
àienter tributa dependerent : e poco più abbaffc parlando di 
quelli , che ritornarono alle loro abitazioni antiche , dice : Alti 
vero Pàdq trajeclo circa Venetiam per C a fletta, & Oppida difper- 
gebantur , inquibus atitea permanfijfent . Cosi volle Narfete, che 
tutte le Citta, alle quali avea permeilo, che da fé Stelle fi go« 
vernaffero, fempre riconofcefsero la Sovranità dell' Imperatore . 
Avvenne poi, che Narfete oltraggiato, e perciò Sguftato,da Sof- 
fia Moglie dell' Imperatore Giuiìino, chiamò in Italia Alboino 
1 Re dei longobardi in tempo, che Longino con titolo di Efar- 
co per ordine dell'Imperatore era venuto a rifiedere in Ra- 
venna con Suprema autorità nelle cofe d'Italia , la quale durò 
anco nei Succefsori. H Baronio (a) la intende altrimenti, e di- 
ce, che NarSete fu ricevuto onoratamente in Coftantinopoli , e 
che il venire Alboino in Italia non fu perchè foSse chiamato, 
ma di Sua Spontanea volontà. Arrivò Alboino l'Anno $69. nel- 
la Marca Trevigiana, e in quella occupando Tri vigi, Vicenza, 
e Verona, Senza paSsar l'Adige,. anzi Senza toccar Padova , ne 
MonSelice, che prima erano Irate .munite dallo ESarco, né Man- 
tova, andò dirittamente a Pavia, e fé ne fece padrone infieme 
con il reito della Lombardia, rimanendo in quello mezzo intat- 
to dai Longobardi il PaeSe , che Sfa ora tra il Po , e l'Adige, 
vicmo all'Adriatico Sotto l'ESarco: e come che dopo da Agilul- 
fo 

(a) ìtyl luogo citato di foprai 

(b) J^/ 3. lìb. del 7. Tom* 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 27 

fo quarto , Re dei Longobardi l'anno (a) ó*oi. fofse tutta ab- 
bruciata Padova , e prelo Monlelice, non trovo però efprelso, 
che quel Re pafsaise l'Adige , ne che più oltre occupaise il 
Paefe verio il Po , il quale eisendo pertinenza propria dello 
Efarcato molto vicino a Ravenna' , e non fol cinto dalle acque, 
ma forfè anche perlo più paludofo, fi può credere, che rima- 
nefse alio Efarco , e che lotto quello fi confervafse , come fi 
conferve il refto dello Efarcato , finché Luitprando XIX, 
Re dei Longobardi l'anno 725. prefa Clafse , efpugnata 
Ravenna, s'impadronì non folo delli fuoi contorni , ma an- 
co di molte Città a Ravenna foggette , formandone poi di 
tutte un Ducato : nel quale non è da dubitare che fofse com- 
prefo il Pacfe d' Adria , come pertinenza dell'Efarcato , ch'era 
per l'innanzi dettola Flaminia, così nominata dalla via di Q. 
Flaminio, e dopo fu chiamato Romagna da Carlo Magno, e 
da Papa Adriano per la fedeltà fervata alli Romani; nella qua- 
le fi vedono comprefe dalla donazione di Lodovico Pio Raven- 
na, Emilia , Bobio, Cefena, Forlimpopoli, Forlì, Faenza, Imo* 
la, Bologna, Ferrara, Comacchio, Adria , e Gabello; lafcian- 
do, che il paefe d'Adria fotte vicino , anzi contiguo a quella 
Metropoli , e aperto fenza alcun intoppo di fortezza . Fu però 
queiia poflettìone dei Longobardi breviffima , poicchè lo fteffo 
anno a perfuafione del Pontefice Gregorio i Veneziani con Ar- 
mata mantima , aiutando egregiamente l' Efarco , lo ripofero 
in (tato, nel quale (i mantenne poi, fin che intorno all'Anno 
752. da Aftolfo Re anch' egli dei Longobardi fu prefa Raven- 
na, e tutti li fuoi contorni; e perchè infuperbito queito Re dei 
prolperi fucceffi difsegnando pattar più oltre , cominciò a mole- 
ffar i confini del Territorio Romano, dimandando certo tribu- 
to di tanti dinari per tetta , il Pontefice Stefano II. vedendoli 
ridotto in grandi anguftie pafsò in Francia a chiedere aiuto al 
Re Pipino, e fece sì , che lo motte a venire per quell'effetto 
in Italia, ove finalmente coftrinfe il Longobardo a chieder pa- 
ce, e cedere, come fece l'anno 755. 1' Efarcato alla Sede Apo- 
ftolica , non ottante il protetto di Gregorio Segretario di Cottan- 
tino IV. Imperatore , il quale ammoniva Pipino , che non im- 
pofTefTafle dello Efarcato i Romani, etteado quefto di ragione dell' 
Imperio Greco. Ma ufeito d' Italia Pipino, e l'anno 768. venuto a 

D 2 mor- 

ta) De Reb. It. primo m. 601. 



28 ORIGINI E CONDIZIONI 

morte , cominciò Defiderio Re dei Longobardi , e fucceffore di 
Aflolfo, a infettare lo flato della Chiefa, levandole alcune Citta 
dello Efarcato, che dicono efTere fiate Ferrara, Comacchio, e 
Faenza, ed affediando Ravenna^ ma contrà quello effendo a ri- 
chiefla di Adriano Pontefice parlato in Italia Carlo Magno Re 
di Francia Figliuolo di Pipino, ed avendo fuperato Defiderio, e 
pollo fine al Regno de' Longobardi Tanno 774. durato intorno 
a 200. anni in Italia, invertì Adriano (a) di quanto era flato 
iino a que' tempi fotto il governo delli Efarchi . Qiiefle muta- 
zioni di Dominj dai tempi di Attila fino a Carlo Magno patì 
quella parte della Venezia , che ora è comprefa tra il Po , e 
l'Adige infieme con il redo dello Efarcato, benché altro in effa 
allora non fofse di confiderazione, che le reliquie dell' anticha. 
Citta d'Adria; ed io nel defcrivere i tempi, e i fucceffi,ho ca- 
vato quello, che a me è paruto più vicino al vero, da Procopio 
(a) da Agathia (à) da Giornande (e) da Leonardo Aretino, 
(d) e da Paolo Diacono; (<?) valendomi apprefso del Platina, 
(/) del Biondo ( g) del Sabellico (b) di Fra Leandro, (#") del 
Tarcagnota, (k) e del Sigonio, (/) nei quali, feguendo l'ordi- 
ne dell' imprefe e dei tempi, ogniuno potrà facilmente trovare 
i luoghi, che mi hanno fervito, ed infieme foddisfarfì di appro. 
vare, o rifiutare i tempi , nei quali veramente afsai difconven- 
gono i fopranominati Scrittori. Così dunque reflò il noflro Pae- 
fe , come parte dello Efarcato , e pertinenza d'Adria, alla Sede 
Apostolica ; e benché dopo mancando le forze della Chiefa , e 
dell'Imperio, tra le altre Citta d'Italia, che fi drizzavano in 
libertà, una ne fofse Ravenna, non ne perdettero però mai li 
Pontefici in tutta la fovranka, nella quale molto erano flati por- 
tati innanzi dalle donazioni degl'imperatori, come quella del Re 
Pipino, di Carlo Magno, di Lodovico, e di Otto Primo Impe- 
ratori. 

(a) De bello Góthor. 

( b ) t^el luogo /opra citato . 

( e ) De Rebus Gothicis. 

(d) De Bello Italico aJv. Cothor . 

(e) Dell'origine, e fatti de' Longobardi,- 

(f) He Ile vite dei 'Pontefici. 

(g) Isella Flaminia. 

(h) Dal primo lib. fino all' ottavo dell' ottava Deca imi. 

( i ) Della Romagna . 

( k ) Dal lib. 6. della feconda parte fino al 9. incL 

(1 ) De oc e idem. Imp. & de Reb. ItaL 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 29 

ratori. Quella di Lodovico è regi ft rata dal Sigonio (V), appref- 
lò il quale (£) vediamo fatta menzione di altre di Vido , di 
Lamberto, e di Otto ili. Imperatori , e Re d'Italia in confer- 
mazione, e di un'altra di Enrico Primo , che fimilmente con- 
ferma. Quella poi di Otto Primo toccata pur anco dal Sigo- 
nio, (e) lì trova recitata ad verbum nelli Annali del Baronio , 
(d) ove fi vedono confermate le Donazioni di Pipino , e di 
Carlo fopranominati, nelli quali erano, come fi è detto , com- 
prefe le pertinenze dello Efircato di Ravenna , e fpecificata- 
mente A^ ria (e); lebben pare, per quanto ne caviamo dal Sigo- 
nio (/),che quello Dominio non fofsecosi afsoluto delli Pontefici, 
che an~c gl'Imperatori non vi avefsero la parte loro. Romam 
dice egli, & Ducatum Romano* um , Ravennani cum Exarcatu , 
Ducatum Spoletanum cum Tu/co , & Marchia anconitana Ponti- 
fici Romano Otho dimifit , reliqua Italia Regi adjunxit . Soggiun- , 
gè però più abballo . Et Jane quamquam Italia a Rege , eodem- 
que Imperatore, CT a Romano Ponti/ice tenebatur^ non eadem ta- 
men erat in utroque autloritas. Ponti/ex Romam Ravennamque , 
& ditiones reliquas tenebat aucloritate magis quam imperio , qua 
Civitates Pont-ficem, ut Reip. principe m , Regem vero , ut fum~ 
munì dominum intuerentur, atqus ei tributa, obfequiaque qua disi 
■praberent . Et Ponti f.cis vires in facris detejìationibus verfabantur , 
quas Cbriftiani Reges tum maxime exhorruerunt ; Jmperatoris in 
armis , <JF expeditionibus , quibus ipjì etiam Pontifìces cedere [ape 
compulsi funt . Ponti/ex t amen hoc tempore majores in dies opesha- 
hmt eximiis ftudi'ts faventis Italia fublevatus. Utmque vero potejìas 
facra erat, & ad confervandam Chrijìianam Remp. injìituta . Il 
fondamento di quello giudizio fi cava , per quanto io vedo , 
dal privilegio di Lodovico ^regiftrato, come già ho detto, ad 
verbum dailo ftefio autore (g); poicchè in quello, dopo la dona- 
zione, e confirmazione di quanto aveano donato alla S. Sede 
Pipino Avo, e Carlo fuo Padre, foggionge quelle parole: Sal- 
va juper eofdem Ducatus in omnibus no/Ira dittane , & illorum ad 

no~ 

(a) Lib. 4. de reb. Ita/, a». Si 7. 

(b) V. l. 6. de reb. hai. art. 85)1. (?• 898. It. /. 7. an.99%. &» /« 8 « *«• I0I 4* 
(e) Lib. 7. an. 957. 

(d) In Tom XII. an. 962. 

(e) V. il prìv. di Led por. dal Sìgon. L 4. de reb. Ittl\an.Siy. Icem l. 3, 0.75Ù 

(f) Lib. 7. de reb. hai. an. 9/3. v. etiam /.j. aa. 774. i%> /.4- a» eod. 

(g) liei luog. del l 4. [opra citato* 



30 ORIGINI E CONDIZIONI 

nojìram partem fub/eèlione . Cetemm, Jlcut diximus, omnia fuperius 
nominata ita ad nojìram partem per hoc nojìrce conjìrmationis decretum 
robot amus , ut in noftrc >, nojìrorumque fuccejforum permane ant jure y 
principati , atque ditione^ ut neque a Nobis , neque a Filiis , vel fac- 
ce Jforibus nojìris per quodlibet argumentum , five macbinamentum in 
quacumque parte minuatur nojìra potejìas , aut nobis de Juprafcriptis 
omnibus vel fuccejforibus nojìris inde aliquid fubfrabatur CTc. Ora qual 
fi fofle ìì Domìnio della S.Sede fopra Ravenna, e 1 T Efarcato, 
querto, fenza effere interrotto , fé non forfè per breviflimo tem- 
po dalla incurfione degli Ongari fotto Berengario Re d'Italia 
l'Anno ^oj. durò fopra Adria, e fopra il refto del Paefe, che 
gli era dintorno, e a lei fi apparteneva tra il Po, e l'Adige, 
finché d'air Anno 1 1 60. fecondo il Pigna, (b) o 11 54. fecondo 
il Giraldi (a) cominciarono ( riconofcendo però il Pontefice) a> 
impadronirfi di Rovigo gli Eftenfi , i quali molto prima erano 
fiati padroni della Badia, della quale però altro non era in ef- 
fere, che il luogo del Pinzone, come più abbailo vedremo ; e 
quelito fu conceduto infieme con altri Cartelli da Otto I. Im- 
peratore ad Albertazzo Marchefe I. d'Erte intorno alfanno P70. 
per Dote di fera Figliuola f e Moglie del detto Marchefe (e) . 
Parve poi y che l'Imperatore Federico Barbarofsa tiraffe a fé in 
tutto la proprietà di quelli contorni, quando dopo l'anno n 62, 
avendo diftrutto Milano, acquiftò non folo Bologna y Faenza, 
e Imola, ma anca s'impadronì delle Citta della Marca Trivi- 
giana; ond'è che abbiamo nella Cancellarla della Vangadizza 
un Privilegio del detto Imperatore fatto l'anno 11 77. 17. A- 
gorto a Ifach Abate di quel Monafterio padrone all'ora del Ca~ 
ftéllo delia Badia, il qual privilegio fu pubblicato neJo iftef- 
fo tempo in Venezia nel Palazzo del SerenifTìmo Doge Seba- 
ftiano Ziani, e la foftanza del contenuto di erto è, che l'Im- 
peratore riceve quell'Abazia fotto l'Imperiai protezione, confir- 
mandogli il poiTeffo di tutti li Beni, che per fé o per altri pof- 
fiede in cadaun luogo, quelli deferivendo particolarmente nel 
Veronefe , Vicentino, Padovano, e Polefine , non dovendo ri- 
conofeer altri, che la Maefta Imperiale; liberando l'Abate, Ca- 
fìello, ed abitanti, dal Dominio di cadaun altro Prencipe cosi 

Eccle- 

( a ) "blel. fecondo Uh. 

(b) iy>/ Com. delle cofe d'i dì Ferr. ove tratta dì Kmal&o primff. 

(e) Tign. lib. primo an. yjo. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 31 

Ecclefiaftico, come incoiare, ed imponendo pena a chi contra- 
facefle di lire cento d' oro , e della Imperiale indignazione . 
Qui a fine, che non fi defideri la notizia , che fi può avere 
delle viciflìtudini di quelli Dominj , e dei fondamenti delle ra- 
gioni cosi Ecclefiaftiche, come Imperiali , oltra quello che po- 
co fa notai nel privilegio di Lodovico, avvertirò, che, come fi ca- 
va pur dal Sigonio , il già nominato Federico pretendeva au- 
torità di rifcuotere certa ricognizione, che chiamavano Fodrum^ 
dalle Citta della Chiefa, e che all'incontro pretendevano li 
Pontefici, che dalli Imperatori non poterle quella ricognizione 
efler rifcofia , le non al tempo, e per l'occafione della loro Co- 
ronazione. Onde avvenne, che Adriano Pontefice fi ftimò ofFe- 
fo, e fi delle di Federico, che fuori di quello tempo (a) ad 
Fodrum in Urbibus Ecclefiae fubjeftis exigendum mifijfiet • anzi 
pare che pretenderle Federico aver ragione , e fovranità fopra 
la ftelTa Citta di Roma, altrimenti ne farebbe, com'egli diceva, 
ieguito , ut lmperator Romanus inane folum nomen Dominantis ha- 
beat) fi Romanam Urbem^ unde Imperator Romanus appellatur , in po- 
teftate non habeat . Di più fi ha da notare, come nella Scrittura 
della pace, e compofizione finalmente feguita l'anno 1 170'. in Ve- 
nezia tra il ludetto Imperatore, ed il Pontefice Aleflandro III. 
regiftrata nel Sigonio (b) ad verbum , non fi vede alcuna ef- 
prefla remozione dalle fopranominate pretensioni ; folo parlan- 
do delle usurpazioni fatte da' tempi dello Scifma di Vittore An- 
tipapa, che fu dopo Adriano, fi dice così.- ^ua a tempore Schif- 
matis , vel occafione ipfius , aut fine ordine judiciario Ecclefiafìicis 
ab Imperatore vel fuis erepta funt , eis reftituantur , E più abbatto: 
De controverfiis^qua ante tempora Adriani Pontifici* in ter Erc!t/ìam y 
& Imperatorem verfabxntur , jequefìres ex parte Pontificis , & im- 
peratori* confìituent , quibus mandabitur , ut eas prò arbitrio tranfi- 
gant, quod fi tilt non confenferint , judicio flabitur Pontificis , Ò* 
Imperatoris , vel eorum , quos ipfi delegaverint . E dopo fi vede 
pur anco, che Ravenna viene nominata tra le Città , che Ita- 
vano per la parte, ed obbedivano l'Imperatore. Ben pare che 
l'anno 1183. legna pace tra lo Imperatore, e le Città confe- 
derate di Lombardia, ed altre d'Italia, nel numero delle qua- 
li è pofta Ravenna, con quefta condizione efpreffa dalle dette 

Città, 

(a) Sìgon. de reb. hai. Uh, 14, 

(b) Lib, citato an. 117 '&• 



3 2 ORIGINI E CONDIZIONI 

Citta , che vogliono facere omnia qua antecejfores earum a mortepo- 
flerioris Henna Imperatori* antecejforibm fuis fine molefìia fecerunt , 
Hac autem funt, dicevano effe, qua intelligimus Imperatorem babe- 
re debere , & anteceffores cjus babuijfe , fodrum regale , & confue- 
tum , confuetam paratam cum tendit Romam Corona caufa & pa- 
catum tranfitum, & commeatum idoneum , pacate tranfeat , & fine 
molejìta ; facramenmm a Vajjfallis accipiat omni offenfione remi/fa * 
Vajf all'i expeditiones prò eo fufcjpiant ,ut folent , cum tendit Romam 
Corona caufa . E tanto fu conchiufo , e inabilito prima in I- 
talia con gli Ambafciatori di Federico, e poi in Coftanza con 
Federico fteiTo , onde fi chiamò quella la pace di Coftanza 
Ma quanto alla Santa Sede , avendo Lucio Pontefice l'anno 1 182. 
convocato un concilio nella Citta di Verona , ove intervenne 
anco Federico, addimandò il Pontefice all'Imperatore, che refti- 
tuiffe l'eredita di Matilde, e il refto anco, che era di ragione 
della Chiefa, e ciò da Federico gli fu negato, e dopo la mor- 
te di lui Enrico fuo Figliuolo tanto fu lontano da quefta refti- 
tuzione, che anzi (<*) in detrimentum Ecclefia Pbilippum Fra- 
trem, cui Irenem Rogerii uxorem collocavi: , Ducem Tbufcia ac 
Terra Mathildis y Marcoldurn vero Ducem Ravenna, & Marchio- 
nem Ancona, & Conradum Spoleti Ducem conjìituit . Ed il Gì» 
raldi (b) icriffe, che dallo ftelfo Enrico foffe ad Obizzo primo 
da Ette donato Rovigo l'anno 1191. benché (e) altri vogliono 
che glielo facelfe redimire da Eccelino Monaco , che prima 
glielo avea levato. Ma fuccerfa la morte di Enrico , Innocen- 
zo Ill.l'anno np8.con la forza dell'armi, e col terrore del 
le feommuniche levò dalle mani di Filippo, di Marcoldo, edi 
Corrado quanto loro era (late donato di ragion della Chiefa 
E perchè Azzo Elie n le ottenute per eredità della Moglie Mar- 
chefella Figliuola di AdeJardo, e Nezza di Guglielmo, ambi- 
due Capi dei Guelfi, e delia fazione Ecclefiafticajn Ferrara, 
le facoltà dell'uno , e dell'altro, contra Salinguerra Torello di 
fazione Imperiale fi portò, in luogo degli Adelardi , egregiamen- 
te fempre parziale delia Chiefa, e continuando anco Aldobran- 
dino fuo Figliuolo nel buon affetto , e fervigj paterni , a que- 
fto, che avea con le armi acquetata la marca Anconitana ufur- 

pata 

(a) Sig. /. 15. de reh. lt, an. ir??, 

(b) Nei comm. di Ferr. ove fratta di OhizZO prino, 
(e) C '«filino f. 22. v. alios v. anco il Sardi. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 33 

nata eia per innanzi dai Conti di Celano, fu da Innocenzio III. 
frf) concefib il Vicariato di quella fotto titolo di Marchefe - f 
onde perciò è fi ragionevole, che fi creda eflerc per il medefimo 
rifpetto (lato allo Hello Aldobrandino, come erede, e fucceflore 
di Obizzo iuo Avo, e di A zzo Ilio Padre , confermato il Do- 
minio di Rovigo, e così al fucceffore Azzo novello , il quale 
non fu manco benemerito della Santa Sede del Fratello Aldo- 
brandino. Finalmente l'anno 1278. (b) a' tempi di Papa Ni. 
colao IH. e di Rodolfo Re, ed Imperatore, al quale era flato 
concelTo il Vicariato della Tofcana, quello partirvi ipfo Vicaria» 
tus Etrttfci benefìcio delinitus , partim Nicolai grafia fo venate cu- 
pidus baud inviius fecit > ut Komaniolae jura , unde modica qui- 
dam vettigalia exigebat , Pontifici rejìitueret , idque publicis tabuli* 
confirmaret. Poi parlando delle Citta della Romaniola,foggiun- 
pq \ e v bis Ravenna ^ Imola ^ & Ariminum ditto audientts ex tempio 
%ierunt . Faventini^ Forolivienfes , & Cefenates , licet multis de tri- 
mentis affetti , tamen a Montefeltrio Duce defenfì ad deditionem non 
potuere perpelli . Bononienfes ad {idem jurandam vocati , jura Ec- 
cldfìa (e copnofcere velie dixerunt , atque eis cogniti s jurarunt . 
Onde pare, che in quello tempo ogni ragione, che teneffe l'Im- 
perio fopra la Romaniola, fi devolvette al Pontefice , fotto il 
Dominio del quale calcarono poi anco le altre. Citta, oltre le 
numerate, a' tempi di Onorio IV.l'anno 1285. Così non fidu- 
bita che lotto lo fteflb Rodolfo mancaffc in tutto , e fi eftin- 
oueffe il Regno d'Italia cominciato dai Longobardi, e ciò per 
aver egli contentilo , che molte Citta compraflero la liberta , 
e perchè altre ne concede a diverfi Signori con titolo di Vi- 
cari Imperiali; e così anco Obizzo da Elle s'* impadronì di Mo- 
dena, e Reggio, e feguitò poi con gli altri Elìenfi il Domi- 
nio del noftro Polefine .* ma non so già per cejto , fé in quei 
tempi ricono ice fiero il Polefine dalla Chiefa , come pare che 
foffe riconofeiuto Rovigo dalli Veicovi d'Adria , e da Rinaldo 
da Elle per i privilegi di Giovanni, di Martino , e di Alef- 
fandro, dei quali più abballo faremo menzione, oppure fé dall' 
Imperio; come pare, che lo riconofeeflero dopo il Marchefe 
Nicolò lecondo, quando ricevè Adria l'Anno (e) 1433. da Gi *" 

E mon- 

(a) Sigon. ad an. 1216. 
((b) Sigon. lib* 20. 
(e) Sardi Uh. 7- & 8 « 



34 ORIGINI E CONDIZIONI 

mondo Imperatore, e Borfo, quando l'Anno 14.52.fu da Fede- 
rico III. Imperatore creato {biennemente Conte diRovì^o ^iel- 
la quale azione né vi ebbe alcuna parte il Papa, né, per quan- 
to fi vede, fu fatta con alcuna riferva / anzicchè offendo dopo 
lo fiefTo Borfo già fatto Conte di Rovigo in Roma l'annoiai, 
fu ben da.Papa Paolo li. creato Duca di Ferrara ; ma niente fi vede 
aggiunto, che toccafTe alia, Contea di Rovigo. Vogliono, gli Idonei 
de' Veronefi (* ), che la loro Citta a' tempi di Federico Imperato- 
re abbia avuto ragione, epadronìa nella parte, fuperiore dei Po- 
lefine, nominando particolarmente la Fortezza dellaFrata, la qua- 
le effendo fiata occupata, o, come vuole il Sigonio (£), edifi- 
cata da Salinguerra Torello , e mentre i Veronefi travagliavano per le 
guerre , e fedizioni civili de' Traverfari ora S. Bonifacj capi 
della parte Guelfa ^ e dei Monticoli capi della Ghibellina , fu 
poi ricuperata dallo efercito Veronefe l'anno 110% Ma il Pi- 
gna (e) altrimenti la intende, fcrivendo effe re bene fiata fatta 
la ricupera di quella Fortezza dai Veronefi , ma in nome , e 
come collegati di Obizzo V. da Effe; come furono pur anco li 
medefimi in compagnia di Azzo, e Bonifacio da Erte alla tota- 
le diffrazione di quella Fortezza l'anno 1224. nel qual fatto pa- 
re, che il Saraina (d) tanto non fi fia allontanato dal Pigna . 
Ben molto più fi allontana il Corte (e), mentre attribuifee , fe- 
condo il fuo folito, tutta quefta imprefa ai foli Veronefi fotto la 
feorta di Lamberto Lamberti loro Podeftà , Concorda però col 
Saraina , come ho detto , il Pigna , e molto anco il Giraldi • 
(/) caviamo però ad ogni modo dalla difpofizione dello Statu- 
to di Verona, (g) che la Badia , e fuo Territorio foffe delle 
antiche ragioni di quella Citta, ordinandoli, che per continua- 
re l'antica poffefnone di quella Città fopra la Badia , 1' Aba- 
te della Vangadizza non polla elegere Podeftà, che non fia Ve- 
ronefe . Quale mò fia fiata l'antica pofseffione dei Veronefi , e 
quando, io non lo fo. Ben vedo, che per il Privilegio di Fede- 
rico fopranominato, e per altri di Sommi Pontefici, e d'Impe- 
ratori 

( a ) Tanvin, nel 6. I deirifl* Fero». Saraina l. 1 . Come l. 6. 
(b) Lib. 15- de reb. Ita/, un. 1188. 
( e ) Hel 2. lib. 

(d) "Nel luogo citato. 

(e) TS{el luogo citato. 

(f) Ts^ei Comm. di Ferr. ove tratta di JltZQ V. 

(g) l^el primo l, e. 25. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 35 

nitori l'Abazia della Vangadizza,ed il Ilio Cartello, mentre ne 
furono polsediton gli Abati , mai non conobbe altra luperiorità, 
che della Santa Sede, e delli Imperatori. Servono a conolcere 
quefta verità tutti li privilegi , che , quando tratterò in parti- 
colare di quefta Terra, anderò commemorando. Ora per quan- 
to alpetta all'elezione del Podefta, le la difpofizione dello Sta- 
tuto Veronefe abbia mai avuto luogo, io non trovo alcuna me- 
moria , che me ne faccia fede ; come all'incontro trovo nelle 
Scritture dell' Abazia 1' elezione fatta da Bernardo Abate l'an- 
no I28p. io. Luglio della perfona diGentilizio Domicelli , Ca- 
meriero fecreto del Pontefice, per Rettore, e Podefta della Ter- 
ra della Badia, e lue Ville, con provigione augnatagli di 300. 
Fiorini , Olpizio , e formento per lui , e per la fua Famiglia , 
con altre onoranze , e condizioni ; e ciò per le caufe civili,, e 
criminali, dandogli Offiziali della Corte con limitazione di fa* 
lario ; e di più abbiamo la elezione fatta dai detto Gentilizio 
l'iittfso anno 3. Settembrio della perfona di Marco Bembo per 
fuo Vicario nelle caufe civili , e criminali , con ampia auto? 
rita per loffizio fuo: e di qui caviamo, come innanzi, che quel- 
ita Terra fofse tenuta da' Padovani . L'Abate eleggeva altri , 
che non erano Cittadini Veronelì,per Podefta di quel Luogo/ 
anzi come indipendente da ogni altro Prencipe temporale face- 
va, ed alterava gli Statuti di quella Terra a fuo piacimento; 
ond'è che troviamo nella Cancellarla ài quella Abazia Statuti 
formati Tanno 1271. primo Gennaro, ed aggiunti agli altri dal 
fuddetto Bernardo Abate della Vangadizza concernenti la fedele 
ta degli abitanti, e la materia de' dazj . Nel retto fi fa per cer- 
to , che dal tempo che fu la Badia pofseduta dal Comun di 
Padova, non conobbe mai il Dominio di Verona / e come che 
fìa vero quello, che fcrivono iìSaraina(^), il Corte (£) , ed 
Aleflandro Canobio, (e) cioè che folle prefo il C.aftello dell'Ai 
bazia del Polefine da Alberto dalla Scala Signore di Verona 
l'anno 1294- è però anco vero,che gli fteffi confefTano , quel- 
lo effer -fobico flato confegnato a* Padovani, conforme alle con- 
dizioni della Lege ; né io trovo nelle Iftorie Veronefi altro , 
che appartenga alla Badia, se non che (d) l'anno 1240. che. 

E 2 fu 

( a ) N>/ 2. !\b. 

(b) ls[el lìb. 9 . 

(e) Delle .Antichità , e fatti di Verona . 

(d) S ar ama /. 1. 



$6 ORIGINI E CONDIZIONI 

fu 12. anni dopo l'efpedizione della Frata , della quale poco 
innanzi fi è fatta menzione, eflendo il Cartello della Badia, co- 
me dicono, del Marchefe Azzo da Elle , allora prigione de' Pa- 
dovani , il Comune di Verona , prefa l'occafione di quella fua 
difgrazia , con sforzo gagliardo di barche armate nell' Adige , e 
per terra di gente a piedi, e a cavallo, fotto il comando di Ugo 
Parmigiano Podeftà, del Conte Bonifacio da Parenzo, e di Buo» 
nacorfo dalla Palude, mandò ad aftalire quella Terra, la quale 
eflendo ben proveduta di gente e vittuaria fece refirtenza, e di- 
fefa tale , che fu sforzato 1' efercito Veronefe voltarli altrove , 
altro però non acqniftando , che il bottino del Cartello di Gaz- 
ze . Altera molto la verità di quefto fatto il Nicoli© (a) nei 
tempo, nel fucceffo, ed in altre circoftanze; non facendo punto 
menzione dello aflTalto de' Veronefì alla Badia , né della difefa 
fatta dalle genti del Marchefe , e ciò per ambizione d' intro- 
durvi li Rodigini, i quali non v'ebbero alcuna parte, e vuole 
che a' Veronefi follerò da Azzo levate le ragioni , che aveano 
allora in quella terra, privandogli in oltre óeì Cartello di Gaz- 
20 , per altro nome più comune detto la Torre del Gaibo; ma 
perchè non vedo onde fia cavata quefta iftoria dal Nicolio, né 
come dopo lo afialto della Badia i Veronefì portano aver fac- 
cheggiato il Cartello di Gazzo , fecondo il Saraina fé lo porte- 
devono , come li cava del Nicolio ; e perchè non vedo in qua! 
virtù di maggioranza levaife Azzo a' Veronefì le loro ragioni 
fopra la Badia, fé non levò loro la poflefiìone, la quale, fé cre- 
diamo al Saraina , in quel tempo non ebbero ; perciò lafcierò 
il giudizio di quefta differenza ai difereti lettori . Scrive il Cor- 
te (£) ed anco il Sardi , (e) che fofse educato il Cartello di 
Gazza l'anno 11.98. da' Veronefì poco fotto Lendinara, ove di- 
ce, che terminava la loro giurifdizione . Io ciò non voglio, né 
concedere, né negare, non avendo fopra che fondarmi; ma ben 
ardirò di affermare per vero con le teftimonianze del Pigna, e 
del Sardi di fopra allegati , e con la fede delle Scritture auten- 
tiche confervate nella Cancellarla della Vangadizza , che a fuo 
luogo faranno introdotte , efsere flato difporto innanzi a quefto 
tempo del Cartello della Badia , e di molti beni circonvicini 



dagli 



(a) Lib. 1- fotto il mWeltmo liti. 

(b) Xel lìb. 6. 
(e) Wl lìb, 2. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 37 

dagli Eftenfi, come di cofe loro proprie; per non dir altro del 
privilegio di Barbarofsa del 1177. all'Abate padrone del Ca- 
rtello della Badia , del quale abbaftanza fi è parlato di fopra ; 
né di un altro di Papa Alefsandro III. anch' efso del 1177. 7. 
Maggio allo ftefso Abate, nel quale fi confermano tutte le con- 
cezioni, grazie, e prerogative contenute negl'indulti di altri Pon- 
tefici, come appunto vengono confermate ad Alicho Abate per 
un altro privilegio di Celefhno Papa l'anno 1196. 25. Giugno 
in modo , che afsai chiaramente coffa , li Veronefi non avere 
in quei tempi avuto che fare nel Gattello della Badia; febbene 
non voglio io dall'altra parte credere , né dare ad intendere , 
che chi fece quel capitolo dello Statuto Veronefe abbia parlato 
a cafo, né che a cafo per tanti anni l'abbia approbato la Citta 
di Verona: e tanto fia detto del Dominio de' Veronefi. Quan- 
to ai Padovani, che quefti fiano flati pofseditori, ed abbiano avu- 
to ragioni in tutto il Polefine di Rovigo, ed in Rovigo ftefso, di- 
ca ciò che vuole il Nicolio (<»), fé ne trovano teftimonianze cosi 
certe ,chenon patifeono oppofizione . Bernardino Scardeone (b) fotto 
il titolo de municipiis ) quee olim fubPutavii dipione cenfebantur , & 
amplim non funt , numera tutti gli infraferitti con quefte for- 
mali parole : Anovaìe , Cajìrum Francum , Mujfolentum , For- 
tus Buffaletus, Rbodigium , BaJJianum , Marojìica , Angaranum y 
Abbatia^ Lendinariay Tur ri* Bebiarum , Turris C Oriana, Ficee Op- 
pi da, cum Patavina Refp.floreret , par firn vi partir» ultro fubdìta 
Patavinis legibus aliquando fuerunt , nunc utuntur fuis. Abbiamo 
dall' Ongarello (e) feguito, ed approvato da Ingolfo Conti ( d ) 
e dal P. Portenari, (e) eflere fiate comprate dalla Repubblica 
Padovana l'anno 1283. due parti della giurifdizione di Lendi- 
nara da Antonio, e Rizzardo Cattanei da Lendinara, e da A- 
mabilia Moglie di Badoero dei Badoeri da Venezia , ma che 
Obizzo Marchefe d'Ette non volle vendere la fua porzione , la 
quale fu poi finalmente venduta del 1300'. da Francefco , ed 
Aldobrandino da Effe. L'ifteffo fcrive Bortolamio Zacchi (/), 
Il medefimo Ongarello fcrive, come l'anno i2$>2. Aldobrandi- 



no 



/'a) "Nel fecondo libri. 

(b) He! fa prima Chfle del primo Uh 

(e) Tar. 3. an. 1283. 

(d) De Rep. Tatav. 

(e) l^el 6. lib. delle felìc. cap. 1. 

(f) "Hel 2. lièi dell' Jfi. di Tadova* 



38 ORIGINI E CONDIZIONI 

no da Ette cacciato di Ferrara venne a Padova , e vendè la 
fua terza parte della giurifdizione di Lendinara alla Comu- 
nità di Padova; e così dice, che l'Abate della Vangadizza ven- 
dè pure a' Padovani la giurifdizione del Cartello della Badia.. 
Scrive anco, che l'anno I2p2.nella Pace tra' Padovani, e gli 
Eftenfi > fu fpecificato , che la terza parte di Lendinara di ra- 
gione delli Marchefi, e che per innanzi non aveano voluta 
vendere, fofle de' Padovani. Lafcio qui, che per le memorie y 
che reftano, Albertino Muffato, lftorico, e Poeta celebre Pado- 
vano, foffe Podefta di Lendinara per il Comun della fua Cit- 
ta ; e lafcio 1' autorità d' una Cronica antica, e del Cortufo , 
dovendo le parole dell'una, e dell'altro, efìer portate più ab- 
baffo, ove particolarmente fi tratterà di Lendinara . Solo dirò, 
che Tifteffo Cortufo racconta, come del i^oS.fóffe da Francef- 
co da Erte dato a'Padovani Rovigo, e le parole faranno porte 
più abbatto; ed in oltre lafcio notato ,. che del 1310. Sub Do- 
minio Padua erant Vtcentìa cwm toto fuo Difìrtttu , Rbodigium 
sum Comitati* y Lendìnarìa , & Abbatia. Scrive il Conti (^no- 
minato di fopra, eflere ftato nell'anno 1308. 18. Fé braro fer- 
mato nel Confìglio di Padova dallo Anziano, che fi mandafle- 
ro Ambafciatori a D. Francefco, e D.Rinaldo , i quali erano 
a Rovigo, acciò veniffero a Padova , e ordinaffero alle genti 
Veneziane, e diFrefco,. che fubito partiffero dalla contrada di 
Arqua della Frata, e da' luoghi circolanti y e che non da/fero 
alcun danno nelle Terre di Rovigo, e del fuo Gattello, e di 
tutto il Polefine, eflendo quello del Comun di Padova/ ftan te- 
che alcuni giorni innanzi Aldobrandino, e Francefco da Erte 
aveano venduto ad elfo Comune per diecimila lire Rovigo, 
ed ogni fua ragione, che aveano nel Polefine: e cosi fu fatto. 
Tralafcio il teftimonio del Calderio feguito, ed approvato dal 
Portenari (£), perchè molti lo Mimano, e non fenza ragione, 
fcrittura apografa, e opera di moderno, e mafcherato- ferito- 
re, come anco il Cagna, e Tebaldo Cortelieri . Diifimula il 
Nicolio (e) quefta compreda di Rovigo, e il poffefib de' Pado- 
vani porto dal Cortufo, pattando fotto filenzìo quanto avea let- 
to in quell'Autore contrario al fuo gufto, poicchè con fonda- 
mento 

(a) De Rep. Tatavina. 

(b) 'He l luogo 5. citato. 
(e) ]s(e7 fecondo lib. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 39 

mento di verità non era poflìbile il confutarlo; ma folamente 
dice efferfi collegati Aldobrandino ,e i Padovani, cedendoaque- 
ili 1' Eftenie il Ino terzo di Lendinara , e l'Abazia: cosi men- 
tre pretende vanamente il Nicolio, che Rovigo dui fuoi prin- 
cipi ih tempre (tato Terra principale per fé itefTa, e non mai 
dipendente, ne foggetta ad altri, nota (*) per trafeuraggine 
Padovana lo aver -lenito, che la Contea di Rovigo folle anti- 
co patrimonio di Padova, e che Rovigo fia l'Iato fignoreggia- 
to da 1 Padovani ; ed accula quei tali , che divulgarono quella ap- 
pretto di lui riputata menzogna, non avendo prima diligente- 
mente voltati gii annali della loro Citta, e le fcritt ure delle 
Cancellarle di '"quella, a fine di chiarirfi, le pollano moflrare qua- 
li provigioni fiano mai Hate fatte da' Padovani per Rovigo, co- 
me ne fecero per Vicenza, e altri loro fudaiti. Qui redo più 
di quello che fi polla credere maravigliato, feoprendo, non ave- 
re avvertito il Nicolio, che ove il Cortufo(£), contro il qua- 
le fé mi è lecito indovinare, indrizza la fua invettiva, ha det- 
to parlando di Rovigo, tanquam fuum patrimonium proprmm , 
non abbia intefo né fi debba intendere, che il Polefine fia (la- 
to proprio patrimonio di Padova, ma ben di Francefco da E- 
lle, La lene delle parole formali del Cortufoè quella : Statini 
polì mortem M^rchionis ( intendi di Azzo, e del 1308.) Domi- 
nus Frana lem furtive introivit Rbodigium , & habuit Lendina- 
y'tam cum quibuldam Ca/ìris , quee omnia dedit Communi Paduas 
tanquam fuum patrimonium proprium . Tralalcio , che volendo il 
Nicolio provare l'indipendenza di Rovigo, introduca li confini 
del Padovano podi da Bernardino Scardeone , eh' egli chiama 
Giovanni Scardonio Idoneo e Poeta, non oflervando, che ba- 
vere il Territorio Padovano confini, i quali efcludano il Fole- 
fine niente importa per efcludere il Dominio di Padova fopra 
Rovigo- come non importa per efcludere quello di Vicenza 
conceduto fenza alcuna difficolta dal Nicolio.* al quale non rim- 
provererò che fia calcato nella negligenza, ch'egli riprende nei 
Padovani, non avendo ben voltate, ed efaminate le fcritture 
antiche delle Cancellarle del Polefine, nelle quali altri (e) of- 
fervò ed oculata fide intefe quella verità- dell'effere flato Ro- 
vigo 

(a) Hel libro citato , 

(b) Ilei primo libro. 



4 o ORIGINI E CONDIZIONI 

vigo a' Padovani foggetto. Solo mi reftringerò alla rifpofta del- 
la richieda fatta da lui agli librici Padovani, che chiama opi- 
nion ifti , acciò inoltrino le provigioni fatte per Rovigo come 
poffono moftrar di Vicenza; e metterò prima in confide razione 
gli incendj, i facchi, le afportazioni , e altre fimili caule che 
rovinano, e fpògliano gli Archivj, e le Cancellane, onde re- 
miamo privi della cognizione di molti avvenimenti notabili ap- 
partenenti al pubblico delle Citta; e per inoltrare, che ora non 
parlo a cafo, avvertirò cofa, che dovea prima avvertire il Ni- 
colio, avendo, come profeffa , letto Gulielmo Cortufo, il qua ie 
(a) parlando della Battaglia civile traMarfilio, Nicolò, Obiz- 
zo, ed altri Carrarefi da una parte, e Paulo Dente con fuoi 
feguaci dall' altra, feguita in Padova l'anno 1325. per occafione 
della morte di Gulielmo Dente ammazzato da Ubertino da Car- 
rara, e da Tartaro da Lendinara; dice, che dopo fuperato fcac- 
ciato, e bandito il Dente, Ubertino, e Tartaro venuti in Pa- 
dova aflalirono, e ammazzarono Pollione dei Beccadelli Bolo- 
gnefe Podeftà di Padova con tutta la fua famiglia , e infieme 
durando quel furore, abbruciarono tutte le fcritture , e ragio* 
ni, ch'erano negli archivj della Città. Le parole del Cortufo" 
fono quefte: m hac die rverunt omnia jura Communh^nam fp * 
l'iato P alarlo per gemerti rujìicam, & enormem , de publkis fcriniis 
tratta jura Communis fuerunt igne , ac ferro cremata in damnum 
maximum, & opprobrium Clviratis. E fé quella confiderazione 
non foddisfaceffe pienamente a fine di rimovere ogni difficoltà 
porterò in mezzo cofa, della quale fark facile acadauno il cer- 
tificartene. Cerca il Nicolio, che fi moftri qual provigione ab- 
bia mai fatto il Comune di Padova per Rovigo , come può 
moftrar di quelle fatte per Vicenza. A quefto rifpondo che 
mercè delle ingiurie dei-tempo, e degli uomini , le quali ac- 
compagnano le viciifitudini del mondo, non trovo io né for- 
fè troverà alcun altro, provigioni per Vicenza, eccetto' una foia 
nello Statuto vecchio di Padova fcritto in bergamina e confer- 
vato nella Cancellarla della Comunità , ed è che !• Decerni 
tur quod ponatur Poteftas Vtcenticg prò Communi P a dua &Cu- 
riales fint Cives Paduce, e ciò in conformità di quanto* forivi 
il Sigonio (£), che dopo la morte di EcceJino Vjcettm fife P a . 

tavi- 

(a) "Nel ttvxo libro t 

(b) Jjb. 19. de reb. Ita/, ctn, 125^; 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 41 

tavinorum fìdeicommifcre , atque ab eis Prcetorem accepere . Ora fé 
fi troverà una cola limile di Rovigo, che dira il Nicolio? Nel 
Regiltro icritto in bergamina con coperte verdi, confermato nel- 
la lopradetta Cancellarla, a fogli tre fi kgge un Iltrumento ce- 
lebrato per Domino Pietro Antonio Silveftri Figliuolo del Spet- 
tabile Domino Antonio Silveltri Cittadino di Rovigo , e pub- 
blico Notajo fin dall'anno 1318. nel quale fi dice Qbizgonem 
de Carraria ejje Poteftatem Rhodigii prò Communi P aduce. Que- 
fto fu quell'Qbizzo da Carrara, che, come narra il Cortufo , 
(,7) ammazzò lua Sorella per caul'a d'onore 1' anno 1324.6 
l'anno leguente intravenne , come ho detto poco fa, nella bat- 
taglia civile tra i Denti , e i Carrarefi , nella quale fu ferito 
in faccia, e perde quattro denti, e dopo tre .anni fu fatto Ca- 
valiere da Cane Grande dalla Scala. Cosi vedendofì, che la fua 
Podellaria di Rovigo fu dieci anni dopo , che il Comune di 
Padova acquiitò quella Terra dagli Eftenlì , non fi può negare, 
che per più d'una decina d'anni fia fiata fotto il Dominio 
Padovano. Dico per pili d'una decina d'anni , perchè trovo , 
che 1 Padovani tennero il Polefine certo fino al 1324. avendo 
io letto le infraferitte parole in una Cronica Padovana ferina 
4n bergamina da Pietro Paolo Vergerlo da Giultinopoli , ove 
trara de Prtvctpibus Carrartenfium , & gejiis eorum nel cap. de 
Jacobo Grandi fol. 14. fotto il millefimo 1324. Interea hften- 
fes Marcbiones , ut ante a conlìituerant , Pollìc'tn'wm Rhoài- 
ajì , quod fub dttione P aduanorum erat , armati invajevunt y eum- 
que , quod fucile f-iélu fuit , indefenfum celeriter fuce ditioni vw- 
die aver unt . Né qui laicierò dinotare, come nello fteffo Regi- 
ftro verde poco fa nominato fia un altro lftrumento celebrato 
l'anno ini. per un tal Bonacoffa Notajo Figliuolo del quondam 
Nafcimbcne da Lendinara , nel quale fi dice , che Lendinara 
fia diftretto Padovano; in conformità di che ho ritrovato fcrit- 
ture de' tempi molto pofteriori nei Collettanei di Viviano Fan- 
toni da Lendinara: I25p.f. 61. Tejìamentum Domini Conradi de 
Lendinaria , in quo fubjcnpjìt Bernardinus Filius Domini Andre ce 
de C afeli is a Domino Vinciguerra Corte Veronenfi Notarlo dicens 
fé hoc exemplum aufcultaviffe coram Domino Gulielmo de Villa Co» 
mitis Judice, & Viario Domini Jacobi quondam Domini Raven- 
na de Padua Potejìatis Lendinaria die 29. Maii I2p8. Inditlione 

F */. 

( a ) l^cl 3. e 4. //'£. 



4 2 ORIGINI E CONDIZIONI 

iti. 1 307. pag. 3. la feconda comincia: 1 307. Inditi, ditta ^vid. prima ^ 
die 6. Menfis Maii in Terra Lendinaria , Padua difìrittus : in Capitulo 
Fratrum Minorum prafentibus Domino Fulcone^ &c. Item pag. 48. 
la 2. fta cosi. *3°7' Indittione V* die io. Menfis Aprilis Cato Filius 
Magifìri Benvenuti Pilliparii Notarius a Domino Vinciguerra Comi- 
te Verona Notarius nunc in offìtio Communi s Lendinaria , exifìens fu- 
pradittum Injìrumentum afuo authentico exemplavit juffu, Ò* autto- 
ritate Nob. Viri Domini Fulconis de Comitibus P aduce Potefìatis Ter- 
ra Lendenaria , prò Communi Paduce. E al fol. 45?. un'altra Scrittu- 
ra del t^op. Indittione VII. die 14. Martii Lendenaria Padua diftri- 
Bus fub porticu domus babitationis Domini Zilii quondam Raffini de 
Paffafrianis\ Dom'mus Zìlius pradittus jure livelli , atque in attis 
Domini Petri Filii Domini Joannis de Rofa de Frata Notarìi . Un' 
altra fcrittura pag. 6 5. in principio, comincia così: 1316'. Indittio- 
ne XIV. die V. menfis Madii in Lendenaria Paduani difìrittus Prandi- 
nus Notarius Filius quondam Domini Montis Tabernarii de Lende- 
naria jure proprio vendidit , &c. e più abbatto . Ego Cato Notarius 
Filius Domini Benvenuti Pelliparii de Lendenaria Ò*c. Item un'altra 
pag. 49. 13 17. Indittione XV. die j*Januarìi Lendenaria Padua di- 
jìrittus fub porticu domus babitationis Gerardi , &c. prafentibus Do- 
mino J acobo de Trottis de Ferrarla ^ qui nunc habitat Lendenaria , 
Dominus Ri^^ardus dittus Tartarus quondam Domìni Alexandre de 
Cattaneis de Lendenaria vendit fer Bonifacio Spaulatori quondam 
Domìni Becamini de Monte/ìlice , qui nunc habitat Lendenaria ^ }u- 
ve proprio petiam unam terra arat. & viti, duorum camporum , 
vel circa in fundo , & Territorio Lendinaria in contratta pontìs 
terra infra hos confines &c. ab alio capite Dominus Albertus quon- 
dam Domini Ottonis pretio quinquaginta librarum Venetar. Ego Pe- 
trus quondam Domini Joannis de Rofa de Frata Notarius rogatus 
&c.Item un'altra pag. 53. la feconda 1395. Indittione 3. die Sabathi 
12. Menfis J unii Padua in Fattoria Magnifici Domini infrafcrlptt. 
Nob. Vir Lucas de Leone Nob. Viri Domini Checchi de Leone Cì- 
vis Paduanus de Contratta S, Urbani tanquam procurator & pro- 
curatorio nomine Magnifici , & Generofiffimi Domini Francifci de 
Canaria Padua &c,/ure Livelli perpetualis invtftivit Mrum Al- 
bertum Pelliparium quondam Giberti de Lendenaria de una Domo 
de lignamine cooperta de paleis pofìta intra Terram Lendenaria a 
latere Sancii Bla [ti , cui coharet ab una parte Athefis mediante 
via public 'a , ab alia Joannes quondam Ni col et ti Serrani prò ditto 

Ma- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 43 

Magnifico Domino y ab alia jura ditti Magnifici Domini , qua fo- 
lebaf tenere Capiraneus Potta Sanfti Blajìi. 

Sol x. pt. 

Sub annua penjione libr. quatuor &c. 

Ego Zilius quondam F acini de Cai vis de Montagnana Civts , & ha- 
bitator Padua in j^jarterio Ponti* MjI. centen, & contratta S. 
Leonarti , ut &c. Di più trovo nelle note del già nominato Fanto- 
ni, che Albertino Muffato Iibrico, e Poeta celebre Padovano, fofTe 
Podeltà di Lendinara a' tempi , che il Comune di Padova era 
Padrone di queita terra; e cita una Cronica Padovana a carte 
230. Quanto alla Badia non Colo per le fopra allegate anella- 
zioni de' Croni fó Padovani, ma per il contenuto d'altre frit- 
ture authentiche, fu pure anch' effa con il fuo Territorio fogget- 
ta a Padova, non già per compreda, come fcrive l'Ongarello, 
ma per compofizione feguita l'anno. I2p8. 30. Ottobno fra lo A- 
bate, ed il Capitolo de' Monaci, che v'era padrone da una par- 
te, e il Comune di Padova dall'altra , con quelle condizioni più 
onorevoli, che per la terra e Cittadini fi poflano defiderare . Que- 
fta Icrittura può da ogni uno effer veduta nella Cancellarla della 
Vangadizza infieme con alcune altre, le quali danno lume del 
tempo, dell'occasione , e del modo, col quale pafsò queOa Terra 
fotto la Signoria de' Padovani. E per fcrivere qualche cofa delle 
fuddette memorie, le quali a mio giudizio fono altrettanto notabi- 
li quanto poco palei! , dirò trovarli in quella Cancellala prima 
un Breve di Papa AlefìTandro IV. del 1202. 6*. Maggio contra il 
Comune di Padova , acciò reftituifea all' Abazia tutto quello , 
che gli aveva ufurpato , e fpecialmente la catena del tranfìto 
dell' Adige nei luogo del Pinzone, minacciandoli la feommunica. 
Similmente un altro Breve del ilpj. 5. Maggio pur del detto 
Pontefice di feommunica contra il Comune , e aomini di Pado- 
va, i quali non aveano voluto obbedire nel fare la reftituzione del- 
le fuddette cofe ufurpate all'Abazia , ne ceffato di turbare le fue giurif- 
dizioni col mandare in quella Terra il Podefta Padovano. Di più 
di Pipa Nicola, nel qual eforra Alberto Capitanio, ed il Comune 
di Verona a predare il fuo aiuto, ed affiftere all'Abate della Van» 
gadizza, acciò podi godere la fua Abazia, e la fua giurifdizio- 

F 2 ne ; 



44 ORIGINI E CONDIZIONI 

ne: e quefto fu nell' ifteffo anno 12^3. 28. Luglio, Si trovano 
anco lettere dell'Abate della Vangadjzza ferme del 1296. 16. 
Decernbrio al Podefta , e Comune di Padova , acciò fi acquie- 
tino , e ceffino dalle ufurpazioni , e turbazioni fattegli . Final- 
mente abbiamo il iopranominato iftrumemo di compofizione tra 
l'Abate, e Capitolo dei Monaci da una parte , ed il Comune 
di Padova dall'altra, celebrato l'anno 1298. 30. Ottobre, nei 
quale il detto Abate per ragion di Feudo inveftifce il Corami 
fuddetto, fenza obbligo di alcuna fedeltà, omaggio, o altro fervi- 
zio, della giurifdizione della Badia, Villafuora, Venezze , Van- 
gadizza , Zello , Viola di Polefine , e Francavilla per quanto 
quella fi eftende; intendendo per detta giurifdizione la poteftà, 
ed autorità di render ragione - , e giudicare fopra quelle cofe , 
le quali civilmente , e criminalmente fi afpettano al foro foco- 
lare . Medefimamente le condanne, colte, ovvero Dadie di efer- 
citi, cavalcata, cuftodia, e guardie, la Catena del Pinzone , e 
Dazj con tutta la poteftà ài dette Terre , rifervando al detto 
Monafterio il refto delle entrate ad eflb fpettanti , e tutti li 
fervizj, preftazioni , libertà y omaggi, fervitù , confuetudini , e 
cadauna altra ragione nelle Terre, e Ville fcprafcritte, e loro 
abitanti, e nei campi , vide, pafcoli , bofchi, paludi, venazio- 
ni, pefcagioni, molini, e loro pofte, ed altre cofe ivi defcritte 
preferiti, e venture; e che apprettò non abbia ad effere aggra- 
vato il detto Monafterio , né la fua famiglia di alcun carico , 
o pubblica fazione, con riferva anco all'Abate di giudicar le 
caufe, e delitti così civili , come criminali , che feguiffero tra 
li Tuoi entro i termini di eflb Monafterio, con altre prerogati- 
ve, le quali per brevità tralafcio , facendofi concambio de' Be- 
ni tra detto Comune di Padova , e l'Abazia, con la particolar 
defcrizione di quelli e con patto efprefso , che li abitanti nella 
Terra della Badia , come Cittadini devoti , e fedeli amici del 
Comun di Padova, debbano godere li Benencj delli Statuti 
così fatti come da farfi per io avvenire dal detto Commune , 
come godono li veri , e diletti Cittadini di Padova , ordinan- 
do, che quelle convenzioni debbano efiere regiftrate 3 e nota- 
te in tre luoghi , cioè una copia nelli Statuti del Podefta di 
Padova , un'altra nella Cancellala óqì Comune della detta 
Città, e la terza nella Sacreftia àci Frati Minori di Sant'An- 
tonio Confefibre 3 acciò perpetuamente pofsano, e debbano efser 

con- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 45 

confervate, riè per alcun modo corrotte, o viziate, e quella com- 
•pjfizione, e Invellitura fu approb.ua da Bonifacio Papa con le 
condizioni contenute nelle Bolle . E perchè cavavo di fopra da- 
gf Idonei Padovani, efiere fiata cefia h Badia alla Repubbi ca di 
Padova dagli Eitenfi l'anno 1294. che fu appunto in quei tem- 
pi, che il Papa ammoni , ed interdirle il Comune di quella 
Citta, perchè moleftava l'Abate, s'ha da credere probabilmente, 
che i Padovani fondaiTero la loro pretensone, e fi movefTero a 
moleitare l'Abate (opra la detta ceflìone degli Eftenfi o giuri- 
ridica, o non giuridica ch'ella fi folle. Così reità fin qui fuffi- 
cientemente provato , che i Padovani a' tempi delli Marchefi 
d'Erte ebbero padronia , e ragioni in tutte le tre già nominate 
Terre delPoìefine, le quali furono poi redimite a Rinaldo Ter- 
zo, come attefta il Pigna (/*), l'anno 13 17. e da quel tempo 
lo poffederono gli Eitenfi fin che fu loro levato da Francefco 
Novello da Carrara nella guerra, che mofie l'anno 1300. per 
vendicarfi col Marchete Alberto di Ferrara , il quale era fiato 
a' fuoi danni, quando a lui, ed a Francefco il vecchio fu leva- 
ta la Signoria di Padova da Gioan Galeazzo Vifconte Duca di 
Milano detto il Conte di Vertù , e per ciò mandò il Conte da 
Carrara fuo Fratello naturale a metter campo alla Terra del- 
la Badia, la quale ebbe per forza il dì 17. Settembre di quel- 
l'anno , come ebbe alli 24. dello fteffo mefe anco Lendinara ; 
poi pafsò all'efpugnazione di Rovigo , d'onde fu richiamato per 
la interpofizione degli Ambafciatori Veneti, che procurarono la 
pace, che fu poi conclufa in Venezia con condizione, che pa- 
garle ilMarchefe quindicimila Ducati d'oro al Signor di Padova, 
e che all'incontro quello reftituifle allo Eftenfe Lendinara, e la 
Badia . Fu dopo impegnato Rovigo , e le altre due Terre del 
Polefine dalli Gommiffarj di Nicolò Terzo (/>) Marchefe d'Efte 
l'anno 1394. (e) a' Veneziani per Ducati cinquantamila, e per 
lo fpazio d'anni cinque. Ma nata l'anno 1404. guerra tra' Ve- 
neziani, e Francefco da Carrara, per gli accidenti occorri fotto 
Vicenza, e per i tagli dell'Adige all' Anguillara fatti dal Fode- 
fta di Rovigo a danno del Carrarefe, quello indufTe il Marche- 
fe Nicolò fuo Genero a rompere, come fece, la guerra alla Si- 
gno- 
ra) 1>{el 4. libro, 
( b ) II Sardi dice "ì$ìc. fecondo . 

(e) II Cafilmo dice 1395. f. 23. v. le note del fettìmo Uh* del Sardi e] confronta \ 
ed aggiungi. 



46 ORIGINI E CONDIZIONI 

gnoria di Venezia , ed avendo fubito per fervizio di lui man- 
dato in Polefme Luca da Lione con buon numero di foldati , 
ordinò , che fi unifle con il Conte Manfredo da Barbiano Ge- 
nerale dei Marchefe , e cosi il Marchefe ben provveduto di gen- 
te a piedi , ed a cavallo andò prima alla Badia > e fubito gli 
furono dai Cittadini aperte le porte, il Umile facendo anco quel- 
li da Lendinara ; poi impadronitoli con la medefima fortuna 
di Arquà, pofe il campo a Rovigo, ove in perfona venne il Si- 
gnore da Carrara in tempo, ch'era forzato il Marchefe partir- 
li per andar a provedere, che i Veneziani non efpugnaflero le 
fortificazioni fatte a Santo Alberto ; e perchè nei primi affalti 
di Rovigo fu ferito il Carrara , onde gli bifognò ridurfi a Pa- 
dova per efier curato, rimafe folo it Barbiano , il quale ftrinfe 
in modo quel Caftello, che forzò il Conte Francefco dall'Aqui- 
la Capo di quel prefidio a renderglielo a patti il giorno 28. di 
Ottobre. Preiero frattanto i Veneziani le Baftie di Santo Alber- 
to, e ftrinfero di tal modo Ferrara, che neceffitaronci il Mar- 
chefe a chieder la pace , la quale ottenne col restituire a' Ve- 
neziani tutto il Polefine , e disfacendo tutte le fortezze fabbri- 
cate fui Po; del quale accordo avendone il Marchefe dato par- 
te al Carrara fuo Suocero , ed avendo i Veneziani alli 8. di 
Aprile dell'anno 1405. fatta l'entrata di tutto il Polefine, e pofti 
i loro prefid'j nelle Terre, rifolfe il Carrara di paffar di nuo- 
vo fopra il Polefine, ove per forza prefe il Caftello di Venez- 
ze , ed il Caftel Gulielmo , e dopo andò col campo fotto Ro- 
vigo. Ma abboccandofi con lui il Marchefe venuto a quell'effe t- 
to da Ferrara, operò con prieghi, e con ragioni, che levato il 
campo con la fua gente fé ne ritornarle a Padova ; e cosi ri- 
mafe in quefto tempo alla Repubblica di Venezia il Polefine in 
virtù del prellito delli Ducati cinquantamila, finché l'anno 1438, 
25. Settembrio (a) fu al detto Marchefe Nicolò Terzo reituui- 
to , tuttoché non averle intieramente esborfato ri preftido , e 
ciò a fine di levarlo dall'unione col Duca di Milano; contra il 
quale allora facevano guerra di confeguenze molto maggiori . 
Così goderono gli Eftenfi il Polefine di Rovigo fino a' tempi di 
Ercole Primo Duca di Ferrara, quando l'anno 1482. diede egli 
caufe alla Repubblica di Venezia di moverli guerra per lo {pi- 
rito* 

V>) UCafiHnQ dice 25. Jlgojìof. 2j. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 47 

rito ch'ebbe di levar*! da predo il Vifdomino; Veneziano, fcom- 
municato, e cacciato di Ferrara dal Velcovo, perchè avefle fat- 
to carcerar certo Prete , nelle quali operazioni fu tenuto per 
fermo efiervi intravenuto l'offizio , e l'intendimento del Duca . 
Il Sardi' (a) rapprefenta diverfamente quefte caule di rotture 
tra il Duca , e li Veneziani , e riverfa le caufe tutte l'opra i 
Veneziani- e pure anco per altro avea egli provocati li Vene- 
ziani mentre ftimandofi ben appoggiato per il Maritaggio di 
Leonora Figliola di Ferdinando di Arragona Re di Napoli , fa- 
fare contra le convenzioni fali a Comacchio , non volea 
pacare i Coliti Dazj , ed avea piantate alcune fortezze a Ca- 
varle (£).Ae°iunge il Corio (e) un'altra caufa , perchè da 
Lodovico Sforza" fuo Genero fi avea lafciato indurre a negare 
il palio alle °enti Veneziane , che doveano andare ad aiutare 
il Rodi- dalle quali ingiurie molli i Veneziani collegati con Si- 
Ito Papa o\i modero guerra , e gli levarono prima Adria , e 
Cornacchie^ e da lì a pochi giorni Cartel Gulielmo, e la Tor- 
re di San Donato; e dopo anco Rovigo, Lendmara, e la Ba- 
dia « i popoli delle quali Terre furono molto ben trattati , e 
con' felici aufpicj fermati nella divozione del Nome Veneziano 
dalla molta umanità, e deprezza di Agoftino Barbango allora 
Gapitanio di Padova, e deftinato in quei frangenti al regiftro, 
e ftabilimento delle cofe del Polefine . E feguendo poi l'anno 
82 ( d) nel mefe di Agofto la pace , in quella fu accorda- 
ta che il Polefine reftaffe a' Veneziani. E perchè il principio, 
ed' il fine di quefta guerra fuccelTe nei tempi , e fotto gli au- 
fpicj del Doge Giovanni Mocenigo, furono nella fua Sepoltura 
fcolpite le tre Terre del Polefine, fotto il capo Rovigo, nel mez- 
zo Lendinara, e da piedi la Badia con quefto Elogio {e). 

Dux Joannes Mocenigus Tbomx Patrm , & Peni Fratrts Du- 
cum feutus veftigia, Btllum Ferrarienfe invitta gejpt, & Rhedi- 
?\i Pen'wfulam adjecit imperio, pacem coluti, con quello che fic- 

SU p'oiTedè da quello tempo la Repubblica Veneziana il Polefine di 

Ro- 

(a.) V. le le note del S'tgonio nel Summar) . _ 

(b) -Ptero Marcello de vita, te» mor. Ducum Venet. mjo: Morenico, & Tct.Ju- 

ftinianus l. 9- 
(e) Pan. 6. ,. ,. , _ - 

(dì?/ Corte , il Capino , e il Sardi dicono di! 1484. 
(e) Pet. Marc, injoi Morenico. 



48 ORIGINI E CONDIZIONI 

Rovigo, come cofa, fopra la quale aveva acquiftata afibluta, e 
legittima proprietà, finché dopo la rotta di Ghiarra d'Adda fe- 
gutta j'anno 150?. fu occupato da Alfonfo. Secondo Duca di 
Ferrara; ina non paffarono lei mefì, che la ricuperarono i Ve- 
neziani, a' quali dopo molte ma brievi viciffitudini di perdite 
e di vittorie, l'anno 1513. fu di nuovo tolto dal medefìmo Du- 
ca Alfonfo con l'aiuto di Maffimiliano Cefare, e con l'opera di 
Don Raimondo di Cardona Viceré di Napoli, dal quale furono 
polli ad alloggiare nel Polefine gli Spagnuoh in gran numero 1 , 
aggravando le tre Comunità di Rovigo , Lendinara , e Badia 
di contribuire alla Soldatefca ventimele itara ài formento, co- 
si avendo comandato Ferdinando d'Arco Commiffario dell' Efer- 
cito Imperiale, E perchè fuccedeano fempre quelle perdite, ed 
occupazioni con facilita a chi era padrone della Campagna 
non effendo mai Hata nel Paefe Fortezza di confiderazione , 
facilmente crederò quello , che ho trovato nelle memorie dei 
Boftri Maggiori; cioè che in quelle rivoluzioni talvolta in bre- 
vhTimi fpazj di tempo fi mutarfe Signoria, intanto che fino tre 
volte al giorno entraffero , ed ufcilTero nelle Terre i foldati 
dall'una, e dall'altra parte. Finalmente l'anno che fegui 1514. 
21. Ottobrio di Sant'Orfola il Polefine fu riacquisto per la 
Repubblica dallo Alviano (a) col mezzo del valore , ed opera 
di BaldnTera Scipione Lucchefe , cacciandone gli Spagnuoli, dai 
quali era tenuto per il Duca, benché dopo vi torna /fero a f ver- 
nare, governando (h) a Rovigo un loro Capitano di nazione 
Tedcico detto il Rizzano , ed alla Badia un tale Don Robles 
Spagnuolo, pofti dal Viceré Don Raimondo, dal Marchefe di 
Pefcara , e da Profpero Colonna , che allora maneggiavano oli 
affari della guerra , e comandavano agli Eferciti Imperiali , e 
Spagnuoli , e vi dimorarono lino al Giugno dell'anno fe°uente 
1515, che partendo lafciarono libere le Terre, e i Contadi da 
una infinita di miferie lacrimabili , le quali furono raccolte e 
particolarmente fpiegate da Giacomo Brello Dottore , e Citta- 
dino di Lendinara. Tra quefte fu il tributar del grano fopra le 
forze della Comunità per tutta la Soldatefca , la diftruzione 
incredibile di beftiami, in modo che i coloni abbandonarono le 
Ville j e quei pochi , che non puotero , o non vollero fuooj re 

furo- 

(a) "Par ut. I. primo e fecondo. Giovi /. 12. 

(b) V. il Gukciard. f. 250; 28$. ì^icolio f. -252. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 4 p 

furono conftretti ad arar con gli afini . Le violenze fatte alle 
Donne, le eltorlìoni, ed i tormenti dati a chi era in opinione 
di aver danari , li abbruciamene delle caie erano (rimate gra- 
viflime calamità ; ma tutte furono avvanzate dalle innondazio- 
ni lcguite per i tagli , che alla loro partenza diedero que' bar- 
bari negli argini dell'Adige, a fine di totalmente distruggere il 
Paefe ; e <lopo la grave mortalità , e malignità di febbri pefti- 
lenti nate dall'aria infetta perla corruzione delle acque , fu- 
però ogni più barbara iniolenza la caparra che s ebbe dai Fer- 
rarefi al principio di quella guerra ; (4) e fu aver pelato in 
pubblico a pelo per pelo il Cartellano Veneto di Rovigo, quan- 
do fu prefa quella Terra per il Duca da Ugucione Contrarj , 
e da Rinaldo Sagrati : e così da quel tempo fino al dì d'oggi 
per lpazio di cento e quindici anni ha ripofato, e ripofa fotto 
l'ombra, e protezione del Sereniflimo Dominio Veneto. 

Ebbe il Polefme fotto il nome di Contea di Rovigo l'anno 
1452. una fua propria Arma conce/fa da Federico Terzo Im- 
peratore al Duca Borfo da Erte , che in quel tempo ne era 
padrone; e quefta dal Pigna (b) viene defcritta con quelle pa- 
role. Rbodigii quoque Comitatum proprio injigni diftinxit ; id au- 
t-e-m fuit aquila divi/a partirvi nigra luteo in colore , partim ar- 
gentea in cceruleo depici a ad lavam alteri annexa, Atejiina Gen- 
tis ergo ; utriujque tamen partis collum , & caput dìjiincla emi- 
nebant) •videbaturque Auguftalis inftar una, [ed biceps Aquila co- 
ronam fuftinem . E così la mette anco il Sardi (e) notando 
che nella cerimonia della Creazione del Duca , la quale fi fa- 
cea in Ferrara, andando Borfo all'imperatore, che fòpra un pal- 
co lo afpettava, gli erano portati innanzi tre ftendardi di zen- 
dado, uno verde da Franeefco Sforzatello da Rovigo con l'Aqui- 
la nera Imperiale congiunta con la bianca infegna dei Principi 
d'Elle, l'altro anco egli verde tenuto da Vincislao Rangone Mo- 
denefe con l'Aquila bianca; ir terzo roflo da Pietro Marocello 
Cavaliere Ferrarefe. 



ADRIA 



(b) Lib. J. fi 567. 
Ce) Lib. 8. 



50 ORIGINI E CONDIZIONI 

ADRIA. 

ADria, ed Atria, parlando della Veneta, come nota il Ca- 
faubono (V), fono nomi ambigui, poiché Trogo (£), Livio 
(e) Strabone , Tacito , (d) e Euftazio (e) la chiamano Adria, (/) Altri' 
come Tolommeo, (g) Stefano, (b) e Plinio, (i) la nomina- 
no Atria . 11 Cafaubono inclina ai nome di Atria, e cosi an- 
co il Barbaro (k); né il Sabellico (/) fu lontano dalla loro o- 
pinione.Io feguiterò il nome più comune, e più conforme a quel- 
lo, che oggidì fi trova effere in ufo : e per venir alli principi 
ripetendo quelli altamente, noterò effere ftata attribuita a Dio- 
mede la origine di due nobiliffime, e antichiffime Citta, le qua- 
li appartenendo alle paludi di qua dal Po, dette fette mari 
hanno avuto grande imperio nell'Adriatico, e quefte fono A- 
dria, e Spina. Dicono, che mentre fi trattenne Diomede alla 
guerra di Troja, Ja moglie Egiale fi accorto a GUiabari Fi- 
gliuolo di Stenelo mofsa da gran libidine, o, come pare ad al- 
tri, dal configlio di Nauplio padre di Palamede; e che perciò 
Diomede mollo o da vergogna, o da timore di effere ammaz- 
zato dalla moglie, e dallo adultero , i quali s erano delle fue 
ibftanze impadroniti, deliberale vokarfi altrove. Altri dicono 
che tornato a cafa fé ne fuggiffe, e capitando a quefti lidi fab- 
bricale le dette due nobiliffime Citta. Di Spina abbiamo l'au- 
torità di Plinio, (m) dove fcrive': Hoc autem Erìdamm- ofltum 
diftum ejì , alìts Spineticum , ab Urbe Spina , qua fuip juxta prce- 
valensy ut Delpbìcis credirum ejì pbefamis condita a Diomede 

Di 

( a) ideile annot, fopra il 5. di Strabone . 
(b) Lib. io. 
( e ) Lib. quinto. 

(d) Lib, quinto. 

(e) Lib. 1. Hijior. 

( f ) In Dionyf. ^dkxanàr. de fitu orbis Comtn. 54. 

( g ) Lib. j. ubi de Civitatibus Veneriti . 

( h ) De Urbibus . 

( i) Lib. 5. cap. \6. _ 

(k > Nel luogo citato. 

( J ) ideile correzioni di Tlinio ,' 

( tu ) Lib. 2. En, 9. 

(n) 'N,el luogo citato. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 51 

Di Adria abbiamo quella di Stefano, (a) le cui parole nel 
Greco, poiché non l'ho potuto veder tradotto latino , (tanno 
COSÌ. Arpia noXtt; Tuppnitat; A/o/^cPas ktkt/uci , Hotifxcopot; 7t?\iurctvT0<; , 
xau (àìtcx ro fiouruTfocti AiSp/ctP km 7rapi<pTctpn Trupct /2xp(3ctpct$ to òvopct', 
e quelle ad verbwn vogliono dire così. Atr'ta Civitas Tirreritae , 
•vel Tu fette D'tomed'ts adtfìc'tum h'teme navigante , & poflquam inco' 
lumìs e va fi Jf et appellajfe JEthriam & comtptum fuit apud bar bar os 
njocabuhm. Fu dunque dal primo fuo fondamento chiamata E- 
tria, quafi voleffe dire ferenita, mediante la quale arrivato a 
quelli lidi s'era falvato dal pericolo del mare. Tutto ciò fi fa 
credibile per il Tempio, che vuole Strabone Qfc) eflergli flato 
edificato appreflo il Timavo nell'intimo ieno dell' Adriatico, e 
per la piratica, che efercitarono i fuoi compagni, i quali per 
ciò fi fin fero cangiati in uccelli , che volando attorno il fuo 
Tempio a tutte le altre Nazioni foffero infetti , eccetto ai Gre- 
ci. Aggionge anco Strabone, (e) che i Veneti ebbero in gran 
venerazione Diomede, al quale erano folitifacrificare un caval- 
lo bianco, onde Aimo, ch'egli in quelli mariaveffe avuto do- 
minio, e fupremo comando. Dionifìo AlicarnafTeo (d) parlan- 
do di Spina dice , che i Pelafgi partendo d' Afìa per confìglio 
dell'Oracolo navigarono in Italia, la quale in quei tempi era 
detta Saturnia , e che dall'impeto dell'olirò furono portati ad 
una delle foci del Po detta Spinetica, ove Jafciando le navi, e 
la gente meno atta alle fatiche , affine di avere un ficuro ri- 
covero, qualunque volta le loro inchiefle non fuccedeffero prof- 
peramente, cinfero di mura gli alloggiamenti, portando dalle na- 
vi le cofe neceffarie per il vivere. E perchè le imprefe ebbero 
felice efìto, vi fabbricarono poi la Città, e dal nome della fo- 
ce la nominarono Spina. Zaffando poi le cofe di bene in me- 
glio , e per traffichi marittimi avvanzando di fortuna tutti li 
circonvicini, reftarono per gran tempo padroni del mare , in 
modo ch'erano foliti mandare in Delfo le più magnifiche de- 
cime di tutte le altre Citta, finché dalla moltitudine dei Bar- 
bari furono coftretti di abbandonare la Patria , la quale reflò 
poi defolata in modo, che a' tempi di Strabone appena fé ne 



G 2 ve- 



(a) De Vrbibus. 

(b) l^el luogo citato. 
( e ) T^el luogo citato . 
(d) Lìb f primo. 



52 ORIGINI E CONDIZIONI 

vedeano piccoli veftigj. Spina , dice egli {a) hoc quidem tempo- 
re viculus • at quondam Graca Cifyitas, & quidem celebrh. In Deh 
phis Spìnenfìum tbefaurus commonflratur , aliaque de ipjts memoria 
mandata funt^apud qtfos mariterà? imperium . Eam , ut traditur , 
linda maris alluerat . Nunc focus nonagtnta a mari [ìadìis dijìans in 
mediterraneo jacet . Da quello dunque fteffo Diomede , o da quel- 
li ~fteffi~PeTasgi , che edificarono, e abitarono Spina, è proba- 
bile, che folle edificata Adria, o nel medefimo tempo, o po- 
co dopo, fé è vero, che anco quefta fia fiata Citta Greca, co- 
me afferma Giuftino (b) abbreviatore di Trogo, le cui parole 
fono quelle . Adria quoque Illirico mari praxima , qua & Adria- 
tico mari nomen dedita Graeca Urbs ejì , & Arpos y quam Diome~ 
des excifo Ilio naufragio in ea loca delatus e ondi di t a Dalle quali 
caviamo fecondo il buon fenfo > che Adria folfe ben Citta Gre- 
ca, come anco Arpos , ma che Arpos folamente , e non A- 
dria, foffe fabbricata da Diomede : cofa , che molto quadrerà a 
quelli, che hanno (limato, Diomede dopo la partenza da Argo 
effere capitato in Puglia ; ove occupato il Monte Gargano , e 
ricevuto da Dauno a parte del Regno edificarle Arpos , e , co- 
me leggiamo appreffo Strabene, (e) anco Cannilo, eSiponto, 
ed ove finalmente da elfo Dauna con infidie foffe fatto am- 
mazzare; e di ciò pare, che fé ne poffa cavare qualche prova 
anco da Plinio, (</) ove dice,Arpi efiere ft a to edificato da Dio- 
mede, e che Dauno, dal quale la regione Daunia a,vea prefo il 
nome, folle fuo fuocero. Né da quefta opinione fi difeofìò Ovi- 
dio (e) in quei verfi: 

At Venulus magnam profugi Diomedis ad urbem 
Veneraty ille quidem fub iapyge maxima Dauno 
Mcenia condiderat , dot aliaque avva tenebat . 
Seguitando poi, ed introducendo il racconto di Diomede dell'effer 
partito da Troja, delle tempefte del mare, della fuga da Argo, 
e della converfion dei compagni in uccelli , e concludendo in 
fine : 

Vix equidem bas fedes , & iapfgis arida Dauni 
Arma gener teneo minima cum parte meorum . 

L'au- 

(a ) Nel luogo citato . 
( b ) "Nfl luogo citato . 
(e) Lib. fefio. 

(d) Lib. 3. cap. 11. 

(e) !>{el 14. delle Mctam. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 53 

L'autore del libro attribuito ad Ariflotile de admirandis auditio- 
nibus fcrive, (a) che nel paefe Daumo erano nel tempo diPal- 
lade Hate appefe da Enea la bipenne, e le altre armi di Dio- 
mede i coIj che difficilmente può elfere, fé Enea o tatto Tro- 
ja, o in quello paefe non lo privò di vita nel tempo fteffo , 
che arrivò egli in Italia . Ma perchè non fi fa, che fia fucce- 
duto quello Ipoglio fotto Troja, né che Enea fia mai capitato in 
Puglia, ove abbia combattuto con Diomede, (limerò io più prò- 
babile il credere, che quefte armi fi ano fiate dedicate a Miner« 
va dallo fteflb Diomede, come protetto da lei nelle guerre e tra- 
vagli paflati , e come Nume parziale dei Greci, da lui avuto in 
particolare venerazione; e cosi pare, che vada infinuando Stra- 
bone, (b) quando introduce le offerte di quel tempo per fegno 
del dominio in quelle parti di Diomede: però ad ogni modo 
quefte memorie fanno teflimonianza affai verifimile , che non 
all'intimo del feno Adriatico, ma in Puglia terminaffe la na- 
vigazione di quell'Eroe, e che ivi fermaffe Ja fua fedia ; cofa 
che pare anco provata da quanto avea prima narrato lo ftef- 
fo Autore del libro de admirandis auditionibus , quando innanzi (e) 
avea raccontato, che nell'Itala Diomedea, ora detta S. Maria di 
Tremiti, pofta nell'ingrefib del Golfo dirimpetto al Monte Gar- 
gano, era il tempio maravigliofodi Diomede, quello che Strabe- 
rne pofe, come fi è detto, appretta il Timavo , foggiongendo ciò 
che fi dice degli uccelli , che volavano d'intorno, della natura, 
e condizione dei quali ne difeorre efattamente Plinio, (d) feguito, 
per non dire traferitto, da Solino, (e) e con quefti Sant' Agofti- 
no (/) confìrmando, che quel Tempio, e la fepoltura di Diome- 
de folle in quell'Itala, come conferma anco Dionifio Afro, chei- 
vi fi ricovrafle , con quefti verfi 

Adria quas penetrat venias in parte fìniflra^ 
Atque legas Calabrum littus^ tunc Injula magni 
Ofìenàit fé fé Diomedis nomine ditta , 
Quo profugus quondam viftor concejjerat ili e 
Con/ugis inceftee per fraudes JEgialea, 

E 

(a\) Te fi. 105. 
(b) Lib. feflo. 
(e) Tex. 76. 
(à) Lib. io. cap. 44. 

(e) Cap. 8. quod efl de Italia) 

(f) Lib, 18. de Civit. Dei cap» 16, 



54 ORIGINI E CONDIZIONI 

E cosìt abbiamo, che non folo fecondo Trogo, ma anco fecon- 
do altri gravi Scrittori, Diomede fece lafuafedia nelpaefeDaunio- 
e fé Antenore cogli Eneti occupò quefta parte della Venezia , 
non fo come vi abbia potuto aver padronìa Diomede, fabbrican- 
dovi delle Citta; eppur Strabone(^) , ricevendo quanto di fo- 
pra fi è detto del fuo Regno di Puglia, e delle Ifole Diomedee, 
pare che voglia (b) y che anco fino al Timavo fi. abbia efìefo 
il fuo Imperio, e cosi quelli, che gli attribuifcono Spina, ed 
Adria. Ma fia ciò, come fi voglia, e parli chi vuole più de- 
terminatamente di cofe tanto antiche, e dubbiofe ,, io inclino 
alla più comune, e ricevuta opinione di quelli, che fiumano, 
Adria effere fiata Colonia antichiffìma dei Tofcani Aflagi , e 
faccio gran capitale dell'autorità di Livio, di Polibio, e di Pli- 
nio , per lafciar da parte Catone de Origìnibus; già dichiarata 
fofpetto. Le parole di Livio (e) (tanno così: Tufcorum ante Ro- 
manum Imperium late terra , marique opes patuere mari fupero , in- 
feroque , quibus Italia Infulee modo cingitur • quantum potuerint no- 
mina funt argumento , quod alterum Tufcum communi vocabulo 
gentisy alterum Adriaticum mare ab Adria Tufcorum Colonia vo- 
cavere Italica gentes. Graci eadem Tbyrrenum^ atque Adriaticum 
njocant , ti in utrumque mare vergentes incoluere urb'tbus duodenh 
terras prius cis Appeninum ad inferum mare , pofìea trans Appe- 
ninum totidem y quot capita originis erant y coloniis mijfis, qua trans 
Padum omnia loca y excepto Venetorum angulo , qui Jìnum circum- 
colunt maris ttfque ad Alpes tenuere . Adriaticum Mare( dice Po- 
libio) (d) ab Adria Tufcorum Colonia qua inter ofìta Pad't condita 
fuity nominatum ejì , E Plinio (e) lafciò fcritte quefte parole '.No- 
bili portu oppidi Tufcorum Atria y a quo Atriaticum mare ante 
appellabatur , quod nunc Adriaticum . E così dalle autorità di que- 
lli tre Scrittori claffici abbiamo , che Adria fia fiata Colonia dei 
Tofcani, e tanto potente, e nobile Citta , che da effa il Golfo, 
ora chiamato di Venezia, riceveffe il nome di Adriatico. Di che 
fanno anco fede le parole di Strabone, (/) le quali fono que- 
fte : Adriam ferunt illufìrem fuijfe Urbem , unde & Sinui Adria- 
tico 

(a) Uh fefto. 

(b) Lìb. quinto. 
( e ) Lìb. quinto . 

(d) 2^4- Uh. 

(e) Lìb. 3. cap. 16. 

< f ) Lìb. 5. fopra citato . 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 55 

tìco nomen esìgua matafione litterarum faflum ftt . E Var- 
rone : (à) Atrtaticum appetì atum ab Atrtaùbus Tbufcis . Ma qui fan- 
no difficolta prima le parole di Polibio, il quale dice, che A- 
dria, quella che ha dato il nome al Mare Adriatico , fu fi- 
tuata imer ojìia Padi; eppur è vero, che tanto è lontano, che 
quella, della quale parliamo, fia e fia ftata tra le bocche del 
Po, che anzi ella è di qua dal nuovo ramo di quel Fiume , 
non che delli due .antichi più meridionali; intanto che fi 'può 
ben mettere tra le bocche del Po, e dell'Adige, ma non già 
in modo alcuno tra quelle del Po : e le ruine di quefta Citta, 
che già fi fcuoprirono, e fi fcuoprono alla giornata , rendono di 
ciò fede così indubitata , che è foverchio io aggirarli in più 
lunghe prove . Serto Aurelio Vittore (b) vuole , che quefto mare ri- 
ceverle il nome da un'altra Adria polta nel Piceno Patria di 
(e) Adriano Imperatore , della quale fanno menzione Stefano, Pli- 
nio, {d) Livio, (e) Tolomeo, (f) ilSigonio, (g) e, per la- 
nciar molti altri, Silio Italico, (b) ove dice: 
Statque bumeólafa Vomano 
Adita 
E pare, che con Serto Aurelio Vittore fenta anco Paolo Dia- 
cono (*). Ma io quanto a Polibio dirò nfolutamente , che in 
quefta parte ha prefo errore, come lo ba prefo altre volte in 
fimili propofiti ài Geografia ; e quanto a Serto Aurelio Vit- 
tore -, e agli altri del fuo parere , fono con quelli , che fi ac- 
certano alli più di numero, e di più grave autorità ; maggior- 
mente che vi fi aggionge la ragione, e il verifimile , che dal- 
la noftra Veneta più anticha, più potente, e cheavea fui ma- 
re un porto nobiliflimo, veniffe il nome dello Adriatico , non 
da quella del Piceno edificata lopra un monte, e, fé crediamo 
a Plinio, fette miglia lontana dal mare, e della quale non fa p- 
piamo , che abbia avuto né porto , né dominio tale nel Gol- 
fo , che abbia potuto dargli il fuo nome ; il quale potea , e do- 

vea 

(a) Uh. 4 de l'ing. lat. v. locum . 

(b) Tacila vita à'jLdvìam mi prìnc. 

(e) D? Vrblbus. 

(d ) Lib. %. cap. ij. 

(e) Lìb. 27. 

(f) Lìb. 3. Geogr. 

(g) De Rebus Ita/. 
(h) Lìb. 8. 

l'i) H?fi. mi f celi. /, io. & Rer. longoh lìb, 2 C cafr ip. v. Loca* 



$6 ORIGINI E CONDIZIONI 

vea in quei tempi effergli dato da altre Città marittime pia 
grandi, e più potenti di quella; onde è, che io ftimo quelli 
che altrimenti hanno fentito,elfere flati ingannati dalla firn ili tu- 
dine del nome, ed aver avuto poca buona informazione della ve- 
rità; e tra quelli falla così evidentemente (V) Pietro Marfo che 
non v' è per lui luogo alcuno di efcufazione , mentre liana 
che l'Adria nominata nei verfi di Silio fìa Hata Colonia dei Tof- 
cani; tuttoché non fi dubiti per il teflimonio di Livio o dei 
fuo Epitomatore, (b) che quella fotte dedotta dai Romani in- 
fieme con Caftro, eSiena a' tempi di M. Curio Dentato, il qua- 
le fu Con fole 1' anno ab Urbe condita 463. ed innanti lo avve- 
nimento di Cnfto 2po. Né folamente dal nome dato allo A- 
driatico argomentiamo la magnificenza della noftra Adria ma 
dal porto, che da Plinio nelle parole di fopra recitate vien ce- 
lebrato per nobile, e che anco a' tempi di Vefpafiano era in 
etfere; fé è vero che alla Città d'Adria arrivafsero le navi 
come pare, che fi poffa cavar da Tacito, (e) quando dice .♦ 
Bajfus bonorata cujìodia Liburnicis navibus, Adriani proveólus a 
Prefetto ala Menio Ruffino prafidium Mie agitante vincitur . Que- 
llo porto riufeendo di comodo più che ordinario alla naviga- 
zione, principal caufa della ricchezza delle Terre, fervi molto 
a quella Città per accrefeere di potenza , e grandezza ■ onde 
avvenne, che anco a' tempi della fua declinazione, anzi quan- 
do era, fi può dir, disfatta , puotè con armata marittima con- 
tendere, e far prova di fé flefla con la Repubblica di Vene- 
zia, come caviamo dal Sabellico, (d) le cui parole fono que- 
lle: Adrienfes, qui dein Hatriates fuere: colunt bt Urbem Padopro- 
pinquam , a qua olim Atriaticum mare, & mox Adriaricum nun- 
cupatum : Venetos fines infeftare adorfi ad Lauretum Vicum inter 
P aduni) & Atbefim, magno pralio funt ab Otbone Urf eoli F ilio 
qui tum Venetiis Dux erat , Juperati; ac fecundum eam puonam 
patii Adrienfes pacem bis conditionibus accepere , tip res Lauretanis 
redderentur & ipji impojlerum injuria abftinerent . Quam vero 
Hadrtanorum opes eo pralio accifa Jtnt , ex eo potefi intelligi quod 
jam inde vetro fluente s ad nihilum firn badie redatta , quum ad id 

tem- 

( a ) Sopra i verjt di Si/io già recitati» 

(b) T$el 11. lib. 

(e) liei 3. Hb. deirijtor. 

(d) Lib. a. 9- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 57 

rempus mìnime contemptibiles fuìffent. Sin qui il S.ibellico , in con- 
formità del quale fcrive il Biondo a quello modo : Ad atmum vero 
jxlutis m'dl efrmum , Ù" nonum , Adrienjes magna; ol'tm Adria Urbis 
rcìtcjuìas apud Lauretum fuperatos Ventti tanta confecerunt occiftotie , 
ut dies ili e ttltimus fuerit. Civitatis , a qua mare Adriaticum e fi ap- 
pellatimi, E quelli fono effetti delle viciflìtudini del mondo , 
alie quali mentre cerchiamo oliare, moffi. dal defiderio della 
durazione-, acceleriamo fpefife volte le noftre rovine fotto il dif. 
avvantaggio fatale di chi dilcende all'incontro di chi cammina 
a gran pani verfo l'augumento. Così a' tempi più modermi fa 
quella nobiliffima, ed antichiflìma Citta (a) vicina all'ultimo ec- 
cidio , quando nella guerra, ch'ebbe la Repubblica Veneziana 
col Duca di Ferrara Ercole Primo, facendo gagliarda refiften- 
za agii affala dei foldati Veneziani , caufò che tra quelli fu. 
ammazzato Domenico Erizzo, mentre combatteva virilmente, 
per la cui morte accefi gli animi degli affalitori, i quali corag- 
giofamente afpiravano non meno alla vittoria , che alla ven- 
detta, entrarono a viva forza nella Città , niente giovando li 
ripari, e l'effer cinta dalle acque; e come l'impeto in- quelli 
cali fuol portare i vincitori agli ecceffi, fu in gran parte ab- 
bruciata : e fé non che in tanta calamità ebbe luogo la mife- 
ricordia di Crifloforo da Mula capo di quell'imprefa , reflava 
quel giorno defolata fino dai fondamenti . Ora per non mi al- 
lontanare dai filo noterò , che arredano ancora la grandezza 
della noilra Adria la Sede Epifcopale, laGiurifdizione delVef- 
covato molto ampia, ed il luogo, che tiene il Vefcovo tra gli 
altri comprefi fotto Y Arcivefcovato di Ravenna; le quali pre- 
eminenze fino al dì d'oggi fi confervano in quella Città . Di- 
co, che fino al prefente fi confervano in quella Città ; perchè 
febbene da certo tempo in qua pare, che li Rodigini lo chia- 
mino Vefcovo di Rovigo per la dimora, che fa in quella ter- 
ra rifpetto all' aere d' Adria , riputato più grave , e mfalubre , 
non ha però egli altro titolo, che di Adria, né la diocefe ri- 
conofee altra Maurice che Adria, come più diffufamente fono 
per mo.ftrare, quando tratterò (b) di Rovigo. La giurifdizione del 
Vefcovato fi eftende per il lungo del Mare fino a Lendinara 
inclufive) eccettuate alcune Ville delli Territorj di Rovigo, e 

H di 

(s) Tet Juflìn. cìb. 9. 

(b) Mem. d' inf or marfi meglio. 



5 8 ORIGINI E CONDIZIONI 

di Lendinara, foggette all'Abazia della Vangadizza, e per il 
largo quanto è la larghezza del Polefine, effondendoli anco iti 
certa parte del Ferrarefe, e contiene fotto di sé , . , 



»•••••• 



Il luogo che tiene il Vefcovo d' Adria appreffo l' Arcivefcovo di 
Ravenna è il primo, fedendogli immediatamente appreffo dalla 
parte delira. Ora febben dalle cole fin qui confidente fi può 
cavare la Nobiltà, e la grandezza antica d'Adria, quella però 
anche fi argomenta dalli veftigj delie lue rovine fcoperte già 
e che fi fcuoprono alla giornata , di quella qualità, e numero '' 
che facilmente danno ad intendere la magnificenza degli edifi- 
zj , e l'ampiezza della Citta, la quale, comecché da moltian- 
ni in qua vada rifornendo, ed avvanzando non folo di fabbri- 
che e di bontà d'aria, ma anco di poderi, rifpetto alli mi- 
glioramenti del Contado per le acque del Po , che hanno avu- 
to altri codi, bifogna però, fé vogliamo, appreflo le tefiimo- 
nianze di Scrittori graviflìmi, aver riguardo alle dette rovine, 
tener per certo, che a' tempi antichi foffe molto più numerofa 
di abitanti, e di molto maggior circuito ; poiché cavandoli 
non folo nei borghi, ma anco tra campagna, e penetrando non 
più che fei, o fette piedi fotterra, fi trovano fragore nti di co- 
lonne, e marmi d'ogni forte, fondamenti, volte, ed altre maf- 
fe di pietre, le quali certo appartenevano agli edifizj di quel- 
la Citta, Ridotta al prefente fra termini, che rifpetto agli anti- 
chi fi poffono chiamare anguftiffimi , giace quello refiduo in una 
parte del proprio fi to della Citta vecchia verfo Tramontana , il 
circuito della quale tuttocchè giraffe intorno per ogni verfo aquel- 
la, che oggidì fi trova in effere,fi effondeva però, e fi allargava 
più di gran lunga verfo Ravenna e verfo l'Adriatico , dal quale è 
al preieme diftante intorno a quattro miglia, e la diflanza va ogni 
dì più crefcendo per le continue depofizioni del Po, e di altri Fiu- 
mi, che sboccano in quel tratto di mare. Ho detto, che l'anti- 
ca Adria tirava verfo il mare, e verfo Ravenna , perchè pare 
che la maggior parte degli antichi veftigj , e dei marmi , i quali 
fono fenza numero, fiano flati trovati verfo quelle due parti- 
e comecché le muraglie, i fondamenti, e cofe limili non iiano 
Hate disfatte, fono però ad ogni modo anco ai prefeme fotto 
le acqae , e fotto laterra; e li marmi, chefurono belli, o buo- 
ni ? fono quafi tutti (lati portati altrove, o polii in opera nel- 
le 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 5P 

le fabbriche della Citta, le quali fono tutte nuove , e di non 
moki anni; e gli fpezzati fono rimafli in diverfi luoghi circon- 
viwini parte lotto, e parte fopra la terra. Verfo Ravenna fo- 
no frate feoperte muraglie, e volti groffiffimi, in tanto che al- 
cuni fono cafeati in opinione, che fotto quelli fi andaffe mol- 
to olire verfo quella Citta; cosi fono (tati trovati molti la, 
fincati a mofaico , dei quali un bellifTimo fé ne fcuopri pochi 
anni fono in certo campo dei Bocchi verfo Ravenna, e acciò 
non fi confumaffe per il ghiaccio , e per le pioggie , fu fatto 
copiare da un Pittore, e poi ricuoprire; e, per quanto fi è ve- 
duto, le figure fono diverfe , molto pulite , e vaghe più di 
quello, che fi pofia dire, e rapprefentano un bellifììrnorapeto. 
E così in ogni tempo d'ogni intorno per li Canali fotto acqua 
fono flati fentiti pavimenti, e muraglie, ma fempre più verfo 
Ravenna, che altrove. Da cinquanta o poco più anni in qua, 
oltre il pavimento faddetto , fotto terra fono flati trovati pon- 
ti, fontane, pozzi, e canne di piombo, pezzi di alabaflro fl- 
niffimo lavorati, pezzi di pietre rofle, nere , e bianche , traf- 
parenti, e di varj colori, le quali effendo fpezzate parevano 
veramente criftalli, e rifplendevano a meraviglia anco all'ofcu- 
ro; e perchè non fi è trovato fin'ora in quella Citta alcuno , 
che abbia avuto guflo dell'Antichità, tutto è flato donato , e 
diftribuito a gente, che l'ha portato altrove . In un luogo , 
che fi chiama leMontagnelle , furono trovati molti quadroni 
di terra cotta con le lettere evidenti, ma non intefe ; alcune 
altre Etrufche , delle quali più abbafTo , ad altro propofito , (a) 
farò menzione. Sono fiate trovate affaifTime urne piene non fo- 
lo di ceneri , ma d'altre cofe logorate dal tempo. Nel cavare 
certo pozzo, pochi anni fono, non più che cinque piedi fotto 
terra, furono trovate tavole groffiffimedi rovere pofte per tra- 
verfo, e fotto quelle cinque altri piedi furono feoperti come 
focolari a mofaico con carboni eflinti . Un altro , cavando pure 
un altro pozzo, trovò tre mani di pavimenti antichi, tre pie- 
di, e mezzo l'uno fotto l'altro; ed in fondo trovò tavole grof- 
fe di rovere, fotto le quali non puotè paffare impedito da una 
grandiffima quantità d'acqua limpidifTima, che forgea dal fon- 
do. In certo luogo, che fi chiama la Fontana , quattro pie- 
di fotto terra fu trovato un ponte , nel mezzo del quale era 

H 2 una 

(a) Trattando di Rovigo. 



óo ORIGINI E CONDIZIONI 

una fìneflra , e fu disfatto da. Pietro Crepaldo . Le Monache 
d'Adria facendo cavare una folla nelforto per alzarlo , trova- 
rono un focolare di tavelloni con molti carboni grotti , ed in- 
fieme alcune picciole bah* di colonne di pietra rolla lavorate . 
Nella Chiefa della Tomba, mentre fi cavava un'arca, furono 
trovati molti quadroni di terra cotta, e molte pietre di mar- 
mo finiflimo lavorate . Nella Piazza della Tomba , già quaran- 
ta anni in circa, cavandoli una fofTa fu trovato nel fondo un 
pozzo antico , e moke offa di gigante . Che fiano flati gigan- 
ti , e uomini maggiori della grandezza ordinaria dei no Ari tem- 
pi, per quello che ne fcrivono Autori gravi, non voglio io ne- 
garlo ; ben dirò ,' che refto ìbandalezzato della melonaggine ài 
quelli, che nelle noflre parti effendofr abbattuti in fcoprimenti 
di offa umane cosi moftruofe r le hanno lafciate andar a male, 
mentre erano degne di effere confervate per appagarne il ìèn-* 
io, e la credenza della pofterita . Cosi abbiamo per tradizione 
Àe noftri Avi, e per la memoria lafciata da un tale Don Ilnar- 
mo Corradino Abate Camaldolefe , il quale dice effere flato pre- 
ferite , ed aver veduto, che per certa Rotta dell' Adigetto fuc- 
ceffa nel borgo di San Francefco della terra della Badia l'anno 
1564* dall'impeto dell'acqua furono cavati offì umani di gran- 
dezza molto più che ordinaria ; e Don Antonio Monaco Cu- 
rato di Salvaterra, Villa Cotto la Badia y , uomo vecchiffimo , e 
degno di fede,, mi ha più volte detto, ed atteftato, che l'anno 
1584. mentre Marchioro , e Filippo Brogiuoli cavavano certa 
foffa, che parte dalla Canda y e va a Ramo di palo y , ibpra un 
doffo , ovvero altura di quel tratto, nella, contrada detta Pilo" 
na, fcoperfero una fepoltura fatta di quadri grandi,, lunga otto 
piedi in circa, nella quale erano offa ( come credettero ) di un 
Gigante , e cosi ftimò anch'elfo Reverendo , che le vide, af- 
fermando , la tefta effere ftata maggiore di una gran quarta , 
eh' è certa mifura da grano, la quale capifee La duodecima par- 
te di un facco del Poielke , o ftaro Veneziano; foggiongendo, 
che nella fteffa fepoltura incerta vagina erano alcuni ferri tut- 
ti guafti, e difformati dalla ruggine, e parevano come ifl-rumen- 
ti da Cirufico, o da Barbiere. Ma tornando alle antichità, che 
fanno fede della grandezza, e del fito d'Adria, dico, che, ol- 
tre le cofe già narrate , vi fono flati trovati in diverfi tempi 
Idoli di bronzo in gran quantità; ma particolarmente fu trova- 
ta 



DEL POLESINE DI ROVIGO. ti 

ta una Fortuna di bronzo lunga un piede , e mezzo, la quale 
era, per il giudizio, che fé ne puotè fare, opera antichiffima , 
e fu donata al Rettore di quel tempo; come fu anco donata ad 
un altro una nave di bronzo trovata, cavando in un altro luo- 
co . Finalmente fu trovata una gran quantità di Idoli pur di 
bronzo da un tale Batifla Sacchetto chiamato anco Felletto , i 
quali da lui furono donati ad un Mercante Veneziano detto Marco 
Pattara . Di quelli molti ne fono paffati alle mani dell' Illuftrif- 
fimo, e Reverendiflìmo Vefcovo d'Adria Ubertino Papafava mio 
grandiffimo Signore , e Padrone , il quale effendo non folo Pa- 
llore vigilanti flimo in quello che tocca alle Anime, ma accura- 
tiffimo anco nel tener regiflro delle altre cofe notabili della fua 
Diocefe ,gli ha confervati fra le molte cofe notabili , e degne di effer 
vedute, nella Uluflriffima fuaCafa in modo, che ho potuto ve- 
derli, mentre da lui fui informato di quanto fin qui ho fcritto, 
e fono per fcrivere intorno alle antichità fcoperte nelli contor- 
ni, e nella citta d'Adria . Di quelle medefime picciole fi atue al- 
quante ne furono compre in. Vinegia da Monfignor Pignoria mio 
cariflìmo amico , e peritiflimd di fìmili antichità , il quale ben 
efaminandole giudicava, che foriero antichiffime , e fatte per of- 
ferirle ai Tempj, come noi ne offeriamo di argento , e di ce- 
ra. Erano tutte di ugual grandezza, o poco differente, guafle, 
e molto logorate , come tutte le cofe di metallo , che flanno 
lungamente fotterra; alcune erano figurate ignude , alcune con 
una verte come da Donna dalla cintura fino ai piedi, fenza al- 
cuna falda, ma affettata alle cofcie, edalle gambe, cpme un fac- 
co, più anguflo da baffo, che di fopra, e di quella forma me- 
defima, che veggiamo nelle figure Egizie antichiffime/ in capo 
tenevano certo cappelletto con un poco di ritorta nella cima , 
parendo che tiraffe quafi alla forma del Corno del Doge Vene- 
ziano. Oltra quelle da un tale Maeflro Michiel Zeno, per fo- 
prannome detto Galanino , furono trovate altre flatuette fimili 
pur di bronzo in gran quantità; un facco delle quali fu da lui 
donato al Procurator Antonio Priuli , che fu poi Doge . Non 
fono molti anni, che alcuni Pefcatori dal moto, che fentivan^ 
nel puntare i remi , fcoperfero alcune Urne antichiffime piene 
di certa materia, che loro parve di lino ammarzito . Fu anco 
trovata una belliffima tazza antica d'argento finifEmo, che fu 
donata al Vefcovo Canano. E cosi fono fiate donate , e diflri- 

bui- 



6i ORIGINI E CONDIZIONI 

buite ad altre perfone fbraftiere quali tutte le medaglie , che in 
ogni tempo fono ftate trovate in copia d'oro , d'argento, di bron- 
zo y di rame , e di metallo mirto, come quello di alcune anti- 
che Romane, con impronti diverfi ; e fono flati alcuni di quei 
Cittadini, che ne hanno donati li tacchetti pieni a gente, che 
avendole portate fuori del Paefe, ci sforza a mendicare da par- 
ti remotiffìme le memorie , che non hanno faputo confervare 
gli abitatori proprj di quella nobiliffima, ed antichifTima Citta . 
Ed a quefto proposito non voglio reftare di riferire le parole di 
una lettera ferina da Mr* di Peirefc, o Pires Francefe, Confi- 
gliero Regio nel Parlamento di Ai* in Provenza , inoltratami 
pochi giorni fono da Monfignor Pignoria, al quale era inviata. 
„ Mi è capitata ( dice quell'eruditismo Signore ) quefti gior- 
„ ni in mano certa quantità di quelle medaglie antiquiffime 
„ dell'US GRAVE , cioè degli ASSI, SEMISSr, TRIENTI, 
„ QUÀDRANT f , SEXTANTI , e così delle Romane , co- 
3, me delle Etrufche venute da Roma, tra le quali fé ne tro- 
„ vato una affai ftraordinaria al parer mio , dove da una parte 
„ fi vede rapprefentato, come in parecchie Medaglie Etrufche, 
? , un Cane, oLupo y che dorme da una banda, con lettere HA- 
„ TRI ; e dall'altra una tefta barbata porta in maefta con una 
« corona tortile accompagnata fui fronte , e fu le orecchie di 
y certi additamenti rilevati a guifa di foglie , come fi ve- 
5, dono in certe figure terminali, e c'è la lettera fola V. forfè 
„ per nota di QUINQUIES ,. o QUINCUSSIS , o QUINA- 
„ RJUS, ficcome in altre fi veggono quelle della libra I. del 

„ Dupondio II. e le fùbdivifioni della libra S,. fen- 

,3 do quefta di pefo di più del vero Dupondio ( benché affai 
„ corrofa dal tempo ) e della grandezza della palma della ma- 
3, no. Io credo che fia battuta, o gettata in quei primi tempi della 
3, Repubblica di HADRIA , quando impofe il nome al Mare 
3, HADRIATICO , mentre vivevano li fuoi Veneti Àntenorj 
3 , di Padova nella loro prima autonomia/ e forfè che tal Ca- 
33 ne , o Lupo dormiente fi potrebbe riferire alla fìcurezza 
,3 dalle fiere , che ftavano in quei luci , o facri bofchi d'intor- 
„ no . Procurerò di mandartene un difegno con la prima occa- 
33 fione , acciocché V. S. ne poffa meglio difcorrere , e dare il 
3, fuo parere. Fin qui il de Pires. Ma io per quello , che fé 
ne vede nell'altre Medaglie, direi, che il Cane foffe fiato an- 
tica 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 6 3 

tica imprefa o di uno , o di più Re dei Tofcani con il mot- 
to HATRI, fé m'aflìcuraffi , che i caratteri Tofcani Mero fla- 
ti della forma di quelli; e crederei probabilmente, che da tal 
parola, il cui fignificato non intendeffimo, come non intendia- 
mo quello di molte altre, foiTe derivato il nome di ATRIA. 
Stimando appreffo , non efler lontano dal ragionevole , che il 
Cane dormiente voleffe additare la vigilanza del Re , poicchè 
è confueto, che quando il Paftore vigila, e tiene aperti gli oc- 
chi fopra il gregge , i cani dormano 3 i quali in altro tempo 
hanno a flar defti per abbaiare ai ladri, e difenderlo dalle fie- 
re; e chi fa, che il Cane non fignificaffe la fedeltà del popo- 
lo d' HADRIA , il quale godefie un pacifico , e ficuro ripofo 
fotto il governo, ed aufpicj di qualche fuo Re , il quale forfè 
fia flato il quinto in ordine per il carattere V. ? Chi fa anche, 
che l'antichiffimo nome di quella Citta non foffe HATRI, co- 
me anch'oggi la chiamiamo con vocabolo flimato corrotto A- 
DRI? Altri forfè, fecondando i penfiert di Torello Saraina {a) 
Idoneo Veronefe, dirà, che quella fia una moneta di quell'Atro 
numerato da Manetone tra i Re dei Tofcani,, dal quale preten- 
de il Saraina , eflere flato dato il nome di ATRIA alla Città, 
e di ATRJANO al Fiume Adige, che gli feorre da preffo. Al- 
tri attribuirà quella moneta a qualche Re ufeito dalla Famiglia 
ATRÌA polla da Annio Viterbiefe (b) per antichiffima, e no- 
biliffima delle Tofcane. Io non mi afficurando punto, per quel- 
lo che ho detto di fopra, delle finzioni di Annio, e quanto al 
Saraina, e Manetone parendomi vedere, che alter mulgeat hìr- 
cum , alter fupponat cribrum , metterò le loro fantafie tra le va- 
nità. Tutti li vefligj delle rovine dell' antica Adria fono fepòl- 
ti parte dalla terra crefeiuta, parte dall'acque, che hanno al- 
lagato li fuoi contorni ; e come che tutti li edifizj , li quali 
ora fi trovano in eifere nel luogo, dove fu già quefta antichii- 
fima Città, fiano fabbriche nuove, elleno però in poco corfo di 
anni fono andate tanto fotterra , che par quafi cofa incredibi- 
le ; e ciò attribuifeono i Paefani alle acque del Po , le quali 
mentre vengono torbide depongono nelle parti vicine al mare, 
e nel mare ilìeffo , onde è avvenuto , che la previdenza della 
Repubblica Veneta ha dato altri corfi a quel ramo del Po a 

fine 



( a ) De antìq. &> amplìt. Urbis Verona . 
( l ) Sop. Sempron. 



6 4 ORIGINI E CONDIZIONI 

fine di divertirlo dalle Lagune , che da effo reftavano fenfibil- 
mente atterrate, e da tal diverfione Adria coi fuo contado ne 
ha fentito follievo notabile ; onde è , che tutti i periti conclu- 
dono, edere fiato il Po quello, che principalmente abbia iepol- 
te tutte le reliquie di quella Città col nuovo corfo della Rotta 
diSiccardo, o di Ficaruolo, del quale più diffufamente fi è trat- 
tato di l'opra: e veramente per l'informazione , che io tengo , 
in molti luoghi verfo il Po, ove fi fono trovati veftigj di an- 
tichità 3 altro non fi cava, che di quella terra, che con la tor* 
bida fuol portare il Fiume» 



HiU'1 




RO- 



ROVIGO. 

Volendo Andrea Nicolio Rodigino provare, che gli edifica- 
tori di Buonvico, il quale fu poi chiamato Rovigo, fieno 
flati i primi Tofcani , che abitarono le noftre contrade , efegui- 
fce quefto punto con tanto poco fondamento, che fé io più bre- 
vemente, e con parole diverfe vorrò riferire il fuo fé n fo , farà far- 
cii cofa, che altri creda, efiere ftata da me o mal intefa, o a bel- 
lo ftudio diftorta, o pretermeffa qualche parte della fua fcrittura; 
e perciò rifolvo di trafcrivere dalla fua Iftoria fedelmente ad ver- 
bum tutto quello che può fervire al propofito ; lafciando un più 
lungo difcorfo appoggiato affai alle vanità di Annio Viterbiefe, e 
degli fuoi Berofo, Xenofonte, Catone, ed altri inventati da lui, 
ma non ricevuti, come fi è detto, da quelli che hanno affina- 
to il giudizio, & acuito 1- occhio con l'efperienza. „ Veggendo 
(dice il Nicolio ) (a) quefti primi Tofcani la terra fcoprirfi d'ogni 
„ intorno dall' acque a più potere , e conofcendo, che per potere 
„ agiatamente abitare queife contrade , era bifogno provederfi di 
j, Cafe, o di ftanze per abitazioni loro, e delle loro difcen- 
j, denze, perciò pigliati gli arbori più grofiì , che trovarono 
„ nelle klve, e ne'luoghi vicini, molto induftremente ne fe- 
j, cero legni politi, ed agiati alle Fabbriche della parte più 
,, fottile, e della più grolla ne cavarono affai per chiudere, e 
„ far coperti alle cafe , le quali con 1' efempio degli avi , e 
„ proavi loro piantarono l'una appreffo l'altra, e dall'una, e 
„ dall'altra banda delle ftrade deftinate all'ufo di effe con pro- 
„ porzionata mifura;in altri tempi furono poi in più nobilfor- 
„ ma rifatte ài pietra, e a quefto modo fecero i Vichi cosi 
,, chiamati dalla vicinanza di quefti uomini civili ridotti in que- 
„ fte contrade alla condizione fteffa, che Saturno rizzò il Vico 
„ Tufco, Vico Maffimo, Vico lungo, e Vico deviato; e che 
„ in altri luoghi poco da quefto difcofti gli Egoni drizzarono 
„ il Vico Egono, gli Anani il VicoAnanio, e il Vico Atriolo 
„ da quefti Atrj, ora Figheruolo, il Vico Aventino , ora Vi- 
„ guenza , ed altri nomi propriamente convenevoli alle contra- 

I „ de 

(a) 1^ el primo lìb, f. 14. 



66 ORIGINI E CONDIZIONI 

, de delle Città ben ordinate, come in Roma il Vico Ciprio, 
'„ ilVico Lungo, Vico Anienfe, Vico Stellatino, Vico Affrico, 
-, efimili altri. Dove adunque Pe tre jo Nipote di Feritone , con 
, , quelli che lo feguirono, piantò le fue cafe , ivi chiamarono 
, Vico Petrejo, ora S. Donato; ed ove fi ragunavano infieme 
', per facrificare, ivi chiamarono VicoThuolo, ora Vigozzuolo; 
\ e ove nel mezzo delle corna della Fofla Filiftina videro for- 
5 , ta una pianura di belliffimo afpetto e di eminenza grata, e 
, irrigata quafi d'ogni intorno dalle acque correnti , piena di 
.-, vaghi fiori , e di verdi frondi ornata , e per feracità di ter- 
5 , reno fecondo atta molto a produrre abbondevolmente ogni 
5 , forte di grano, e per amenità di fito a nutricare erbe fapo- 
„ ritiffune da pafcolì e da fieni per gli animali, e per tempe- 
„ ratura d'aria facile a generare arbori in molta copia bellif- 
„ fimi, altri per faporitiffimi frutti, ed altri per legni agiati al 
5 , fabbricare, e in conchiufione tanto buona per ogni ricolta , 
5 , e copiofa di ogni forte di vettovaglia , quanto dalla fierTa Dea 
„ Segeftia afpettar mai fi poterle, ivi in corrifpondenza della 
„ bontà del luogo chiamarono Vico Buono. Ma fcorgendo que- 
5 , fti Tofcani ogni giorno di bene in meglio la terra forgere 
ogni giorno dall'acque, e il numero degli abitatori andare 
Tempre più moltiplicando in bene, ed elfi pigliare molto frut- 
to, e ripofo alle fatiche loro, con 1' efempio degli avi , e 
, proavi loro, che per abitare la Gianicola vi fecero la Cor- 
„ te Veja, la Corte Nenta, la Corte Giana, e la Corte Nof- 
3, fa , con altre affai, non tanto per ficurezza maggiore degli 
„ abitanti , quanto per iftare ( come per natura compagnevoli) 
„ infieme ridotti, e unitamente godere il bene, che Iddio, e 
„ la natura prometteva ioro , e ancora per poterfi l'uno l'altro 
„ fecondo la naturale inclinazione dell'uomo fcambievolmente 
„ porgere ajuto nelle maggiori occorrenze, e in ogni acciden- 
„ te fmiftro, o ftraniero cafo, che loro poterle venire , vollero 
„ indrizzar ridotti e fabbricar Corti nei luoghi più eminenti , 
„ e nei fiti fuperiori agli altri, quali poi col tempo fono di- 
5 , venute altre Gaftella, altre Terre grolle, e Città. Su le ri- 
„ pe adunque della Foffa Filiftina, come fuperiore agli altri 
„ luoghi, nella parte di fopra fondarono la Corte Ferita chia- 
„ mata cosr da Feritone, o Ferutf come di fopra ) comune 
„ Padre di quelli nuovi abitatori, fìncopata poi da'moderni , e 

« det- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 67 

5 , detta Fratta; e perciò vogliono il Sardi e Pietro Gorlino 
„ nell'Origine dell'Italia, che innanzi la Natività di Chrifto 
j, Salvatore folle edificata la Fratta , donde la Famiglia Frat- 
II ta antica di Verona, dalla quale ora Giovanni Fratta Dot- 
„ tore, e nella facoltà della Poefia perito, è difcefo; e che a 
„ canto a quella vi folle uno Castelletto chiamato in lingua 
„ Aramea Brigola, ove appunto nei moderni tempi fi diceBra- 
„ gola. E perciò in quello propofito Fra Leandro nella fua 
„ lfloria defcrive 5 che la foffa Filiftina trafcorreva da Caltelli- 
„ no prelTo alla Fratta. E più in giù rizzarono Corte Nue- 
„ to oggidì Corneto; e verfo il Fiume Atriano la Corte Lu« 
,, fia$ cognominata per opinione comune dai giuochi, e atteg- 
„ giamenti , che i Tofcani, feguendo i riti loro antichi, ufa. 
„ vano di fare ne' loro facrificj all' ombra degli arbori facri , 
„ in luogo delle Chiefe; e dove ebbero maggior fperanza di 
„ felice abitazione preffo a Vicobuono pur fu la ripa della 
„ ftefla Folla fabbricarono la Corte, che poi chiamarono Gor- 
„ te di Buonvico con altre affai, che per brevità fi fralafcia- 
„ no. Fu pofcià da perfone più vili raccolte infieme dato prin- 
3 , cipio alle Ville per potere a più bell'agio lavorare i campi, 
„ e facilmente ridurgli a più felice coltura. Quelle fono le pa- 
role del Nicolio, dalle quali non vedo, che fi polla cavar al- 
tra forma di prova, che quella. Li Tofcani AlTagi edificarono 
nelle no/Ire contrade molti Vichi, e molte Corti , Buonvico fu 
Vico, e Corte: adunque dagli antichi Tofcani fu edificato . 
Che li Tofcani, anzi li più antichi abitatori edificaffero molti 
Vichi, e molte Corti, lo prova, perchè Vico Petrejo, come ca- 
viamo dal nome, fu edificato da Petrejo Nipote di Feritone , 
la Corte Ferita > ora Fratta , così fu detta da Feritone . Vi- 
gozzuolo era nominato Vico Thuolo a thure , perchè attenden- 
do molto li Tofcani a 5 facrificj, fu tdificato a fine di ridurvifi a fa- 
crificare; e perchè quelli fi chiamarono Atrj , è da credere, che 
anco fabbricalTero Vico Atriolo, ora Figheruolo ; così edificaro- 
no-la Corte Nueto, ora Corneto , e la Corte Lufia detta a Ludo*, 
perchè vi fi riducevano a fare i loro giuochi. Quella è la pro- 
va della prima ptopofizione; e perchè l'altra non fi revoca in 
dubbio, refta a vedere qual neceffìta d'illazione faccia dedurre 
da quelle prertieiTe , che li Tofcani edificaffero Vicobuono. Per- 
chè adunque non è alcuno così poco efercitato nell'arte deldif- 

I 2 cor- 



m ORIGINI E CONDIZIONI 

correre, il quale a prima fronte non fcuopra , che non può' 
tal conclufione effer cavata, fé nella maggiore non fi fuppone, 
che li Tofcani fiano itati così foli edificatori di Vichi, e di Cor- 
ti nelle noftre contrade, che altri non ve ne abbiano mai fab- 
bricati; è cofa certa,, che non potendo ciò effer provato , ne 
foftenuto, il difcorfo refla fenza alcuna forza , e fenza punto 
di neceflìtà di confeguenza; e tanto più evidentemente y che lo 
ileffo Nicolio afferma in contrario , che gli Egoni drizzarono 
il Vico Egono, e gli Avani il Vico Avanino, ed altri il Vico 
Aventino, ora Vigoenza . Quella in riftretto è la foftanza della 
dimoftrazione del Nicolio , la quale comecché brevemente ila 
fiata fcoperta fnervata, e poco ben teffuta ; tuttavia non reflo 
io pago ài me iteffo, fé non efamino più diligentemente la fua 
fcritttara quale ella lì fia, e ciò a fine di cavare quel più che 
E può di vero intorno al foggetto , ài che fi tratta . Fa quello 
autore nel fuo difcorfo alcune tacite fuppofizioni , le quali ef- 
fendo apertamente falfe v o almeno difficili da effere fo/lentate % 
rendono vani tutti gli sforzi, ch'egli fa per provare la pretefa 
antichità di Buon vico, che fu poi chiamato Rovigo. La prima 
fuppolizione è , che gli antichi Tofcani, quando vennero in que- 
lla parte dell'Italia, oltre il Po, abitaffero vkat'rm^ come degli 
Infubri feri ve Strabone (*)-, innanzi che Milano foffe fatto Cit- 
tà . La feconda , che ballino a far prova quelle allu-fioni di no- 
mi già recitate. Terza, che gli antichi Tofcani chiamaffero le 
loro radunanze con Ir nomi fuddetti, in modo che aveffero un 
ufo di dire Vkus Bonus , TbuSy Cortis^ Lucius , ed altri limili . 
Quarta , che il nome Vicus lenza altra diflinzione importi ra- 
dunanza di perfone gìvìIk Quinta, che il nome di Corte ligni- 
fichi un luogo ferrato , e deputato ad ufo nobile, com'era la 
Corte Nofia., fabbricata ad ufo di ridurvifi a contemplare i cor- 
fi delle (Ielle , fopra di che adduce l'autorità di Annio (b). Ora 
tornando alla prima fuppofizione , quella fi conofeerà falfa da 
quello, che di fopra è flato con teftimonianze di autori gravif- 
fimi conchiufo, cioè che Adria foffe colonia degli antichi Tofca- 
ni. Mandavano* le Colonie alle contrade remote o per fcarica-r 
re le Città di cittadini poveri, e di popolo foverchio, o per- 
chè faceife infogno di afficurare qualche confine col fabbricarvi 

Città 

(a ) Lib. 5- 
(b) Lìb. %i» 



DEL POLESINE DI ROVIGO: Sf 

Citta atte a foftenere affedj, ed impeti di nemici, o per l'uno," 
e per l'altro effetto; facendo elezione di liti, ove le Terre edi- 
ficate poteflero aggrandire, e gli abitanti migliorar di fortune. 
Se dunque Adria fu Colonia, biiògna che fuffe edificata da quel- 
li , che vi furono mandati in moltitudine , acciò foffe Citta , 
nella quale aveffero ad abitare in union civile; onde ne fegue, 
che quei Tofcani qua, e la indifferentemente non fi fpargeffe- 
ro per le campagne; e benché fi a ragionevole il credere, che 
i nobili, ed i civili fi ferviffero della plebe più vile, e dei con- 
tadini a migliorare, e coltivare i terreni; è però anche credi- 
bile , anzi neceffario , che quelli attendeffero al buon governo 
della Citta, impiegandofi , quanto al di fuori, nelli traffichi ma- 
rittimi, enei Contado, comandando, e preferivendo agli opera- 
i) rufticani , come .anco fi ufa al prefente , i cavamenti diffe- 
gnati per ridurre i campi a buona coltura. Di qui è, che al- 
tro non refta da conchiudere , fé non che gli antichi Tofcani , 
maffimamente li civili, abitaffero Adria, e foffero uniti in quel- 
la Citta , non difperfi per pagos , o vicatim . Intorno poi alla 
feconda fuppofizione , non mi eftenderò foverchiamente in mo- 
ftrare , che con la detrazione , o aggiunta ? o alterazione , o 
trafpofizione di lettere , e di fillabe fia facile ad ogni uno tor- 
cere , ed applicare molti vocaboli a diverfi propofiti . Ben di- 
rò, che farebbe cofa portentofa, fé in fabbriche così picciole ? 
ed in luoghi di tanto poca confiderazione, dopo tanti fecoli , 
e dopo tante devaftazioni , e mutazioni di mondo, caufate da 
guerre, peftiienze, ed inondazioni di acque, e dopo tante mu- 
tazioni di abitanti, e di linguaggi, fi foffero confervati i nomi 
fteffi , o poco alterati , che furono pofti dalli primi Tofcani ; 
ed io per me , fé qualche divina revelazione non me ne fa- 
cefle fede , non ardirei di lafciare ciò in fcritio , parendomi pru~ 
dentifiimo l'avvifo di Dante, ove dice: 

Sempre a quel ver^ che ha faccia di menzogna , 
Dee hiom chiùder le labbra quanto et puote , 
Però che \en%a colpa fa vergogna. 

Ma non mi maraviglio i che il Nicolio non folo abbia potute» 
dare ad intendere a fé fteffo , ma tentato di perfuadere anco 
ad altri, che i nomi di quei Luoghi, ed i Luoghi ifteffi, ben- 
ché piccioli , e non mai itati di alcuna confiderazione , fiano 

riu- 



76 ORIGINI E CONDIZIONI 

riufeiti di tanta lunga durazione; poicché anco vuole (.a), che 
una Famiglia di Rovigo eftinta l'anno 13 io. foffe fobole dei 
primi Tofcani , perchè fi chiamava delli Tofcani ; e che l'ar- 
gine , il quale a' noftri tempi è nominato del Sabbato , abbia 
confervato tal nome dedotto da Sabbatio Saga ; tuttocchè fia 
cofa ridicola il penfare , non che fcrivere , che un argine , il 
quale non è né un monte, né di macigno, e che una Fami- 
glia , che non -ha dal fato maggior privilegio di tutte le altre, 
in un luogo , ove pretto forgono , e pretto degenerano le Ga- 
fate, ed ove le acque piti volte hanno ridotto le campagne a 
fiato di paludi, dopo la lunghezza del tempo, e dopo le di- 
ttruzioni , e viciffitudini poco fa numerate , abbiano confervato 
l'edere, ed il nome.* e ciò tanto è più lontano dal credibile , 
quanto che può efiere più facilmente, che l'argine per qualche 
accidente intorno a lui accorfo in giorno di Sabbato fi chia* 
mafie così / come così chiamiamo la Rotta Sabbadina , che 
è un ramo dell'Adige fatto fui Padovano per una Rotta 
fuccefla in giorno di Sabbato . Lafcio di confiderare , che 
Sabbatio Saga , fecondo Berófo (£) , fu da Giano coftituito 
Sommo Pontefice ab Armenia ufque ad Battrianos , e ^he per 
il parere dei migliori Ifiorici , veduti pur anco dall' iftefso Ni- 
colio (e) ., quetto non venne mai in Italia : e guanto al- 
la Famiglia dei Tofcani, quando non fi vede, né fi lente nomi- 
nar tettimonio alcuno di quefta antichiflima difeendenza, vorrei 
faperé chi fia per far fede y che a' tempi meno antichi non fia 
ella venuta di Tofeana , e che per quefto o altro fimil rifpet- 
to fia fiata detta dei Tofcani, come in Venezia , in Padova, 
in Vicenza, in molte altre' Citta' d'Italia ne abbiamo affai no- 
minate dalle Città, e luoghi, donde fono venute. Simile inav- 
vertenza ha monVato il Micelio , ove facendo un fafeio di 5<y. 
Famiglie, le quali al prefente fono nobili, e principali in Ro- 
vigo, vuole, che tutte fino dai tempi. d'Attila fiano venute ad 
abitare la Corte, di B,uon vico , fenza far punto menzione né 
da qual luogo' fiano partite, né a qual tempo; cofa che ha da- 
ta materia ragionevole a qualche ingegno più circofpetto (d) di 
tacciarlo, mentre non ha penfato aH'inverifimilitudine, che fe- 

. . co 

(a) Ts[el primo libro. '"-\ 

(b) Lib. 4. de *Anu Regn. totìus 0,-h:s< 
( C t{el primo lib. 

(d) L'autor del Zago\ 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 7 , 

co portano il numero , il tempo , e il modo di quello, còncor- 
{o , per non dir altro della impoffibilith del regiftro , e delle 
Croniche particolari, delle quali non fé ne trovando memoria 
che ferva nelle fcritture pubbliche ài quella Terra, ne effendo 
poffibile, che tutti fiano flati ad un tratto di tal condizione, e 
ipirito , che abbiano giudicato efpediente lafciar memoria dei 
loro principj alla pofterità; e quando anco tutti aveffero lafcia- 
te memorie baftevoli, non effendo poi probabile , che quelle ap- 
preffo tutti fi fiano confervate dopo tante mutazioni, quante ab- 
biamo numerate , e confiderate di fopra , refta , fé altro 
non fi vede , che tutto quello che di effe nel propofito 
ha lafciato fcritto il Nicolio , fia pura , e mera finzione 
fondata fui volontario. Finalmente, per tornare ove mi fono 
partito, fé fi ha da tenere, che i nomi delle cofe , come in- 
fegna Ariftotele («), fiano fecondo il noflro beneplacito, non 
io vedere come poffa efiere vero ciò che fcrive il Nicolio (£) 
della fomiglianza dei nomi, e cognomi , profetando con l'au- 
torità di Livio (e), e di Annio (*/), che „ la convenienza dei 
„ nomi , e dei cognomi delle cofe fia folita apportare conclu- 
„ dentifiìmo argomento, e reale ttfiimonianza della verità, non 
„ effendo altro il nome, che la foflanza delle cofe con la qua- 
„ lita loro propria. Ma fé non gli fervi la Grammatica per in- 
tendere, che il nome come parte dell'orazione non è, mafìgnifica la 
foftanza e la qualità propria ; e fé la fua logica non pafsò 
tant' oltre , che gli ballarle per non confondere così flrabocche- 
volmente il quid nomini f col quid rei , anzi che lo lafciaffe tra- 
feorrere nell'opinione attribuita da Aulo Gelilo (e) a P. Ni- 
gidio, e da Simplicio (/) ad Archita, ed agli altri Pittagorei, 
i quali {limarono Nomina natura , & non pojìtione effe, che ma- 
raviglia farà fé anco tanto fuori del cafo fi abbia fervito de- 
1' autorità di Livio, lafciando per ora Annio? Le parole di Li- 
vio fono quelle: Quantum potuerint , parla dei Tofcani, Nomi- 
na funt argumento , quod aherum Tufcum communi vocabulo , al- 
terum Adriaticum Mare ab Adria Tufcomm Colonia vocavere Ita- 
lica 

(a) 'Primo ìib. de Int. cap. 2. 
( b ) "ì^el primo libro . 
( e ) L'tb. 5. prima Dee. 

(d) Sup. Itiner. Antonini TU de Gemici. 

(e) Lib. io. e. 4. 

(f) In pr c ed. cap. de <squ. Cor», in fine . 



7 2 ORIGINI E CONDIZIONI 

tic* gentcs. Ora fé la certezza, che fi ha della derivazione di 
quelli nomi , abbia proporzione con quella , che ha egli avuto 
delle denominazioni di Buon vico, di Vigozzuolo, e dell'altre , 
giudichilo chi ha fentimento; come avrà anco da giudicare fé 
cffendo mutati li nomi di quelli Mari, fia mutata la loro na- 
tura, e fé fi muterebbe Rovigo in Lendinara, e Lendinara ia 
Rovigo ^ fé quefto Lendinara, e quella Rovigo fi nominaflero; 
e medefim amerete fé l'origine di Vico jPetrejo fervaffe il rifpet- 
to al Nipote d^ Feritone, quando, come può eflere,e ha me- 
no dell'incredibile^ foflé flato edificato, o pofTeduto da qualche 
Fetrejo Romano; e che ciò abbia più del verifimile , egli do- 
vrebbe concederlo, come quello, che riceve volontieri per legit- 
timi gli fcritti di Berofo commentati daAnnio, fecondo i qua- 
li affai chiaramente confta (*), che per comandamento di Gia- 
no venne ad abitare l'Italia Cornerò Gallo , e che Petrejo an- 
dò ad abitare l'Arabia , che da lui fu poi nominata Petreja . 
Quanto all'autorità di Annio , prima voglio avvertire , che il 
luogo addotto dal Nicolio fopra l'Itinerario non lo ha princi- 
palmente eccitato , ma bensì il commento ultimo del quarto di 
Berofo , ove Annio fi vale dell'autorità già confiderata di Li- 
vio. Ma perchè volle il Nicolio dare ad intendere, ch'egli da 
sé aveffe trovata quella bella prova , lafciò di citare il luogo 
vero, che lo avea mollo a fentire, e fcrivere così. Avea^det- 
to Berofo : Hi funt qui egreflì funt pojì Nymbrotum fenguli cttm 
familiis , & coloniis fuis relinquentes nomina fua locis in ftgnum 
espeditionis a Jano Patre cornati jf ne , Ò 1 ad monumentimi pofleris^ 
ut fcirent quìs eorum fueri/conditor . E perciò Annio nel commen- 
to cavò da quefto luogo , che argumentum a nominibus vetuftis 
gentium 5 & locorum e/i validius quocumque auBore^ quia au&oresquan- 
doque falluntur , & fallunt ,non autem nomen impofitum^ & ideo Li- 
vius in^.&c. Quando però ilNicolioha veduto, e trascritto, come fi 
vede nel fuo tefto , non folo il concetto , ma anco le medefirae parole 
di Annio, dovea avvertire, ch'egli intende, e parla dei nomi, 
che non fono ambigui, e che fi sa certo efTere antichi, come 
già fi è detto del Tirreno, e delio Adriatico; non di quelli , 
che poffono contenere equivocazione, e che non hanno né cer- 
tezza della loro antichità , né alcuna verifimile proporzione 
della cofa nominata con quello, da chi fi pretende effer venu- 
to 

(a) De antìq. Regn. tot, orfr. !ib. 4. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 73 

to tal nome; e fé bene valefle il dire con Annio , che Genua 
pofla per la fua antichità, per il fico, e perchè fu Tempre ca- 
po della Liguria, aver mantenuto col fuo nome l' antico rifpet- 
to a Giano, tutto che non manchi chi voglia, effere (tata det- 
ta a gignendo , vel a figura gcnu ; non farà mica così ragionevo- 
le, che un luogo, il quale non fia mai ftatoaltro cheunapic- 
ciola Villa, che un argine, e che una famiglia , della quale 
non fi ha mai intefo, fé non le due parole volontarie, che ne 
fcrive ilNicolio, abbiano potuto confervarfìquei nomi per tan- 
ti fecoli, e dopo tante rivoluzioni di cofe. Così era da offer- 
vare in Livio, come non dica egli, che l'ciTere il Golfo nomi- 
nato Adriatico tiri in confeguenza neceffaria, che non poffa ef- 
fere flato denominato fé non da Adria; ma bensì, che ftante 
il non efser cofa dubbia, che fia flato nominato da Adria , fa 
argomento chiaro, che gli Adriefì fiano flati molto potenti, e 
abbiano avuto gran Dominio in quello mare . Ma paflìamo al- 
le altre fuppofìzioni . Era la terza in ordine, che gli antichi 
Tofcani avellerò in ufo quefli vocaboli Ficus , Bonus, Thus^CoY- 
tis, Lucius, ed altri limili^ i quali fono apertamente latini; eppur 
è vero, che tanto era differente il parlar Tofco dal Latino, che 
non folo non convenivano nelli vocaboli , ma né anco nelli ca- 
ratteri; come pure che fiano flati diverfi gli autori appreffo que- 
lle genri in Italia, poiché per teflimonio di Tacito (*.) Damara- 
to Corintio defignò, e diede l'ufo delie lettere alli Tofcani , e 
Evandro Arcade alli Aborigini . At in Italia Etrufci ab Cor'mth'w 
Damaratho , Ab origines Arcade ab Evandro didicerunt ; e comec- 
ché non voglia io oftinatamente contendere, che gli antichi Tof- 
cani non abbiano anco ulati i caratteri dei Latini oltre i proprj, 
ad ogni modo non dubiterò di affermare con fondamento , la 
lingua, eli vocaboli effere flati fempredifferentiflìmi dai Latini ; 
che perciò quanto al parlare antico dei Tofcani fono flati tro- 
vati molti marmi, e intenzioni antichiflìme , le quali tuttoché 
fiano fumeientemente efprefle , e leggibili , non fi fa però quello, 
che vogliano fignificare , eifendofì perduta quella lingua , come 
la Ofca , e la Cartaginefe , le quali intanto fono andate in di- 
menticanza , che dell'una fé ne trovano folamente alcuni pochi 
verfi in Plauto, (£) e dell'altra qualche parola nei fragmenti di 

K En- 

(a) XI. ninnai. 
: (b) Vjsl Venduto. 



74 ORIGINI E CONDIZIONI 

Ennio, o appreflo qualch' altro per gran forte ; così fono man- 
cate laPreneltina, la Sabina, ed altre , le quali , febben erano 
di Citta non molto lontane da Roma , erano però > come offer- 
va Girolamo Colonna nella vita di Ennio , nelli vocaboli dal- 
la Romana molto differenti . Lafcio di confederare , che ab- 
bia lafciato fcritto Dionifio Alicarnaffeo , (a) la lingua dei Tir- 
reni, i quali poi furono chiamati Tofcani , non aver avuto con- 
venienza con alcun'altra, il che non fi può così affolutamente 
dire della latina. Ma non pollo già in modo alcuno pretermet- 
tere quanto a fimil propofito ha notato il Volterrano, (b)ovs 
parlando dei Tofcani dice : Indicium vel maxime barbaros hlc 
quandoque h abit affé firmo pere grinus ; nam author Livius , cum ad 
Sylvam Ciminam a Fabio confule vitti effent Hetrufci , quidam eos 
per Sylvam infecutus , qui linguam betrufcam probe noverat . Idem 
quoque in nono fcribit , Romano* pueros antiquitus Hetrufcis Utteris, 
jficuti poflea Gracis , erudivi folitos . Plinius llicem vetujìam dicitfuif- 
fé Komae aneis litteris Hetrufcis infcriptam . Folaterris quoque nuper 
veperta faxea imago longa vetujìatis cum litt>eris circa (uri putamus} 
Hetrufvis y qu<e nulli hodit ' dignofcuntur, Augufìus item apud Tranquil- 
lum mecanatemfuum vevbis hetrufcis exagitat Efar eum , id e fi Deum 
Etrurice ,vocans . Brevemente, io fumo gran mancamento del Ni- 
colio il non avere almeno offervato nelfuo Annio, che li Tof- 
cani antichi parlafTero in lingua Aramea , ed Egizia . Le fue 
parole nel luogo (e) pur citato dal Nicolio ftanno così.- Nam 
tum Coritus ante Dardaniam conditamfuerit , quando non erat La- 
tina , vel Grosca lingua , patet ad linguam Arameam , & E^y- 
ptiam^quainvenitur tifa Hetruria , recurrendum effe . Nella quarta 
fuppofìzione vuole il Nicolio, che quefto nome Ficus fenza al- 
tra diitinzione importi radunanza di perfone civili, come aper- 
tamente fi cava non folo dalle parole della fua iftoria, maan- 
co dall' aver egli lafciato fcritto nel margine : Ficus dicitur pars 
nobilis , in qua habìtant Domini , & Capitana C. Item qui Domi* 
ni in ufibusFeud. lo mi acquieterei all'autorità dell'Autentica, fé 
fi trattarle materia legale, e forfè anco ciò farei nel proposto, 
quando fìimaffi, che fofTe flato ben intefo quel luogo; ma per- 
chè fi tratta di termine grammaticale, e geografico, e perchè 

mi 

( a ) Lìb. primo. 

( b) Com. Vrban. Uh. 5. 

(e) Quaft. 16. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. fi 

mi do a credere, che il Nicolio, per altro affai buon Giurif- 
confulto, accecato dal troppo affetto della fua Patria non abbia 
ben ponderato il Tento di quella fcrittura, anzi abbia diflimu- 
lato quello, che altrove avrà veduto nelle fue leggi; non re- 
iterò di avvertire al prefente cofa, la qua/e, per effer più che 
notoria, non avrebbe biibgno di altra difcuffione, ed è la di- 
ftinzione appreflb i Grammatici tra Vico Urbano , e Vico Ru- 
fticano, intendendo effi Vico Urbano partern Urbis , qua ex mul- 
tiplicatis domibusfitj e Vico Ruft icario, cum plures ruflìcana do- 
mus con/ untl.e funt, & al'tquo [patio remota ab Urbe , dummodo 
7ion fmt claufa mcentbus: Quod ad me , dice Cicerone, me a Te* 
relitta, fcribis te Vicum vendituram , &c. ed altrove .* CraJJum 
divitiis fupero , atque omnium vicos , & prata contemno ; unde Vica- 
ri, qui in Vico rufìico habitat» ; e cosi la intende anco il Magi- 
no fopra Tolommeo, ove tratta del foggetto del4a Geografia. E 
perchè il Nicolio ha avuto guflo di trattare alla legale, fegui- 
tiamo il fuo genio, e diciamo, che niente diverfamente fente 
Pietro RebufFo grave, ed accurato Giurifconfulto (a) , le cui 
parole fono quelle. Vicus etiam dicitur ruri domorum congeries , in* 
ter quas fit via , unde vocatur Vicus, & prope accedit ad Burgum , 
& dicitur vulgo ( Village) dum non funt mcenia / facit Lfecunda in 
fi:<? jf.de excufationibus munerum , unde in ilio Vico habitantes vo- 
cali tur Vie ani in l. Unica Cut nullus ex Vicaneis lib. il, facit Qui 
ex Vico ff. ad Municipalem . La legge feconda de excufationibus mu- 
nerum nel fine dice così. Qui pu eros per litteras docent immuni- 
tatem a civilibus muneribus non babent , fed ne cui eorum id quod 
fupra vires ftt indicatur , ad pr afidi s religionem pertinet fìve in ci* 
vitatibus, ftve in Vicis public as litteras magiflri doceant . Ecco il 
Vico contradiftinto dalla Citta, il quale non può effer altro , 
che il rufticano. La legge Unica nel Codice dicendo ; Vicis 
etiam vel poffe jfionibus , viene a fignificare l'ifteffo, E finalmente 
la legge, qui ev Vico, parla in quefta forma. Qui ex vico ortus eft 
eam Patriam intelligitur babere cui Reipublic'ce Vicus ille refpondet , 
ove la Gloffa porta l'efempio di C.Virgilio, dicendo : Ut Vir- 
gilius Mantuanus licet ex Vico ejus , feilieet Pleftola , fuerit ortus . 
Ma perchè non refti fcrupolo alcuno di quefta verità, potran- 
no gli ftudiofi vedere il luogo dell'Autentica, ove troveranno, 
effer tanto lontano, che vi fi dica cofa al propofìto, che anzi 

K 2 vi 

(a) Sopra la L. Tupi/Ius in 6. óppidum ff. de verb. jignìf. 



7 5 ORIGINI E CONDIZIONI 

vi fi cava tutto il contrario. Numeranti ivi le caufe , per le 
quali il VafTallo fuole perdere il Feudo, e tra quelle fi mette: 
Si Dominum ajfallerìt , vel Vicum in quo ejì • né altro tocca quel 
Tetto, né parla di Vico, o diCapitanei. Che mòle Ville ab- 
biano i loro Padroni, i quali anco vi abitino per qualche tem- 
po , non fi ha da porre in dubbio ; così le aveano Lucullo , 
Pompeo, Cicerone, Celare,, e tanti altri. Ora fupponiamo quel- 
lo che è veriffimo; Adria edere fiata Citta, e Colonia d-e'Tof- 
cani, come per teftknonianza di autori gravitimi è fiato pro- 
vato. Quefia al ficuro dovea avere il fuo Territorio, e il Ter- 
ritorio le Ville. Nel refio , fé Buon Vico , dato , e non con' 
ceffo, che a quei tempi foffe in efiere, fia fiato diftretto , come 
eliciamo, e del Contado di Adria, facilmente fi può provare, 
perchè effendo Vico, e non parte di Citta y nece Ilaria mente era 
Vico ruiìkano, ed effendo tale dovea appartenere ad una Cit* 
ta , o Gaftello - f e perchè in fiato da Vico non appartenne mai 
ad altra Citta, che fi fappia, refia che foffe d' Adria , mafiì- 
mamente effendo quefia tanto vicina f che non fi può dire , 
che li Tofcani poffeditori di quei contorni abitaffero, Gomegia 
è fiato confiderato, vicatim^ o per pagos ; in conseguenza non 
refia adito a Buonvico per falvarfi dalla dependenza della Cit- 
ta d' Adria , come fi vede , che dipende nello fpirituale fino al 
dì d'oggi Rovigo. E fiupifco, come abbia il Nicolio »è anco 
aperta la bocca in contrario, dovendo egli, come fece, registra- 
re il Privilegio di Martino, nel quale fi fcuoprono tre cofe 
molto pregiudiziali alle fue pretenfìoni; la prima delle quali è, 
che il Fondo Roda fi numeri tra le pertinenze , e proprietà 
della Chiefa d'Adria; la feconda, che effendo Buonvico ancono- 
minato Fondo, dal lignificato di quefia parola fi cava beniflà- 
mo di qnal condizione foffe il Vico, del quale ora fi tratta ; 
poicehè fandusy fecondo la buona grammatica y e fecondo l'ufo 
delle formule ordinarie , altro non vuole , che aliquid mìnm 
quam ager >ut jìngula prata , Jìngula vineae , hortì &c. in modo che 
fondo viene ad effere un campo rufticano, o femplice , o, co- 
me altri vuole, con qualche edilìzio. La terza cofa pregiudi- 
ziale , che fi cava da quel privilegio , è che al detto Fondo 
Roda in que' tempi non apparteneffe altro che un bofco, ed u? 
na valle, eppure altrove iì rapprefenta il fuo Territorio am- 
pio oltre l'Adige della Chiruola, in modo che abbia occupato 

gran 



DEL POLESINE DI ROVIGO: 77 

gran parte del Padovano, della qual pertinenza però non fifa, 
che fia mai fiata veduta memoria ; e certo , fé alcuna ne a- 
vefle avuta il Nicolio , T avrebbe egli confiderata , e amplifica- 
ta, quando nelle faccende di manco rilevo alla grandezza di 
Rovigo fi diffonde v ampiamente più del dovere. Era la quinta, 
ed ultima fuppofizione , che il nome di Corte fignifichi un Luo- 
go ferrato, e deputato ad ufo nobile, come era la Corte Nof- 
ia fabbricata dalli Tofcani a fine di ridurvifi a contemplare il 
corfo delle Stelle. Ma che né anco quello penfiero abbia mag- 
gior fondamento degli altri , farà facile di comprendere a chi 
avvertirà ciò che vaglia il nome di Corte non folo appreso i 
buoni autori Latini, ma anco nelle formule, e fcritture anti- 
che dei Notaj. I buoni autori Latini intendono, che Cbors , 
vel Co hors Jit villarum intra maceriem fpatium , ove fi teni va- 
no galline , api, pecore, buoi, carri, aratri, ed altre cofe ru- 
fticane; onde Ovidio (a) parlando della Volpe: 

Abjìulerat mttltas Ma cobortis aves , 
Marziale, (b) 

rauca chortìs aves. 
Cominella: (e) & ut a pecoribus recedam , quorum in parte avi- 
unì cobortalium^ Ò 4 apium cura pojìta ejì a Varrone > (^ ) faciun- 
dum etiam plaujìrh , ac cetero inflrumento omni quibus celum plu- 
vium inimicum in chorte , ut fatis magna fìnt tetta ' y base enim Ji 
intra claufum in concepto , & fub dio furem modo non metuunt 7 
fed adverfus tempefiatem nocentem non refìjìunt . Chortes in fon- 
do magno duce aptiores , una ut interim compluvium habeat locum, 
ubi aqua faliat , qui intra ftilobatas cum venit Jit femipi/cina . Bo- 
ves enim ex arvo aflate redutti bic bibunt , bic perfonduntur , nec 
minus -e pabulo cum redierunt anferes^ fues, porci. In Cborte es- 
teriore lacum effe oportet , ubi maceretur lupìnum ; item alia , quee 
demijja in aquam ad ufum aptiora fiant . Cbors exterior crebro o- 
perta Jìramentis , ac paleis obeuleata pedibus pecudum Jit minijìra 
fondo ex eaquod evehatur, E perchè quello nome di Corte vie- 
ne introdotto dal Privilegio, o Refcritto del Pontefice al Vef- 
covo d'Adria, che fi dice effere flato edificator di Rovigo,ve- 

dia- 

(a) 4. Fa/?, u 704. 

(b) EpigJib.6. 

(e) Trimo de reruftic. cap. i6 t 

(d) "Nfimìnantur Cborte s in Triv. Oth. primi regijìr. h Sigon. /. 7. de Re Italie an. 
$64. & in Privil. Conrad, lib* S.an, ic?j. 



7* 



ORIGINI E CONDIZIONI 



adiamo anco iti qual lignificato, o ufo fia ricevuto appretto i 
Caricelliérì-e -Notaj : nelle loro fcritture. Trovo io nelle For- 
mule antidiec aggiunte a MarcoJfo quelle 'parole * Denuo per hoc 
praceptum fpscialius decernimus ordinandum atque omnino jubemus y 
quod in perpetuum abfque ullis objìaculis & refra'&aùoriibm voluimus 
effe manfurum pràcipientes ut ficut conjìat in fupraditlh t'mtlis [cri- 
ptum effe , ut illud Monaflerium maneat abfque 1 ullo introitu Epìf- 
copi % aut Arcidiaconi nijt orationem y aut ■ pradicationem lucran- 
dolo* ut nullus Judex publicus in Curtes y mei Villas ipjtus Mo~ 
najìerii nullum debeat habere introitum Ò*c. Nel qual luogo Girola- 
mo Bignonio uomo molto e'rudito avvertifee moflrarfi da quefto 
modo di feri vere , Villas etìamCurtes: diffas fuiffe fteuti & in diplo- 
mate Caroh Rsgis prò Corbeice Cenobio ! * Villas feu Curtes , vel ea y 
quee deincep? in partes ipjius Ecclefue voluerìt divina pietas augeri » 
Et in traditionibus Fulgenjìbus lib. 2. jugerum curtiferum dicìtur y 
in qu& adifìcium rujìicum , & villula ejjet* L, Salica tit. 6* canem 
cuflodem domus , Jìve ' Curtis, Oltm quidem Cortem Romani dixers 
eam Villa, partem , quas minibus cincia , & in qua permulta rujlica 
opera exercentur* Così dunque abbiamo fin qui , quello che ve- 
ramente lignifichi il -nome di Corte , econleguentementediqual 
condizione polfa effere fiata la Corte' di Buonvico ; nel qual 
propofito non lafcierò di notare y come al dì d'oggi fi trovi 
quali nei penetrali di Rovigo certa Corte molto antica , la 
quale da tutti communemente viene chiamata l'ara, come nel 
nolt.ro volgare fiamo foliti nominare quelle, nelle quali fi bat- 
te il grano; onde è che effendo a quella attaccate le Cafe di 
quelli dalle Carte, e dei Molini , addimandano quelli y a diftin- 
zione degli altri della medefima Calata, i Molini dall' Ara ; e 
dicono li Rodigini, averfi per anticha tradizione, che in effa fi 
raccoglievano, e battevano i grani degli Elìenfì* Io non affer- 
merò, che fia fiata l'antica Corte di Buonvico, né lo neghe- 
rò, ma io pendo confammo a credere anzi di sì,' che di nò. 
L'autorità di Annio per quello, che dice della Corte Noffa y 
febbene appreflb gli eruditi farà fempre fofpetta, è però anco 
Hata male intefa dal Nicolio, in quanto ha '(limato , che Cort 
voglia importare fecondo il lenfo di Annio lo Hello , che Con-, 
& Coborsy e Qurtis in lingua latina, eppur è vero che Annio 
apertamente dice, che quel luogo fi chiamò Cort da Corito 
Re, del quale parla Virgilio, ove dice : 

Ex- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 79 

Extremis C oriti pervenir ad Urbcs. 
Nojfaj dice Annio (*), apud Arameos ftgnificat locum ad anguria 
capienda aptum . Beatus vero Hieronymus interpretatur forte augu- 
riunì libro de interpretationibus . Hinc per fyncopem de more Tbu~ 
feo Cort Nojfa efì Coriti locus auguftus in Agro Hetrufco juxta 
Voìftnenfem lacum ; illud deleverunt Romani cum ipfi vicino Op- 
pido . E poco dopo : Cort Nyenta e/i Coriti mons & munitum 
Oppidutn olim caput Lydorum agre/ìium. £ quanto alla Nofìa è 
da notare, che il Nicolio, ove dice, quello effere flato luogo 
riftretto, o ha prefo errore nel leggere, o fi è fervito di te- 
tto depravato, intendendo angujìus invece di augujìus. Io ho ve- 
duto i tetti di Anverfa, di Lione, e di Bafilea, e tutti dicono 
ad un iftefib modo. Ma che diremo di Gorneto, poicchè anco 
di quefto dice il Nicolio, che fu Corte Nueto alla fimilitudi- 
ne di Corneto Romano , trascurando, o diffimulando, che An- 
nio, mentre parla di quefto, fcrive cosi: Jguare non a Coritocor 
appojitum ejì , [ed a latinis , qui novum Caflrum adiicieutes veteribus 
Gravifcis ab in/igni corno arbore Nuetum cor Nuetum dixerunt, quia 
Etrufci ab in/igni /epe Urbes appcllavere . Ecco onde fia detto 
Gorneto il Romano , ed onde poffa effer venuto il nome di 
queit' altro, poicchè vuole, che alla fimilitudine di quello fia 
ltato denominato. Ora fé per anco non è fufficienteraente pro- 
vata la pretefa antichità di Buonvico, né meno fi fa per cer- 
to, che a' tempi di Giulio Cefare folle in rerum natura ; e le 
in quanto vi fia flato, la verità è, ch'egli non poteva effere 
fé non Vico, o Corte rufticana dependente da Adria , facil- 
mente ogni uno potrà giudicare, fé, come vuole che fi creda il 
Nicolio, abbia fino da quel tempo per fé fteffo immediatamen- 
te partecipato la Cittadinanza Romana in modo, che fenzaco- 
nofeere altra Superiorità , o dipendenza, abbia avuto autorità di 
far Confegli, Decurioni, Magiftrati, e Statuti alla fimilitudine 
di quelli di Roma. Quella Cittadinanza Romana cafeata fopra 
Buonvico ftimò egli effere quella fteffa, che da Giulio Gelare 
per cfprefiò ordine del Senato fu conceffa a' Padovani , Ateftini, 
Veronefi, e a tutti gli altri popoli tranfpadani, collocando quel- 
li di Adria , e di Buonvico nella Tribù Latina ; il che prova 
con la fede di alcune ifcrizioni di marmi trovati fotterra nelli 
contorni, e Villaggi di Rovigo per la nota, che tutte hanno 

di 
(a) Quefl. 36. fopra cit. 



80 ORIGINI E CONDIZIONI 

di LAT. cerne pruova la Cittadinanza Romana con J' auto- 
rità di Dione, e di Svetonio. Dione, (a) fenza nominare né 
Padovani, né Ateftini, né Veronefi, e fenza fare alcuna men- 
zione di ordine del Senato, fenve femplicemente quelle parole* 
Gallis qui vis Alpes tram Padum incolebant , quod fub fuo impe- 
rio fuiffent, Civitatis jus dedit ; né più oltre fpecifica quelli 
Galli. Svetonio parla ben più chiaro, ma però in modo che 
niente ferve al Nicoiio: Qua fiducia , dice egli, ad Legiones 
quas a Republica acceperae , alias privato fumtu addidit • unam et- 
iam ex Tranfalpinis confcriptam vocabulo quoque Gallico Alau- 
da enim appellabatur , quam difciplina , cultuque Romano infìitu- 
tam & ornatam pojìea unìverfam Civitate donavit : e più oltre * 
Civitate donatosi & quosdam e fem 'barbar is Gal/orum recepì t in 
Curiam ; e verfo il fine : Gallos Ccefar in trìumpbum ductt 
ìidem in Curia Galli braccas depofuerunt , latum clavum fum- 
ferunt &c. Ma fottoferiviamo a Tacito, (b) al giudizio del Si- 
gonio , (c) v e dell' Alciato, (d) che fi hanno da ftimar buoni , e 
concediamo al Nicoiio, che tra i Galli privilegiati da Cefare 
della Cittadinanza Romana fiano flati gli abitatori dei noftri 
conturni, poicchè lo dice anco Strabone; (<?) e apprefio conce- 
diamo anco, che Buon vico a quei tempi foffe in buon efiere • con- 
fiderà ad ogni modo il punto , come accennai poco fa, nel cònfi- 
derare,fe con la condizione di vico rufticano, e con la dependenza 
della Citta d' Adria , polla per fé fleflb, e immediatamente aver 
•avuto infieme con la Cittadinanza Romana 1' autorità di crearci 
magiftrati, decurioni, leggi municipali, e altre fimili prerogati- 
ve. Dice il Sigonio , (/) che il jus di quella Cittadinanza con- 
cetta ai Trafpadani confifteva, ut magtftratm petere Romce , ■&* in 
Senatum legi pojjent: né tocca punto i pri vilegj porti dal Nicoiio 
il quale indubitatamente fi feoprirà niente più accurato in quella 
parte di quello che fia nel refio, da chi intenderà bene in quali 
cofe confiftefie la ragione dell'antica Cittadinanza Romana . E- 
rano alcuni Cittadini Romani pieno jure 5 il quale confifteva pri- 
ma, 

(a) Lìb. 41. 

(b) Injul. Caf. 
(c)iAnnal. I. 2. 

(d) De lAntìq. jure lt. I. 3. e. 2", 

(e) Lìb. 2. Hifi. Med. 

(f) Lìb. 5. fub. init. 

(g) 'bis' Luogo citato. 

( h ) Ex Tarivi?!. Imp, Rom. ubi de jure thìt. Roml 






DEL POLESINE DI ROVIGO. Si 

ma, e principalmente nella facoltà di dare il iuffragio ; altri erano 
lenza voto, altri Municipi, altri Coloni, e altri anco di minori 
prerogative. Il Cittadino del primo ordine godeva oltre le lue 
proprie anco tutte le preeminenze degli altri; a quelli d' infe- 
rior condizione alcune fi concedevano, alcune fi negavano. Era 
il Cittadino perfetto jure uomo libero , che nei Comizj Curiati 
<2ava il voto nella Curia , nei Centuriati nella Centuria , e nei 
Tributi in una delle trentacinque Tribù. Avea oltre ciò privi- 
legio di non poter efler legato, né battuto, né punito di pena 
capitale, le non dal Popolo Romano. Era il terzo fuo privile- 
gio, che nella legione avea il jus militare, il quale conveniva 
io lo agli ingenui, e confifteva nel tempo di efler deferitto, enei 
tempo, e caule di efler licenziato dalla milizia , nel potere aver 
carichi , nella qualità dei premj, e delle pene , e altre eofe Ami- 
li. Il quarto era lo avere i Figliuoli lotto la patria poterla ; il 
quinto era -il jus delle adozioni, della gentilità, e della toga ; il 
ki-o era, che iòlo poteva ottenere 1' eredità per teftamento d' un 
Cittadino Romano; il fettimo era il jus alienandi , come diceva- 
no, per nexum-^ l'ottavo confitte va nella ragion del Commercio . 
E quelli erano i privilegi della Cittadinanza Romana raccolti, 
ed' efpofti dal Panvinio, ( a) ai capi deìli quali fi ridurrà quanto 
di efii ha icritto più difFulamente il Sigcnioj (b) o fé non vi fi 
potrà in qualche parte così facilmente ridurre, non metterà però 
uè anco in eflere altro di più , che appartenga al propofito. Non 
fi trovando dunque fra quelli privilegj la facoltà di far fepara- 
tamente lèggi, magiftrati , decurioni &c. fvanifee in tutto l' af- 
fezione volontaria del ?^icoiio, alla quale quanto ferva 1' au- 
torità di Gelilo- addotta da eflo , fenza citarne il luogo, e fen- 
za riferirne le parole, fono per moftrar facilmente, fé però mi 
farà, come credo, lecito adoperare le conghietture . Non tro- 
vando io dunque altrove cola più fimile al ilio fenfo delie pa- 
role, che ora riferirò fedelmente, mi fi concederà il poter dire, 
che di qui abbia egli cavata l'autorità; e perchè quefto luogo vie- 
ne ad airro propofito portato dai Panvinio, (e) dal quale è flato 
altrettanto ben intefo, quanto fu mal ponderato dal Nicolio , 
metterò le parole dell'uno, e dell'altro. Munìcipes y dice Gellio, 

L (*)fint 

(a) Imp. R*m. loco Citato ; 

( b ) Di ant. jure Cìvìt. Rotn. l\h. I. 

( e ) lm. Rom. ubi de jure Municipum cum fuffrag. 



8z ORIGINI E CONDIZIONI 

(/*) funt Cives Romani est Munkipiis fuo Jure^ & le gibus fuis «- 
tentes , muneris tantum cum Populo Romano bonorarii participes t 
a quo munere capejjendo appellati videntur, nullis aliisnecejjifati' 
bus y neque ulla Populi Romani lege adfiriili , quum mtnquam pO" 
pulus eorum fundus faftus effet. Sed Coloniarum alia necefjitudo 
ejì\ non enim veniunt extrinfecus in Civitatem^ nec fuis radicibus 
ttituntur, ut municipia y fed ex Civitate quaft propagata Junt , & 
jura) injìitutaque omnia Populi Romani , non fui arbitrii habent, 
Hac Gellius , foggiunge il Panvinio, ita ut municipia cum Civita' 
tis quidem Romance privile giis , & jure fuas leges , fuos magiflra- 
tusy & fua tam publica , quam privata infìituta ret'merent , ut 
cuique municipio antiquitus mos erat. Colonia vero alia ratione , 
ut poft opendam , Rempublicam gerebant . Ecco il fenfo delle pa- 
role di Gellio ben intefe dal Panvinio, dalle quali non fi ca- 
va, che alcuno in virtù della Cittadinanza Romana potefie far- 
li leggi, e magiftrati; ma bensì, che li Municipj, non oftante 
l'efiere Cittadini Romani, potettero governarli con quelle leg- 
gi, e magiftrati, che aveano per innanti; cofa, che non era 
concetta alle Colonie, le quali eflendo come rampolli, e fobo- 
le della Città di Roma, dovevano ufare le leggi, e forme de' 
magiftrati della loro matrice . E perchè pare , che il Nicolio 
profettì afiblutamente , e fenza alcuna eccezione, che la Citta- 
dinanza Romana donata da Cefare alli Trafpadani facefle go- 
dere a quelli la ragione del Cittadino perfeóìo jure , come fé 
tutti follerò privilegiati ad un modo ; s' ha da avvertire quello 
eh' è fiato toccato di fopra, cioè che alcuni erano Cittadini Ro- 
mani fenza fuftragio, e che può efiere che anco li Adriefifof- 
fero di quella condizione, non fé ne fapendo altro né da Dio- 
ne, né da Svetonio. E fé ciò fotte flato, quando non poteva- 
no concorrere con la Tribù a far leggi comuni , molto meno 
avrebbono potuto farne a fé fteflì delle municipali, eflendo que- 
lla facoltà effetto di maggior liberta, e di autorità più eminen- 
te; in quanto può più quello, che è atto a far leggi e magi- 
ftrati per fé fletto, di quello, che non può fé non con il concor- 
fo d'altri, ed in quanto le municipali fpeflb derogano alle comu- 
ni. Nel reflo eflendo cofà chiara, che le Tribù non facevano fe- 
paratamente leggi a fé flette, ma che tutte infieme le facevano al- 
la Repubblica ; fegue £er neceflità , che quando anche li Trafpa- 
dani 
(a) Lib. i6.[cap. 13. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. S 3 

dani foffero flati Gitadini Romani pieno jure^ non avrebbono per- 
ciò avuta poteita di farfi feparatamente, e per fé fletti nuovi fta- 
niti, e nuovi magiftrati . Aggiunge il Nicolio, che li Adriefije 
quelli di Buonvico furono aleniti alla Tribù Latina ; e pare che 
ciò baftaffe, fecondo alcuni, (a) per avere il fuffragio;ma io non 
trovo quefta Tribù polla da alcuno fcrittore , eppur ve ne fono 
di gravi, ed eruditi, che ne hanno trattato efattamente quanto fi 
poffa desiderare, come ilSigonio, (b) ilPanvinio, (e) il Manu* 
zio (d), e il Goltzio, (e) i quali tutti fi potranno vedere , e 
far prova colla loro lettura, fé mi fono ingannato; e per ciò 
fto io molto in dubbio di quello, che importi quella parola ab- 
breviata LAT.tuttocchè non voglia affermare, che non poffa 
dir LATINA, maffi inamente trovandola interamente efprefìa in 
una ifcrizione pofta dal Grutero , o per dir meglio dal Scaligero , 
la quale fla così . 

SALUTI PUBL 

IGAE SACRUM 

QUINTIUS. C.F. 
LATINA 

GESTIANUS. DUCE 

NiUS. PROCULUS 
Roma in Foro Trajano in baji» 

Ma chi fa, fé lignifichi Tribù, o altra cofa, che non fi fappia- 
mo immaginare? febbene per parlare ingenuamente , ella è pofta 
in quelle ifcrizioni portate dal Nicolio per il modo appunto che 
fi mettono le Tribù nelle altre fimili, onde non ardirei negare , 
che anco quefta Tribù foffe fiata oltre il numero delle trentacin* 
que comunemente ricevute , come alcune di più ne offervò il 
Panvinio; (/) così né anco negherei , che vi foffero delle 
Tribù chiamate con due nomi, come con il Panvinio giudi- 
cò anco il Sigonio, (g) onde potè forfè quefta latina fotto al- 
tro nome effere fiata una delle trentacinque : e chi fa , che 
non foffe la Lemonia così detta dal nome della Villa, alla qua- 

L 2 le 

(a) Tigna l. i. nel pr ine. 

(b) De antiq.jure Civ. Kom. I. I. e. 3. 
(e) In Cìvit. Rom. ubi de Tnbub. 

(d) In Schol. in l. 8. Epifi. Cicer. pag. 264. 

(e) In Tefauro rei ^Antiquaria. 

(f) TS^el luogo citato. 

(.E) Wt luogo f opra citato» 



84 ORIGINI E CONDIZIONI 

le vuole Tefto, che fi andane dalla Porta Capena per la via Lati- 
na ; poicchè denominandoli le Tribù non folo dalle Ville , ma 
anco da i laghi, e dai fiumi , come Y Arniefe , e la Sabatina , 
non farebbe gran cofa, che la Lemonia fofle fiata denomina- 
ta prima dalla Villa, e poi anco da quella Via. Ma fia ciò , 
come fi voglia , la fomma della cofa fi riduce a far fede, che 
quelle ifcrizioni de' fallì trafcritte dal Nicolio appartenefiero 
più a quelli di Buon vico, che alli Adriefi ? o più a quefti che 
ad altri Cittadini Romani, i quali vi foriero capitati o per ac- 
cidente di magiftrato , o perchè avellerò beni, o altro negozio 
in quefti Paefi . Onde ficcome è vero, fecondo il fuo Annio , 
(a) che trovandoli in Roma ifcrizioni antiche di Spagnuoli y 
e Francefi, non perciò Roma fu mai Spagna, o Francia , né 
li Romani Spagnuoli, o Francefi, così potrà enere, che febbe- 
ne fi fono trovate nelli contorni d'Adria, e di Buonvico , Is- 
crizioni della Tribù Latina, non perciò gli Adriefi , o quelli 
di Buonvico fiano fiati di quella Tribù . TraJafcio il confide- 
rare, che quelle pietre poflano efiere fiate condotte da altri 
Luoghi, come vediamo fuccedere d'infinite altre antichità, del- 
le quali fi fervono gli uomini,.- che non le ftimano più che tan- 
to, ad ufo di puri fafii in fabbriche,, ed altre faccende più vi- 
li. E perciò lo Alciato (b) avendo riguardo a fimili accidenti , 
ove parla della pruova , che hanno voluto fare alcuni Veronefi 
per via di marmi trovati in Verona,, i quali fanno menzione di 
Plinio Secondo, che quello fia fiato Veronefe, fpendè le infra- 
fc ritte parole. - fed bi velini rnihi d'icant , num & hoc vattene C ce- 
cìlius mediolanertfts ejjet , quod ut affirrnare vani homìnis^ ita cre- 
dere infanientis prorfus ejì . Di qui è , che per tutte le caufe già 
dette io non ftimo quefta giuftiiìcatione fufficiente per moft ra- 
re quanto intefe i\ Nicolio; e comecché non mi dia a crede- 
re, effer egli fiato di così poca ingenuità, come fu Annio , 
non voglio però lafciare a quefto propofito di regifirare qui 
una* fua impofiura, che dal Cluverio è raccontata per notabi- 
le; e ciò a fine, che intendano i lettori per quante vie pof- 
fano le fimili pruove effer falsificate, e quanta fede fi abbia a 
preftare alle vanità di quell'uomo, fopra le fcritture del quale 
ha fatto tanto fondamento il Nicolio . Berofi , dice il Cluve- 
rio, 

(a) Quefi. 34. 

(b) Lib.i. Hift< Medio/, in fine. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 85 

rio, (a) Manet botiti , Xenopbontis , Fabii Pici or is , M.Catonis , 
aliorumque veterum quce uno volumine circumfieruntur fragmenta^ 
ab Anmo Viterbienfi effe omnia flagitiofium in modum confitta jam 
vulgo pueris in Jcbolis notum ejì . Ab eodem itinerarium quoque VI. 
ab urbe Roma in Galli as itinerum effe commentum nos fupra ofi 
tendimus. Ejufdem igitur viri manus, ne quid in iftis etiam in* 
fcnptionibus marmoreìs operata fit , merito fufpiceris, eoque magis^ 
quod m.-.gnm faculi nofilri Vir Antonius Augujìinus ita de eo te- 
ftatur in antiquit.Rom.Dial.xi.Mibi Latinus Viterbienfis vir do- 
SÌUS) bonaque fidei y de Joanne Annio Viterbienfi monacho narrare 
jocunde fiolebat \ lapidi infculpendas curajfe litteras , quem vine# 
infodi juffierat non procul a Viterbio^ quumque fodienda efjet Vi- 
ne a, ad lapidem ufque ut foàiendo pervenir ent jujfit ; narram in 
libris fé reperiffe , templum ibi orbis terrarum antiquijjtmum late- 
re. Terra jam effoffia primus, qui inventt y vinitor accurrit ; pau- 
latim detegi fiarcopbagum imperat ; hic fiupens lapidis antiquita- 
tem , & litteras a fé confitti-; admiratur , ac deficribens ad Urbis 
Serìatores latus- confugit , & Civitatis honori fiore perfuadet in am- 
pli/fimo public? f peci ari loco . Viterbii enim Urbis originem conti- 
neri, qus bis mille annìs Romana ejjet Urbe a Romulo condita 
longe arniquior, utpote ab I/ide y & O/iride condita * Fabulas hic 
fuas , quibus abundabat ,venditavit , fattumque , ut ille juffierat . 
Oh fiacrofantla f acuii ignorantia, atque fimplicitas l ohlevitasho* 
minìs esecranda, qui non tantum fiuis Civibus tam fiagitiofie im- 
ponere , fied eandem aternum pofì fé etiam manfiuram foto orbe 
barbariem fiperare impudenter aufus efiì ! E tanto fìa detto abba- 
ftanza intorno alii difcorfi del Nicolio,con i quali fi è andato 
aggirando vanamente, per dedurre i primi principi della fua 
Patria da una rimotiffima antichità/ cola che tanto infelicemen- 
te gli è riufcita, che altro finalmente non ha operato, fé non 
che ha data materia a chi è mediocremente verfato di com> 
prendere come Rovigo, prima che foffe Cartello, era Vico 3 e 
Corte rufticana. Ora per paflare a cofe più reali, e fondate , 
feguiterò investigando il tempo vero della edificazione, e loe- 
dificatore di quella terra , cavando da autori veridici , e di- 
fìntereflati , ed approvando tutto quello, che giudicherò più vi- 
cino al vero. Il primo che abbia fcritto della edificazione di 
Rovigo è flato Gio: Battifìa Pigna uomo non folo ingenuo , ed 

eru- 
ca) Lìb. 2. ItaL ant. fot. 564. 



85 ORIGINI E CONDIZIONI 

erudito, ma, come fi vede dalla fua Ifloria, molto ben infor- 
mato delle cofe appartenenti agli flati pofTeduti dagli Eftenfi. 
Appretto quello {a) leggiamo, Rovigo aver avuto forma di 
Cartello intorno all'anno udì. a' tempi di Papa Aleffandro III. 
la creazione del quale , fecondo il Platina , ed il Baronio , fu F 
anno 115?. Racconta anco il Pigna, lo edificatore efifere flato 
un Vefcovo Adriefe riputato Schematico , come quello che fof- 
fe partigiano di Vittore Antipapa favorito da Federico Impe- 
ratore, onde avvenne che efTendogli flato da Rinaldo da Efle 
levato nello fleffo tempo della fua edificazione, come a ribelle 
di Santa Chiefa, ne ottenne Inveftitura dal legittimo Pontefi- 
ce. Le parole del Pigna fedelmente trafcritte fono quefle : Cre- 
ma in potefìatem vcnit VI. Kal. Februarii anno illius f eculi LX. 
quo in tumultu propter Germanorum fuperbiam in itlos cives Peregri- 
nus Aquilejenfis Patriarca uni Henrico Atefìino faìutem fuam credi- 
àit . Sub eos dies gravis fé ditto Religionem agitavit , Rolando Senen- 
/i y qui Alexandre HI. nomen eie gip ab nonnullis Pontifice Maximo 
creato , atque cernuto Ottaviano Pfeudo Pontifice, qui Pittor appella-. 
tus ejì . Ccefar utrumque Ticinum evocavit , quo poft captam Cre- 
mam fé contulerat , ut coatto Patrum coztu de eorum fententia Re- 
ligionis motum comprimerei . Auxit diffenjionem Alexander , cui ut 
caput rerum Romani dimitteret nulla ratione perfuaderi poter at^prin- 
cipem fé, ae pluribus lettum fuffragis dittitanti . Vittor paruit , ac 
prafens ab ilio Concìliabulo Pontifex falutatus a Ccefare adoratur . 
Ob ea Alexander F ranci amìcìtiam Jìudiojìus captare interprete Gulielmo 
ejus nominis tertio ,qui Rogerio itidem tertio vitafunBoin Sicilia regna- 
bat. Dum cejfatum ejì ab armis Velfo Ateflinus in Etruriam pro- 
fettus conventu ad Gene/ti Fanum inditto Provinciam recognovit , 
coattifque fub jugUm aliquot Oppidis , quce in libertatem vindica- 
verant , prcejìdia arcibus impofuit . Denique aliquot dies Pijìs , & 
Luca commoratus cum fufpicione rerum, novarum in Noricum fupe- 
rius tranfìviffet eam ipfam Provinciam Velfoni p. tradidit . Nepo- 
tem quoque Henricum dubii Ratifponenfìum animi ob detefìandafla- 
ghia Hart onici Antifìitis domum revocavere .Federicus , praterquam 
quod belli jam pigebat , àuorum Procerum difceffu pi ac attor em Me dio- 
lane nftbm fé prctbuit , impofitoqué annuo duntaxat Jlipendiotrigin- 
ta pondo auri Prafettum dedit Gherardum Comitem Lignenfsm , 
ac celeriter domum rediit . Dum bete geruntur , Adrianus Antijìes > 

qui 

(a) lib. ». de Trìncip. >4teft. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 87 

qui fé ad Vittori anam ciufam adiunxerat y eo municipio prope flu- 
ttibus obruto , coatta* fede* mutare in longa Infula , Jìc vulgo vo- 
canty quam molitur Atbefis y CaJìellum ex loco Kbodigium nomine 
condidit , quod propter fluminis , accircttmfufarum paludum munimen- 
ta confluenti bus incoi is brevi frequens fui e . Rainaldus , qui tum eam 
Prafetturam adminijìrabat contempi atus ex Arce Ateflina nova moz- 
ma affurgere ifitjla arma ratti* in f acne cattj r a- pravaricatorem continuo 
advolaty atque Oppido potitur. Max quae atta forent Alexandre edo- 
tto , ab eo cuntta ut fitmet , Pontificio* codicillo* auferf ; accefftt 
deditió Civium , qua ejufmodi pojfejjtonem Ateflino multo ma~ 
gì* fìabilivit . Sin qui il Pigna , dopo il quale ha toccato 1' o- 
rigine di Rovigo Gafparo Sardi Iftorico Ferrarefe (a) fcriven- 
do delli anni, che cadono tra il 1162. e il 1175. ^ e infra- 
fcritte parole. „ L'Imperatore, perchè non avea efercito tanto 
„ che potette contraltare con loro, e per altre cagioni ancorai ri- 
„ tornò in AUemagna, e Rinaldo acquiftò Rovigo. Aveanoi Vi- 
yy niziani col Doge loro Otto Orfeolo in battaglia vinti a Loreo 
„ gli Adriani loro nemici, e mortone tanti, che non più racqui- 
etarono nome, o gloria alcuna y anzi fempre vifiero miferamen- 
„ te , minandoli così , e per Y acque quella nobiliti ma , e anti- 
,, ca Città fabbricata da Adrio Padre d'Jone Re dell' Illirico, op- 
„ pur dai primo Dionigi Tiranno della Cicilia, e dopo fatta Co- 
„ Ionia de'Tofcani. Per quefta ragione Paolo Vefcovo d'Adria 
„ fuggito nel Paefe circondato dall'Adige in un luogo vicino al 
„ Tartaro, né molto dall'Adige lontano, detto le Rodige, fabbri- 
„ co per configlio di Giovanni XX. Papa un Cartello, che per le 
„ paludi, e per gli fiumi elfendo ficuro da'nemici, fu in breve 
„ tempo pieno d'abitatori venutivi d'Adria. Rinaldo vedea le 
„ Torri, e le mura di quefto luogo dalla Rocca d'Ette, e fubi- 
„ tamente affalendolo lo prefe, rimandando il Vefcovo faccetto re 
„ ad Adria. Dopo ne fu fatto Signore da Alettandro IH. perchè 
„ era il Vefcovo partigiano di Vittore Papa Scifmatico; edAz- 
„ zo V. confermatone da Federico II. ed i Figliuolidi ObizzoIV. 
„ da Carlo anche egli IV. Così ita la fcrittura del Sardi , nella 
quale concorda coi Pigna , che Rovigo fotte levato ad un Vef- 
covo Scifmatico, e partigiano dell'Antipapa; e che Uhi aldo 
avendo occupato quefto Cartello ne ottenefle inveftitura da A- 
lefiandro III. Ma nel tempo dell'edificazione è molto diverfo , 

affer- 

(a) Libro terzo. 



88 ORIGINI E CONDIZIONI 

affermando, quefta effere fiata nel tempo , e col configlio di Pa- 
pa Giovanni XX. dopo la rotta degli Adriefì feguita intorno al- 
l' anno i oio. Benché il Platina voglia, che Giovanni XX.foffe 
creato Papa l'anno 1003. e che mancarle nel quarto anno, e 
quarto mele del fuo Pontificato ; ed il Sabellico {eguito dal Tar- 
cagnota difcord ante , come pare , dal Platina lo faccia il XIX. 
non difcordando però nelli anni della creazione 1003.; ma ben- 
sì nella durazione delli anni quattro r poicchè il Sabellico vuole, 
che viveflefolurnefi quattro, come il fuo Precettore, ed ii Pla- 
tina, e il Tarcagnota aggiungono gli anni quattro . Sarà però 
dà notare, che: effendo fiato pollo dal Platina nell'Ordine dei 
Pontefici quel Giovanni che. da Crefcenzio Confole Romano fu 
promoffo abPontiflcato, vivente Gregorio V.vero I?apay ed effen- 
do perciò quello da molti levato dal numero dei Pontefici , di 
qu\ è avvenuto che alcuni hanno fatto efTereXIX.il XX. del Pla- 
tina, ed ii XXI. deC Platina il XX. tuttocchè. il Panvinio faccia 
quello il XIX. quello fleflb però, che fecondo il Platina, il Sa- 
bellico, il Panvinio, e il Tarcagnota fu creato l'anno 1024. 
come lo ha pò fio anco Baronio. E così' dirò hifognar per cer- 
to, che ii Sardi abbia intefo di quefto Giovanni, poicchè vie- 
ne ad effere pofteriore alia rotta degli Adndì data loro da Ot- 
to Orfeoìo : e tanto fia detto per la efpìicazione del parere di 
queìf Iftorico nel propofìto del tempo di chi primieramente pro- 
moffe , e di chi efeguì la fabbrica dei Caftello di Rovigo ; intor- 
no alla quale nelli tre. punti toccati, oltre alle due già cipolle , 
abbiamo anco la terza opinione elei Nicolio . Stima egli , che 
quella Terra abbia avuto forma di, Cartello da Paolo Vefcovo d' 
Adria a' tempi di Papa Marcino ìli. avendo prima ottenuta licen- 
za , e indulto da Papa Giovanni X. il quale fuccedendo a Landò 
fu creato Pontefice fecondo il Platina, che lo mette xr. e fe- 
condo il Panvinio, ed il Sigonio, che lo fanno il x. l'anno 014. 
ma fecondo il Tarcagnota l'anno pi 6. e fecondo il Sabellico f 
anno pi8.febbene alcuni , com'egli foggiunge, levano da quefto 
numero anui p. Io feguendo Baronio dirò, che fia fiato pro- 
ni oliò al Pontificato l'anno pi2. e che fia vifluto nel Papato ol- 
tre l'anno 020. nel quale correva l'indizione ottava polla nello 
indulto regiftrato d:il Nicolio per primo , e principai fonda- 
mento del fuo giudizio. Lo Indulto, come è flato traferitro , 
ed abbreviato da quell'amore , è quello ad verbum : Joan?:ts 

Eri- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 8p 

Epifcopus fervus fervorum Dei , Reverendi JJìmo Paulo Santla A- 
drienjis Ec ci e fui Epifcoho C? e. Quia petijìi a Nobis quatenus con- 
tederemus tibi ^ & per te jam jMa tua Ecric fia Curtem Bcnevi- 
co, qua vocatur Rodige , & Stivar» , qua dicitur Grampi , feu Pif- 
Cariant) quae vocatur Lcngole • veruni etiam Curtem qua vocatur 
Romil.acus y qua efì poftia in Coneglada , atque fundum Cri/pini 
cum omnibus eorumpcrtincntiis, Ù 1 adjacentiis^ ut Ikoat ubi in di- 
tto loco RODIGE Caflrum confìruere ad fervandum populum f an- 
cia tua Ecclefta tam a Pagarits, quam a perfidi* Cbrijìianis &c* 
& hijuber concedimus fuffragtum populi permanentis a termino Ro- 
dige ufque ad Adrienfem Civitatem in rejlaur.-aionem tua diru- 
pta Ecclefia , &* funditus dtjìrutla ; fìatuentes , ut nulli Uceat a 
Te ritorto Rodige ujque &c. fcriptum per manum Joannìs fcriniarii 
Sancla Romana Ecclefia in menfe Mali J. odi fi io ne Vili. Cosi ha 
portato il Nicolio quello fquarcio di Privilegio, oRefcritto Pon- 
tificio, dicendo, che fi trovi nel Catartico Epifcopale d'Adria 
lènza il mille/imo, ma con ia femplice Indizione VI IL la qua- 
le perchè cade anco nel fecondo anno del Pontificato di Gio- 
vanni XX.lafcia in incerto qual di quelli due fia Itato il dato- 
re del Refcritto. Quindi è, che fi riduce per neceffìta a con- 
ghiettnre probabili, con Je quali fi è sforzato provare , che il 
iopranominato Giovanni fia fiato il X. di quello nome , non il 
XX. La prima conghiettura è fondata fopra quelle parole dell' 
Indulto: ad fervandum populum /anela tua Ecclefia tam a Paganis, 
quam a perfidis Chriflianis, lupponendo, che a' tempi di quefto 
Pontefice vi forfè il bilogno di difenderli da fimi! gente , ma 
non Specificando però, né accennando di che nazione, legge, o 
condizione ella fi foffe . La feconda conghiettura è il trovarli 
fcritte nel margine dell'addotto Privilegio quelle parole: H ic fuit 
Joannes Decimus. La terza ragione è cavata dalli nomi delli 
Vefcovi Adriefi defentti di tempo in tempo fecondo le loro 
propofizioni, e regiiirati nelli Cataftici di quella Cancellala 
con quell'ordine. 

Leo , cui privilegiarti fecit Nicolaus Pontifex Romanus anno 
860. 

Paulus Epifcopus Adrienfis Rbodigini Oppidì extrublor , cui 
privile gtum Joannes Decimus conce flit. 

Geminius Epifcopus Adria anno >o8. 

AJìulpbus Epifcopus Adrienfs anno fai, 972* 

M Bei 



5>o ORIGINI E CONDIZIONI 

Benediflus temporibus Henrici III, Imperatori* , & Vìftoris Fa* 
pce anno fai. 105 3. 

Atto Sanfta Ecclefice Adrienjts Epifcopus anno a Nativitate 
1067, 

Petrus Epifcopus 1078. 

Jacobus Epifcopus Adriaede anno iopi. 

Ifaac Epifcopus tempore Azgpnis anni 1 1 04. 

Gregorius Epijcopus Adrienjts anno li 30, 

Fhrius Epifcopus 1 1 4.8, 

Vitalh Epifcopus tempore Federici Imperatoris de anno 1162. 
La quarta pruova , e conghiettura è il giudizio di Pietro Fer- 
retti, il quale ha creduto il privilegio di Paolo Vefcovo effer 
venuto da Giovanni Xvaggiongendofi a quefto l' autorità del Ce- 
lio v del Riccobuono, e ài Antonio Maria Fulgino tutti Rodi- 
gini . Fatti quefti argomenti fi converte il Nicolio a confutare 
l'opinione del Sardi, come fé avendo dichiarata , e provata 
quefta per erronea, refti la fua perfettamente ftabiìita , avuto 
riguardo al nome di Giovanni, e all'Indizione ottava, la quale 
non pu& cadere fé non nelli Ponteficati del X.e del XX. onde 
efclufo il XX. reità per neceffaria confeguenza , che il datore 
dell'Indulto altri non poffa effere flato, che il X.E la prima 
ragione, che adduce con tra queir autore , è perchè febbene 1- 
Orfeolo vinfe gli Adriani, e li disfece, non però fu Pagano , 
o perfido Criftiano; eppur nel Refcritto apertamente fi vede 
effere ftata ricercata la licenza di fabbricar Rovigo affine di 
difenderfi dai Pagani, e dai perfidi Criftiani , La feconda ra- 
gione contra il Sardi è > perchè poco dopo quella gran rotta fu 
dall' Orfeolo, e dai Veneti data la pace agli Adriani, onde do- 
vevano ad ogni modo effer ceffati ì fofpetti;maffìmamente che 
tra il tempo della pace, e della edificazione ài Rovigo , o per 
meglio dire del Privilegio, vi corfero intorno a quindici anni, 
nei quali non fucceffe altro moto tra gli Adriefi, eiViniziani. 
Ne tiene del verifìmile, che fé per quella rotta fi foffe mofìb 
il Vefcovo a ricercare l'indulto , avelie egli tardato tanto , e 
ridottofi a'tenipi che follerò paffati i fofpetti, e l'opinione del 
pericolo. Aggiungali, che il Vefcovo d'Adria, il quale era del- 
l'Anno 1025, non ebbe nome Paolo, e ciò credo voglia cava- 
re dalla ferie de'Vefcovi Adriefi di fcpra regi Arata. Quefti fu- 
rono i fondamenti dell'opinione del Nicolio, molto più deboli 

per 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 9 i 

per mio credere, di quello che ricercava il bifogno ; poicchè 
fé attentamente confideriamo la ina propria ragione, non eipo- 
nendo egli quali foffero quei Pagani, o perfidi Criftiani , che 
mollerò il Vefcovo a procurare lo indulto per l'edificazione di 
Rovigo , paoni vedere , che refti in pendente la forza di tale 
argomento, quando di quei tali non fé ha tanto di certo, ed evi- 
dente, che lenza altra più fpecificata dichiarazione lì poffa com- 
prendere, che infeftaflero, o potefTero infeudare i contorni d'A- 
dria . Né io veramente trovo , che circa quei tempi feorrefle 
gente Pagana per la Venezia, o non lontano dalla Citta d'A- 
dria; perchè Te ben confideriamo le incurfioni degli Ungari , i 
quali non vennero alla fede fé non l'anno ìoio.queite furono in- 
nanti l'anno poi. quando non pafsarono la Brenta , e poi dopo 1' 
anno <?o$. quando, come dice il Sigonio , (<?) paratis lembis non* 
folum Civitatem Novam y Equilium , Clodiam & Caput a gg e ^ 
incenderem , fed etiam Albiolam provetti , Matamaucum , & Ri- 
voaltum die fé fio S.Petri tentaverunt . Demum a Petro Duce na- 
•valibus cum copiis acriter refijìente repulji fefe ad mediterranea 
contulerunt , atque ad Apenninum populando progrejji obvia om- 
nia, quee munita non erant , loca vaflarunt , neque Ecclefìis, aut 
monafìeriis temperarunt . E da quefta oppreffione fu tofto libera- 
ta l'Italia col danaro di Berengario, né da quel tempo a quel- 
lo del Privilegio, che fu lo f^azio di fedeci o diecifette anni, 
fi fentirono altri rumori di gente Pagana nella Venezia ; e io 
qui mi vaierò dell' argomento del Nicolio in più forti termi- 
ni dicendo , che fé il timore di quei Barbari avefse .mofso 
il Vefcovo a fupplicare , ciò avrebbe fatto quando il timore 
era recente, né avrehbe tardato diecifette anni, e forfè più ol- 
tre , fé fofse vero ciò , che fi ha immaginato il Nicolio , 
cioè , che averle voluto afpettare la Confermazione di Mar- 
tino III. che fu più di quaranta anni dopo ; e cosi pa- 
rimenti non è verifimile, che fé fu Paolo Vefcovo moffo dalla 
ftrage degli Adriefi l'anno ioio. aveffe indugiato a procurare 
di alficurarfi fino al 1025. come bene in quefta parte confida 
rò il Nicolio, aggiungendo, come s'è già detto , che né l'Or- 
feolo, né i Veneti erano Pagani, o perfidi Criftiani, e che po- 
co dopo era feguita la pace; onde è, che fé attentamente pon- 
deriamo quelle parole del Privilegio , ed il tempo dell' Indizio- 

M 2 ne 

(a) Lìb. 6, de reb. Ita!, 



P2 ORIGINI E CONDIZIONI 

ne ottava , lafciamo gran fofpetto a chi è difintereflato , che 
quel Refcritto fia fittizio , e falfo . E' vero , che a' tempi di 
Giovanni X. furono grandi moti con i Saraceni; ma è anco ve- 
ro y che quefli non furono nelle parti d'Adria, , ma in Puglia , 
e nella Calabria, ove anco dal detto Pontefice, e dal Marche- 
fe Alberto furono fconfitti, e totalmente disfatti. Lafcio di con- 
fiderai particolarmente contra il Nicolio, quello che anco da 
altri (tf) è (tato, come vedremo, avvertito, ed è il non effere 
verifimile, che abbia quel Vefcovo avuto bifogno di ridurfi m 
ficuro , e che s'abbia potuto dire, Adria effe re fiata diftruta dai 
fondamenti innanzi alla rotta avuta dai Veneziani , s'è vero 
che quella Citta, come di fopra abbiamo cavato dal Sabellicc, 
e come fi può avere dal Platina, dal Sardi, e da molti altri, 
era ancora tanto potente che ardiva cimentarfi con la Repub- 
blica Veneziana, la quale avendo per innanzi fatte imprefe di 
gran confeguenza , come fu l'acquifto della Dalmazia , e flan- 
ck> in procinto di Soccorrere Terra Santa , dovea effere di gran- 
di forze; onde non fark mai certo che giudichi confentaneo al 
ragionevole , che in quel buono flato,, nel quale fi trovavano, 
gli Adriefi, ed il loro Vefcovo aveffero giudicato efpediente al* 
lontanarfi dal Mare per ridurfi fra terra in luogo tanto angu- 
fio, quanto fu Rovigo nella fua prima fondazione. E cosi fi 
fcuopre la prima ragione dal Nicolio di niun momento . Quan- 
to alle altre che feguono , noterò cofa , che fé fofTe fiata tre* 
vata, o voluta trovare dal Nicolio, non avrebbe forfè prodot- 
ti quelli argomenti , o almeno gli avrebbe modificati . Quella 
è , ch'eflfendo alle fue mani venuto il trafunto di quel Privile' 
gio dalle Scritture di un particolare, che fu,, come vedremo più 
abbafib , Sebaftiano Bonifacio Rodigino , né avendo egli iai 
veduto, come fi fcuopre, o fatto vedere l'originale,, incontran- 
do le copie, come ho fatto io, col mezzo di Senatori, e con 
licenza di chi ha potuto darla, non fi abbia chiarito, che nel 
margine dell'autentico non v'è la poftilla .', hìc fuit Joannes X. 
e che in quelli antichi Catartici non fi trova il Catalogo dei 
Vefcovi portato da lui, onde ogniuno può facilmente compren- 
dere, e quello e quella efiere fiate fcrkture d'avvifo, e volonta- 
rie o del Bonifacio y o d'altri . Lafcio, che foffe pure debitore 
di portare più fpeciflcataraente il libro, il luogo,, il tempo, co- 

. ™e, 
(a) C '«filino . 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 93 

me, e da chi aveffc avuto quel Privilegio, notando apprettò , 
fé la mano della poftilla , e quella del Relcrirto era la mede- 
fima, o diverfa ; e mi reftringo alla foddisfazione che era te- 
mito dare al Lettore, dichiarando le qusi nomi erano (tati de- 
fcritti in qud Catalogo di mano diveda fecondo i tempi, che 
furono in modo, che lordine non poffa ftare altrimenti, e che 
fian vere, e reali tutte le parole, che fi riferifeono, o che fia 
flato fatto tal regiftro, febbene di una fola mano, almeno con 
fondamenti di fcritture autentiche in quelle parti , che impor- 
tano al fatto di che fi tratta: delle quali circoftanze non fé ne 
vedendo alcuna non folo efplicata, ma né anco toccata, fa che 
redi la credenza di chi legge molto ambigua , ed il giudizio 
molto fcandalezzato. E perchè non paja, che io dubiti troppo 
fuperftiziofamente dell' iftruzione, e buona fede o del Nicolio, 
o di chi regiftro quei nomi , lafciando , che non fiano flati tro- 
vati nei Catartici , come ho avvertito di fopra ; dirò che mi 
farebbe caro intendere , per qual caufa non fotte pofto a Pao- 
lo , che fi dice ettere l'edificatore di Rovigo, l'anno della fua 
promozione, come fu pofto a tutti gli altri; cofa , che dovea 
ettere ftimata degna di difeuflìone, potendo ella dare gran ma- 
teria di fofpetto, che quefto Catalago fotte con qualche impo- 
ftura o alterato da per fon a fé non intereffata, almeno mal iftrut- 
ta della verità . Tralafcio ilpoterfi confiderare, che dalla promo- 
zione di Leone a quella di Geminio vi corrano ^3. anni, nel 
quale fpazio di tempo, ch'è poco meno di un fecolo, bifogna, 
che fiano flati due foli Vefcovi , come mifurandofi il tempo, 
che cade tra Aftolfo , e Benedetto , quefto tira in confeg(jen- 
za , che Aftolfo abbia tenuto il Vefcovato 82. anni, le quali 
due cofe , febben non fono al tutto imponìbili , fono però da 
tenere per efempj molto rari. Nel refto il giudizio del Ferret- 
ti, e degli altri Rodigini , tanto fi avrà da filmare quanto lì ve- 
drà appoggiato alla ragione; frattanto farà lecito a cadauno il 
non credere , che il Nicolio fia ftato un Èvangelifta nel citar- 
li, quando non fi vedano i loro fcritti in quelto propofito. La 
confutazione del Sardi fatta buona al Nicolio, ftante che anch' 
egli per le già efpofte confiderazioni, e per quelle che fi faran- 
no più abbatto, abbia dato fuori def fegno, non fa altro effetto, 
che indurre opinione, e fofpetto della falfità di quel Privilegio, 
accrefeiuta perchè nel privilegio fi dica, che la Chiefa d'Adria 

era 



5> 4 ORIGINI E CONDIZIONI 

era funditm diflrutht-^ cofa che certo non era a 5 tempi di Pa- 
pa Giovanni XX. e molto meno , come abbiamo già detto di 
fopra, a* tempi del X. Ma dato , che pure non fia fcrittura 
apografa , puoffr ad ogni modo falvare, e mantenere l'opinione 
del Sardi , dicendo , la caufa del procurare quel Privilegio ef- 
fer bene fiata quella rotta , ma folo in quanto annichilò le 
forze degli Adriefi , onde reftavano efpofti a tutti quelli , che 
gli avellerò voluti danneggiare, tanto Pagani, quanto Criftiani 
per mare, e per terra, in modo che fi potria dire, che quel- 
le parole di Pagani , e perfidi Criftiani nel refcritto Pontificio 
non abbiano riguardato più quefto , che qwello ; e fé ciò può 
ilare , le altre confiderazìoni del Nicolio fino all' ottava non 
hanno bifogno d r altra rifoluzione, poiché tutte fono fondate fo- 
pra un'ifteffa fuppofizione , che il motivo di fabbricar Rovigo, 
fecondo il Sardi, pendefTe dal timore , e riguardo avuto alla 
moleftia , che da' Veneziani afpettavano gli Adriefi . E perciò 
io fempre più prontamente nei termini già conoeffi fotrofcrive- 
rei all'opinione del Sardi, che ftimò il Datore ài quel Privile- 
gio Giovanni XX, e non il X. e così trovo efiere fiato credu- 
to anco da Bonaventura Gafilino Rodigino, non mai però no- 
minato dal Nicolio , tuttocchè quello avelie fcritto innanzi , e 
che alle mani ài quefto foflTero pervenuti i fcritti di quell'uo- 
mo altrettanto ingenuo quanto erudito], dell'opinione del quale 
qui voglio trafcriverne quanto ho potuto cavare da un Difcor- 
fo di Paolo Emilio fuo Figliuolo , poicchè oltre la probabilità 
del fuo giudizio , il quale perciò non deve ,effer pretermeffo , 
mi fa anche male, che refti in tutto fepoita la fatica di quel- 
l'uomo celebre, che poco dopo l'eflere fiata (rampata fu per al- 
tri convenienti rifpetti fupprefla , ond'è, che a' noftri tempi non 
fi può avere, fé non con eftrema difficolta. Ora dunque prima 
noterò , che in quella fcrittura (<*) Paolo Emilio fi dichiara 
aver avuta da Sebaftiano Bonifacio Cittadino di Rovigo copia 
di tre antichi Privilegi » dei quali uno è il fopranominato ài 
Giovanni, foggiongendo , quefto infieme con gli altri eflere fiato 
tolto dai Catartico del Vefcovato d'Adria , e dopo avendo re- 
giftrata la foftanza di uno di Martino III. che è primo in or- 
dine , ed il contenuto del Refcritto di Giovanni già regiftrato 
di fopra ? pafla alla confiderazione del tempo di quefto fecon- 
do, 

(a) ìoglh 3. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. <? s 

do , ed alla confutazione del Nicolio con le flette parole , che 

qui fedelmente trascriverò* „ Quelli Privilegi, ^ ce e S a > f° r fe 

„ per difetto di chi gli traferifle fi leggono lenza il milleSimo, 

„ e fenza il numero de' Pontefici, che gli concetterò. E però, 

„ ancorché il primo fi conofea eflere ftato concettò da Marti- 

„ no Secondo Pontefice, detto volgarmente Martino Terzo, per- 

„ che in etto fi nomina Ugo Re d'Italia, che regnava in quei 

„ tempo, lungamente è fiata Sepolta l'origine di Rovigo, fin- 

3 , che noftro Padre dall'indizione ottava , e dal mefe di Mag- 

„ gio notati nell'ultimo la tratte in luce , quali nel modo iftef- 

„ io , che fece Pitagora , il quale trovò la grandezza di tutto 

„ il corpo di Ercole, traendo la forma del pie da quello fpa- 

„ zio , nel quale ogni quattro anni feorfi fi celebravano i giuo» 

„ chi Olimpici in Achaj. appretto Elide innanzi al Tempio di 

„ Giove Olimpico, mifurato da Ercole , e fatto uno ftadio di 

„ 625. de' fuoi piedi. In tal maniera avendo noftro Padre mò- 

„ lira la via di venire in cognizione del principio della noftra 

„ Patria, diverfi dopo lui lì mifero a camminarvi. Ma allon- 

„ tanandofi da' fuoi veftigj , come fé foriero entrati in un la- 

„ berinto , per mio giudizio tutti vi li fmarrirono , ed ei folo 

3y arrivò al delìderato fegno. Andrea Nicolio noftro magnifico 

„ Cittadino, e Dottore, alla cui molta diligenza, e fatica ufata 

„ in raccogliere da diverfe parti le Iftorie di Rovigo, è tenu- 

„ ta grandemente la noftra Patria , voleva già che l'indizione 

„ ottava di Maggio corrette nel Pontificato di Giovanni XVI. 

„ l'anno 995. e diceva, che Rovigo ebbe allora principio. Ta- 

„ le opinione li /vede Scritta nel margine dell' Iftoria di Rovigo 

„ di mano propria di noftro Padre, ma Scancellata con più li- 

„ nee , come quella , che avendola ben confiderata , non gli 

„ piacque , la quale anco Su poi rifiutata dal proprio autore ; 

„ onde io maggiormente la danno , tanto più che non trovo , 

„ che Giovanni XVI. Sofie vivo l'ottava Indizione il meSe di 

„ Maggio, ancorché Carlo Sigonio dica, che morì l'anno 095. 

„ anzi è da credere, che monfle o al principio di quell'anno, 

„ o al fine dell'anno 904. come par che voglia il Palmerio 

„ Fiorentino, e che o l'uno, o l'altro di quefti due Autori, non 

„ curando in si poco Spazio di tempo ufar diligenza , abbia pre- 

„ lo errore ; di che non è da maravigliarsi , efìendocchè anco 

„ il buon Omero, come fi dice, alle volte dorme . L' iftettb ec- 

„ cellen- 



9 6 ORIGINI E CONDIZIONI 

9 , celiente Nicolio ora tiene un'altra opinione, la quale però fu 
v prima d'altri che fua , come fi può vedere per una breve 
„ memoria, che fu fcritta nel margine del Privilegio, cioè che 
„ Rovigo foffe fabbricato pur l'ottava Indizione l'arino 020. per 
?) conceflione di Giovanni X. Pontefice, e cosi di nuovo tenta 
„ d'impugnar l'opinione di noftro Padre > il quale nondimeno 
9 , da pedone, che di continuo leggendo, e fcrivendo a benefi- 
„ ciò dei mondo con molta gloria loro non poco fplendore ag- 
5 , giungono alla noftra Citta, è chiamato primo Scrittore delle 
3 , cofe di Rovigo, e Cittadino ottimo, e uomo dottifiìmo , ed 
5 , uno de' maggiori lumi , che abbia mai avuti la Patria no- 
„ {tra. .Ma che né quefta opinione della prima fia migliore , 
3 , chiaramente fi può comprendere dal privilegio primo ; per- 
„ che tra molte, e molte cofe particolarmente concefle, e con- 
9 , fermate da Martino Secondo, il quale afcefe al Pontificato 
„ l'anno 982. ancorché vi fia no fpecialmente nominate le Ro- 
„ dige, non vi fi facendo menzione di Rovigo, né di Rocca, 
„ o di Torre fabbricata nelle Redige , o in Buonvico , dove è 
„ fondato elfo Rovigo, come ragionevolmente fi farebbe fatta, 
„ le vi foriero fiati i fondamenti della Torre, nonché la Roc- 
„ ca , come cofa principale , e più degna che foffe nei Polefi- 
„ ne , e fatta per difela del Vefcovo , e del Popolo Adriano , 
„ non è da credere , che Rovigo fino a quei tempi folle fon- 
„ dato. Tanto fende il Cafilino confutando ie opinioni del fuo 
compatriota, prima che venifle a dichiarare, e ftabiiire quel- 
la di fuo Padre ; e perchè intefe il Nicolio quefta importan- 
tifiirna oppofizione fondata fu i' ordine dei Pnvilegj di Marti- 
no , e di Giovanni , fi sforzò egli di rifolveria fcrivendo co- 
si / „ Ma per dar anco maggior foddisfazione a quelli , che più 
j, fottiie, e fecretamente rivolgendo le carte, fi fono ferviti deì- 
„ l'ordine, col quale fono regiftrati i tre privilegj nel Catafìi- 
„ co del Vefcovaro, argomentando che fia ragìonevol cofa, che 
?5 il Privilegio reti Martino Ili. primo in ordine alia prima car- 
3, ta fia parimente il primo di tempo ; così il fecondo ài En- 
„ rico a carte due fia ài tempo lecondo, e che il terzo di Gio- 
„ vanni a carte quattro, ficcome è l'ultimo regiitrato, così fia 
„ l;ul;iim;o conceno ; ii dice che febben nel margine ài ciafeu- 
„ io ti'tili priviìegj vi fia notato il tempo, e le perfone, cioè 
n qual iefe .Martino , e cual Enrico , e qua! Giovanni , che 

„ con- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 97 

„ concetterò effi Privilegi, in modo, che non vi poffa reftare più 
„ che dubitare , nondimeno difcorrendo intorno alle parole lo- 
w ro, Giovanni dice ch'egli concede; Martino veramente come 
«» egli conferma: ficchè uno dimoftra conceffione, e l'altro con- 
„ fìrmazione; e dovendo per ogni ragione precedere la concef- 
„ fione alla confermazione, e la comprobazione feguire la co- 
„ fa comprobata, e dar forma novella di compimento alla co- 
„ fa, che dianzi era, reità che per conferenza necelTaria Mar- 
„ tino , che conferma , ed approva tutte le cofe della Chiefa 
„ d'Adria , e fra quelle il fondo Roda , e la Penifola , che è 
„ fra l'Adige, ed il Tartaro, fofle pofteriormente a Giovanni , che 
„ per l'innanzi l'anno o^.avea dato, e concerto al Vefcovo le eo- 
„ fé fuddette nelfuo Relcritto nominate; il quale Martino ac- 
„ eoftandofi all'autorità di Ugone Re de' Romani dichiarito in 
„ Pavia da' Principi Italiani nel 044. l'anno feguente benigna- 
„ mente rifpondendo allo fteflb Paolo Vefcovo d'Adria , che 
„ per maggior corroborazione volle procurarne confermazione 
„ folenne, cosi dice: 

Martinus Servus Servorum Dei y &c* Quia jufìe , & rationabi- 
l'iter nofiro Apojìolatui pofìulafìi quatenus Sancìam Dei Ecclefiam 
Adrienfem concedetemus , O" confirmaremus omnes proprietates ejuf- 
dem, idejì lnfulam ò quae vocatur Adriana mm tota ftlva fua , 
Portimi Laureti 2 Portum Gauri ufque in mare , Lacum Tuelo y & 
Canale Tuonis ufque in Pi/caria Cytbini , atque totam Jnfulam 
inter Adicem y & Tartarum cum Sylva Manegìum^ & Majfam , 
Qavellum^ Fundum Roda cum Sylva fua, & Valle ftbi pertinen- 
te , Vallem Tinta y Argelle y Cangiano 5 Petre/'um y fundum Ponte* 
eli ufque in Rivo Cartario y Plebem Sancite Marine ufque in fojfa 
Jobiana y Olpilia ì & foffa Quriola &c. con altre cofe in elfo Pri- 
vilegio annoverate . Sin qui il Nicolio rifolvendo la fopraferit- 
ta obbiezione; ma quanto vaglia la fua rifpofta lo giudicherai 
no gli eruditi, avuta la debita confi derazione al fuo difeorfo , 
ed alle parole del Privilegio di Martino. Dice il Nicolio, che 
Martino non concede, ma conferma , ed è tutto l'pppofito, di- 
cendo il Referi tto; quatenus fancìam Pei "Ecclefiam concederemo ; 
ecco la conceffione della Ghiefa, la quale altro non importa , 
che il conferirle il Vefcovato d'Adria . Seguitiamo più oltre . Il 
Privilegio di Giovanni non concede altro al Vefcovo g& fatto, 
$ ppfleflbre attuai* «Iella Ghiefa d'Adria > fé non la Corte di 

N Buon- 



<>8 ORIGINI E CONDIZIONI 

Buonvico per fabbricarvi un Caftello , e quello di Martino gli 
concede il Vefcovato , e lo fa Vefcovo , Ne fegue adunque , che 
il Refcritto di Giovanni fupponga quello di Martino , poicchè 
l'effer Vefcovo ha da precedere l'effere aggraziato come Vefco- 
vo ; che il Refcritto di Giovanni fupponga Paolo fatto Vefco- 
vo per innanzi, e poffefibre attuale della- Chiefa 4'Adria, lo fi- 
gnificano anco più che chiaramente quelle fue parole/ quatenus 
concederemo pbì, & per te jam fatta tua Ecclefìa Curtem Bo- 
nevico , perchè fé vorremo conftruire quello Periodo non po- 
tremo fé non portare il fenfo, che voglia dire quatenus conce- 
deremus Tib'Pi & per te curtem Bonevko Ecclefia jam fatta tua, 
iàeftì qua pertinet ad Ecclefiam , qua jam fatta eft tua,, Ma chi 
ha fatta di Paolo la Chiefa d'Adria? certo quello, che gliela ha con- 
cetta? Chi l'ha conceda? Martino. Adunque il Privilegio di Mar- 
tino , con tra ciò, che intende il Nicolio, come quello che con- 
cede la Chiefa d' Adria , farà primo , e prefuppoflo dal Pri- 
vilegio di Giovanni. Non nego io già, che l'ordine del regiflro 
in quel medefimo Catartico fia flato mal ofiervato nel Privi- 
legio d'Enrico III. Imperatore , effondo egli flato a' tempi di 
AlefTand.ro II. intorno al 1060. ed avendo favorito Cadaloo An- 
tipapa) moftrandofi fempre nemico del vero Pontefice, e della 
Religion Crifliana; ond'è, che viene egli per ogni modo adjef- 
fer pofteriore a Papa Giovanni XX. il cui privilegio non può 
effere flato dato , fé non del 1025. con tutto ciò queflo è re- 
gifirat© dopo quello di Enrico; ma quello inconveniente appref- 
fo gli altri ferve per accrefcere Ja fofpicione della falfità di tut- 
ti quelli Refcritti. Quanto poi alla confiderazione intorno alla 
claufula della confirmazione nel Privilegio di Martino, dpvraf- 
fi avvertire, effere fiata la dimanda del fupplicante , che gli fìa 
concetta la Chiefa, e che fian confermate le proprietà di effa, 
perchè effendo la proprietà ab antiquo della Chiefa, non han- 
no bifogno d'altro , che di confermazione, la quale non riguar- 
da immediatamente il Vefcovo , ma la Chiefa , Dice il Nico- 
lio , che il Privilegio di Martino conferma ciò , che è flato con- 
ceffo da Giovanni; che cofa ha conceffo Giovanni? ha concetta 
la Corte di Buonvico per farla Caftello, e ha concefio, che gli 
fia fatto un Territorio . Ora fé il Privilegio di Martino non fa 
punto menzione di queflo fatto, chi dira mai con propofito , che 
confermi la concezione di Papa Giovanni ? K ben vero , che 

con- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 99 

confermando le proprietà della Chiefa d'Adria, conferma anco 
il pofleffo di fondo Roda , ma lo conferma come proprietà del- 
la Chieià d' Adria , non come luogo , ove s'abbia a fabbricare 
un Cartello , e come bifognava fpecificare , fé quella confirma- 
zione averte avuto riguardo alla conceflìone di Papa Giovanni. 
E chi dubita, che fé Paolo, dopo aver dato principio alla fab- 
brica del Cartello, averle da Martino ricercato il privilegio, co- 
me dice il Nicolio , per maggior corroborazione di quanto gli 
era ftato per innanzi concerto da Giovanni, avrebbe efprefla la 
richieda di potervi edificare un Cartello , come fu efprefla in 
quella che fu fatta a Giovanni , onde per ogni modo farebbe 
ltato neceflario il fare di ciò alcuna menzione ; come era necef- 
fario nel privilegio di Enrico, fé è vero, che in virtù d'elfo 
reftafle il Vefcovato cori le fue pertinenze fotto la protezione 
dell'Imperio/ perchè trattandofi di protezione , non fi dovea 
pretermettere la nominazione di luogo tanto principale, il qua- 
le ad ogni modo era del Vefcovo « Nel refto dalla buona in- 
telligenza del contenuto nel privilegio di Martino già efpofta , 
fi vede apertamente, che al tutto è fuori del cafo lo aggirarli 
in confiderare , come fa il Nicolio , che non accadea nominar 
Rovigo , perchè alla Sede Apoftolica appartiene folamente per 
il fuo diretto dominio confirrrìare * ed approvare quanto ella ha 
concerto; nò il miglioramento fatto dal Vefcovo. Dico che tut- 
to ciò è fuori del cafo, perchè non ha il debito riguardo, co- 
me fi è detto, alla conceflìone di Giovanni * la quale non con- 
ferì la Chiefa , né inftitul , o applicò le proprietà , ma folo 
concerte la Corte di Buonvico a Paolo già fatto Vefcovo a fine 
di fabbricarvi un Cartello- per ficurezza di fé fteflo, e del fuo 
popolo . Non nego già io , che porta ertèr porto in confidera- 
zione il modo della conceflìone delle Rodige fatta da Giovanni, 
come^quella che pare aver applicato nuovamente quello luogo 
■al Vefcovato d'Adria , effóndo fiato per innanzi immediacamen-- 
te foggètto alla Santa Sede, e di ninna Diocefe, com'era a quei 
tempi , ed è al prefente l'Abazia della Vangadizza ; onde av- 
venga che confirmando Martino anco femplicemen te quella pro- 
prietà del Vefcovato d'Adria, fupponga egli per ogni modo l'ef- 
fetto del Privilegio di Giovanni, come quello, che abbia appro- 
priato ciò che prima non era propria pertinenza della Chiefa 
d'Adria . Ma fé quello è vero , due cofe ne feguono contro il 

N 2 Ni- 



ioo ORIGINI E CONDIZIONI 

Nicolio; una, che il refcritto di Martino non pofla effere flato 
indrizzato a Paolo , poicchè fi vede apertamente T che que fio 
concede il Vefcovato, eppure Paolo nel privilegio di Giovanni fi 
fuppone Vefcovo; l'altra è, che Rovigo non foffe per anco edifica- 
to a' tempi di Martino , e che folle fvanito il difegno y e la deliberazio- 
ne di fabbricar fortezza nelle Rodige , non fi facendo altra/men- 
zione nel Privilegio di Martino, che di fondo Roda. Nel re- 
tto il ridurfi anco qui a dire, che quanto fino allora era fiato 
edificato da Paolo era poco, e tale y che non meritava effer 
pofto in confiderazione, è cofa che non convien bene col pro- 
feffare, come profefla il Nicolio (/*), che vi foffe trafportato il 
Vefcovato colla fedia , e refidenza Epifcopale , che foffero deiì- 
gnate le mura con l'aratro, che vi foffero ridotte tante onora- 
te famiglie quante egli ne fuppone ;, e cosi parimenti conven- 
gono malamente il dire da una parte , che la Santa Sede in 
quella conceifione non dovea avere altro riguardo, che del fuo 
diretto, e dall'altra concedere,, che Rovigo foffe foggetto al go- 
verno,, e alla giurisdizione del Vefcovo, è un farlo bene della 
Chiefa d'Adria, e per confeguenza o foffe miglioramento, odi 
che altra natura fi voglia, ad ogni modo non reftava mai di ra- 
gione di alcuno particolare y ma folo del Vefcovato- in virtù 
Selle concezioni che alli Vefcovi nel conferire di quella Ghie- 
fa erano fatte di tenVpo in tempo dalli Pontefici, non altrimen- 
ti, che reftano tutte le fabbriche fatte da quelli che. godono Be- 
ni Ecclefiaftici , o nelle Ghiefe, o nelle Caie, o nelle Campa- 
gne, o in altra cofa,. che alla Chiefa fi appartenga, e che con 
la Chiefa fia anneffa in modo che con l'iftefla fi conferifca, co- 
me fua propria . Porta il Nicolio, che Paolo vuole afpettare la 
confirmazione di Martino; perchè ? e a che fine ? che ftupidez- 
za di Prelato, non fapere che tanto vale la concezione di un 
Papa, quanto- la confirmazione di un altro ! Notava il Nicolio 
per trafcuraggine Padovana , e chiamava opinionifti poco ver- 
fati negli annali antichi della loro Citta e manco ftudiofi delle 
cofe loro , e delle altrui paiate , quelli ì? che volendo nelle loro 
Scritture affermare , Rovigo effere fiato fignoreggiato dal Co- 
mune di Padova ,- non aveano ben voltate le fcritture delle 
Cancellarle per vedere fé potevano moftrare quali ordini, quali 
provigioni furono mai fatte per Rovigo, come furono fatte per 

Vi- 

(a) Tty//* jlnnhgia "tal agc\ 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 101 

Vicenza. Ora che direbbe egli, fé l'offe ammonito con piamo» 
deftia, ch'eflendo (tato edificato Rovigo, parlando conforme al- 
Je fue pretenfioni, da Paolo Vefcovo l'anno p2o. ne fegue , che 
da quello ai tempi di Aleflandro Terzo correflero anni intorno 
•240. effondo Aleffandro ftato creato Pontefice del 11 do. fecon- 
do il Pigna, o del 1 1 50. fecondo il Platina, e Baronio, alqual 
tempo, poco prima fé ne impadronì Rinaldo da Efte,<ond' 
è, che tratterebbe quafi dell' imponìbile, che ficcome negli Ar- 
chivj , e nelle Cancellarle fi fono confervati quei Privileg; tan- 
to antichi, non fi fofle anco confervata o in Adria, o in Ro- 
vigo, o in Vinegia qualche memoria di governo durato per 
lo fpazio di più di due fecoli? e fé fi ha trovata, e ha potuto 
vederla, come profeffa aver veduti, letti, e trafcritti quei Pri- 
vilegi, perchè non -l'adduce;? fé non .fi ha trovata, perchè af- 
ferma egli cosi determinatamente, che folle da Paolo. Vefcovo 
edificato Rovigo, e- trafportatavi la fede , e refidenza Epifco- 
pale tanto tempo innanzi l'invafion di Rinaldo? E ciò fia det- 
to per corroborazione di ciò, che ha molto fondatamente con- 
tro l'opinion 'del Ntc^lio^prodotto il Cafilino , il quale dopo 
quéfta confutazione foggiungendo il giudizio di fuo Padre feri- 
ve cosi: (<*■),> Corfe ancora l'ottava Indizione, come fcrivono 
j, il Palmerio Fiorentino nelle croniche, l'Alberti nella deferi- 
j, zione dell'Italia-, ed il Sigonio nelle Iftorie del Regno [dell' 
„ Italia, l'anno primo del- Pontificato di Giovanni XIII. che fa 
„ il 96^ della fakite; ma quefti non era allora Ponte ficé il me- 
„ fé di M aggio yeflendocchè fu creato, come afferma il Sigo- 
„ nio, il dì fecondo idi Ottobre * e fotto il -Ponteficato di Gio-? 
5> vanni XI. Tanno >35-e di Giovanni Vili. Fanno 875; e di Gio- 
,j vanni II L fecondo il Palrfterio>, e T Alberti, l'anno 575. ben-: 
„ che il Sigonio dica, che" morifse l'anno 574. Ma per le ra* 
,-, gioni fuddette riè anco da alcuno di quefti è da dire , che foffe 
^ con ce fio al Vefcovo Paolo di fondar Rovigo ; a tutte le quali 
ff aggiungo queftauna a mio giudizio importantiffìma , che fino 
„ al tempo di Ottone Orfeoìo* che fu creato Prencipe di Vine- 
5, già V anno 1000. Adria fu Città cosi potente i che avendo il Se- 
^ nato voltoli penfiero a foccorre re Terra Santa occupata da' 
„ Turchi, per timore delli Adriani fé ne reflò ; i quali ebbero 
„ ardire di travagliare il Paefe dei Veneziani fin quafi fu gli oc- 
■ 5 , chi 

(a) Vogl. xp 



io2 ORIGINI E CONDIZIONI 

„ chi di Vinegia r-itìeffa . Ma^poicchè dall' Orfeolo furono vinti 
^, mun gran latto d'arnie appreffo Laureto, tra le foci dell' Adi- 
„ gè, e del Po, fi Scemarono di maniera le forze loro, chequa- 
„ fi fi riduffero a niente ; il che affermano Marcantonio Sabelli- 
„ co, nel "quarto librò della prima Deca i dell' Iftoria Veneziana , 
„ Pietro -Marcello nella vita dirottone Orfeolo, Pietro Giuftinia- 
ù no nel primo libro dell' Iftoria; Veneziana, e Giovanni Tarcar 
„ grtota nella feconda parte deljrlftojrie; del Mondo al libro un- 
„ decimo, e altri. Sicchèrnon è dà credere, che prima ..aveflero 
„ abbandonata Adria Citta forte per venire a fabbricare una 
$, Rocca nel Poìefine noftro. Dopo jquefti tempi corfeànco FOt- 
4, tava indizione,, fecondo i detti: Palnierio , Alberti, è Sigo- 
-, nio, efièndo Pontefice Giovanni XX. Fanno 1025. e fecondo il 
„ Palmario, e l'Alberti, èffendo Potitene* Giovanni XXIke^XIifi 
$, gli anni' 1322. e 13:45. ina innanzi £ al Ponteficato di quefti due 
„ ultimi era fondato Rovigo, cornei! ha dalle Iftorie Imperiali 
,, di Riccobàldo Ferrare fé , e da' Com mentar j di. Gio: Battifta G i- 
„ raldi. delle cofe di Ferrara/ e dalle Iftorie de' Prencipi d'Efte 
„ del Pigna,; e d'altri. Reità adunque per le ! j&gioni fuddet- 
j, te, e per. F autorità d r uomini dottimmi vera l'opinione di 
„ noftro Padre ,, confermata da Gio -.[Domenico Roncali il Cava- 
oliere noftro cugino, e Cittadino onoratimmo della Patria, nel- 
„ l'Orazione* ch'ei recitò l'anno 1555.il dì 22. di Settembre 
,,: a. Lorenzo Mula )Pòdeftk di Rovigo, e da-. Gafparp Sardi no- 
,, bilimmo Cittadino di Ferrara nel terzo libro ' delle r Iftcrie 
„ Ferrare^ j, - c h e ^ a Rocca diRovigo per conceifione di Giova n* 
„ ni XX.Pontefìce r 'fatta di Maggio ì l'Indizione ottava a . Paolo 
„ Vefcovo d r Adria Fan no ri 02 5. appreflo F alveo del Tartaro 
„ nelle Rodige folle fondata. Quefta fu l'opinione del Cafili- 
no feguita anco d$ Giovanni Bonifacio nell'Orazione per traf- 
portare il Corpo di San Bellino, anch' egli pur Rodigino,, Figli- 
uolo di quel Sebaftiano, dalle.cui mani vennero le copre della 
fopranominati privilegj ;, e comecché da lui non fia profefforia- 
mente trattata quefta materia, è però ad ogni modo credibile,, 
ch'egli abbia prima ben efaminata la poftilla citata dal Nico- 
lio , e che anco abbia ben confideratOy. qual capitale fi debba fa» 
re di quel Catalogo, ove Paolo Vefcovo vien collocato in mo- 
do, che cafchi a' tempi di Giovanni X. ed io non credo ingan- 
narmi nell' attribuire affai al buon giudizio di queft' uomo, ef- 

fen- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 103 

fendo egli non folo gran Giurifconfulto, ed AfTeflbre, ma anco 
icrittore d'Iftorie molto (limate, ed in ogni forte di ftudio mol- 
to verfato, come le lue opere, delle quali più abbatto fon per 
parlare, ne fanno chiara teftimonianza; e perciò a quella vo- 
lentieri fottofcriverei , quando non la vedetti bifognofa di mac- 
chine ben manco affai di quella del Nicoli© , poicchè è necef- 
fario fingerli due edificazioni, e due edificatóri di Rovigo in di- 
ftanza di tempo troppo grande, e metter per certo fenza altra 
più evidente teftimonianza, che della propria immaginazione , 
quello, che può eflTere che non fia flato, cioè , -che fubito ot- 
tenuto l'indulto, fenza mettervi tempo di mezzo, il Vefcovo fi 
ila pollo ali-opera; eppure è vero , Che fpeffe volte s'interpon- 
gono fpazj di tempo ben lunghi i e fi differiscono le efecuzioni 
per varj rìfpetti, ed impedimenti, che rompono li diflegni de- 
gli uomini lbggetti all'eflere variati, ed alterati da tanti acciden- 
ti, che chi voleffe numerarli tutti, farebbe un non voler mai 
dar fine. Io io bene, che il trarre le origini antiche , quando 
non fi abbia altro in contrario, non ricerca fempre dimoftra- 
zioni geometriche, e che badano talora alcune conghietture 
leggiermente probabili. Ma è pur anco veroj che quelle rice- 
vono modo da diverfe circoflanze, come nel prefente cafo, nel 
quale abbiamo dal Pigna il tempo della edificazione di Rovi- 
go lontaniflìmo da quello, che s' immaginano i Rodigini fui 
privilegio di Papa Giovanni ; ond' è che a convincere , che 
Rovigo abbia avuto altro principio anteriore a quello che met- 
te il Pigna, ci bifognano prove, che tengano molto più del 
concludente, e che più fìringano. E comecché il Sardi fia nel- 
la nave medefima del Cafilino, capita però egli particolarmen- 
te ad una graviffima difconvenienza, mettendo il principio del- 
l' edificazione di Rovigo a' tempi di Papa Giovanni XX, col qua- 
le vuole, che anco fia flato Paofo 1 Vefcovo d'Adria, quello, a 
cui fu indrizzato l'indulto già regiftrato di fopra ; e poi fog- 
giungendo, che mentre forgeano le mura, Rinaldo da Elle cac- 
ciò il fuccefibre di Paolo da Rovigo; eppure è cofa chiara, che 
dal tempo di Papa Giovanni £X.il quale fu del 1025. a quel- 
lo di Rinaldo, che fu intorno al lido. vi cadono 135. anni , 
nel quale fpazio di tempo a Paolo, che del io^.doveapur ef- 
fere di qualche matura età, altri che un Vefcovo folo non è 
fuccefTo. L'opinione poi del Nicolioj come fi è potuto aperta- 
ine n- 



io 4 ORIGINI E CONDIZIONI 

mente fcoprire dalle cofe di fopra confiderate,non folo hane- 
ceffita di effere puntellata da quelle due macchine , ma anco 
da altre più lira vaganti, ed immaginarie* come il darti ad in# 
tendere, ed il fcrivere per certo, che Paolo aveffe edificato co- 
fa di poca confiderazione ,- ,e ciò per falvare, che il Privilegio 
di Martino non norcini Rovigo, tuttocchè già foffe fecondo le 
fuppofizioni [ edificato / che Martino non conceda , ma confer- 
mi ; afpettare il Privilegio di Martino , che non era neceffa- 
rio; dire, che fia indrizzato a Paolo lenza vedervelo nomina^ 
to; immaginarfi una diftruzione d' Adria , che non fu, ne può? 
te effere ; formare una poftilla d' avvilo con un catalogo, eor- 
dine di Vefcovi volontario, numerandoli Paolo fé n za il fuotem^ 
pò • mettere (a) che fia flato al tempo dell'edificazione affegna- 
to dal Pigna il Vefcpvo Vitale; e poi (b) ridurfi a dire, che fu 
un altro Paolo, facendo due Paoli, uno fcifmatico, e l'altro uo- 
mo dabbene; e per figillo vertendo quelle fantafie di quel fo? 
gno, che fece vedere a Paolo Vefcovo buono il fuo Paftorale 
fiorito di rofe, e del modo, che tenne- coftui in condurre li Buoi 
per la Boara a fine di tirare il folco con l'aratro, cingendoli , 
come dice egli, il Gabino: cofe tutte che fé averle faputemov 
flrare, o che, per meglio dire , aveffe inoltrato, onde mai pof? 
fano effere fiate cavate, eccetto che dal fuo cervello, meritereb- 
be una corona di quelle , che fi danno alli più benemeriti delr 
la Patria; quando dell' origine di lei fin qui non fi ha avuto al- 
tro lume, che quel poco, che fi cava dalli Privilegi d'i Giovanni, 
e di Martino , e dall' Iftoria del Pigna , all'opinione del quale rifolvo 
d'accollarmi, perchè chi fcrifse quell'opera fu molto fodo , cir? 
cofpetto , e difinterefsato , ebbe copia di buone fcritture dagli 
Archivj degli JEftenfi , ebbe finezza di giudizio , e come quel- 
lo, che vide afsai , ebbe anco pratica efatta delli fuceeffi ap- 
partenenti a quei Principi, edalli loro fiati. Fu quelli per mip 
fenfo non il Pigna , fotto il cui nome- cammina l' Iftoria , ma 
Girolamo Faletti, il quale fcrifse anco certe Poefie latine mol? 
to eleganti , ed erudite ; e ciò mi perfuade quello , che leggo 
nel fine dell'ultimo libro del Sardi, ove nominando il Faletti, 
come quello, che feri vefse in quel tempo tal'Iftoria, difeende an* 
$o a certi particolari che.iri efsa fi vedono, e non altrove; per 
. j o tra^ 

(a ) Xe! prim o dell' Iftoria t 

(b) ì^ell' jLntìlog. all'yipolog, del Zago Rentuano. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 105 

tralafciare, che Nicolò Crafso uomo ingenuo altrettanto, quan- 
to dotto e ihidioiò delle belle lettere, atteftafse già ad un mio 
cariffimo amico, di aver egli icntito il Teftamento del Faletti 
in Ferrara, nel quale raccommandava la ma Iftoria a Gio: Bat- 
tila Pigna, pregandolo a rivederla, e poi darla in luce. M'in- 
duco anco facilmente a fottofcrivernii al giudizio di quello Scrit- 
tore ( fra Irato qual fi voglia delli due nominati ) perchè giudi- 
co ragionevole, che quel Vefcovo non fi movefse allo edificar 
Rovigo prima della Rotta del Po detta di Siccardo , o di Fi- 
cheruolo , dalla quale ben veramente redo allora fommerfa , e 
diftrutta Adria in modo, che fu vicina allo annichilar.fi ■ come 
da certo tempo in qua pare che riforga, efsendoiì da lei in gran 
parte allontanate le acque di quel gran ramo; e (limo, che ac- 
crefcefsero quefto motivo le turbolenze , che bollivano , e forfè 
anche erano in colmo per lo feifma nato a quel tempo nel Pon- 
te ficato, per il fomento, che ricevea Vittore Antipapa da Fe- 
derico Imperatore, il quale fidandoti nella forza dell'armi pro- 
curava di tirare a sé quella autorità , che non gli conveniva: 
e perchè al vero Pontefice Aleffandro non mancavano autori- 
tà , appoggi, e forze per mantenerti, e caftigar anco i contu- 
maci, e ribelli, ai quali retto poi fino al fine fempre fuperio- 
re, ebbe bifogno il Vefcovo d'Adria, come parziale dell'Anti- 
papali afficurarfi in luogo più forte della già diftrutta Citta 
d'Adria. Che mò facefle allora queft' opera in virtù di privi- 
legj ài nuovo ottenuti, o già conceffi molti anni avanti , non 
lo potiamo faper per certo; e febben, per quanto di fopra è 
flato diffufamente difeorfo, io di quei Privilegi non ne faccio 
gran capitale; nondimeno perchè altri forfè avrà altro gufto , 
e Cernirà diversamente da me, non voglio reftare di regiftrare 
in quefto luogo le formali parole di elfi diligentemente incon- 
trati con altri originali autentici in quelli pochi fragmenti . 

PRIVILEGIUM DOMINI P A P M, 

Marinus fervus fervorum Djì Epifcopus 
Infulatriy quts vocatur Adriana una cum tota Jilva [uà , & por- 
pus, quod ejì portus Laureti , & portus Gauri omnia in integrum 
perftjìente ufque in mare , & a portu Laureti ufque in Canale Sta , 
Ù ufque in Canale Fal^e , &c. 

Q Qua- 



io6 ORIGINI E CONDIZIONI 

ghtapropter ex noflra Apoflolka praceptione , five ex praceptio' 
ne dileBiJJimi Filii Nojìri Ugonis Sereni Jtmi Kegis pracipimm , 
&c. 

Scripta per manus Georgii Scriniarii Romance Ecclefia . 
Dat. Patriarchio Lateranenft tertio idus J tinti* Bene valete* 

Ego Benignus Epifcopus Hoftienfis manti me a confcripfi 

Ego Georgius Portuenfis manti mea confcripfi anno e/'us Sedis fé- 
cundo , & Domini Ugonis quarto JndiBione XI J. 

Ego Dominicus Cbrifii misericordia SanBa A drienfis Ecclefia No- 
tarius videns &c. esemplavi anno Dominici Jncarnationis millefimo 
CCU. quinqtiagepmo primo decimoquarto die exeunte me?ife Aprilis 
JndiBione 13. tempore Domini Eugenii Papa, & Conradi Regis . 

Ego Romeus Domini Henrici Regis Notarius authenticum bujus 
exempli vidi 9 & legt ficut hic contine tur, &c. 

PRIVILEGIUM IMPERATORE. 

2. fìoc eft exemplum cujufdùm Infivumenti , & Papali s Privi- 
legi} , cujus tenor talis eft. 

In nomine SanBa, & individua Trìnitatis . Henricus Divina 
f avente clementia Romanorum Imperator Auguftus , &C. 

Nerifo Cancell. Domini Orcbelli Cancellarti recognovit Dat. fé- 
Ctindo idus Februarii an.Dominica Incamationis 1054. Indizione 7, 
anno autem Domini Henrici terni Regis Imperatoris fecundi ordinatio- 
nis 25. Regni quidem 13. Imperii vero feptimo , &c p 

Jnfuper concedimus tibi , & per te tua fanBa Ecclefia , tuifi 
que fuccefioribus fuffragium , & placitum populi comanentis a ter* 
mino Rodi gè ufque ad Adrienjem Civitatem jure perpetuo adte- 
nendum pojfidendum ordìnandum in reftauratione tuce diruta Ec- 
clefia, Ò° funditus diftruBa emiffia praceptione no/Ira cum Beati 
Petri auBoritate ita fané , ut fmgulis quibufque annis tu , tuique 
fuccejfores vice penfionis Adrienfem Ecclefiam readificare , ordinare 
Presbfteros , Diaconos, ceterorumque Ordinum Clericos ordinare • /la* 
tuentes Jìpoftolica praceptione auBoritate Beati Petri Apoftolovurn 
Principis jub divina obteftatione , & anatbematis interdiBu , ut nul* 
li unquam noftroHim fuccejforum Pontifìcum , vel alia cuiltbet ma- 
gna , vel parva pèrfena pranominatum locum cum omnibus Curtis^ 
five pifeariìs ad eafdem pertinentibus , feu fujfragiis , atque placitis 
jtiperius diBum eft a termino Rodi gè ufcjue in Civitatem Sidri eri* 

Jem 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 107 

fem a potcjìate tua Ecclefia auferre y vel alienare Ù'c. fi quis an- 
tan ^ Oc. 

Scriptum per manum Joannis Scrutarti Sanila Romana Ecclefia 
in menje Moti Indiclione Ottava , Bene valete , 

Et ego Dominicus Ch'i/li mifericordia Sant'Ice Adrienfts Eccle- 
fix Natami videns hoc autbenticum Privilegium fcriptum per ma- 
rnivi Joannis Scriniarii Sanila Romana Ecclefia nib'tl addens , vel 
minuens esemplavi anno Dommica Incarnationis 1151. 14. dieexe* 
unte menfts Aprili* Indiclione decimaquarta tempore Domini Eu~ 
genti PapXy & Conradi Regis. 

Ego Romeni Domini Henrici Regis autbenticum bujus Exempls 
vidi y & legi ficut bic continetur , 

Lettera di chi fece il fuddetto incontro fopra quella materia . 

Ho efeguito quanto mi ha comefifo per rifpondere alle di- 
naande contenute nelle connefle lettere, che fono. 

Prima le vi fiano li millefìmi, o almeno gli anni del Pon- 
tencato; al che fi dice , che non vi fono miUefimi, né annidi 
Ponteficato , ma precifamente le date notate nelle fcritture già 
mandate, e niente più, e di anni di PontefÌGato ne verbum qui* 
dem . 

Seconda , fé nel margine fia: bic fuit Joannes X, Nella margi- 
ne, ne altrove ci è parola di quefto . 

Terza, fé quello di Martino fia anteriore a quello di Giovan- 
ni, fi dice, che nel libro l'ordine è quefto. Il primo Martinm 
Ù'c. ed in quefto non vi è a chi fia indrizzato ; ma fenza fpe- 
eificar chi folle, fi dice; quia humiliter poftula/ìis qnatenus fanblam 
Dei Bcclefiam Adrienfem Beati Petri dppfloli Domini per prafentis 
No/ìri Privile gii autloritaìem concederemo Ù'c. & confirmaremus om- 
aes poffejTtones') e pofti li luoghi 3 finifee poi con le folite impre- 
cazioni a' contrafattori, e benedizioni a chi offerverà in f&cula £x- 
culorum. Amen. 

Scripta per manus Georgii fcriniarii Romana Ecclefia 

Datum Patriarchio Lateranenfi tenia Idus Junii . Bene vale- 
te . 

Il fecondo è Privilegium Imperatoria ; e fotto immediate fi dice; 
hoc ejì exemplum eujujdam injìrumenti , & Papalis Privilegii , cujus 

O 2 tenor 



108 ORIGINI E CONDIZIONI 

tenor talis efl . In riamine fantla , éF Individua Trinitatis Hen rictus 
Divina f avente dementici Romanorum Imperato? Augufìus » Natum 
fit omnibus Qhrifìi , nofirifque Fidelibus tam futuris , gzww pra- 
jentibus . E' data a'prieghi di Benedetto Vefcovo d'Adria, e la 
foftanza è , che riceva in tutela , e difefa omnia bona Adrienfis 
Ecclefia ; la data, e fottofcrizioni ibno già ferine. 

Il terzo é Joannes Epifcopus fervus fervorum Dei Reverendi/* 
Jimo », & fanflijfimo Paulo jantta Adrienfis E cele fi a Epifcopo * 
pieno d' incongruità di latinità. 

Per argomentare qual di quelli due , cioè di Martino , e di 
Giovanni fia anteriore, non ho potuto efaminar li l'oggetti, co- 
me conveniva. Ho onervato, che in quefto di Giovanni fi di- 
ce dopo narrate le Corti di Romiliaco , qua eft in Ceneglada^ 
& Cuvtem Bonevigo y qua vncatur Rodige , fi aggiunge .* & li' 
ceat tibi Cafirum conflruere in loco y qui vocatur Rodige ad fer- 
vandurn populum $V. trovando quando folle fatta la conflr tizio- 
ne, fi potrà cavar qualche conghiettura. 

Non vi è anco, né miJlefimo, né Pontefìcato , ma folo,/m- 
ptum per manus Joannis fcriniarii fan&a Romana Ecclefice in men~ 
[e Maii Inditlìone ocìava . Bene valete . 

Seguono poi le tranlcrizioni già mandate .Così refta rifpoflo al- 
le altre dimande a chi fia indrizzato quello di Enrico, e a lei ba- 
cio- le mani e reflo* 

E perchè con le fopraferitte Lettere , ed informazioni ebbi 
anco quell'altra fcrittura , non voglio reftare di metterla qui 
fotto fedelmente, come mi fu mandata ad verbum . 

Catafalco: per meJp.AntoniumDa-vum&c.fumptum, & tran'' 
fcriptum ab- Qatafìko Epìfcapatus Adria de vsrbo- ad verbum. 

Privilegium D. D. Papa ad Re . . . 

Martinus fervus fervorum Dei. Atque ideo quia jufie , & rationab> 
liter nofiro Apofiolatui humìlher pofiulafiis quatenus fanBam Dei Ec- 
cle/iam Adrienfem Beau Peni Apofioli Domini per prafentes nofiri 
privilegii autloritatem concederemmo & ' cenfirmaremus omnes pojjef 
fìoneS) & proprietates . . , idefi Infulam , qua vocatur Adriana una 
cum tota filva fua y & ponus , quod efl por tus Laureti Ù e. 
Omnia in integrum perftflcnte ujque tn mare 
„.»..,.,. più volte, cum valle ftbi pertinente 



DEL POLESINE DI ROVIGO. io 9 

Ghtapropter ex nofìra pr<eceptione Apoflolica , five ex prgceptio- 
ne diletti Filli nojìri Ugonis fereniffimi Regis prgcipimus , ut nuU 
la queque perfona 

Sci potìus, ut prefati fumus ^omnino in tempore falvas y & Ul c ?- 
fas perfifìant una cum omnibus tam Clericis quam Laicis . 

Sciat fé in tram B. Petti &c. & Filii nojìri Ugonis Regis & 
noftram cenfuram , & prefatam Ecclejiam cum fuis pertinentìs &c a 
Jciat fé compofiturum ami optimi mancujjtos mille . 

Scripta per manus Gregorii Scriniarii Romane Ecclejtce. 
Datum Patriarchio Lateranen.tertio Idus Junii, Bene valete. 
Sottofcritti. 

Benigno Velcovo Oftiertfe. Georgio Portiienfe. Anno ejus fedh 
fecundo y & Domini Ugonis quarto Indici ione 12. 

Fatta la copia da Domenico Nodaro della Chiefa d' Adria 
anno milleftmo CCll.quìnquage fimo primo quartodecimo die exeunte 
menfe Aprilis Inditli&ne 14. tempore Domini Eugenii Papa , & Con- 
radi Repis. 

Ego Romeus Domini .Henrici Regis Notartus autbenticum hujus 
exempli vidi , & legi Jìcut bic continetur » 

Privile giunti Imperatoris. 

Hoc e fi exemplum cujusdam Injìrumenti , & Papalh Privilegi^ 
cujus tenor talis efì . In Nomine &c. Henricus &c. Notum fit om- 
nibus &c. Taliter Adrienfis Epifcopus B. Turregum nojlrum au~ 
diens clemeniiam rogavit quatenus prò remedio animg &c. omnia 
bona Adrienfis Ecclefìa fub noftre tuitionis poteftatem , & defenfìo* 
nem fufciperemus . 

Mandibundium nofìr§ protetlionis prefato BenediHo Adrienfi E- 
pifcopo fieri jnfpmus , videlicet de Cune , quae dicitur Adriana . 

Ut nullus Dux y Marchio ? Comes &c.p>refaleftare y aut difvefìì- 
re prgfumat . 

Neri fa Cancellarius Domini Ore belli Cancellarli rscognòvit '. 

Dat. fecundo Idus Februarii amia Dominici Jncarnationis 1054» 
Indizione feptima anno autem Domini Henrici tertii Regis Impera* 
toris fecundi , ordinai ionis 25. Regni quidem 13. Imperli vero 7. Di- 
Bum Turregum in Dei nomine felìcìter . 

Ego Dominicus Ecclefìa Adrienfis Notarius exemplav't* 

Vetro Filius. Domini Corradìm Notaro ho fcritto . Aclum , & 

datum 



no ORIGINI E CONDIZIONI 

àatum Communis Adriani fub annìs Domini 1200. indizione tenia 
die uh ima Julii . 

Don Aventurino da Mantova attefta aver veduta il Suddet- 
to Privilegio dell' Imperatore fcritto dalli detti due Notari Do* 
minico, e Pietro, e averlo regiftrato d'ordine D.Fratris Bona* 
•zontcs Vefcovo d'Adria 1206". Indizione nona penultimo J anuarii 
Rbodigìi fuper Domum Epifcopi* 

Joannes Epifcopus fervus fervorum Dei ReverendiJJimo y. è" San&'i fi- 
mo 'Paulo f ancia ^édrìenfs Eechfia Episcopo . Et prò te in ejus Ec- 
clejìay tuifque fuccejforibus in perpttunm vìfs more filaria qualitervo- 
bis follìcitudine infijìit cura prò utilìtate Ecclefiis ^poflolicis vigilan- 
dum , in eaque necefitate j abiura fujìineat y [ed magis proprie tatis fi- 
pendia confequatur . Ideo conventi vos pa forali tota mentis integritate 
procurare y et fedulo eorum utilitari illis con f erre y ut Deo nojìro Om~ 
nipotenti hoc per ejus fanali Kominis honorem etiam-y & laude y atque 
gloria ejus Divina Majefatìs , ejus venerabilibus nos certum ejl con- 
tulijfe locis y fcque accept abili nobis ad ejus locupìetijjìmam mifericor- 
diam Divìnam hujufmodi operi s infdentisy conferatis a fedibus remu- 
neratane largìerunt . 

Quìa petìflìs a nobis quatenus concedi ffemus y tibì & per te jam fa- 
bla tua E cele fa Curte Bonevìgo y qua vocatur Rodige y & Silvam&c* 

Et liceat tibì caflrum confruere ibi in . 

Scriptum per manum Joannìs Scrìmnìariì Sanila Romana Ecclejìx 
in menfe Mali lndìclìone Z.Bene valete. 

Et ego Dominicus Chri/fi mifericordiafanbla ^fdrienfs Ecclefa Notar ius 
vìdens hoc authentici privi kgiumfcriptum per manus Joannìs Scrimnia^ 
riì fanti a Romana Ecclefta nihil addens y vel minuens esemplavi an- 
no Domini ca Incarnatìonis 11 51. 14. die exeunte Menfs aprili s Indi- 
zione 14. tempore Domini Eugenii Tapa y è? Conradi Regis . 

Ego Romeus Domini Henrìci Regis authentici hujus exempli vidi ^ 
& legì ficut hic contìnetur . 

Ora dopo che ho pofto, e regiftrato fedelmente ciò , che ho- 
potuto cavare ài reale intorno agli fopranominati privilegi, re,' 
ita che faccia intorno ad elfi alcuna confiderazione . Comin- 
ciando dunque dal privilegio , che fi pretende elTere di Mar- 
tino , dico prima, che quefto Pontefice da alcuni è chiamato 
Manno fecondo , come credo , che anco fra nominato nel Re- 
fcritto, e cosi trovo, che lo chiamano il Sigonio , e Baronio .. 
Ma veramente il modo di difponere %/ s di comandare con au.- 

tOÙUi 



DEL POLESINE DI ROVIGO. ni 

torita Apoftolica, ed in nome del Re d'Italia con l'alternativa , 
five , è Ben ftravagante, e quello che più importa è , chiama- 
re il Re Ugo, il quale, Te crediamo al Sigonio, ed a Baronio, 
ben regnava in quel tempo , ma però m compagnia di Lota- 
rio; onde è che in certo privilegio portato da Baronio appun- 
to a' tempi di Marino fi fpende il nome dell'uno, e dell'altro, 
dicendo. In nomine Santtg , & Individua Trinitatis . Hugo , & 
Lotarius Divina dementiti Reges . E nella data . Dat. & AH. 
Papice Jd. Augujìi anno bicarnationis Domini P45. Regni vero Domi- 
ni Hugonis 20. Lot^vii 15. Indizione tenia . E fé così fu, che Mar- 
tino o Marino folle creato Papa l'anno 943. nel quale correva 
l'indizione prima , e mancafle il P45. che correva l'indizione 
terza, ed era l'anno 20. del Regno di Ugo, non fo come pof- 
fa ftare la fottoferizione di Georgio Portuenfe, la quale chiama 
il fecondo anno del Papato di Marino, il quarto del Re Ugo, 
e l'indizione 12. Ma notili la fottoferizione di Dominico No- 
daro , che ne fece la copia , e la regiftrò 3 perchè (ebbene in 
quella fi vede inziferato il Millefimo , ad ogni modo non può 
dir altro, che 1151. poiché quell'anno fecondo il Platina mo- 
rì Eugenio , e morì di Luglio , e Corrado morì del n 52. fe- 
condo il Sigonio . Ora Dominico in quefta fottoferizione fa che 
l'anno 11 51. a' 16. di Aprile corra l'indizione 13. e nella fot- 
toferizione della copia di quella di Giovanni , che nel medefi- 
rao anno,mefe, e giorno corra l'indizione 14. però io credo , 
che quefto fia fiato errore di chi traferiffe, poiché nella terza 
Scrittura del Davo vedo nella medeijima fottoferizione della co- 
pia di Martino porta l'Indizione 14. Nel Privilegio poi del Im? 
peratore non fo perchè quella fcrittura fi chiami Privilegio Pa- 
pale. Quefto Enrico, fé fu il terzo, egli, fecondo il Sigonio , 
fucceffe ad Enrico fecondo l'anno 1050". ed era allora d' anni 
cinque, e fé fofle per errore fiato fcritto Terzo in luogo di Se- 
condo, fi ha da avvertire, pur fecondo il Sigonio, che l'anno 
1054. veniva ad effere il 15. e non il 13. del fuò Regno , 
avendo egli cominciato a regnare dopo Corrado l'anno 1039, e 
così non fo perchè nel 1054. fi faccia il fettimo del fuo Jn> 
perio. Di più confiderò, che nel Catalogo addotto dal Nicolio 
mettendoli Benedetto Vefcovo finto del 1054. e poi dicendoli 
temporibus Henrici Temi Imperatoris , & ViBoris Papa, fi vede, 
chg ciò è cayato dal privilegio dell'Imperatore, Ma fé fi ha da 

inten- 



ii2 ORIGINI E CONDIZIONI 

intendere, che fofie fatto Vefcovo a' tempi di quei due , è fal- 
lo , perchè , come abbiamo notato , Enrico terzo non fu fatto 
Re, fé non del 1050'. e Vettore non fu fatto Papa, fecondo il 
Platina, fé non del 1055. 17. Aprile, e fé s'intende, che vi- 
veffe Vefcovo al tempo di quefti due, non fo perchè fi metta 
folo Vettore , picchè ie fu fatto Vefcovo del 1054. ciò bifo- 
gna, che fia (tato fotto Leone Nono, al quale durante là vi- 
ta di Benedetto Vefcovo fucceife Vettore Secondo, ed a Vettore 
Stefano Nono , in modo che al tempo del fuo Vefcovato ven- 
gono ad effere fiatili tre nominati Pontefici. Oosi non fo , co- 
me convenga il mettere Gregorio Vefcovo nell'Iftoria (a) fat- 
to l'anno 11 25. e nel Catalogo 1130. Da quelle eforbitanze fi 
può argomentare, in che ftinia s'abbiano a tenere quelle ferir- 
ture. Ma prima, che ci partiamo dallo efame di quefti Privi- 
legi, fi ha da vedere, fé quello di Giovanni faccia l'effetto pre- 
tefo dal Nicolio di dare autorità non folo di edificare un Ca- 
irello, ma anco di trasferirvi la fede, e la refidenza Epifcopa- 
le d'Adria in modo , che fi pofTa chiamare il Vefcovo di Ro- 
vigo, come fi chiama d'Adria. A quello quefito rifpondo, che 
fé il privilegio ha da fervire per concludere l'affermativa , fa 
bifogno, che abbia tre condizioni. La prima che fia reale , e 
non finto; la feconda, che fia valido; la terza , che ufi paro- 
le efpreffe , le quali fpecificatamente comandino, e diano licen- 
za di quello trafporto. Quanto alla prima condizione fi è ve- 
duto, per quai capi quel Refcritto debba efiere giudicato fitti- 
zio, onde non occorre fcrivere più a lungo in fimil propofito. 
Quanto al fecondo requifito della Validità, io vorrei, che i Ro- 
digini avefiero lette, e ponderate in altri, che nel Platina, le 
vite di quei due Giovanni X. e XX. e poi che fecondo la loro 
intelligenza, e ingenuità, avefiero dato il giudizio ; perchè ve- 
ramente fé confideriamo le qualità del X. lo troviamo non Pa- 
pa, ma/cellerato Pfeudo-Pontefice, e che perciò al fuo tempo era 
intrufo al Ponteficato, onde ne fegue, che, parlando anco al modo 
del Nicolio, niuna azione fatta dal Vefcovo in virtù del Pontefi- 
ce fia fiata di alcuno valore. Ma fentiamo con le parole diBaronio 
la efecranda condizione dei Prelati di quei tempi, e di quel falfoPonr 
tefice . Qua tunc facies fanffa Ecckjìa Romana ! quamfcedijjìina , cum Ro- 
nrm dominar entur fyurcijpma aque ac ptentijjìma meretrices ; quarum 

arti- 
(a) Libro 2. fol- 5>S. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 113 

'arbitrio mntarentur fedes , darenttrr Epifcopi y & quod auditu borren- 
(hi/ìi ) & infondutiti eft ,inrruderentur in fedem Tetri earum amafu 
pfeudo-pontifices j qui non firit , nifi ad confignanda tantum tempora 5 in 
Catalogo Romanorum Tonti ficum j cripti. Quis enim a fcortis bujufmo- 
di intrufos fine lege , legìtimos dicere pojjet Romanos fuijfie Tonti fices ? 
nufquam Cleri eligentis , vel pojha confentìentis aliqua mentio^ Canone: 
omnes prejji filentio , decreta Tontificum fuffocata , profcripta antiqua 
traditioneS) reterei que in eligendo fummo Tonti fice confuetudines 5 fe- 
erique ritus j & priftini ufus prorfus extinEli . Sic vindicaverat om- 
nia fihi libido faculari potentia freta infaniens ajìro percita dominane 
di . Dormkbat fune piane aito 3 ut apparet y fopore Chriftus in navi > 
eum bifee fìantibus validis ventis navis ipfa flu&ibus operiretur ; dor~ 
miebat , inquam 5 qui ijìa non videre dijjimulans 5 fineret fic fieri dum 
non exiirgeret vindex . E dopo alcune altre poche parole parlan- 
do di Giovanni X. pfeudoponteficefoggiunge. De hoc diefuri in pri- 
mis quod ad tempus pertìmt^hoc anno eum federe capijfe ex Chronico 
Cajftnate ( a ) certum coUigitur argumentum y quia cum ingentem vicJo. 
riam de Saracenis contigiffe dicat anno Redemptoris nongentefimo deci" 
mo quinto Indicfione tertia , invajìonis vero Joannis anno tertio , uti- 
que hoc ipfv anno fé in fedem Apoftolica'm intrujìjfe opus eft afferma- 
re . Hac de tempore . De invafione autem idem auttor iterum fidem fa- 
cit 3 ut piane y non nifi pjeudopontificem , & KAntipapam eum opusfit 
appellare , cujus exordia turpìtudinìs Luitprandus eft profecutus in vi- 
ta Theodor* nobilis feorti > quam citati eo en ^ m pervenere bujus tem- 
poris infortunìa , ut etiam famofijjtma mtretricis vita fcrìberetur ; ait 
enim exordiens bijìoriam matris y & filiarum impudenti fftmarum femi~ 
narum bis verbis alia occafìone rteitatam . Quo tempore Veneranda Ro- 
mana fedis Joannes Ravennas fummum Tontificatum tenebat ( bic au~ 
tem tam nefando fcelere contra jus, fafque Tonti fidi culmen obtinuit) 
Theodor a feortum impudens bujus alberici 5 qui nuper hominem exuit^ 
avia ( quod ditlu etiam fccdijjhnum eft ) Romana Civitatis non invi- 
rìliter Monarcbiam obtinebat . Qua duas babuit natas Marotiam , at- 
que Theodor am fibi non folum coaquales y verum etiam Generis exorti- 
vo promptiores . Harum una Maro%ia ex Tapa Sergio y cujus fecimus 
mentionem ^Joannem , qui poft Joannis Ravennatis obitum fanSJa Romr- 
na Ecclefia obtinuit dignitatem , nefario genuit adulterio ; ex ^delber- 
to autem Macchione yAllericum > qui nojìro poft tempore Romana Ur- 
bis principatum ufurpavit . Hac fummatim de omnibus illis impudiciffì* 

P mis 

(d) ito Oftm, lib. ì. cap. 55. 



ii 4 ORIGINI E CONDIZIONI 

mis fcemmìs y deque earumfobok tanta aucla potenti a. Tergi? /aero or fa 
ginem Tfiudo-Tapa hujus , ó* progrejfum recenfere. Ter idem tempus 
Ravennatis fedis, qui fecundus pojì Romanum ^rcharium yArchiprx- 
fulatus habebatur , Tetrus Tonti fìcatum tenebat ; qui dum fubjeSìionis of- 
ficio debita: nominatum Joannem Tapam , qui fune minifler Ecclefìte tunc 
temporis babebatur > Romam fcepius y & iterum Domino dirigerei Tapal 
Theodor a ( ut teflatur -vita ejus) meretrix impudenti 'fftma Feneris calo- 
re fuccenfa in hujus fpeciei decorem vebementer exarft , fecumque 
hunc (cortari non folum voluti, verum etiam atque etiam pofl compu- 
to r Hac dum impudenter aguntur , Bononìenfis Epifcopus moritur , & Joh- 
annes ijìe loco ejus eligitur . Taulo poft ante hujus diem confecrationis 
nominatus Ravenna ^Archìepifcopus diem obiit , locumque ejus Joannes , 
Theodora inftin&u ^priori Bononienjl Ecclefa deferta > ambitionìs fpiritu 
inflatus cantra fanSìorum Tatrum infiituta fxbi ufurpavit\ Romamquip- 
pe adveniens inox Ravennatis Ecclejix ordinatur Epifcopus . Modica ve- 
ro temporis intercapedine -, Deo vacante , qui eum injufte ordinaverat 
Tapa ) defunblus eft . Theodor a autem Glycerii mens perverfa , ne a- 
mafù ducentorum milliarium interpofitione , quibus Ravenna fequeftra- 
tur a Roma , rarijjimo concubitu potìretur , Ravennatis hunc Ecclefia 
tArchiepifcopatum coegit deferere y Romanum que > proh nefas ì Tontìfi- 
cium ufurpare . Hucusque de ingrejju pfeudopapx 5 nefario invafore me- 
retricis viribus Róma pollente , reliqua inferius fuis locis . E così 
in conformità di quanto fi è detto lafciò fcritto il Sigonio . 
Troximo diem fuum obiit <.4naftafius Tonti fex , cui poft biduum Lan- 
dò eft fubrogatus nulla re in Tontificatu gefta nobilitatus . Eo inde 
quinto Kahjanuarias mortuo, comitifque Tonti fici creando inditlis nihil 
ex kgibus affum eft ; fiquidem Albertus Marchio Theodor a focrus in- 
ftìn&u neque ex Ecclefia Romana 3 fé d ex Ravennati , neque Cleri fuf- 
fragih (ed propriis opibus nono Kalendas Februarias fuccejforem Joannem 
Ravennatem ^frchiepifcopum dedit . Is Joannes X. eft vocatus ère. 
Quello fu il Giovanni X. fotta gli aufpicj , e col favore del qua- 
le prerende il Nicolio,che Paolo Vefcovo d'Adria Tuo favori- 
to, e dipendente, abbia avuto in dono Ruonvico , o le Redi- 
ge, acciò vi edificale il Cartello per portarvi la fede, e per di- 
fenderti da quei Criftiani, che da uno fcellerato fuo pari, e da 
quella buona gente, che lo feguiva, erano chiamati cattivi /on- 
de ogni uno può facilmente comprendere che validità potettero 
avere le azioni dell'uno , e dell'altro, e quanto aveffero potu- 
to derogare alle ragioni d'Adria, quando avellerò intefo, evo- 

* luto 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 115 

luto derogarvi: il che però non fi vede, come più abbaflb fi 
farà, ma nife ito. E tanto fia detto abbaftanza di Giovanni X. 
Quanto al XX. parlando di quello, che abbiamo intefo di fo- 
pra efponendo l'opinione del Sardi, {limano alcuni , che folle 
prima Vefcovo di Porto; altri dicono, che quando fu creato 
Papa era laico; e perchè gli fcrittori di quei tempi riputati di- 
gniflimi di fede affermano ch'egli fi abdicò dal Ponteficato,co- 
me quello, che conofeeva eftervi flato intrufo con male ' arti , 
giudica Baronio per verifimile , che poi fofle fatto legittimo 
Pontefice, avendo egli tenuta la fedia per anni X.ed eflendo 
anco morto Papa. Ma fé quelli, che fcriffero elTerfi que fio ab- 
dicato, non fcriffero anco, che dopo folse creato legittimamen- 
te, bifogna credere, che abbiano tenuto, non effer egli flato 
dopo più eletto; e fé ciò ripugna alla durazione del fuo Pon- 
teficuo creduta per certa, e all'elTer egli morto Pontefice, po- 
trà anch' eflere, che in quanto fcrivono dell'abdicazione fi fia- 
no ingannati, poicchè anco gli fedeli , e ingenui Scrittori fono 
foggetti alli errori.* onde io non approverò il penfiero del Ba- 
ronio , fé non lo vedrò appoggiato ad altro più real fonda- 
mento, anzi crederò per più verifimile , che con quella lleiTa 
mala cofeienza, colla quale s'intrufe una volta nel Papato, fe- 
guitaffe fino al fine, quale egli fi foffe o per morte, o per ab- 
dicazione, poicchè di quella, che foffe fatta preila, o tarda, né 
che moriffe Pontefice, appreso quegli fcrittori non fé ne vede 
altro. Tralafcio che il Sigonio (/») tocchi ben le male arti di 
quello Giovanni nell' invafione del fuo Ponteficato , ma niente 
parli dell'Abdicazione, né di altra nuova Elezione, ove dice: 
Ceterum Joannes 7ion iisdem artibus , quibus c§pit , Pontifìcatum 
ctìam gejftt. E ciò fia per quanto fi afpetta alla validità dello 
Indulto; nel quale perchè fi ricercava la terza condizione, che 
nel propofito parlaffe efprefìamente,dico, che vedendo il Ni- 
colio , non effere poffibile per le ragioni toccate di fopra (£) 
fpogliare il Vefcovo del titolo d'Adria, per veflirlo di quello di 
Rovigo, fi riduce (e) a foftenere che il Vefcovo d' Adria fia, 
e fi poffa chiamare Adriefe, ed m oltre anco di Rovigo; poicchè, 
fecondo il fuo fenfo , di quella è Vefcovo per la prima, ed antica 

P z dighi- 

(a) Uh. 6. de Regn. Ita!. Mtìl. 

(b) Ove fi trattò d'Adria. 
(e) H{eir amìlog. del Bid. f. 15. 



ji6 ORIGINI E CONDIZIONI 

dignità; e di quefto „ per la refidenza conceffa , edipendentc dal 
21 Refcritto Pontificio^ il quale dà il fondo di Rodige a fine ) 
„ di fabbricarvi una Fortezza in falvezza di lui, e dei Popò- 
„ lo della fua Chiefa, ficcome poi ( fecondo il fuo fenfo ) ne 
„ è feguito l'effetto; d'onde poi è avvenuto, ch'egli ha prete- 
fo di poterlo ragionevolmente chiamare , come in fatti lo chia- 
mò, {a) Vefcovo di Rovigo femplicemente , ed altri Rodigini 
(b) d'Adria, e di Rovigo infieme.. Ma io dico prima* che fé 
è vero , clic un Veicovo non poffa aver due titoli , farà anco 
vero, che non poffa effer chiamato Vefcovo d' altra, che d'una 
fola Chiefa, quando non fi dubita, che il titolo feguiti il ca- 
rattere particolare, dal quale una volta fia derivato, e che dai 
titolo refti denominato il Vefcovo in virtù della impreflione di 
quel carattere; e fé fi crede, che la denominazione venga dal 
Papa, o mediante alcuna concezione, come la pretefa dal Ni* 
colio, o per altro rifpetto quale egli fi fia, non può effere, fé 
non cofa portentofa il vedere, che né il Papa mai chiamò il 
Vefcovo , ne ii Vefcovo fé fteffo con quel titolo , come in efr 
ietto né il Pontefice chiamò mai quello d'Adria Vefcovo di Ro- 
vigo, né quefto fi fcriffe , o fi nominò, mai altro r che Vefco- 
vo d'Adria . Nel refto febbene è vero ,. che le parole di quel 
Refcritto concedono licenza al Veicovo di fabbricare una For- 
tezza per falvarvi il Ilio popolo , non fpecificando più quello. 
d'Adria, che il refto delli Diocefani,. é però cofa chiara, che 
altro fia il falvarfì in. una Fortezza, altro il rifìedervi, e che 
altro fia l'intendere, che vi fi falvi il popolo, altro, che vi ri- 
fieda il Vefcovo ; perchè il falvarfi può effere per breve tem- 
po , e come per una ritirata : anzi non vi è alcuno , il quale 
non fappia, che le Rocche, le Torri,, ed i Gironi fi facevano 
anticamente , acciò in cafo d'incurfioni vi fi potè fiero ritirare 
gli abitatori* fparfinelli contorni aperti ,ferrandovifì dentro,, e ivi 
difendendo fé fteflì > e le cofe loro, fin tanto che gli nimici fé 
ne foffero andati. Lafcio, che poffa anco la Rocca effere la fal- 
vezza d'un popolo, come frontiera, e propugnacolo; dove che 
il rifiedere, e trafportare la refidenza è cofa perpetua, ed im- 
porta accafamento , e domicilio , come appunto vuole il Nico- 
lo; e tanto è lontano a che voglia il Pontefice, che la Chiefa 

ài 

( a ) Hella fua ìft. 

(b) Bonif. nelfOraz. per tfafportare il Corpo dì San Bellino» 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 117 

di Rovigo fia edificata in luogo dell' Adriefe già rovinata, che 
anzi ordina, e comanda la reftaurazione di quefta, e che vi fi 
facciano le fonzioni Epifcopali, nominando per principale fpeci- 
ficatamente l'ordinazione dei Chierici ; clamula , che veramen- 
te dovette fare grande faftidio al Nicolio , poicchè nel fuo ab- 
breviato, e nell'Antilogia l'ha fempre tralasciata, né l'ha voluta 
fiutare : e cosi appunto dicono le parole del Refcritto già di 
fopra regiftrate tra li fragmenti comprefi nella prima Scrittura. 
Né in ciò ini affaticherò più oltre , parendomi che a quefta par- 
te vinto dalla verità della cofa non reclami il Nicolio, mentre 
fcrive (a) „ che la traslazione della Sede Èpifcopale d'Adria 
„ fu fatta lenza diminuzione alcuna della fua prima Sede tito- 
„ lare, perché vuole il Papa , che in ricognizione della grazia 
„ debba il Vefcovo ogni anno andar reftauràndo la fua prima 
„ Chiefa. E qui, come né anco altrove, non nomina punto 1' 
ordinazione dei Chierici , ma fegue immediatamente dicendo, 
„ fecondo che per naturai obbligo era tenuto ; ficchè cangia- 
„ to è il Domicilio , e riportata la Sede in Rovigo con rifer- 
„ vazione della prima in quella maniera, che Berito fu creata 
„ Citta Metropolitana della Fenicia fenza alcuna derogazione 
„ di Tiro. Ma poicchè le dignità , e caratteri Epifcopali , e 
quanto da effi deriva, fono, come fi è già detto altrove, (è ) 
proprj , ed infeparabili dai Vefcovi , è cofa chiara , che per 
porre in effere un nuovo titolo, il .quale dipendendo dal carat- 
tere particolare fuppone un nuovo carattere particolare, e per 
fare, che l'uno, e l'altro derivi dall'autorità, ed indulto Pon- 
tificio, ci vuole efpreffo privilegio , e dichiarazione del Sommo 
Pontefice , e che deroghi , e diftrugga le ragioni , ed il carat- 
tere affiflb all'antica Matrice, benché foffe defolata, e fpianta- 
ta del tutto, e che la applichi alla nuova, o che almeno fac- 
cia conftare , fé il Vefcovo abbia da risiedere nel nuovo Ca- 
rtello come Vefcovo, oppure fola mente come uomo, e Signore 
temporale, che abbia da falvarvi la fua gente dagli infulti del-' 
li nemici, come pare che a quefto folo fine abbiano avuto ri- 
guardo le parole del Refcritto, nel quale non fi dice altro fal- 
vo che : liceat Epifcopo in ditto loco Rodìge Cajìrum conjìvuere 
ad fervandum populum Santfa ejus Ecclefta tam a Paganis , quam 

perfi- 
da) lìfirjLnùhg. fogì. 19* 
(b) Dove ft trattò d' diària* 



ìi8 ORIGINI E CONDIZIONI 

peyfidh Chriftianis. Se mò quefte parole, nelle quali non vedia- 
mo fatta alcuna menzione di trafporto di Sedia Episcopale, né 
di refidenza , anzi Vedendovi fi la claufula della reftaurazione 
della Ghiefa d' Adria a fine di farvi le fonzioni Epifcopali , 
apertamente dicano , come pretende il Nicol io (a) y che fi a (la- 
to conceffo Rovigo al Vefcovo per accafarvifi, e trasferirvisi con 
la Sedia Epifcopale , in modo che per ciò aequifti il titolo di 
quel luogo, o appreffo, o con la depofizione di quel d'Adria, 
giudichilo chi ha fentimento , e giudichi appreffo fé quel pri- 
mo picciolo circuito di Rocca rapprefentato dal Gafilino, e dal 
Nicoiio , era baftevole per capir una"EJiiefa conveniente , il 
Vefcovato, il Clero, il popolo d'Adria, e tutte queMe famiglie 
vecchie di Buonvico, che, fecondo i conti del Nicoiio, erano 
( parlando delle nobili ) in numero di confiderazione , per non 
dire delle ignobili, e plebee, ohe doveano effere molto più co- 
piofe. „ L'effetto > dice egli, è flato pofcia corrifpondente alla 
„ grazia ottenuta per lo fine in effa dichiarato , perciochè il 
3, Vefcovo di fubito venne a Rodige, non per accidente di vi- 
y> fita y non per offizio , o minifterio paftorale , e meno eferci- 
„ zio giurifdizionale , ma per accafarvifi non con femplice abi- 
„ tazione, ma con fabbricarvi ftanze , e domicilio fuo perpetuo,, 
„ e de' fuoi fucceffori . Ma chi dice, o d'onde fi cava quello 
effetto così di fubito confeguitat© ? fé fi ha da credere a tutto 
quello, che s'immaginò il Nicoiio, m'acqueto; ma fé i giudicio- 
ii flimeranno neceffario per validare queita affezione il moftra- 
re,come, e quando foffe fabbricatoli Vefcovato in Rovigo, co- 
me pofìfa Ilare, che fubito feguiffe l'effetto, fé s'afpettò la con- 
firmazione di Martino, e fé dopo che Rinaldo cacciò il Vefco- 
vo Scifmatico di Rovigo, la Sedia Epifcopale fu in Adria, op- 
pure in Rovigo , e fé £a ragionevole , che approvane Alena n- 
dro Terzo o efpreffa , o tacitamente la refidenza d'Adria nel 
privilegio, ed inveftitura fatta a Rinaldo. E fé il Vefcovo fe- 
ce la fua refidenza in Adria (il che certo non puotè efiere, fé 
non per molti anni ) come , e quando ritornaffe con la Sedia 
a Rovigo, e fé dopo ch'ella vi fu trafportata col Vefcovato vi 
foffero portate tutte le fcritture vecchie, e nuove ; fé i Cata- 
rtici, co' quali fi fono incontrati gli addotti documenti, Mano fia- 
ti levati da Adria, o da Rovigo; fé il Vefcovato che è in Ro- 
vigo 

(a) Anvhg.fogL ìS. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. np 

vjgo vi fu come Vefcovato /labile, primario, e proprio di Ro- 
vigo, oppure, come a dire, per modo di provigione , o come 
cola, che feguiti la pedona del Vefcovo , e che dia in Rovi- 
go, non come Vefcovato di Rovigo, ma come d'Adria , e 'co- 
me appunto vi abita, e rifiede lo fteffo Vefcovo; fé le fcrittu- 
re, ch'elleno da quella Cancellarla, fiano del Vefcovato d'Adria; 
fé il Domo di Rovigo fia Chiefa Cattedrale / oppure femplice 
Chiefa Collegiata . Nel rimanente le avendo il Vefcovo d'Adria 
Vefcovato, Chiefa Cattedrale, Cancellarla &c. in Adria, fé an- 
dante ai tempi in quella Citta a fare le fonzioni Epifcopali , 
come in Chieia Matrice, e che gli da il titolo, la refidenza di 
Rovigo nel modo, che ve la tiene il Vefcovo, faccia effetto , 
che fi poffa chiamare Vefcovo di Rovigo, come fi chiama d'A- 
dria , lafcierò , che lo decidano i Canonifti , i quali meglio di 
me intendono quelle materie. Lafcierò anco àgli fteflì il deter- 
minare, fé Sede Epifeopale importi il medefimo, che refidenza, 
come apertamente ha fuppofto il Nicchio ; fé fi dia , o poffa 
dar nuovo titolo ad un Vefcovo , fenza efprefTa privazione del 
primo , ed inftituzione del fecondo . Degli elempj addotti non 
parlo, i quali ricevono tante alterazioni da diverfi particolari , 
che troppo farebbe proliffo , chi voleffe confiderarli tutti efat- 
tamente; e per parlare di uno, il quale dark ad intendere ciò, 
che polla eflere del retto, allo efempio del Veicovo di Feltre, 
che ebbe anco il titolo di Belluno, io che ho vedute le ferita 
ture del Vefcovato di quella Citta , e mi fono ben informato 
della verità del fatto, trovo, che già iBellunefi, per avere am- 
mazzato il ioro Vefcovo, reftarono puniti con la privazione del 
Vefcovato per cento anni , dovendo intanto il più vicino por- 
tare il titolo di quella Chiefa, febben alcuni anni dopo, e mol- 
to innanzi, che finifle il centennio, impetrarono, che loro fof- 
fe restituito il Vefcovo.* e quefti fono di quei particolari , che 
alterano il fatto, dal quale nafeendone la ragione delle delibe- 
razioni , ogni minima mutazione di quello rende l'efempio dif- 
fimile, e fuori del cafo. Ma che vo io difeorrendo più a lun- 
go, fé lo fteffo Nicolio (a) dopo averfi qua, e fa aggirato, e 
dibattuto troppo diffufamente, in fine fi riduce a concludere che 
Rovigo fia Città, non perchè abbia Vefcovo proprio da lei ti< 
tolato , e denominato , ma perchè così è chiamata dalla Sere- 

niffi- 

( a ) rAnùlog. fogl. z$. 



iio ORIGINI E CONDIZIONI 

niflìma Repubblica Veneta, che è Principe indipendente, e va- 
levole a dare quella , ed altra maggior preeminenza alli fuoi 
Luoghi fudditi? il che ancor' io confetto di buona voglia, ed in 
quello modo riconofco per Citta Rovigo, e Citta provveduta di 
tutti li requifiti temporali , che a Citta nobile , ed onorata fi. 
convengono , eflendo ella d' ampiezza , e circuito (ufficiente ; 
poicchè febbene il corpo, che già fu circondato dalle mura, non 
eccede un miglio con un terzo , li borghi però fono molto mag- 
giori, e così quelli, come quello, fono fufficientemente popola- 
ti. Ha Rettore con titolo di Podeftà, di Capitanio , e di Pro- 
veditore fopra tutto il Polefine ; e comecché Lendinara , e la 
Badia non fiano diftrittuali , né dipendenti da Rovigo; tuttoc- 
chè abbiano i proprj Rettori , i quali fono Nobili Veneti con 
autorità di Sangue, e fiano i loro Gonfigli feparati di perfo- 
ne tutte civili, come il Rodigino , ad ogni modo quella Città 
in certe cofe tiene preeminenza, poiché oltre l'autorità del Ret- 
tore fopra tutto il Polefine poco fa nominata , quefto ha il 
comando delle milizie , ed è anco Giudice in appellazione fi- 
no alla fomma di L. ioo. il che fu fatto a comodo de* po- 
veri, ed a fine, che per ogni picciola fomma non fi averle ne- 
ceffità di ricorrere a Vinegia . Di più in Rovigo è la Camera 
Fifcale , il Camerlingo , il Vice Collaterale , e vi fono molte 
Cafate antiche Nobili, e ricche; vi fono collegj di Dottori, e 
di Notaj; Mercanti, ed artefici quanti in ogni altra Qittà del 
fuo ordine; vi fi fauna Fiera delle prime d'Italia, ha territo- 
rio ampio , e fertile , edificj magnifici; ha fei Porte, quattro 
Ponti , venti Chiefe , il Seminario dei Chierici , che fogliono 
effere intorno a 25, per l'ordinario . 11 Podeftà conduce Vica- 
rio, e Giudice del Maleficio; ed il Reggimento fi (lima eguale 
a Trevigi, e fuperiore a Vicenza. Ma quello, che fopra ogni 
altra cofe illuftra Rovigo, è, che ha fempre prodotto, e pro- 
duce animi grandi, ed uomini chiari, e famofì in lettere , tra 
i quali fono fiati delli più celebri Bartolomeo Roverella Car- 
dinale Figliuolo di Giovanni , che altri chiamano Ferrarefe , 
equivocando perchè i Roverelli trafportarono la loro Famiglia 
da Rovigo a Ferrara . Ma egli certo fu Rodigino per quello , 
che ne appare nel Libro dei Notaj di Rovigo chiamato la Ma- 
tricola, ove dice ilCafilino, che fi fcrifie di propria mano l'an- 
no 1426'. il dì 4. Agofto, Quello fu Cappellano eli Papa Euge- 
nio 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 121 

nio IV. dal quale fu fatto Vefcovo d'Adria , e da Papa Nico- 
lò V. come vogliono i Rodigini , Arcivescovo di Ravenna , e 
mandato Nonzio al Re di Sicilia; febbene io credo, che dallo 
fteflb Eugenio, e non da Nicolò foffe fatto Arciv.efcovo , avendo 
veduto in certe Scritture antiche di Lendinara una lettera di 
Papa Eugenio a Lodovico Conte di San Bonifacio, nella qua- 
le nomina il Roverella Arcivefcovo di Ravenna, e la lettera è 
quella:: 

Eugenius Papa IP, 

Dilette Fili jfahtem > & Apoflolicam Benediéìionem, InteHexi- 
tnus alias fapius, & maxime nuper r e fere ntibus Nobis Venerabili 
F rat re Noflro Bartbolomao Archispifcopo Raven, nee non diletto 
Filio Bartbolomao de Leopardh tuam 5 tuorumque ad Nos , & Ec- 
clefìam Roman am fidem, & devotionem; & quam progenitores no- 
bilitati* tute femper animis , & viribus prò augmenio , & confer- 
catione flatus Ecclefiafìki , quantum in eis fuit , infudarunt , quod 
profeto & laude , & fumma commendatane dignum efì , Horta- 
mur itaque nobilitatem tuam> ut majorum tuorum vefìigia imitan- 
do in hoc tuo propofìto perfeveres , quandoquidem fumma tibi laus 
accedete & ab Omnipotenti Deo premium aliquod tibi non imme- 
rito fperandum efì . 

Dat.Romte apud Santtum Petrum fub annulo noftro fecreto Kal, 
fui ti 1 44^. Pontificata Nofìri anno fexto decimo „ 

A tergo . 
v 
Diletto Filio Nobili Viro Ludovico ex Comitibus Sancii Bonifa- 
cio Veronen, 

B. Roverella » 

Fu poi quello Arcivefcovo da Pio IL fatto Cardinale del Tito- 
lo di San Clemente. Fu Abate Comendatario della Vangadiz- 
za, come dirò a fuo luogo, e fu di erudizione non volgare, e 
molto atto a maneggiare i più gravi negozj di Santa Chiefa , 
che perciò fu Legato in Inghilterra, ed a Napoli, ove coronò 
di quel Regno il Re Ferdinando . 

Di Bartolomeo Cardinale fu Fratello Lorenzo Roverella Vef- 

Q covo 



i22 ORIGINI E CONDIZIONI 

covo di Ferrara , Dottore di Filofofia, e Medicina. Leffe nello 
Stadio di Ferrara; fu Nonzio del Papa al Re Mattia d'Onga- 
ria nel 14.68. e in quel viaggio aggiultò anco le differenze tra 
il Duca di Baviera , e la Comunità d'Augufta. 

Lorenzo Amorino Filoiofo, Medico, e Teologo, leffe logica nel- 
lo Studio di Padova, e fu intorno al 1487. Scriffe lopra Egidio 
alcuni Comentarj con quella ifcnzione. F ertili j]ìm a Egidit quod- 
ltbe,a cafìigatijjtma Laure r/tii Amoltnt Kbodigini Opera pi tirimi s 
appendtcu'is donata. Ejufdem Laurentii Amolini , declaratio multa' 
rum propojìtionum Avtrvots . 

Lodovico Maria Richieri dopo quelli fuprincipaliffimo fplen- 
doie della fua Patria; fé però fu Rodigino per naicita , come 
fu per affetto, e per abitazione, di che ne dubito per quello 
che ne trovo fcritto (^).E' volle effer chiamato Celio per la 
memoria di Celio Calcagnino erudi tifiìtrio uomo, e fuo fingola- 
riinmo amico, onde fu poi comunemente chiamato Celio Rodi- 
gino, e il Celio. Fu dotnffimo nelle lettere Greche, edelegan- 
tiffìmo nelle latine, uomo di gran lettura, di vària, e profonda 
erudizione, come atterrano i libri, ch'egli fcriffe delle Lezioni 
antiche , i quali comecché alle narici del Giovio ahbiano dato 
un tal odore di rancedine,iono però ad ogni- modo in grande 
ftima appreffo i profeffori delle più pulite lettere . Fu prima 
Precettor Pubblico di Umanità in Rovigo, e poi Lettore nello 
Studio di Ferrara a' tempi di Duca AJfonfo primo \ poi da Fran- 
celco Primo Re di Francia chiamato a Milano nel luop,o va- 
cato per la morte di Rafilio Caiehodile , e di là a Pavia , 
e poi a Parigi . Da Parigi fu chiamato a Roma da Clemente 
VU.dopo la morte del quale leffe in Padova, dove l'anno 1520. 
pafsò a miglior vita di età d v anni 70. ed il corpo per luo co- 
mandamento fu portato a Rovigo e fepoltonel Chiofìrodi San 
Francefco, ove è flato gran tempo fenza alcuna memoria, fin 
che Giovanni Bonifacio Giureconfulto , del quale parleremo più 
abballo, amando, come è proprio degli animi ben qualificati, 
la memoria d'un uomo tanto celebre, ha pofto fopra il luogo 
delle fue offa un elegante Epitaffio , procurando, appreffo con 
una ornatiffirna Orazione al Configlio di Rovigo, che gli folle 
drizzata una ftatua, di che però non n'è mai Ita to fatto al- 
tro. 

.'. Zae- 

(a) Vedi il Giovìo. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. n 3 

Zaccharia Rodigino fu celebre Giureconfulto , al quale de- 
dicò il Celio il ventèlimo libro delle lue Lezioni antiche, e fu 
poi Auditore di Rota. 

Bonaventura Rodigino Minore Francescano fu Vefcovo d'A- 
melia , e fu fepolto in Rovigo nel Chioftro di San Francefco. 

Giovan Maiii Materelli fu Dottore delli Canoni, e Vefcovo 
Corte n le, al quale il Celio dedicò il terzo libro delie fue Lezioni 
antiche. 

Francefco Brufoni Conte Palatino , e Poeta Laureato, (lampo 
in verfi elametri le Origini della Patria, ridufle in verfo elegia- 
co la Morale, e fu a' tempi di Carlo V. 

Gioan. Battuta Giancarli Afleflbre ftampò la Caprar;a,e laCin- 
gana Commedie, e fu intorno al 1551. 

Fabio Bonifacio Giureconfulto, e Afleffore, fu perito di Aero- 
logia. Scritte un Volume di Epigrammi, e di Elegie , gli Affo- 
rilmi Aftrologici, un Libro delle cofe incredibili, e altro, che pe- 
rò fin' ora non è (tato dato alla (lampa , e morì l'anno 1565. 

Bonaventura Calìlino, come ho detto per innanti , fcrifle 1* 
Iftoria di Rovigo , e Paolo Emilio fuo Figliuolo , il ^quale fu 
filofofo, llampò un breve difeorfo, da me più volte già citato, 
ove tratta della origine, e condizione della fua Patria, e della 
fua Famiglia; ed oltre quefto una Orazione al Cardinal Cana- 
no, e non fo che altro, che non ho potuto vedere. 

Gioan Battifta Minadoi Filofofo, e Medico, (lampo un libro de 
Vena feóìione puerorum . 

Gioan Tommafo fuo Figliuolo, anch' egli filofofo, e Medico, 
fcriffe l' Iftoria di Perfia, e molte opere di Medicina, tra le qua- 
li viene (limata molto quella De Febre maligna . Fu in Levan- 
te, fervi di Protomedico il Duca di Mantova. Fu Conte Pa- 
latino , e Cavaliere, lede in Padova la pratica eftraordinaria , 
che fi legge alla feconda ora degli ordinarj in primo luogo, e 
mori in Fiorenza Tanno 1618 in fervigio del Cran Duca. 

Teofilo Burgundio Teologo (lampo un libro de Revelatione 
Divina , e un Trattato de Angelis j fcrifle anco un Comento 
fopra l'Apocalifle, e fu Inquinatore di Trevigi . 

Lodovico Fuligno fu Giureconfulto, Refferendario d' ambedue 

le Signature, Secretano dei Brevi, ed Abate di fcrifle , 

e (lampo un'Orazione prò invitanda juventute ad Jìudia litt era- 
rum. 

Q. 2 An- 



i2 4 ORIGINT E CONDIZIONI 

Andrea Nicolio Giureconfulto, ed A iTefiTore , ftampò l'Iftoria: 
di Rovigo, dalla quale fu moffo Caro Cavalier Ferrarefe 3 oriondo 
però da Lendinara , a fcrivere certa Apologia folto il nome del Za- 
g© di Santa Rentua ftampata in Bologna l'anno 1584. e a quella 
replicò il Nicolio con una Scrittura intitolata, l'Antilogia del Bi- 
dello al Zago Rentuano. Stampò anco un Configlio legale per la 
Comunità di Rovigo, che però da me non è mai flato veduto. 

Antonio Riccobuono Giureconfulto , dottiffimo nelle lettere 
Greche, e Latine , alla cui felice memoria mi confefTò infini- 
tamente debitore, poLchè da lui y mentre leggeva Umanità nel- 
lo ftudio di Padova, afcoltai la Topica, la Rettoriea, e la Pie- 
tica di Ariftotele, che furono i primi principi della mia poca 
erudizione. Scritte molte Orazioni; dilucidò la Poetica di Ari- 
fiate k. Stampò de Gymnafìo Patavino y e divulgò molte altre 
fue fatiche tenute in grande ftimadai Letterati, tra le quali it 
librale Uju artts Ret borica (lampato in Germania , moftra quanto 
profondafì'e,. e quanta faffe confumato in quella Profeflione ^ Mo- 
rì nel 1 ^99.» 

Di qucfto fu Fratello Barnaba Riccobuono Abate Olivetano , 
il quale lcrifle, e ftampò queftioni Teologali , e un trattato della 
neceffixà dello ftudio.. 

Giovanni Santato Dominicano Teologo Provinciale di Germa- 
nia, e di Candia, e Vefcovo di Retimo morì nel idi o". 

Bonifacio Bonifacj Giureconfulto, ed AfierTore, ferirle la Pra- 
tica Criminale, il Prontuario delie leggi Civili, e Canoniche^ 
le Pandette delle Parti Venete, i Configli, ed altre cofe . Mo- 
rì nel Reggimento ài Verona l'anno 1598. 

, Gioan Maria Avanzi Giureconfulto v e grande Avvocato fcrif- 
fe, e ftampò il Satiro Favola Paftorale , e morendo in Padova 
l'anno 16 lafciò un Poema picciolo sì ma elegante, e mol- 
to ben ieffutp , il quale da Carlo fuo Figliuolo giovane erudi- 
to , e di grande efpettazione fu ftampato dopo l'anno 152.3. 

Girolamo Fracchetta Filofofo , e gran Cortigiano fu provi- 
gionato dal Re di Spagna, ftampò le Lezioni fopra ........ 

il Prencipe , il Seminario di Stato ,, ed altre Opere . Morì in 
JNapoli l'anno 1620, 

Girolamo Bonifacio Canonifta, ed Arciprete di Rovigo,, e Vi- 
cario Generale per quaranta anni della I>ocefe d'Adria, ftampò 
un Contento fopra li Diftici morali di Catone, morì l'anno 
1616. Già- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 125 

Giovanni Bonifacio Giureconfulto, Afleflbrc, ed uomo di gran- 
de erudizione , fu figliuolo di Sebaftiano già nominato difopra. 
Quefto fin ora , che corrono gli anni 82. di ina vita, ha fcritto 
l'i (lori a Trivio iana in dodeci Libri ; un Libro de Fuhìs in do- 
deci parti, l'Arte dei cenni, con la quale formandoti 1 fi velia vi- 
fibile, ec. il Comentario lòpra la Feudal Legge Veneta fat- 
ta fanno i $86. 15- Decembrio; il metodo delle leggi della Se- 
reniflima Repubblica Veneta. Un difeorfo del modo di ben for- 
mare a quello tempo la Tragedia . Un altro difeorfo forra la 
fua imprefa, nel qaile tratta dell'opportunità. L'Ercole Dialo- 
go, nel quale tratta dei nomi, che li mettono alli Figliuoli. Il 
brachetta Dialogo, nel quale fi difputa della Dedicazione delle 
opere letterarie. Un'Orazione al Configlio di Rovigo per De- 
dicar una (tatua a Celio Rodigino. Un'altra per trafportare in 
Rovigo il Corpo di San Bellino. Una Lezione l'opra il Sonet~ 
to del Petrarca, che comincia: 

Cercato ho /empie jolttaria vita . 
Un'altra fopra un altro Sonetto dello fteflb Petrarca , che co- 
mincia: 

Pajfa la nave mia colma d'obblio . 
Un volume di lettere familiari. L'arti liberali, e mecaniche , 
come fiano Hate dagli animali irrazionali agli uomini dimoftra- 
te. Un difeorfo dell' Afleflbre . La Repubblica delle Api, colla 
quale fi dimoftra il modo di ben formare un nuovo Governo 
Democratico. Il Raimondo Tragedia. Il Nicafio Favola Tragi- 
ca, ed ultimamente de Componendo Epitapbiis . 

Gafpero Bonifacio figliuolo di Bonifacio Affettare compofe un 
volume di Rime piacevoli , e gravi , e l'Amor venale ? Favola 
bofehereccia. 

Fratello di quefto, e Figliuolo dello fteflb Padre è Baldaflare 
Bonifacio Arcidiacono nel Duomo di Trevigi,uomo erudititi!» 
mo . Quefto fin'ora ha ftampato l'Amata Tragedia, le Lettere 
Poetiche, gli Elogj degli lllorici Romani , gli Elogj della fa- 
miglia Contarina, il Libro dell'immortalità dell'Anima, la Ura- 
nia Poema figurato, un difeorfo dell' Ariftocrazia , un Panegiri- 
co a Tommalo Quirini, le Orazioni nell'Efequie del Cardinal 
Zeno, nella creazione del Patriarca Tiepolo , neli'aprirfi dell'Ac- 
cademia dei Nobili , a Girolamo Priuli , a Lorenzo Suriano • 
E perchè quelli per l'amore che pana tra noi , e per la con» 

fiderà 



12(5 



ORIGINI E CONDIZIONI 



fidenza , che meco tiene , fi è compiaciuto di farmi partecipe 
d'altre fue Opere Manufcntte, le quali faranno date alle Stam- 
pe, non voglio reftare di nominarle ; e fono dieci libri di Epi- 
ilole latine, e ventiquattro di Satire Epiftolarj; trentacinque li- 
bri di varie Poefie latine, nove libri di rime, tre della pere- 
grinazione. Un Dialogo intitolato le Fanfaluche, i Cigni rotti, 
l'Encomio di Medea , il Colotto del Duca d'Urbino, con molti 
altri difcorfi , ed orazioni appretto, dei quali ora non ho me- 
moria particolare. 

Nel Territorio o Contado di Rovigo, confederandolo nello (ta- 
to prefente,fono (tate fabbricate in diverfi tempi molte fortez- 
ze, le quali erano di qualche confiderazione , come la Frata , 
il Cartel Guglielmo , Arquà , la Torre di San Donato , il Ca- 
lvello di Gazzo, e le Torri di Maniego , e di Pontecchio. La 
Frata fu fabbricata , come alcuni vogliono , da Ifaach Vefcovo 
d'Adria dopo l'anno 1105. e da quello poi conceria a Gugliel- 
mo Adelardi Marchefe di Ancona Fratello di Adelardo , e ca- 
po dei Guelfi in Ferrara , dal quale fu poi fubito fortificata . 
Il Pigna (a) dice, che quello fu Figliuolo di Adelardo; ma è 
per vera, e più comunemente ricevuta 1' opinione di quelli , 
che fcrivono, non effere reftata altra dipendenza di Adelardo, 
che quella Marchefella, la quale, come ho detto di fopra , fu 
Moglie di Azzo Quarto da Erte, Altri vogliono, che da Gre- 
gorio Vefcovo fucceMbre di quell'Ifaach foffe il Luogo della Fra- 
ta concetto a Gherardo Figliuolo d'Arnolfo venuto con Lotario 
Imperatore in Italia, e che quello vi fabbricarle il Cartello in- 
torno all'anno 11 2p. Io per molti rifpetti mi appiglio più vo- 
lentieri all'opinione del Sardi, il quale, fcrive (£), che la Fra- 
ta rovinata da Azzo Terzo da Erte fu fabbricata daSalinguer- 
ra primo alle confine del fuo (lato. Il Cartel Guglielmo fu edi- 
ficato, fecondo il Sardi (e), da Guglielmo Adelardi nominato 
di fopra, e da lui ebbe il nome di Cartel Guglielmo. Vuole il 
N i colio , che quella fabbrica forte dell'Anno ri2p. e dice che 
fu Figliuolo di Adelardo, ingannandoli anch'egli in quello, co- 
me s'ingannò il Pigna nello edifìcator della Frata . Da quello 
(letto Guglielmo vogliono, che fotte edificata la Fortezza d' Ar- 
qua 

( a ) Lib. fecondo . 
(b) Lib. 3- fogl. 9, 
(e) lib. 2. fogl. 63. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 127 

Illa, che però il Sardi attribuire a Salinguerra Torello, dal 
quale anco lì fra per certo, che folle edificata la Torre di San 
• Donato dopo Tanno 117+ 11 (alterilo del Guzzo, o del Gaibo 
fu edificato (.W Veronelì , come è liuto toccato di- fopra, intor- 
no all'unno npS. fopra la ripa del Gaibo , o Scortico , che è 
un ramo dell' Adigetto, il quale pafla a drittura nel Fiume del 
Caihi»naro. Le Tom di Maniegio , e di PorfrecJiio furono fab- 
bricate intorno all'anno 1Ì23. da Salinguerra Torello Figliuolo 
del pruno per nuocere alli Efténii. 

E v anco ornato il Territorio di J, Rovigo dal Corpo di San Bel- 
lino, il quale perchè vi fu martirizzato, e fepolto, è (tato eletto 
per particolar Protettore de 1 Rodigini. Di quello abbiamo la me- 
moria lcritta da Fra Bonagiunta Velcovo d'Adria l'anno 1288. la 
quale fu poi l'anno 14.80. da Niccolò Maria Eftenfe, anch'egli Ve- 
icovo d'Adria, partita in nove Lezioni', ed introdotta nell'officio 
•particolare della Feda di quel Santo. Dicono che fofie di nazione 
Tedefco, di nobile ftirpe,e dedito fin da fanciullo al culto di Dio, 
e che ordinato Sacerdote forfè deputato Vefcovo di certa piccio- 
la Citta , dalla quale eflendo venuto ad Lìmina Apofìolorum Ci 
trattenne per qualche tempo in Roma , ove diede tal faggio 
della fua bontà , che da tutti era chiamato il Vefcovo -Santo . 
Avvenne in quello mentre, che, vacando il Vefcovato di Pado- 
va, furono eletti due Veicovi, i quali eflendo ftati, per levare 
lo Scifma, deporti l'anno 1144. fu dal Pontefice eletto Bellino, 
benché molto ricufafie tal carico; nel quale pure entrato in vir- 
tù di fanta obbedienza , mentre difendeva le ragioni della fua 
Chiefa contra molti Nobili di quella" Citta , e particolarmente 
contra Tommafo Capo di Vacca, detto Capo Negro, quello in- 
tendendo , ch'egli andane a Roma ,afpettollo con altri arma, 
ti alla ftrada , e poco lontano dalla Frata nel Polefine di Ro- 
vigo con molte ferite lo privò di vita . Altri (a) dicono , che 
lo facefie sbranar dai cani , e che ciò foffe l'anno 1 14P. aggion- 
gendo per gran miracolo, che mai neffuno della dipendenza di 
Tommafo puotè entrare nella Chiefa di San Giacomo delia Fra- 
ta, ove fu in un'arca di marmo onorevolmente fepolto, ed ove 
fece molti miracoli, i quali intefi e conolciuti da Papa Euge- 
nio III. fu da quello Pontefice canonizzato, e pofio nel nume- 
ro dei Santi . Ma dopo molto tempo eflendo per le Rotte dei 

Fiu- 

(a) Celio, Scardane t Bonifacio. 



i*8 ORIGINI E CONDIZIONI 

Fiumi rovinata quella Chiefa, reftò fra le ruine fotto il fai* 
go fepolta lungamente l'Arca di quefto Santo , i n che, ad un 
tal Giovanni della Villa della Fratta, chiamato poi dall'effetto 
Cava Santi, fu in fogno palefato il luogo" di quell'arca ove 
condottofi con due fuoi Figliuoli, cavando la ritrovò- « tuttoc- 
chè fofle, come ho detto , di marmo , nondimeno con gran 
facilità, non altrimenti che fé fofle fiata di legno,. fu tirata da 
due piceiole,edeboJiuìme vacche , le quali, perchè non mai puo- 
tero effere inviate verfo la loro Villa, 'anzi drizzando^ elleno a 
viaggio contrario, e fermateti, per mezzo la Pieve di San Mar- 
tino, fu (limato efiere volontà di Dio, e del Santo , che ivi 
fofle collocata l'arca con il fuo corpo: e di qui è avvenuto per 
m& credere , che i Vefcovi della Diocefenon mai l'anno voluto 
trafportare da quella Chiefa a Rovigo , jbehchè loro ne fiano 
fiate fatte jftanze , come fece Giovanni Bonifacio con l'Ora- 
zione nominata di fopra a Girolamo di Porcia Vefcovo d'Adria. 
Dopo i miracoli fono flati grandi, e frequenti, particolarmen- 
te nel fanare i modi dei cani rabidi, 




LEN- 



I2p 

LENDINARA. 

Viviano Fantoni da Lendinara fece già una raccolta confu- 
fa di molte fcritture antiche appartenenti ad alcune Fa- 
miglie di quella Terra, e quelle quali tutte furono polle non 
intiere ma fummariate con certe fole claufule , che ferviva- 
no abbaftanza alla fua memoria. Il libro è in foglio di carte, 
o facciate 15)5. con molte rimeffe, e fupplementi di paffo in paf- 
fo mutilato , ed al prelente fi trova nelle mani di Gafparo Ca- 
tanio Affefibre primario, nato della nobile ed anticha flirpe di 
quelli di Lendinara. In quello, apprefTo altri fchizzi, ed abboz- 
zamenti di cofe diverfe , e lontane dagli affari del Paefe , nota 
fparfamente certi fuoi penfieri intorno all'origine della Patria, 
in modo però, che per lo più fi fcuoprono voli d' immagina- 
zione, e concetti imperfetti di animo tormentato nella durez- 
za di torcere il nome di Lendinara, per darle qualche nobile, 
ed illuftre derivazione; e comecché fi veda , quelli eflere (lati 
notati a fine di ponderarli, fi fcuopre ad ogni modo , che in 
elfi molto fi compiacque, ed ebbe penfiero di ftabilirli. Tra gli 
altri di fimil natura ne trovo due. Il primo è regiftrato con 
quelle parole.- (a) A nonmtllis Lendenaria^ & ab aliis Landino 
ria fcribitur , & profertur , vox a barbarli corrupta ; Antenoria 
?jamque appellari con) 'etluramus , & add'itus ejì nomini ipji articu* 
lus a vulgaribus , & Lombardis , qui nomina prò libito mutabant» 
Dedutlum nomen , ac translatum a principali Civitate Patavii , 
qua Antenoria primitus appellata fuit ab ipfo Conditore^ forte quia 
& banc ab Antenore ipfo conditam putarent antiqui . Il fecondo 
penfiero è notato così: Lant Anglico , feti Britannico idiomate 
regionem fìgnifìcat^ fènaria ab Mnea dedutlum e fi nome n . EJÌ ita- 
que Regio Mnece Lendenaria mutatis litteris A in E, &T in D. 
Mnaria Infula in mari Hetrufco fìve Tyrreno ab Jìatione Na* 
vium flineg ita appellata, Volater.Geogr, lib. 6. cap. l8p. Tanto 
lafciò notato il Fantoni, il quale fé avefle fcritto feria, e de- 
liberatamente , con penfiero di divulgare , e raccommandare all' 
eternità fimili concetti, dovrebbe anzi eflfer palfato con rifo , 

R clic 

(a) a Carte 37, 



130 ORIGINI E CONDIZIONI 

che confutato con alcuna ragione; poicchè né Enea mai vide 
quelli Paefi, né fi ha memoria immaginabile, che Lendinara 
fia fiata in rerum natura lotto altro nome , e fé non da fei , o 
fettecento anni in qua; per non dir altro della compofìzione 
d'una parola Inglefè, e di un'altra latina, io che non fono né 
tanto intereffato, né di così forte immaginativa, dirò, che fé tut- 
te le Terre follerò fiate edificate da qualche nomo grande , e 
con propofito di dare a quelle nella loro prima edificazione for- 
ma di Caflello o di Citta con il fuo nome, difficilmente m'in* 
durrei a credere, che alcuno foffe flato così fprezzante d'un 
proprio fuo parto, che aveffe voluto, o permeffo , che foffe 
chiamato con nome, -il quale a prima fronte pare derivato da 
cofa tanto abbominevole e flomacofa , come l'uovo del pidoc* 
chio. Ma perchè le Terre, le quali hanno principj ofcuri, de- 
bili, e carnali, per lo più ricevono i nomi dal volgo, il quale 
bene fpeflo fi diletta di nominanze di fprezzo, come vediamo, 
che fi pongono i minuti della Plebe alcuni foprannomi, che av- 
vilirono il nominato; non giudico cola impedìbile, che la pri- 
ma adunanza di cafe, ove al prefente è fituato queflo onorato 
Cartello, folle chiamata Lendinara, o perchè • in quel primo 
tempo foffe produttrice di gente povera, e sfaccendata , forfè 
così comportando allora la condizione del Paefe circondato da 
valli non molto profonde, e perciò inutili per il pefcare,eper 
feminarvi; o perchè da qualche mala qualità d'aria, o de'cibi, 
o d'altra caufa la gente foffe foggetta al morbo pedicolare , 
non altrimenti, che in altre terre fiano le fcabbie ed altri af- 
fetti perciò flimati endimii, come dicono i Medici, vernaculi, 
e familiari. E fé non nacque tal nome in quello modo, miri- 
folverei facilmente a credere, che prima foffe la famiglia Len- 
dinara in Verona, e che da quella, ch'ebbe dominio in quel- 
le parti, come anco la San Bonifacio, ne derivarle tal nome; 
poicchè vediamo tanto eflere in ufo il denominare le Famiglie 
dai luoghi poffeduti, quanto i luoghi dalle Famiglie, cheli pof- 
fedono; e perchè pare effere fiata in fiore la famiglia di Len- 
dinara molto prima di tutte le memorie di quella Terra, del- 
la quale non le ne trovano di anteriori a quelle delle Dona- 
zioni di Ugo Secondo da Elle , che fi regiflreranno più ab- 
baffo, ove fi tratterà della Badia, né a quelle del privilegio di 
Martino Papa polle fopra, ove fi trattò di Rovigo, non tengo 

per 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 131 

per cofa al tutto rimota dal probabile il credere, che dalia-Ca- 
la di Lcndinara derivarle il nome a quello luogo, quale egli fi 
folle nel ilio proprio {lato, il che certo fu molto innanti all'e- 
dificazione di Rovigo, e della Badia.* anzi bi fogna crede/e, che 
prima vi foffe, fje non Cartello, come noi l'intendiamo al pre- 
lènte, almeno Torre o Fortezza per ficurtà di quel popolo,, ef- 
ièndo fatta menzione di Cartello nel luogo di Lendinara nella 
donazione di Ugo Secondo da Erte nominata di fopra , ed è 
anco credibile, che avellerò i Lendinarefi prima dei Rodigini 
ordini, e coniuetudini di Governo, vedendoli introdotto dall'Au- 
tore dell' Apologia del Zago , e conceffo dal Nicolio nell'Anti- 
logia, come s'abbiano memorie ficure, che i Rodigini volendo 
formare i loro ftatuti mandalTero Cittadini a Lendinara per in- 
formarli del modo del governo di quella Terra; né l' immagi* 
narfi di dire, che quelli ambafeiatori non tro valsero cofa allo- 
ro proposto, mette iti efsere altro, che una fuga vaniffimaper 
ischifare un colpo,, che tocca la radice della pretefa antichità 
di Rovigo. La Famiglia da Lendinara, che prima forfè chia- 
moffi Lendinara, dei Lendinari, ora Cattaneo 1 , ebbe, origine 
da Verona, ove fu tra le prime, e molto congiunta alla San 
Bonifacio, e contraria alli Monticoli, ed alli Scaligeri,, mentre 
ella fiorì in quella Citta; febben trovo, che anco talvolta fi a- 
fiata contraria alli San Bonifacj , il che particolarmente fu l'an- 
no 1260. contra il Conte Lodovico, e prima circa Tanno 1235. 
Guglielmo da Lendinara era parziale dei San Bonifacj , e dei 
Monticoli con Alcardino, o Adelardino fuo/ Cugino- (*)Quefta 
ebbe già, fé non tutta, almeno- gran parte- delle giurisdizioni 
di Lendinara, prima d'ogni altra, che fé ne abbia memoria; 
e fé non diede ella il nome, s'ha da credere,, che il ricevefse da 
quella Terra, non altrimenti,- che molte altre Nobili Famiglie 
l'abbiano ricevuto dai luoghi, nei quali hanno avuto dominio, 
come la Eftenfe, la Carrarefe r la: San Bonifacio, la Beviiaq.ua, 
la Porzia, la Collo reda r la Savorgnana, laCo-lìalta, laYigon- 
za , : la Cereda, e altre. Fu ella nei pafsati tempi molto no- 
minata nelle Iitorie, e Croniche pubblicate con la ftampa,, ed 
anco manoferitte di Verona, e di Padova., Di Verona, perchè, 
come fi è detto, n'ebbe i fuoi primi nafeimenti, e fiori lunga- 
mente in quella Città. Di Padova,, perchè vi fu trafpiantata, 

R 2 pri- 

( a ) Fèdi il Corte . 



132 ORIGINI E CONDIZIONI 

prima ehe la maggiore,' e miglior parte fi fermafle in Lendi- 
nara, ove al preferite è primaria non folo di ricchezze, ma di 
nobiltà, coni'ervata fempre col decoro debito alla fua antichità 
di ph\ di 700. anni, come ne rendono chiara teftimonianza lo 
fplendore, col quale è fempre viffuta , e la magnificenza delle 
fabbriche , le quali , fé non eccedono , pareggiano almeno la 
condizione di qualfivoglia gentiluomo privato . Ho detto > che 
la maggior parte di quella Famiglia fia ridotta in Lendinara, 
parendo, che ne rimaneffe qualcheduno in Verona, ove a que- 
lli tempi altri non fi è trovato , che un folo Fioravante , il 
quale abita , e poffiede le Cafe antiche appretto la Chiefa di 
Santa Eufemia. Quelli che fi ridufTero a Padova furono caccia- 
ti dalli Monticoli, come anco furono li San Bonifacj , che Ci 
ricovrarono nella medefima Citta , ove fino al dì d'oggi fiori- 
rono, e fono principaliSmi ; e le Torri di quelli da Lendina- 
ra furono tutte disfatte da Eccelino da Romano , come di par- 
ziali dei-li San Bonifacj. Ghe quelli da Lendinara,, prima che 
fi fermaffero in Lendinara y abitaffero in Padova , è cofa , che 
non ha dubbio; perchè, lafciando , che anco al prefente abbia- 
no Caie, e Beni , in quella Citta vi è la Sepoltura antica in 
Sant'Agoftino di- Altegrado- Cattaneo gran Canonifla e Vefco- 
vo di Vicenza; e perchè fi trova molto nominato dalli Croni- 
Ili Padovani quel Rizzardo chiamato Tartaro da Lendinara f 
che intravenne nelli maggiori frangenti dei Carrarefì contra la 
Cafa dei Denti , che erano principali nel contrattar a quelli 
la grandezza y alla quale fi fecero il primo adito con i cattivi 
configli , e perverfi fpiriti di Rizzardo chiamata comes ajjidum 
libertini ds Canaria. , in compagnia del quale fu poi anche fat- 
to* Cavaliere da Cane Grande Scaligero nelle allegrezze per 
l'acquifto ài Padova; come furono anco favoriti dell'ideilo ono- 
re nell'iftefla occafione Marfilioj Marfiliett-o, ed Obizzo da Car- 
rara y Aicardino, e Francefco Capi di Vacca , e Duxio Buzza- 
carino . Ho detto ,. che Lendinara fia fiata antichiffnna giurif- 
dizione di quelli di Lendinara , e che per le memorie , che fi 
poffono avere, quefto ila flato primo d'ogni altro Dominio fo- 
pra quella Terra ; perchè , febbene non fi vede altra più anti- 
ca fcrittura , che un Privilegio conceffo [da Enrico Imperatore 
l'anno 1193. a< ^ Alberico da Lendinara,, nel quale gli confer- 
ma diverfe giurifdizioni, tra le quali è nominata particolarmente 

quel- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 133 

quella della Terra di Lendinara , e fila Corte ; nondimeno , 
perchè la confirmazione fuppone il poffeffo anteriore, e perchè 
ieouitando quello l'antichità, del nome della Famiglia, pare, che 
fi pofla rapionevolmenteconcludere, tanto efiere Hata antica la 
giurifdizione quanto il cognome di quelli di Lendinara. Ora il 
primo di quelta Famiglia per le più antiche memorie, che pof- 
fiamo vedere, fu Uberto Nobile Veronefe , e vifle intorno al- 
l'anno 870. Di quello ne nacque Azzo, che viffe del pop. Di 
Azzo Alberico pòi. Di Alberico Adelardino 1020. Di Adelar- 
dino Trintinello 1070. Di Trintinello Rodolfo nitf. Di Ro- 
dolfo Adelardino n<5o. Di Adelardino nacquero Adelardo, Ber- 
nardino Marfilio , Alberico , e Pietro. Adelardo fu prima Ca- 
nonico con titolo di Cantor Maggiore del Duomo di Verona , 
poi fu creato Cardinale con titolo di San Marcello da Papa 
Lucio III. l'anno 1184.. quando quei Pontefice venne a Verona 
per celebrarvi un Concilio a fine di reprimere, come fece, 1' 
infolenza dei Romani ; poi fu creato Vefcovo di quella Città 
l'anno ir 88. e vifle fin l'anno 12 12. eflendo intervenuto pri- 
ma alla Dedicazione di Santa Maria antica , che fu poi la Ca- 
pella delli Scaligeri, fatta da Gottifredo Patriarcha d'Aquileja 
con l'afliftenza di molti Prelati , e particolarmente del fopra- 
nominato Adelardo Cardinale. B-rnardino fu Avo di Antonio mi- 
nore che trovo nelle Scritture della Cafa efiere (fato fatto Ca- 
valiere da Cane Grande nelle allegrezze per l'acquifto di Pa- 
dova* cofa però, che non può ftare, fé ben fi fa la compara- 
zione dei tempi , e fé fu vero , come io ftimo veriflìmo , che 
Tartaro folo, e non altri della Cafa di Lendinara fofle in quel 
trionfo fatto Cavaliere . Marfilio ebbe feudi , e giurifdizioni da 
Federico Primo Barbaroffa; ed Alberico fu, come fi è toccato 
di fopra, invertito da Enrico Imperatore l'anno 11 03. delle giù- 
riedizioni di Lendinara, e fu Avo di quel Crofna, che da altri 
(a) è chiamato Cofmo da Lendinara, il quale intravenne con altri 
della Cala Cattanea nella congiura ed all'uccifione di Mattino 
primo dalla S;ala Signor di Verona, e fu Padre di Altegrado, 
che già ho detto effere fiato Vefcovo di Vicenza . Pietro fu Pa- 
dre di quel Guglielmo, che dinanzi dicevo eflere flato aderen- 
te delli San Bonifacj , e viffe intorno agli anni 12 30. Qiiefto 
Guglielmo fu Capitanio Generale di Federico fecondo Impera- 
to- 
ci) Corte p. feconda lìb. 



i 3 4 ORIGINI E CONDIZIONI 

tore , dal quale fa molta onorato, ed aggrandito di Feudi, co- 
me dai Privilegi fi vede . Da quello, fi ftima,, che cominciaffe 
la Famiglia da Lendinara a chiamarli dei Capitanei , e poi 
Captanei ,. come in alcune Scritture antiche di quella Cafa, e 
con più corrotto vocabolo. Cananei.. Altri vogliono , che que- 
llo fia flato nome proprio di dignità, ed il Corio (*•) nume- 
rando, i gradi della nobiltà da il primo al Pontefice, il fecon- 
do all'Imperatore, il terzo ai Duchi, il quarto ai Principi , il 
quinto, ai Marchefi, il fello ai Conti, il fettimo ai Valvafori ,, 
e l'ottavo ai Cattanii ; notando che il nome di Valvafori era 
derivato da Valva , la quale è l'interior parte dell'ufcio della 
Camera Imperiale e fi chiama Valva, e gli. Ufficiali , che avea- 
no. cura di aprirla, e di ferrarla , fi nominavano Valvafori , ed 
erano della Famiglia Imperiale , e commenfali ; benché alcune 
volte codimi vano gl'Imperatori in certe. Valli del Contado di 
Milano alcuni Prefidi, i quali dalle Valli erano detti Valvafo- 
ri «. Catanei poi fi chiamavano da Catino , ch'era un vafo , 
nel quale fi teneva l'acqua per la menfa dell'Imperatore , e 
quelli che avevano tale ufficio fi addimandavano Catanei ., Sog- 
giunge però , che il Vefcovo e l'Arcivefcovo di Milano nella 
Città, Plebe , o altri luoghi facevano dei. Capitanei , i quali, 
per corrotto vocabolo fi chiamavano Catanj ,. e così credo , 
che dal fopranominato Guglielmo Capitatilo tutta la. poflerita, 
fìa poi fiata nominata Catania. Ma tornando all'antico Domi- 
nio di quella Famiglia fopra Lendinara, dico, che la fua giu- 
rifdizione o dependente, o independente, che ella fi. forfè , po- 
tendo, come fi vide dall'effetto, effe r trafmeffa alle Femmine , di 
qui avvenne, che fi fmerabrò e. pafsò col tratto del tempo in 
altre Famiglie per via di Donne, come nella San: Eonifacia ,. 
nella Badoera , e forfè anco nella Efknfe ; dico forfè , perchè 
da una banda fi conghiettura, tal parentela non folo da qual- 
che Scrittura antica , tra le quali nominerò una Cronichetta 
Veronefe , che ho veduta manoferitta fotto il 1246". e le cui 
parole faranno portate più abbaffo, ma anco dall'arma Eften- 
fe veduta da me congiunta con la Catania fopra le Sepolture 
degli Eflenfi nella Chiefa di San Francefco nella Terra di 
Elle . Dall'altra parte all'incontro trovo nelle Scritture dell' 
Abazia della Vangadizza, gli Eilenfr avere avuto dominio , e 



giù- 



(a) Tarte prima fogK 51. 5: 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 135 

giurifdizione in Lendinara lino a' tempi di Ugo Secondo, innan- 
zi al quale non lo come aiììcurarmi, che iìano Hate quelle pa- 
rentele, vedendo Ugo con il fuo Padre, e gli altri iuoi mag- 
giori, diiceiì da Donne, le quali certo non ebbero che fare con 
quelli da Lendinara . Ma fia di quella difficolta ciò che fi vo- 
glia, è cola certa, che la giuriidizione delli Cattanei, quale, e 
quanta fi forfè, reftò divifa, ed ufci in buona parte da quella 
cafa per via di Donne, e fpecialmente pervia di Amabilia ma- 
ritata in Badoero Badoeri Nobile Veneziano ; che per ciò fu 
di fopra, feguendo le memorie di alcuni CroniftiPadovani, por- 
tato, che il Comune di Padova l'anno 1283. avene comprate due 
parti della Giurisdizione di Lendinara da Antonio, e Rizzardo 
Cattanei da Lendinara , e da Amabilia moglie di Badoero dei 
Badoeri , e che Obizzo Marchete da Elle non voleffe vendere 
la lua porzione, la quale poi fu venduta da' luoi Figliuoli l'anno 
1305. lebben pare che dai Padovani molto fia difeordante il Pi- 
gna (a) ove parlando di Obizzo fcrive quelle parole: Additum 
nominatimi deOppido Lendinaria , quod Atefl'tnus Rbodigince Tbe- 
trarebia magnopere opportunum partim de Communi Patavino ^par- 
tim de Selvatenis, aliifque Civibus, àeque Borìtfacìenfibus C omni- 
bus emexat . Ma io ho veduto ip. alcune memorie della Cafa 
Cananea, come l'anno 12^4- Azzo, e Francefchino fuo Fratel- 
lo eflendo itati ricevuti in grazia della Comunità di Padova , 
non folo gli diedero la loro porzione di Lendinara , ma anco 
la Terra della Badia, il Cartello di Venezze, il Barbuglio , e 
tutte le altre giurifdizioni , e Beni Spettanti alla predetta Aba- 
zia della Vangadizza con patti, e convenzioni che appajono , 
come in quelle memorie fi racconta , nel libro delle parti 
della detta Comunità di Padova a carte 145?. delle quali fi di- 
ce efferne ftata cavata copia da Antonio Leoni Figliuolo del 
quondam Eccellente Don Daniele Cittadino di Padova, e No- 
daro della Cancellarla del Comune di quella Citta , Lo fteflò 
dice una Cronica Padovana antica manoferitta in bergamina , 
la quale fu già in cafa diTrojano, ed Ettore Dotti Nobili Pa- 
dovani Figliuoli di Lodovico Cavaliere, ed ora è in Venezia 
appretto lieredi di ..., Duodo Cavaliere, e Nobile Veneziano, e 
quelle fono le parole del fuo principio : Incipit Cbronka de pri- 
ma tfdificatione P aduce , & aliqu'tbus profperitatibus & adver- 

fitati- 
(a) Uh. 3. /otto lanao 12S5. 



10 ORIGINI E CONDIZIONI 

Jìtatibus Patavinorum , Ed ha un Capitolo , la cui rubrica è : 
Hoc anno ( intendi 1204. ) Aygo & Francefcb'mus expule* 
runt Dominum Aldrevandinum de Ferraria , & quam plurima 
alia fatta funt in Civitate P aduce. Ora in quello capo fi leg- 
gono le infrafcritte parole. Quia ipfi Domini At^o , & Fran- 
cefcbinus Fratres Marcbiones in gratiam Communis Paàuce Aba* 
tiam , tertiam pattern Lendin arici, Luxiam, Cajìrum de Venere, 
& ejus Curiam , Terras Barbulei , & generali ter omnes Jurifdittio- 
ries 9 bona, & jura ad ipjam Abati am pertinentia in integrum , ut 
ipfum pojfit omnia fupradìtta taliter trattare quemadmodum tra* 
fìat Civitatem P 'aduce , & Difìrittum ; & quod ipfi Marcbiones 
Efienfes, & omnes venturi nunquam pojfint , neque debeant in 
fummitaùbus Montium Cerri, & Calaonis 0' Rocchce confìruers 
aliquod adficium, &c.In conformità di quella Cronica Gugliel- 
mo Cortulo anch' elfo ferivo* cosi : Hoc videns Raimundus Aqui- 
lejenfis Patriarcba ('intendi Tanno 1293, ) pacem compofuit hoc 
modo, Quod Marcbiones A-^o & Francifcus in gratiam Paàua- 
norum fint recepii , & ipfi dederunt Communi P aduce Abatiam 
cum fuis juribus & tertiam partem Le 'n din art 'ce , Lufiam, Ca/lrum 
de Venezie cum fu a Curia , & Terras Barbulìi , & quod ditti 
Marcbiones nunquam pojfint in Cajìrìs Ceri, & C alaonis , & Roc* 
ca Efienfi facere aliquod adificium &c. Così abbiamo per tutte le 
fopra notate teflimonianze, che non fia falfa la nota o me» 
moria delle Scritture della Cafa Cattanea contro quello , che 
molto diverfamente nel propofito ha fcritto il Pigna; né io vo- 
glio credere altrimenti, non folo perchè mi acqueto più all'au- 
torità di molti, che di un folo, ma perchè ancone fermo con- 
ghiettura fopra quello, che dicono della Badia, fopra la quale 
febbene non fo, né poffo indovinare , quali ragioni avefsero 
quelli Fratelli Efienfi allora, che ne erano gli Abati Padroni 
nel temporale e nello fpirituale; nondimeno vedendo dalle fcrit- 
ture della Cancellarla della Vangadizza, le quali altrove faran- 
no introdotte, che in quei tempi li Padovani mandarono Po- 
delia in quella Terra, e s'impadronirono della Catena delPin* 
zone, turbando ilpofsefso, e la giurifiizione dell'Abate, in tan- 
to che furono ammoniti, e poi fcommunicati dal Papa, fin che 
per volontaria tranfazione lo Abate cefse loro quel Dominio tem- 
porale, non pofso credere che i Padovani fi movefsero a impof- 
fefsarfi deiBeni dell'Abazia, foprali quali non mai aveano avuta 



ragio- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. i 37 

ragione alcuna , fé non vi avefsero prima acquiftata qualche 
oiurildizione, né puotero per mio credere acquetarla , fé non 
dagli Eftenfì, quale e quanta ella fi fofse. Nel redo per quel, 
lo, che dice il Pigna delJi San Eonifacj e di quelli da Salva- 
terra, che li San Bonifacj tenefstro parentela con li Cattanei, 
v'è ìa teftimonianza della Cronichetta Veronefe di fopra cita- 
ta, le cui parole fono quelle : Anno Domini ii%6. Indiatone 
quarta Domini Nicol aus^ & Albericus de Lendinaria Vivi Nobiles , 
& potentes , & ficut rofa inter milites Marchia refulgentes , accufati 
de prod'uione multis ab Tcerino afflitti tormentorum generibus defece- 
runt) quorum morte Marchio EJÌenJis , & Comes S, Bonifacii pro- 
pter altquas amicitms , & affmitates , quas babuertmt tmi Dominis 
de Leni mari i , non modicum condoluerunt ; febbene il Corio , (<*) 
come io credo, male informato, o equivocando, fcrive che Ec- 
celino facefle ammazzare tutti gli abitanti di Lendinara: il che 
però non trovo apprefso alcun altro Scrittore, oltre che trat- 
terebbe quali dell 4 impoflìbile, che di così grave , ed univerfa- 
Je calamita non ne foffero reftate memorie , e legni evidenti 
nei pubblico, e nel privato. Ma tornando alli San Bonifacj , 
che aiico quefti avefiero campi, e pofleffioni nel Territorio di 
Lendinara, non fi dubita punto per quello, che fé ne k vede in 
diverfi Iftrumenti. celebrati in dive-rfi tempi, dei quali ne ho io 
veduti alcuni nelle fcritture del Fantoni, e particolarmente una 
inveftitura fatta dal Conte Rizzardo San Bonifacio figliuolo del 
Conte Vinciguerra detto Guerra a certi fuoi Livellar; di Beni 
pofti in C afdl is Lendinaria' V anno 1375. Indizione 14. 21. Otto- 
bris Padua in Contratta Santti Martini, Nodaro Otto Filius quon- 
dam Henrki de Maroftica . Ed un'altra Scrittura, nella quale fi 
vede il Conte Lodov/co San Bonifacio invertito da Bernardo 
Abate della Vangadi^za di una parte di .Feudi [frettanti alli 
Albrici di Lendinara ; pofti nella Villa di Ramo di palo Terri- 
torio di Lendinara. È così trovo nominato un tale Aleardo de 
Salvaterra in un Teltamento di D.Corrado di Lendinara fatto 
del 1 2 50. lndittione 2. die 0. exeunte Martio in Cafìro Montis Silicis . 
Medcfimamente trovo nominato un Uberto de Salvaterra in un 
Iftrumento di divifione tra li Cattanei dell'anno 125)7. indittio- 
ne io. $.Decembris Lendinaria , Nodaro Rodulpbus Notarius Sacri 
Palatii de Lendinaria . E più in un altro del 1200. Indittione 3. 

S 11. 

(a) Varte 2. e arti 105. ftamp* del Bonetti. 



3« 



ORIGINI E CONDIZIONI 



il. Aprilis) e in un altro 1295. Indizione ..... die io. exeunte 

Novembri , Nodaro Nafcimbenus^ qui dicebatur Mota r Fillus quon- 
dam Domini Silvejìri ; così trovo che li Eredi di Domino Icel- 
lio da Salvaterra fono nominati in un Iftrumento di divifìone 
-delli Gattanei fatto del 1298. Indizione 11.16. Febmarii ìnLen- 
dinaria fub Voltis Dominorum Kodulpborum , Nodaro Kodulphus Sa- 
cri Falatii Notartus quondam Domini Kaynerii Notarii de Lendi- 
naria. inettamente vedo nominato Mateolo de Salvaterra in un 
Iftrumento del 137 9* Indizione fecunda 6. Febmarii Abbatia, No- 
daro Fioravanti Pezzolato ; dalle quali fcritture fi cava , che 
quelli da Salvaterra avellerò campi e poffeffioni nel Territorio 
di Lendinara , come anco li San Bonifacj ; ma che quefti , o 
quelli averterò giurifdizione nel Cartello di Lendinara , come li 
Cattanei, e li Eftenfi, non lo trovo fin qui detto da altri , 
che dal Pigna; all' opinione del quale fi è appigliato il Nico- 
lio, fenza nominare iSan Bonifacj, ma folo quelli da Salvater- 
ra, forfè per indurre opinione, che Lendinara fia ftata foggetta 
al comune di Salvaterra Villa dei Territorio della Badia. Delle 
Fabbriche di quefta Terra non ho potuto intendere quali fiano 
ftate le prime 3 né di che forma, né meno ho potuto fapere 
della fua Edificazione, fé non quanto ho fcritto di [fopra , an- 
zi fui probabile delle conghietture, che fopra alcuna certezza 
foda. Nel redo quello, che fi vede al prefente, non fa altra 
teftimonianza, che dell'antico fico di quella Terra , non etten- 
do ella mai ftata diftrutta; onde altro non mi refta dire, falvo 
che fu edificata fopra le ripe dell' Adigetto, efiendo però la mag- 
gior parte con la Piazza , Loggia , e Palagio Pretorio , fituata 
verfo Tramontana, come anco fono Rovigo , e la Badia, in mez- 
zo alle quali due terre è dittante dalla prima miglia dieci , e 
.dall' altra cinque, circondata come quella da Fotte , e Terra- 
pieni. Trovo nelle note del Fantoni, come fi abbia avuto per 
tradizione, etterfi trovati in quefta Terra molti marmi fcon if- 
crizioni antiche, i quali a' tempi di Peregrino Prifciano, che vi 
fu Podeftà per li Signori da Efte , tutti furono perfuo coman- 
damento portati a Ferrara, in modo che al prffente non vi fi 
trova altro che un fallo reftato a cafo, e cavato, pochi anni 
fono, da una cucina , ove era porto ad ufo di lavar piatti; e 
comecché lì a di marmo finimmo, è però molto maltrattato, e 
fi vede appretto il pozzo di Santa Soffia, e> per quanto fi può 

com- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 13P 

comprendere, fu di maggior lunghezza, e larghezza con lette- 
re Romane . 

SEX. APONIUS. SEX. F. 
OM. SEVERUS MENS. 

e di quefta Famiglia Severa efTerne flati molti nelle parti cir- 
convicine della Marea Trevigiana, lo caviamo dalle note antiche 
raccolte in Verona da Torello Saraina. (a) 

Ca) Lib* 4. 




S 2 



BA- 



140 

BADIA. 



J^^:ìJ*^di~*^;%^^.j"^ 



NElIa parte fuperiore del Polefine , ove l'Adige è divifo in 
due rami dalla foce detta la Buova dell' Adigetto fab- 
bricata , e munita anticamente di legnami , e già pochi anni 
ridotta di muro, a tempo, del quale non ho potuto trovar me- 
moria, che dia il principio ,, era una adunanza diGafe chiamata il 
Pinzone, che al prefente è uno delli Borghi della Terra della 
Badia,conftrutto ed avvanzatofi col tratto di molti anni, e con 
il concorfo di quei pochi abitanti , portativi, come è credibile,., 
non dal cafo, ma dalla confìderazione della altezza del fito y 
della ficurezza, della falubrità, deliba me ni tà , del comodo del- 
la Navigazione, e del bifogno della guardia dell'angolo, che 
fanno li due rami dell'Adige; condizioni tutte, e qualità, che 
durando in quella parte fino al dì d'oggi hanno fempre invitato 
i ftfanieri a fermarvi le loro abitazioni : onde fi è poi felice- 
mente acerefciuta la Terra , della quale ora fono per fcriverec 
L'altezza del fito non cafcò maiin difficoltà rifpetto al declive dei 
Fiumi, e dei condotti maeftri , che fcolano le campagne; tra 
i quali di qua dall' Adigetto batterà nominare il Cerefuolo , e 
di Jà il Cavamento della Valdemro,, per non dir altro dei li- 
velli fatti in diverfi tempi dai Periti, r quali danno tanto di 
altezza alla Badia , che il fuo piano viene a fòpravanzare di 
gran lunga quelli di Rovigo, e d'Adria. La ficurezza è palpa» 
bile, effondo nell'angolo tra due Fiumi, i quali fono a tal fe- 
gno di acque, che non lafciano paffare fé non per il Ponte, che 
ora è di pietra fopra TAdigetto, e per il paffo di barche fopra 
l'Adige grande \ aggiongendovifi la facilità di allagare tutto il 
Paefe con il picciolo taglio d' un argine . Lafcio che fi abbia 
per tradizione antica , che 1' Adigetto in quei tempi con un 
ramicello faceffe come un arco, il quale vogliono ,, che comin- 
ciaffe dal capo di fopra, e circondando quelle caie da Tramon- 
tana terminale dalla parte inferiore, rientrando neh" Adigetto, 
e così formando un'Ifoletta molto ficura. 

Quanto alla falubrità 1' aria non è grave per paludi , che 
iian vicine, né infalubre per la miftiane dell' acque falfe eoa 

le 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 141 

Je dolci, effondo il luogo lontano dal mare oltre miglia , 

anzi è purgata dai Fiumi, i quali molto proffimamente circon- 
dando l'abitato hanno fondi di labbia grolla , e portano dalle 
Montagne di Trento acque purgate , veloci per le (tette nell* 
alveo ordinario, e velocilfime per accidente, le riguardiamo la 
Buova. Aggiongafì a quefta confiderazione, che li terreni fono 
magri per il più, e le ftrade non fono di terra molto tenace, 
anzi per la miftione della fabbia riefeono poco fangofe , ed il 
fango di tal forte , che facilmente fi afeiuga , e fi rifolve in 
polvere. Gli uomini fono ben conformati , e di buon colore , 
né mancano mai vecchi di molti anni; parlando di quelli che 
Hanno fopra li ottanta, e di quelli che fono gionti alli cento, 
alquanti ne fono itati conofeiuti a' noftri tempi , e di quelli 
uno, che fempre beve acqua. Degli animali, che fi ammazza- 
no, pochi fono, che abbiano difFettate le vifeere ; onde è av- 
venuto , che per la falubrita , e per la facilita di guardare i 
paffi in tempi, che nei luogi circonvicini, e mol^o propinqui, 
la pefte fece ftrage incredibile, la Terra della Badia fu affolu- 
ta da fimil calamita, e fé ve rie morì qualcheduno, non vi fi 
attaccò in modo il contagio, che faceffe progreflo , come, per 
lafciar le altre più rimote, moftrò l'efperienza negli anni 1575. 
e 1575. L'amenità fu toccata per innanzi t ad altro propofito , 
e provata con l'autorità, di Virgilio fopra l' universale del Fiu- 
me, e quanto al particolare della Terra, con il giudizio dello 
Strozza . Del comodo della navigazione baderà dire , che Ita 
in ripa di due Fiumi, l'uno dei quali è capace delle maggiori 
barche, che poffano effere portate da alcun altro Fiume d'Ita- 
lia, e quelle camminano all' insù fino a Verona , ed all'ingiù 
fino al Mare, e di la poi a Ghioggia , aVinegia, in Iftriaw ed 
in tutti quei luoghi, a' quali con fimili barche fi può naviga- 
te per l'Adriatico. L'altro Fiume è pur anch'elfo navigabile , 
lebben con barche molto minori, e perchè paffa per Lendlina- 
ra, e per Rovigo, riefee di gran comodo alle Fiere, ed alli 
Mercati. Né fi ha da ftimàr poco per l'opportunità del traffi- 
co, che il luogo fia dittante una fola giornata da Ferrara, che 
è anco più vicina, da Mantova, da Verona, da Vicenza, e da 
Padova; due .giornate da Bologna, e due daVinegia. Per que- 
fte caufe a e forfè per altre, che non fo immaginarmi, effendos 
fi fatta quella tai adunanza ài Cafe nominata il Pinzane, poici 

che 



i 4 a ORIGINI E CONDÌ ZIONI 

che il luogo , quale egli fi foffe innanzi , che vi fi fabbricale 
il Camello , fu trasferito per conceffione Imperiale nelli Mar- 
cheli di Ette, fu tenuto di confeguenza come confinante non fo- 
lo con iVeronefi, ma con i Padovani e Ferrargli, perciò vi fu~ 
rono in diverfi tempi fabbricate tre Fortezze p Torri in mo- 
do, che poteffera, per quanto comportavano l'ufo, ed il modo 
antico di guerreggiare , difendere il prefidio , ed offendere co* 
modamente gli affalitori.. Quelle non folo dai Paeiani ma anco 
dagli Iftorici furono nominate Rocche Marchefane, e Torri del 
Pinzone. CJosì le chiamano il Pigna (a) y il Sardi (h) il Guic- 
ciardino (e), ilGorte> (d) ed il Nicolìo (e)i la maggiore e la. 
più forte con un'altra minore fu fituata oltre l'Adige grande 
contigua alla Villa dei Mafi Territorio Padovano,, dirimpetto al- 
la parte fuperiore del già detto Borgo del Pinzone verfo Tra- 
montana y nel luogo fino al di d'oggi detto le Rocche, ove fi 
eftende pur anco e la Cura della PkvQ y e h Giurifdizione dei 
Rettore della Badia ; e quivi nella ripa del Fiume fi vedono, 
veftigj di antichiifira a muraglia fporta i in fuori , dalla quale fi 
tirava una catena , che attraVerfando il fiume fi raccoman- 
dava all'altra ripa, dove poco più abbaffo, dove al prefente è 
fituata la Chiefa di San Niccolò fabbricata dai Marinari della 
Terra l'anno 1575. era un'altra Torre, che fi potea dire la 
frontiera del Pinzone verfo il Veronefe, e verfo il Ferrarefe * 
Dicono anco , che poco difeoffo dal capo di lotto di quello luo- 
go, ove è la Ghiefa della Vangadizza, vi foffe un altra Torre, 
della quale parleremo più abbaffo. La catena fi tirava a fine 3 , 
che non paffaffero barche, o merci fenza effer riconofeiute, co- 
me anco fi ufa oggidì, e fejqza pagar la gabella. Da chi fof- 
fero fabbricate le Rocche, ed a qual tempo, io non lo foper 
certo. Solo ho veduto nel Sardi , (/) che l'anno 1354. Aldo- 
brandino Marchefe da Elie , facendo la pace con Giacopo di 
Carrara, gli cede il Cartello di Vigifiuolo in Padovana , e da 
|pi efebe all ? incontro la Torre fabbricata da' Padovani nel Pin- 
leut Contado della Badia ,. non fpecificando però più oltre a 

qua! 

(a ) Uh f. fot' 399* 

(b) Lib. 6. 

f e ) Lib. 2.. e 5, , . ■ -, 

\à) F. nelpritic. deli. Ttrno perchè m'rpave, ebefìa- itó,. f p. nm vi t » ìlW [ara alteow*. 

Ce) Lib. 1. pag. 45. e. Uh.. j> pag? Ì0> « " '" 

^£) Uè,, citato* 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 145 

qi:al tempo fofie edificata quella Torre, riè qual foffe delle tre. 
Ben pare, che il Nicolio (V) nell'orazione , che finge di Ri- 
naldo ai Rodigini , abbia ftimato quelle Rocche effere fiate in 
eflere fin dall'anno 1160. ma io non mi fido del giudizio di 
quell'uomo. Ora quefte Fortezze non fono in (lato, poicchè non 
eflendo elle più di ufo alcuno, né per la guardia delli confini , 
uè per la forma, e qualità loro, furono a' tempi dei noftri Avi 
dopo le guerre ultime d'Italia disfatte ^per ordine del Senato 
Veneziano, a fine di fervirfi della , materia, che era molta, in.- 
fieme con quella delle mura di Cartel Baldo , nella Fabbrica 
della Fortezza diLegnago, ed al prefente, dove già furono, al- 
tro non fi vede, che certi veftigj di foffe , le quali erano fta- 
te cavate alcuni anni prima, che foifero demolite, per fofpen- 
derle fopra puntelli di legno da poterli preda e facilmente ab- 
bruciare, rovinandole qualunque volta li Duchi di Ferrara fof- 
fero paflati per impadronirfi di quella frontiera . Dall'altro ca- 
po del Pinzone verfo Levante era una pianura, o praderia chia- 
mata la Pietra (b) per un Marmo grande, che ivi era pianta- 
to nel modo , che fi piantavano i Termini . In quello campo , 
come fi cava dalle Scritture autentiche della Cancellarla della 
Vangadizza, dalla fomma pietà di Almerigo da Efte fu fabbri- 
cata una Chiefa, e dedicata alla Beata Vergine, dotandola di 
alcuni beni circonvicini ; e quella fu poi chiamata di Vanga- 
dizza , nome derivato da Vanga iflrumento ruflicano portato 
nell'arma dell'Abbazia: ma del come, o del perchè non fé ne 
fa più oltre , né io in firn il propoli to ho mai trovato altro , 
che penfieri volontarj , e capriccj fenza fondamento . Dicono 
alcuni chiamarli della Vangadizza, e tenere la Vanga nell'ar- 
ma, perchè vangando furono trovati fondamenti antichi , fopra 
i quali fu ifpirato colui , che faceva vangare, o per chi fi van- 
gava, a fabbricarvi la Chiefa. Altri dicono, che cavando i fonda- 
menti della Chiefa fui principio fi trova Me una Vanga. Fu Al- 
merigo Marchefe e viffe intorno alli anni di noflra falute 930. 
fu molto ricco , e fabbricò molte altre Ghiefe ; che perciò di 
lui apprefib il Pigna (e) leggiamo quefte parole : Ami ditiffì- 
mus Pr'mceps , qu'icum religioni [e totum de*vovìJJeP , magnam fruttuum 

par- • 

(a) Uh 2. fogì. 8 7 . 

(b) É mmincttaT-'.:<.ra in i,hfir, uno dell'anno 1040. tahroàel 1097. il terzo 120^ 
( c ^ Lìb. qriiìia^ ■' 



t 4 4 ORIGINI E CONDIZIONI 

partent FanU , ac C cenobite elargì tus e fi , pnumam tedificandis 
templis erogavit &c, ed in conformiti appretto il.Taffo (*). 

V era Almerico , e fi ve dea già fatto 

De la Città Donna del Po Marche fé , 

Devotamente il del riguarda in atto 

Di contemplante il fondator di Cbiefe, 
Ora perchè, come atteftano non folo iì Giraldi, (£) ed altri 
Iftorici, ma anco le fopranominate fcritture della Vangadizza, 
Ugo Secondo Marchete di Tofcana, il quale fu della mede- 
ma Cafa d'Efte, e parente di Almerigo,donò la detta Chie- 
fa alli Monaci Camaldolefi. dell' Ordine di S. Romoaldo', che 
in quei tempi era in grande opinione di Santità , inveftendone 
un tal Martino Abate, e dotandola di molti altri fuoi beni, fab- 
bricandovi il Monafterio, ed anco il Caftello tra li anni 004. 
e^p8.e perchè da que&o ebbero principio le giurifdizioni de 
gli Abati, li quali comandavano, e dilponevano nel tempora- 
le, e nello fpirituale , potiamo dire che il primo edificatore di 
quella terra (ìa ftato Ugo Secondo.,- del quale non dovendo io 
tralalciare punto di quello, che ho trovato di notabile, ed e» 
minente ; dirò prima ciò che di lui fcrivono gli Iftorici Ferra- 
teli, Pigna, (e) Giraldi, ( d) e Sardi (e) feguiti da altri gravi 
Scrittori , poi anderò confiderando , e rifolvendo quanto fi cava 
in contrario dai Fiorentini. Il Pigna feguito dal Nicolio chia- 
ma quefto, del quale parliamo, Ugo Terzo; ma il Giraldi , 
ed il Sardi lo chiamano Secondo,- convengono però tutti nel no* 
me, nella perfona, nei fatti, « nel tempo, ch'egli ville. Nac- 
que, come dicono, in Allemagna di Alberto Azzo nominato 
anco dagli Iftorici ie-mplicemente Alberto, Uberto, e Sigeber- 
to, Riccobaldo, il Prilciano, l'Equicoìa, F Adotto (/) il Giral- 
di, ( g) ed altri lo chiamo Alberto Azzo; il Pigna (b) Io no- 
•mina Alberto; altri (i) Sigeberto, avuto rifpetto a Sigifredo fuo 
Avo . Tra qnefti è Ù Sigonio, (k) iì quale lo chiama Sigeberto, 

ovve* 

(a) Cant. 17. 

i b ) "Nella vita a" Vgo fecondo.» 

(d) Ove di Vgo fecondo . (e) l\b+ pririiol 

(e) Libro fecondo . 

(f) Citati dal Vigna lìb. r. fotta il mìllefimo $6%i 

,{g) Ove tratta di quefto Trincile. . 

{. h ) T^el luogo fudetto . 

(\) Citati dal Vigna nel lungo citata* a 

(k) lib. 7, del Regn. ita/, fub. milh 967Ì 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 145 

ovvero Alberto. Il Monacho Prumienfe, ed altri (a) (limano il 
ilio nome efiere fiato Oberto, o Uberto, e cos'i trovo efier egli 
nominato in fcritture autentiche, delle quali più abballo fare- 
mo menzione; ove anco la madre di Ugo viene chiamata Guil- 
la tintocene il Pigna, (&) il Giraldi (e) ed il Sardi (d) l'ab- 
biano nominata Alda, ed Adeleida Figliuola di quell' Adeleida , 
che fuggì da Berengario, e dell'Imperatore Otto primo , la qua- 
le, comecché da Uberto folle meritata per altro, fu però lpe- 
cialmente guadagnata da lui con il molto valore , che moftrò 
fervendo in guerra l'Imperatore, e mentre gli fu compagno in 
un lblenne Torneamento fatto nella Corte del Re di Dacia, 
portando l'uno, e l'altro per imprefa un Leoncorno d'oro in cam- 
po verde, o azzurro. Aquefio Uberto, il quale morì in Ger- 
mania, fucceffe il Figliolo Ugo Secondo nominato di fopra, e- 
rede anco del Fratello Folco, morto pur anch'elfo in Germa- 
nia, e pafsò poi con Otto Secondo Imperatore, e Duca di Saf- 
fonia ,in Italia, ove rimafe a governare, e godere li fuoi fiati 
fino al fin della vita. Avvenne intanto, che efsendo fuccefib 
nel Imperio Otto Terzo a' tempi di Papa Gregorio V. Pontefice 
di vita efemplariflima, un tale Crefeenzio Nobile , e Confole 
Romano mono da ambizione empia , e temeraria di fignoreg- 
giare la Città di Roma, corrotto anco , come alcuni vogliono, 
dalli danari di un certo Vefcovo Piacentino, di nazione Greco, 
venuto con teforo grande di Coftantinopoli, operò, che que- 
fto durante la vita di Gregorio folle creato Papa , e chiamato 
Giovanni XVI. benché da alcuni fia tenuto il XVII. e da altri 
il XVIII. e di più non contento di avere con i mali modi già 
narrati fufeitato gra vittimo, e fcandalofiffìmo feifma nellaChie- 
fa di Dio, procurò anco di follevare il Popolo, acciò ammaz- 
zane il vero Pontefice Gregorio , fubodorando forfè , che più 
del dovere contra la liberta del Popolo Romano inclinarle all' 
esaltazione, ed accrefeimento dell'autorità dell'Imperio; il qua- 
le Pontefice trovandoli tra quefte turbolenze, e perfecuzioni , 
a cattivo partito, raccomandoflì prima all' Imperatore , poi al 
Marchefe Ugo, il quale, come più vicino, lo foccorfe t 'così a 
tempo? e con preftezza tale, che prevenne V afpettazione , e 

T tutti 

( a ) Citato dal Tigna nel luogo fudetto . 
(b) l^el Ltb. citato fotta il miUejtmo 5770, 
(e) Ove di liberto .Azio. 
{*) Ltb. 3. 



146 ORIGINI E CONDIZIONI 

tutti gli apparati dell'inimico, cavando il vero Pontefice Gre- 
gorio dal pericolo, e conducendolo in Tofcana, e di la, come 
alcuni vogliono, a Elle. Gofa che non è al tutto lontana dal 
ragionevole, fé è vero, che quello Pontefice andarle , come fcri- 
ve il Platina, perfonalmente a ritrovare Otto fuo Parente in 
Germania , per opera del quale era flato afTonto al Pontefica- 
to. Pafiando poi l'Imperatore con efercito in Italia , dopo ef- 
ferfi fermato qualche giorno a Ravenna per ottenere dal B. 
Romualdo, che fi contentante di accettare il governo dell' A- 
badia di Ciarli, s'incamminò verfo Roma , ove accompagnato 
da Ugo aflediò Crefcenzio infieme col fuo falfo Pontefice nel- 
la mole di Adriano , fin che nei termine di giorni dieci ebbe 
l'uno, e l'altro in tuo potere; non fi fa certo, ferelì a difere- 
zione> o a patti, e fopra la fede, oppure con l'efpugnazione 
della Fortezza, facendo loro portare le debite pene di avere 
con empia novità turbate le cofe divine, ed umane; poiché il 
Confole Crefcenzio, dopo effergli fiate troncate le mani, cava- 
ti gli occhi, tagliato il nafo, e le orecchie, con il capefiro al 
collo fu condotto per la Città, e finalmente impiccato; ed il 
falfo Papa, dopo efiergli Itati cavati gli occhi, tagliato il na- 
fo, le orecchie, e la lingua, fu condannato ad un' ofcura pri- 
gione, ove dopo il decimo mefe della ufurpata dignità finì mi- 
ierabilmente la vita. Così avendo Gregorio ricuperata la fede* 
e lo flato, confederando quante turbazioni , e fedizioni fodero 
pallate fino a quei tempi nelle creazioni degli Imperatori , e 
quanto egli folle tenuto agli autori della fua falute , ordinò con 
Decreto Pontificio, che la elezione dell' Imperatore fifacefTecoi 
voti non dei fette, come alcuni vogliono, ma di tutti li Prin- 
cipi, e Potentati della Germania, quando foffero a tal effetto 
ridotti infieme; cofa, che fommamente difpiacendo a/ Popolo 
Romano per il pregiudizio, che ne fentiva , lo moffe a folle- 
varfi contra Ccfare ftimato autore di fimile novità, ammazzan- 
do nel primo moto quanti foldati Alemanni fi abbatterono nel- 
la furia, e ftringendo l'Imperatore nel Vaticano, ove flava in 
termine di perdere la vita, e lo Imperio, fé Ugo infieme con 
Enrico Duca di Baviera non lo cavavano aleutamente- dal pe- 
ricolo, mentre andavano trattenendo il popolo fotto fpecie di 
componer la pace. E così avendo la prudenza, ed il valere di 
Ugo in pochi giorni falvato il Pontefice , e l'Imperatore, fu 

cau- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 147 

cauto, che egli dell'uno, e dell'altro reftafle benemerito, e de- 
gno, che dalla loro autorità, e grazia foffe creato Marchefed' 
Italia, o, per meglio dire, in Italia, dandogli anco grado di Go- 
vernatore, e Vicario della Tofcana. Tutto ciò, che di Ugo , 
e di Alberico Tuo Padre fi è detto, toccarono breve, ed alta- 
mente l'Ariofto, ed il Tafiò ; quello nel Furiofo (*) fcriven- 

do cosi : 

Ecco AlbertaTgo , il Cui fano coniglio 

Vorrà d' Italia Berengario , e il Figlio « 
E farà degno , a cui Ce/are Ottone 

Alda fua Figlia in matrimonio aggiunga \ 

Vedi un altro Ugo , ob bella fuccejfione ! 

Che dal Patrio Valor non fi dilunga , 

Co/lui farà, che per glujìa cagione 

Ai fuperbi Roman l'orgoglio emunga'. 

Che il Te>"zp Ottone , e il Pontefice tolga 

Da le man loro , e il grave afjedio fciolga « 
Ed il Taflb nel Goffredo (b) in quei verfi: 

Vedi Alberto il Figliuolo in fra i Germani , 

E cola far le fue virtù sì note , 

Che vinti in giojlra, e vinti in guerra i Dani $ 

Genero il compra Otton con larga dote. 

Vedigli a tergo Ugon^ quel che ai Romani 

Fiaccar le corna impetuofo puote j 

E che Mar e he fé dell' Italia fia 

Detto , e Tofcana tutta avrà in balia . 
In quefta dignità, e governo della Tofcana fuperò Ugo ogni 
invidia, e tanto meritò appreffo quelle genti, tanto acquiftòdi 
credito, e di riputazione per il fuo gran valore, liberalità, ma* 
gnificenza, giuftizia, ed integrità, che pattando a miglior vita 
Tanno ioi4.tuttilo defiderarono, celebrando in pubblico, edin 
privato la fua gloriofa memoria, in tanto che alcune Nobilif- 
lìme Famiglie Fiorentine dopo molti anni fi hanno recato a o* 
norevolezza più che ordinaria lo avere i loro maggiori dalla 
mano di lui ricevuto l'ordine di Cavalleria. Registrò il Pigna uri 
fuo Epitaffio, dal quale fi cava> che fofle nominato UgoneAz- 
zo , e le parole danno così . 

T 2 . Ugo- 

(a) Cant. terzo, 

(b) Cam. 17. 



148 



ORIGINI E CONDIZIONI 



Ugoni Atio Filio Alberti Atejììni Marchionis 
Principi Augufìali Hetrurice > Atius, C? Obicius 
Filii P. C. MX1V. 
Ma vaglia a dire il vero, io non pretto fede a quello Epi- 
taffio, non mi parendo fàile ài quei tempi, e perchè fé vera- 
mente fofle fiato trovato ove fit fepolto Ugo, avrebbe tronca- 
te le difficoltà, che più abballo, per quello , che ne fcrivono 
i Fiorentini, faranno introdotte. Lafcio che nelle fcritture au- 
tentiche delle fue donazioni né egli fi chiami Ugone Azzo , 
ma femplicemente Ugo, ne il Padre fia nominato Alberto, ma 
Umberto, come fi è detto; e quelli nomi al tempo della fua 
morte , e della fuc;elfione delli Figliuoli non potevano ef- 
fere andati in dimenticanza, o mutati, come avviene per la 
lunghezza del tempo. Attribuire a quello Ugo il Giraldi (a) 
la edificazione dell' Abazia della Vangadizza . Il Pigna, ed il 
Sardi dicono, che oltre quella ne edificò anco fette altre in 
Tofcana, cioè quella dei Monaci neri di S. Benedetto in Fio- 
renza; la feconda di Buonfolazzo ; la terza di Arezzo; la quar- 
ta di Poggibonzi ; la quinta di Tiferno, o delia Veruccola di 
Pifa; la fella alla Citta di Cartello ; la fettima di Settimo nella 
pianura „ e Contado di Fiorenza. Mori Ugo la Fella di Sar* 
Tommafo il dì 21. Decembrio, nel qual giorno ogni anno in 
Fiorenza dai Monaci di quella Badia vien fatta in Ghiefa là 
folenne ricordanza, della quale fcriffe Dante: (A) 
Cìafcun, che della bella mfegna porta 
Del gran Barone, il cui nome , e'I cui pregia 
La fe/ìa di Tommafo riconforta *, 
Giovanni Villani (e) ieguitato dal Bocchi (d) chiama lo edifi- 
catore delle già dette fette Badie Ugo ben Vicario in Tofcana 
di Otto Terzo, ma Marchete di Brandeburgo, raccontando ap- 
pretto la caufa, che lo molfej.efTere Hata una Vifione apparta- 
gli, mentre fi trovava a caccia nel luogo di Buonfolazzo, ove 
fmarritala ftrada errando per un bofeo gtunfe ad una grotta, 
entro la quale vide da uomini nello afpetto atroci con martel- 
li, ed uncini di ferro< elfere lacerate e percofle molte anime 
damiate y intendendo da quelli,, che fimili pene erano prepara- 
te 
C a ) Ove di Ugo fecondo * 
(b) Tarati, e. 16. 
(e) Lib* 4. cap. 2. 
(d) ideile Bellezze di Fiorenza f.r$o. ove tratta de!f<Abadia dei Mimaci Tfyri., 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 149 

te per lui, quando non avefle fatta penitenza de' Tuoi peccati 1 . 
Aggiunge il Bocchi, che albergale quella notte da un Eremita, 
e che dormendo fognatte di camminare a pie fcalzi fopra fler- 
pi , e fpine , parendogli in quel travaglio d' incontrare un Relp- 
gioib vellico di nero , che lo andava confortando, conducendo- 
lo a l'ette picciole Chiefe, ove fi cantavano Salmi per recin- 
zione dei lette peccati mortali. Sopra il quale fogno fotte poi 
configliato dallo Eremita, dal Vefcovo di Fiorenza , da un Car- 
dinale fuo Parente, alla edificazione delle già nominate fette Badie. 
Scipione Ammirato (a) Seguitando il Borghino (£), attribuire 
il Marchetto, e l'ottimo governo della Tofcana infieme con 
i fatti di Roma in fervigio del Pontefice Gregorio V. e dell'Im- 
peratore Octo III. ad Ugo Figliuolo di Umberto ed Guilla y 
ma Nipote di Ugo di Arli Conte di Provenza, e Re d'Italia, 
di cui Umberto fotte Figliuolo naturale nato di Vandelmonda 
nobilittìma Donna. Ed intorno all'edificazione delle fette Ba- 
die la intendono diverlamente, affermanìo il Borghini col fon* 
damenro di fentture autentiche, la Badia di Fiorenza eflere 
fiata opera di Guilla Madre di Ugo , e quella di San Salva- 
tore a Settimo di Lottieri dei Conti, di Mangona, quelli , dai 
quali difeefe poi la Madre di Ezzelino da Romano . Oade è, 
che l'Ammirato, ammettendo la Vifione di Ugo già recitata f 
tralafcia l'appendice del fo°no pollo dal Bocchi. Scriveil Bor- 
ghini, che l'arma fua, chiamata da Dante la bella infegna, era 
lette Doghe vermiglie, e bianche, la quale fu da lui concetta 
a fei Nobili Famiglie Fiorentine, con una Doga però manco,, 
e furono qu-fte, Pulci, Nerli, Giandonati y Gangalandi, Aleprf, 
e Belli, onde è, che non trovandofi quella infegna tra le al- 
tre > che in diverti tempi hanno portato li Marche!! da Elle f 
anzi confettando lì Giraldi, efiere etter (lata la infegna di Al- 
berto Padre di Ugo il Leoncorno in campo azzurro y e poi di 
Rinaldo 1' Aquila bianca portata da lui con felici aufpicj contra 
il Barbarotfa,. può anco perciònafcer dubbio^ che quello Ugo 
fia llato di ilirpe Provenzale, e non di quelli di Elle. Orado- 
vendo io confiderare f qual verità contengano le già recitate o- 
pinioni, prima contro quelli, che feguitando il Villani hanno 

flima- 

( a ) ìjìot. Fior, lìb. primt . 

(b) Difcorjì parte feconda ove del? arme dellt Famiglie Fior. f. «|8. SS. $f, fs 
Fiorenza fu disfatta b$a»-DtBa Chiefa^e y t fc. Fiorentini f. 435. 5,3 z. 



150 ORIGINI E CONDIZIONI 

ftimato Ugo Marchefe di Tofcana efiere flato di Brandeburgo, 
noterò che quell'autore primo in tal penfiero non parlò deter- 
minatamente ; ma come tacitamente confeffafTe la fua incertez- 
za fpendè quelle parole (a): Gol detto Otto Terzo venne in 
„ Italia il Marchefe Ugo, credo fofle Marchefe di Brandibur- 
„ go. E per fecondo fondamento porterò la ragione del Pigna 
(b) alla quale non trovo rifpofta. Porro tanta fuit, dice egli, 
bominis amplitudo , ut multi , qui exiftimabant , exceptis Brande- 
burgenfibus , nullos e a temperate inftgnes Prim'tpes Marcbionis ti~ 
tulo bonoratoSj cred'iderint , Hugonem Germanum^ atque ab bis Pro- 
ceribus originem trax'tjje . At Brandeburgenfem Principatum ne~ 
que tum Ugo ullus , neque alias unquam obtinuit , fi omnes recen* 
feamus a Brandom Francorum Kege , quem ferunt anno a CbrU 
fio nato CXL.vixiJfe^ & trafium illum de fé nomina jjs ^ ad bunc 
qui nojìra (State dominatur Ó^cContra quelli poi, che vogliono 
Ugo Marchefe in quel tempo della Tofcana edere fiato di Na- 
zione Provenzale Nipote di Ugo di Arli , porterò più argo- 
menti affai evidenti, che abbiamo dalle fcritture della Cancel- 
larla della Vangadizza , e la autorità di uomini riputati gravi, 
ingenui , e difinterefiati . Gli rifcontri delle fcritture fono tre 
Donazioni fatte da Ugo alla Abazia della Vangadizza; la prima 
in Pifa, la feconda in Marta, la terza .,.. r Nella prima del- 
le quali fi vede, come Tanno di Noftro Signore pp4-2p» Mag- 
gio Ugo Marchefe in rimedio dell'anima fua, e di Uberto fuo 
Padre, e Guilla fua Madre, dona in perpetuo a Martino Aba- 
te una Chiefa dedicata alla B. Vergine pofta nel luogo , e fine 
del Fiume Adige Vecchio, da effer ivi fabbricato ilnMonafte- 
rio fecondo la regola di San Benedetto Abate con tutte le ca- 
fe, e beni a detta Chiefa lafciati fanno P54. 6. Decembrio da 
Alme rigo Marchefe , e Franca fua Moglie , la qual Chiefa, e 
Monafterio con li Beni donati da Ugo erano di fua proprietà. 
L'ifrrumento è in bergamina rilevato, e fottofcritto dal detto 
Ugo , e da Giovanni Nodaro dell'Imperatore, con teftimon; ro- 
gati , e fottofcritti al numero di quattro; come d'un altro ne 
appar rogato pur lo ftefso Nodaro con fottofcrizione ài effo 
Ugo, e Teftimonj, dal quale fi cava comedel 996. 25. Decem- 
brio il medefimo Ugo continuando nella fua divozione donaal- 

l'iftcf- 

.(a) 1<{el luogo citato. 

(b) Libro primo [opra citato. . 



DEL POLESINE DI ROVIGO. tji 

l' ideila Chiefa altri Tuoi Beni ivi particolarmente defcritti. Nel 
qual modo , e forma donò poi il Cartello , che avea nel luogo , 
e confini della Vangadizza, a quella Chiela e Monafterio per iltru- 
mento celebrato da Alleo Nodaro dell' Imperatore, e da effo U- 
go fottofentto ; e in quelle fcritture fi vede , che con aperte parole 
egli fi chiama Figliuolo di Uberto, e nomina per fua Madre Giiilla, 
dichiarandofi parente di Almerigo, e Germano di Gualdrada, quella, 
che fu Moglie di Pietro CandianoDogedi Venezia : efi vedeefsere 
la prima fcrittura celebrata , come ho detto, in Pifa; la feconda in 

Marta luogo del Territorio Suanenfe in Tofcana ; la terza 

e così per il parentado di Almerigo , e di Gualdrada farà lecito 
concludere, che non fofle di ftirpe Provenzale, ma della Cafa 
d'Ette. Per li nomi del Padre, e della Madre, che incontrano 
quelli degli Idonei Fiorentini, e per i Luoghi, ove fono ftipu- 
lati i rogiti di donazione, farà ragionevole il credere, che abi- 
taiTe , ed aveffe il Vicariato della Tofcana . E di qui fi compren- 
de, quanto gli fopranominati Irtorici trattando di quell'Ugo fi. 
fiano allontanati dai vero chi in una , e chi in un' altra 
cola . Meno però i Ferrare!! , i quali in quanto al nome 
della Madre di quel Prencipe hanno equivocato per il nome , 
ed avvenimenti di Adelaida da altri chiamata Addetta, ed Alon« 
da Moglie di Lottano Re d'Italia Figliuolo di Ugo di Arli , 
Quella, come caviamo dal Sigonio, (a) dopo la morte del Ma- 
nto fu dai fecondo Berengario , già compagno nel Regno di 
Lottano, confinata nella Rocca di Garda , dandole, fé credia- 
mo al Sigonio, ed a Domnizone Prete, che viffe a' tempi di 
Matilde, in compagnia una fola Serva, ed un povero Prete per 
nome Martino , col mezzo ed aiuto dei quali s'ingegnò di 
fuggire , e le venne fatto di ridurfi nella Rocca di CanorTa 
fabbricata, e tenuta dal Conte Azzo Figliuolo di Si°ifredo, ed 
Avo del noftro Ugo; e perchè di. quella , che poi fu Moglie 
di Otto primo Imperatore, ne nacque la Madre del detto Ugo, 
e -perchè anco ville, come caviamo dal Sigonio (£), longamen- 
te tanto , che arrivò al fiore degli anni di elfo Ugo , è (tata 
facil cola, che per il concorfo dei tempi, e per il con n elfo di 
Guilla con Adelaida, e di quella con Lottano Figliuolo di Ugo 
di Arli , abbiano dato i Ferrarefi a Guilla il nome della Ma- 
dre, 

(a) Lib. 6. de B.egn. hai. 

(t>) Lio. 7. As Hegn. hai. ar/io <j£>2, 



152 ORIGINI E CONDIZIONI 

dre , come forfè per ciò diedero i Fiorentini ad Ugo Ja dipen- 
denza Provenzale . Né ci abbiamo a maravigliare , che delle 
cofe di quei fecoli tanto poveri di Scrittori , e di memorie, lì 
fia fmarrita la traccia della verità , e confufi li nomi , come 
vediamo nel Padre Ugo nominato Alberto , Albertazzo , Um- 
berto , Uberto , e Sigeberto. E quanto agli Iftorici moderni , 
quando i Duchi di "Ferrara , e quelli di Tofcana contefero di 
precedenza, hanno data materia a chi non ha voluto difpiace- 
re a' fuoi Principi, di porre in effere molte cofe , che non fo- 
no vere ; onde è che fi ha da fare capitale principaliflìmo di 
quelli, che fono flati non folo diligenti, e nelle altre cofe ve- 
ridici , ma difintereflati ; efiendo giunti a tal fegno non folo 
li rifpetti , ma la vanita e l'adulazione , che molti ad imita- 
zione di Annio Viterbiefe , hanno finte memorie antiche di 
Marmi Sotterranei a bello ftudio , inoltrando poi d' averle ca- 
vate a cafo ; altri hanno inventate , e falfìficate Scritture , ed 
altri in altri modi hanno introdotto mille favole, e mille menzogne : 
ed è pur troppo vero, che a' miei dì fiano flati finti i Cagna, 
i Cortelieri , i libri dei Privilegi dei Canonici di Padova , che 
mai non fono ftati veduti; e tutto ciò per dar colore a quelle 
bugie, che hanno voluto divulgare parte con parzialità, parte 
con odio, e parte con invidia. Finalmente per concludere, ed 
efprimere rifolutamente il mio giudizio, mi accollerò ai Ferra- 
refi, e dirò, non efler lontano dal verifimile , che Ugo Eften- 
fe fofTe fatto Prefidente , e Vicario della Tofcana , perchè era 
in grazia, e benemerito di chi n'era padrone; il che mi pare 
di poter inoltrare, feguitando il Sigonio , il cui parere da altri 
(<z) più eruditi, e più affinati di giudizio di me in cofe di quei 
tempi molto controverse ed ineffricabili , è Irato antepofto a 
quello di molti altri, acquetandofi fommamente alla fua molta 
autorità , della quale comecché nel propofito anch' io faccia gran- 
de ftima , ftimo però più il vedere , che fi abbia egli fervito 
di Pietro Damiano, di Burcardo, di Lamberto Schanaburgenfe, 
e di altri Scrittori vicini a' quei tempi , i quali per ciò fono 
riputati anco da Baronio molto ben informati , Dirò dunque 
prima per quello , che difTufamente ne fcrive il Sigonio (£) , 
e che in parte è fiato recitato di fopra, elfer cofa chiara che 

l'im- 

(a) Domenico Mulini fogl. 42. 
( b ) Lìb\ 6. e 7. de Regn. Ita/. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 15? 

l'Imperatore Otto primo rellaffe padrone d'Italia, avendone (cac- 
ciato Berengario, e che da lui folle donata la Tofcana al Pon- 
tefice , redandone però anco Dominio , nel modo già efpofto , 
all'Imperatore; onde ne fegue contra l'Ammirato, che in quei 
tempi il Marchesato della Tofcana non poteva effere eredita- 
rio dei fucceffori, o difeendenti di Ugo di Arli, dato che fof- 
fero in effere, avendone quelli già perduta la proprietà, ed ef- 
fendo flato trasferito il Dominio nelli Pontefici. Che poi Ugo, 
ed Uberto fuo Padre, e l'Avo Azzo , foffero in molta grazia, 
e benemeriti delli Pontefici, e degli Ottoni, è anco chiaro, per- 
chè Azzo Avo falvò con fuo gran pericolo, e difefe nella Roc- 
ca di Canoffa Adeleida dal furore di Berengario; e quella poi fu 
Moglie, come poco fa toccai, di Otto Primo , e fu principal 
caula che il marito acquiftaffe ragione per dar principio a fon- 
dare il fuo Regno d'Italia, e perchè fu Adeleida di grandi qua- 
lità, e degna per la molta fua pietà, ed innocenza di effere e- 
quiparata a Teodelinda fantiffima Donna, e perchè campò lun- 
gamente regnando in Pavia fua Citta dotale , ed ebbe Tempre 
grande autorità non folo appreffo il marito OttoPrimo, ma an- 
co appreffo il Figliuolo Otto Secondo , ed apprefio il nipote 
Otto Terzo, e più perchè il Marchefe Alberto era fuo Gene- 
ro, ed Ugo fuo Nipote; per tutti, dico, quelli rifpetti, è ra- 
gionevole, che quella Imperatrice infieme col marito, e tutta 
la loro dipendenza amafTero molto e foffero obbligati agli E- 
ftenfi, di che ne moftravano fegno in quello che raccontali Si- 
gonio (a) parlando di Otto Primo, e dicendo: Sigebertum , five Al- 
bert um Atbonis Comitis Canujpni Filium Marcbionem Atejì'ts con- 
fìituit ; unde clarifjtma Marcbionum Eftenjìum f avutila eximia In 
hunc ufqus diem potemia eduBa . Sebben pare, che vada conghiet- 
turando il Sigonio , quelli Conti di Canoffa Eftenfi efferfi av- 
vànzati nel Dominio della Tofcana per via di Donne fino al- 
li tempi di Ugo d'Arli Re d'Italia; il che però a me par po- 
co credibile per la donazione di Otto al Pontefice toccata di fo- 
pra, Confiderino i Lettori per il penderò del Sigonio attenta- 
mente quello, che fcrive con quelle parole : 6)uam multo vero 
memorabdius e fi , Sigifredus Comes, qui ab Atejìinh Principibus 
genus ducebat ex Agro Lttcenfi , ubi aliquandsu fuerat , in Regien- 
jem mtgravìi ; atque ibi cajìra , & poffefjìonss muhas prcefenti , qua 

V abun- 

(a) Lib. de Reg. Ital. fub mìll. 567. 



V 



154 ORIGINI E CONDIZIONI 

abundabat pecunia comparavit , ac pofìea Urbem Parma Saracenorum a 
Fraxineto incurrentium metu perculfam in dedìtionem accepit • Re- 
gibus ipfis nequaquam fatis aut virium aut animi ad tantam inju- 
riam prohibendam habentibus . Hic Filios fres genuit Stgifredum , 
Athonem , & Gerardum , quorum Atho genus Mathilàis Cpmitis 
procreavit , cujus pojì crebra mentio fiet, & Marchio num Atefìi- 
norum, qui in hunc ufque diem maxima in Italia potenti ce & au- 
tloritatis fuerunt . Notata quella difcendenza avvertifcafi cièche 
fcrive più abbatto (a) ove dice: Eo anno Sigifrido Comite Par- 
ma mortuo , Atbo Filius ejus fuccejftt . Is in Matrimonio Hilde* 
gardam habuit, quam invento Comitis , Marcbionis , & Ducis tì- 
ttdum gejftfje^ atque ab e a pò fi , ut puto, Marchiava Tu/eia tulit , 
ftquidem pofìeri ejus ufque Methildem in Tufcia dominati funt . 
Ma fia di quefta immaginazione dei Sigonio ciò che fi voglia, 
tornando al filo, che quefti Eftenfi Conti di Canofla non fof- 
iero manco benemeriti, e favoriti dalli Pontefici, di quello fu- 
rono dalli Imperatori, ne abbiamo un argomento fìmile a quel- 
lo di Otto primo verfo Alberto recitato di fopra : Tbedaldus , 
dice il Sigonio (b) Athonis Comitis Canufftni Filius , Sigeberti 
Marchionis Atefìini Fra ter ; idemque Comitis , Marc bionis ^& Du- 
cis titulis infignìrus à Joanne Pontifce Ferraria Urbe donatus , ar- 
cem ibi fui nominis certo apud pofìeros Imperli monumento confi l ru- 
xit. E più abbailo (e) parlando di Otto Secondo dice , che 
Thealdus Athonis Filius Marchio Mantua tnftitutus &c. Ma fé- 
guendo palliamo a' tempi di Otto Terzo, e dì Gregorio V. ec- 
co il teftimonio dei meriti di Ugo con l'uno, e con l'altro nel- 
l'imprela contraCrefcenzio, eccolo rapprefentato per uomo di 
valore, e qualità fingolari, come appunto deferivono li Tofca- 
ni il celebrato da Dante, Otho, dice il Sigonio (</), ingrejfus 
Gregorium decimo pofìquarn exaélus fuerat menfe fedi refìituit , at- 
que inde Arcem obfedit. Qua cum in longum oh fi dio tr ah ere tur, 
Arefcenti, fi fé dederet , fpem haud dubiam venia fecit , ac Crefcen- 
te conditionem accipiente ^fecuritatis facramentum per T hamnum ho- 
minem /ibi familiarijjimum prafìitit . Egreffus inde Crefcens con- 
tra fidem datam captus , ac majejìatis damnatus cum duodecim aliis 
fcedtjfimo fuf pendii fupplicio efl affeèlus . Qua res maximam clarif* 

fimo 

(a) Sub mill. 5)45. 

( b ) Lib. 7. de Reg- Ital. fub nuli 970, 

( e ) Sub mUl 5>8o. 

I d) l. cu. Jub mi//. 99j, 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 155 

fimo Otbonis nomini perfiditi notam inufftt . Alti Joannem cum 
Crescente captttm tradidcrmit y atque luminibm orbatum in Germa- 
ni. mi fuijfe tu cxilium mijfum. Inclita p:r bcec tempora virtusU- 
gonis Marcbionis Arejìis , qui Patri Sigiberto fuccefferat , fuit , 
per quo cum , ut fuperioribus annis in Campania, fic hoc apud Ro- 
mani multa egregia ge/ìa .E del li fervigj predati gli anni innanti 
allo Imperatore nella Campania, che ora chiamano Terra di La- 
voro, ne avea già. parlato fcrivendo (a):fequenti vero anno Ugo 
Sigiberti Marcbionis At e fi ini Filius ab Otbons miffus eandem ob- 
Jiftonem continuavit , quoufque cedis autlores in potefìatem redegit , 
quorum alios de jurca fufpendit y reliquos variti cruciatibus intere- 
mit. E perchè la liberazione dell'Imperatore dal furore del Po- 
polo di Roma toccata per innanti nel modo, e tempo, che è 
riferita dal Pigna, ed altri citati di fopra, viene anco portata 
dal Sigonio, (/>) ma in tempo, e congiuntura differente j qui 
non folo per comprobazione del prefente difcorfo , ma anco 
perchè reìti, quanto è pombile,in pronto ad ognuno il giudizio 
fopra la verità del racconto, non tralafcierò a quello propofi- 
to di regiftrare le ftefle parole di quefto autore, includendo un' 
azione miracolofa di San Romualdo, per la quale li compren- 
de non folo la fatuità di quel fervo di Dio, ma anco la Venerazio- 
ne, nella quale era tenuto da Otto Imperatore, il cui efempìo è 
ragionevole che feguitaffe Ugo , poicchè anco vediamo la noftra 
Badia della Vangadizza fondata da lui effere (lata donata aÌliMo< 
naci della Regola di San Romualdo . Le parole del Sigon io (tan- 
no cosi / Interim Romani novis mìfcendis tumultibus Syìvefìrum in» 
fejium babere ceperunt , Ad quos mofus compefcendos cum iter para- 
ret , a Romualdo convenitur y atque ut piaculi caufa^fìcut fgpe horta~ 
tus fuerat y monachum induat admonetur . Tum Otbo , obfequar tibi y 
inquit y f anele Pater , pojìquam Romanos novas feditiones cìentes do- 
muero , Ravennamque revertero • cui Romualdus , fi Romam tverh» 
inquit , Ravennam amplius non videbis . Qua voce baudquaquam 
exterrìtus Romam perrexit , ubi Domin't Natalitia celebravit , ac Ci- 
vitate m Ecclefiamque legibus formare atque in antiquum fìatum re- 
digere infìituit < Quoti inique pafft Romani novam conjuratìonemad- 
verfus eum fecerunt , atque armis arreptis ,- aliquat ex militibus ejus 
eccifìs , ipfum iri Pretorio obfederunt, Quibus de rebus Orbo* cum fé 

V % &pi~ 

(a) Uh. eoi. [ut m'ilf. 993.. 
{b} Lib. eorf. fuà. m'tlL 1002:. 



i5* ORIGINI E CONDIZIONI 

opìbus parem non effe fentiret , Jib't abeundum putavit , Mane ita e- 
gregia Hemici Ducis Bavaria , Henrici, de quo diximus , Filii^Ù 1 
Hugonis Marcbionis indufìria conditionibus Jimulatis eduélus Roma 
cum Pomifìce Sylveflro , & Antifìite Colonienjì Hereberto decef- 
fit y ac Lombardiam ver fu s ire perrexit . Ceterum Crefcentis Uxor, 
qua ipfum fpe regnandi ad amorem fui pellexerat , difcejfu ejus 
dolens, venenatum cbirotbecarum fimulatce amicitice munus ad eum 
miftt , quo ili e fenftm infetlus XJJ. M.alendas Februarias apud Pa- 
ternum ex vaticinio fanali Viri extihguitur . Qui in conformità 
del contenuto a noftro propofito neli' addotta fcrittura del Sigonio, 
e per conclufione , che quell'Ugo, del quale parliamo, foffe Mar- 
chese della Tofcana , porterò le parole del Pigna y (a) il quale 
non di fu a tefta , ma feguendo autori più antichi , e molto ap- 
probati ,, fcrive cosi: Ea res adeo trifìis y atque acerba Populo Ro- 
mano accidit y ut ira Jìimulante ìmpetum in Cafarianos fecerit y de- 
prebenfos quofque trucidarity ipfum Augujlum in Vaticano circum- 
federit . Sed Hugo Ateflinus & Henricus Dux B 'avaria ex Cafaris 
comitatu longe clarijfimi nibil ferriti tam gravi fé 'diti&ne , nitro , cu- 
troque commeantes per fpeciem fancienda pacis Otbonem , Jtcuti te- 
Jìatur Funtius , clam Urbe eduxerunt . Exinde Hugo , quod modi- 
co intervallo utrumque jervaffet , Pontifici , & Cafari multo acce- 
ptijjtmus fuit ' y quin Augufìus confentientibus Bonifacio , Ù" Ful- 
cone Fratribus , eidem integrum Paternum Regnum ad/udieavh r 
Prafefìumque Hetruria , ut idem Funtins , atque alti funt auBo*- 
reSy halite Marcbionem nuncupavit • propterea qui Marcbionem im- 
pojìerum fìmpliciter diceret ? non alium quam Atejìinum Jìgnifca- 
bat: cui rei tefìimonium efi Epitapbìum Bonifacii Matbildis Patris y 
Ò* fentemia Bernardi Cardinalis ab ea tonfìrmata , omniaque fer- 
me ipfius diplomata, in qui bus- nullo adjcripto titulo fernet enun* 
fiat Matbildem Bonifacii Marcbionis- Filiam Dei grafia , fi quid 
ejì . Idem confirmat nios ufurpatus ab- Arnulpho Mediolanenjì , & 
Lamberto Scaffnaburgenfì fcriptoribus temporum illorum •■ itemque a 
Dante , & Joanne Villano in appellandis bis Principibus . Com~ 
probant denique Fabula y ac public a monumenta , qua ipfi ex pri- 
vato Arcbio prof erre poffunt , ÓY, Ma io re fio- con grande ftupo- 
re quando penfo,: che 1* Ammirato abbia, fé non efclufo a bel- 
io (tudio, almeno con evidente negligenza pretermeffo Ugo lo 
Eftenfe, ove trattò delti Marchefi. della Tofcana, non potendo 

xagio- 

(a) Lih. ■primo fub mìll. $$?* 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 157 

ragionevolmente pretendere ignoranza , che di quello fia fiata 
l'atta menzione eiprefla da Iftorici anteriori, e riputati non fo- 
Jo fedeli, ma gravi, e di erudizione non volgare. Eppure con- 
feflando egli , che delle cole di quei tempi bifogna fcriverne 
per conghietture , e come indovinando fra le tenebre , appare 
chiaramente, eflergli Hata neceflaria una difcuffione più efatta, 
ed il toccare le opinioni in contrario , dallo efame delle qua- 
li fi mole fcuoprire la maggiore , e minore probabilità . Di 
più portando il Sigonio , per caufa principale della venuta 
di Otto in Italia , il rifugio , e la difefa di Adelaida af- 
fediata da Berengario nella Rocca di Canoffa Fortezza di 
Azzo Eftenfe, ed all'incontro fcrivendo l'Ammirato la venuta 
di Otto eflere fiata promoffa dalle efortazioni , ed intereffi di 
Umberto Provenzale andato perfonalmente in Germania , tra- 
fcorrendo a quello pano con filenzio , e difiìmulando l'avveni- 
mento di Adelaida, del quale con miglior ferie, e maggior pro- 
babilità di iùcccffi vedefi effer ternata l'iftoria, reflo molto ma- 
le edificato della fua diligenza, per non dire, della ingenuità; 
e fé mi dira egli , che non abbia trovati autori , o fcritti 5 
dai quali pofTa aver cavato il Sigonio o tutte, o parte delle co- 
fé narrate, e pretefe vere, rifponderò, che per ciò non fegue ? 
che quello non pofTa aver veduto fcritture , le quali non fiana 
pervenute alle mani dello Ammirato . Quelli ha voluto , che 
al Marchefe Ugo Figliuolo di Umberto fia fucceffo nel Dominio 
della Tofcana il Marchefe Bonifacio , e fi dichiara , che non 
fa come fuffe congiunto di parentela a Ugo; eppure è vero, che 
facendo il Fontio Marchete di Tofcana Ugo lo Eflenfe, e que- 
llo effendo pollo dal Sigonio , e dal Pigna, Figliuolo di Sigiber- 
to Fratello di Tedaldo, veniva ad effere primo Cugino di Bo- 
nifacio Figliuolo di Tedaldo i E fé la cola Ila cosi, chi non ve- 
de la necemtà , che ebbe lo Ammirato di toccare , e rifiutare 
quella opinione per far fermezza, e credito alla fua Ifloria, le- 
vando il fcrupolo , che necefiariamente nafce in chi è verfa* 
to , ed ha fentimento ? e nondimeno ciò non ottante paffa , e 
fchifa anco l'ombra del nome Eftenfe , non ne introducendo 
né anco una minima parola , come né anco quando parla di 
Bonifacio, e di Matilde, che vengono pure da altri ftimati del- 
la llirpe d'Elle. Non così fece Domenico di Guido Mellini, (**) 

il 
(a) TS^e/la prima parte dei fatti dì Matilde f. 7. in prtnc. 



158 ORIGINI E CONDIZIONI 

il quale difcordando dal Sigonio nella dipendenza di Azzo 
Conte di Canoffa,fi ferve di quello, che trovò fcritto appreflo 
Domnizone, il cui libro, per quanto fi può comprendere non 
fu mai veduto dal Sigonio, adducendo, che Domnizone chia- 
mi Gotttfredo , e dica , che fofie Vefcovo quello che il Sigo- 
nio chiama Sigeberto , ed Alberto Padre di Ugo Marchefe ài 
Efie.ScrhTe Domnizone le cofe di Matilde in iiile molto bar- 
baro, ed in verfi. molto mal mifurati, e vifTe, come se detto 
al tempo di quella Principerà. II titolo, ed i verfi del capito- 
lo di quell'autore fono quelli, che ho voluto leggere , e trafcri- 
verli dalla prima parte della fua opera cavata dalle tenebre 
pochi anni fono, e ftampata in Germania. 
Qua & qualis fuerit Uxor Atbonis 
Et quot filios habuit , & quod Tedaldus pr'mceps 
Extitit pojì ipfum y & quod idem Tedaldus 
Mdificavìr Monafìerium illud, quod 
EJì Inter Padum , & Larbnem &c* 
Conjugìs Athonh non fiat oblivio nobis 

Ildegarda qu'tdem fuit bujus nomen amica , 
Dotta , gubernatrix , prudens proba, conciliatrix. 
Ad meliora virum fuadebat Jaepius ipfum 
Cum qua Brifellum Monacbis fabricavit babendum » 
Ex bis fu?Jt orti tres quos miratur hic Orbis 
Rodulpbus 'valde juvenis pulcberrimus : ,, atque 
Wlortuus ante patrem, pojì quem Jequ'ttur bonus alter 
Antijìes Magtius Gotefredus y & ili e Tedaldus 
Qui pojì Athonem totum Jervavit bonorem 
Ampli ficans terrai propri as dives mmis- extans 
Re gibus extitit cayus notijjìmus illìs 
Romanus Papa quem Jincere peramabat 
Et ftbì conce fjtt quod et Ferrarla fervit &c. 
con quello , che fiegue . Sin qui Domnizone , nella fcrittura del qua- 
le non fi vede fatta alcuna menzione di Sigeberto , o Uberto 
che folle Fratello di Tedaldo, come lo mettono il Sigonio, ed 
il Pigna. Io però intorno a quella difficoltà lafcierò alla confi- 
derazione del giudiciofo lettore, fé poffa eflfere, che per qualche 
occulto rifpetto Domnizone abbia tralafciato Uberto, come tra- 
lafciò di raccontare, che Matilde aveffe marito, per non capi- 
tare a fcrivere di Azzo y o Alberto da Ette, fecondo marito di 

quel- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 15P 

quella PrincipefTa;e ciò perchè forfè gli parefle di deturpare le 
lue lodi,o fcrivere e raccom mandare all'eternità cofa, che a lei 
fofle per riufeir dilpiacevole, toccando la parentela dell'Eften- 
fe, ed il Matrimonio inceltuofo, che per le fevere ammonizio- 
ni , e protetti del Papa era flato difciolto ; eppure è cofa cer- 
ta che Matilde fu maritata prima in Gottifredo il Gobbo Fi- 
gliuolo di Gottifredo il barbato Duca di Lorena, poi in Azzo, 
o Alberto da Ette fuo parente , come ne fanno indubitata te- 
ftimonianza le lettere del Pontefice Gregorio a Matilde, regi- 
ftrate dal Mellini , e come tacitamente viene a confirmare lo 
fteflb Domnizone , non toccando mai tra tante altre lodi di 
Matilde quella della virginità , che pur dovea efiere delle pri- 
me , ne mai facendo motto di celibato , o di cofa , che allo 
ftare fenza marito l'avelfe indotta . E quando per quefte con- 
fiderazioni, e per le lettere del Papa fopranominate, non fi ha da 
porre in dubio, che Azzo da Elle marito di Matilde fofTe fuo 
parente , chi farà giammai ardito di negare , che Ugo fecon- 
do da Efte non fofTe ad ogni modo congiunto di parentela con 
Bonifacio Marchefe ài Tolcana Figliuolo di Tedaldo, e Padre 
di Matilde , e che quella parentela confiftefle fé non nell'efìer 
cugini , e della medefima Calata , almeno fofTe per parte di 
Donne? come ha creduto il Sardi (*) fcrivendo del fuddetto 
Alberto: „ Quefti è quello, che fu fecondo marito della Con- 
„ teffa Matelda chiamato da alcuni Azzo terzo , poi disfatto 
„ il maritaggio da Gregorio VII. perciocché erano amendue 
„ dell'ifteflb fangue • avendo Ugo Avolo di Alberto prefa per 
„ moglie la Sorella di Tedaldo Avolo della Conteffa . Come 
anco pare , che così l'abbia intefa il Padre Benedetto Luchini 
(£) Mantovano , che pofe infieme , e divolgò l'albero delia 
Contcfìa Matilde, chiamando Tedaldo dei Malefpini . E cosi 
anco in quefto feguendo il Sardi (e) il quale ftimò Tedaldo 
efier^difeefo da Azzo, o Ugo Figliuolo di.Ildoino, che con un 
falcio di fpine uccife Chereberto Figliuolo di Clodoveo Re dei 
Franchi, onde fu egli e la fua discendenza chiamato Malefpi- 
ni . Ora fia (tata come fi voglia la parentela di Matilde con 
lo Eltenfe fuo fecondo marito, quando quella non fi metta in 

diffi- 

(a) Ufi ^ lib. fogl. 79t 

(b) Hella lettera .Apologetica del Mellini fogl. 7. e 39. 
(cj Lib. 2. fogl. 48. 



ióo ORIGINI E CONDIZIONI 

difficoltà, come in alcun modo non fi dovrà mettere, a me pa- 
re , che contra l'Ammirato fi pofia difccrrere in quefto modo , 
Se la fucceffione fecondo ilfuo giudizio, molto in quefta parte 
ragionevole , argomenta parentela , e la parentela di Bonifacio 
Marchefe diTofcana, e Padre di Matilde, cade in Ugo daEfte, 
e non l'immaginato Ugo di ftirpe Provenzale, farà ben molto 
più credibile, che Ugo fecondo da Efte, e non il Provenzale, 
fia flato il Vicario o Governatore della Tofcana, e che da que- 
llo fia poi paffato quel Dominio a Bonifacio; benché del mo- 
do , e delle caufe non fé ne fappia altro . Refta la difficolta 
dell'arma, o infegna diUgo, intorno alla quale confidererò, che 
il Lepncorno in campo azzurro fu, come fi è toccato di fopra, 
imprefa comune a Otto Primo , e ad Alberto Azzo Padre di 
Ugo fecondo nel Torneo fatto in Corte del Re di Dacia; on- 
de par ragionevole , che aveffe la Cafa d'Effe in quei tempi 
altra arma, e forfè fu quella delle Doghe, fé però è vero, co- 
me alcuni credono , che foriero polli in ufo fino a' tempi di 
Carlo Magno i cognomi, e le armi, e le infegne delle Fami- 
glie; tuttocchè io creda più probabile l'opinione del Sardi, (a) 
che in quei tempi folle goftume di pigliare l'infegne a piaci- 
mento, e che non fofie in ufo il perpetuarne una fola in una 
famiglia, fé non forfè in quelle, che per mancamento d'uomi- 
ni egregj non aveano materia, onde poteffero mutarle in me* 
glio. Finalmente fui probabile della parentela con l'Imperato? 
re, e con Bonifacio fucceffore di Ugo; fui probabile dei meri- 
ti per il valore, e per i fervigj predati alli Padroni della To- 
fcana; fopra l'autorità del Fondo, ed altri gravi Scrittori; fo- 
pra li rifcontri delli nomi di Uberto Padre , e di Guilla Ma- 
dre di Ugo fecondo da Elle, e per altre ragioni, che pofTòno 
effer cavate da quanto fin'ora è flato confiderato, parmi poter 
concludere, che altri non fia flato quell'Ugo Marchefe, e Vi- 
cario di Tofcana celebrato da Dante, fé non i'Edenfe edifica- 
tore del Monaflerp, e Cartella della Badia nel Polefine. Con- 
cludiamo appreffo , che il Pigna (b) abbia prefo errore dicenr 
do, Guilla eflere fiata Moglie di Tedaldo, e Madre di Bonifa? 
ciò, il quale fu Padre di Matilde; e così anco efferfi inganna- 
to Dornnizone , avendo ferino in conformità innanzi al Pigna 
qiiefti verfi; 

Uxor 

(a) Lìb. ?. fogl. 7J. (b) Lìb. primo mìlì. 274. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 161 

Uxor Tedaldi fuit Guillia ditta Ducatrix- 
Hccc pLuuit parvi* pictate, placebat & aids * 
Hccc tres perfonas mundo genti it fpeciofas 
Urbis Aretina Tedaldi Prafulis, inde 
Atque Ducis cclfi Bonifacii fapientis 
M'riitis , & dotti Conradi, ceu Leo fortis . 
Se però furono due Guille nel medefimo tempo, una Moglie di 
Tedaldo, l'altra di Uberto; cofa, che non voglio in quello ca- 
lo né affermare , ne negare ; concludiamo Umilmente , che fi 
iìa ingannato il Sigonio {a) iscrivendo, che Bonifacio fode Du- 
ca della Tofcana , come fu medefimamente fuo Padre Tedal- 
do. Crederò anche che fia flato male informato il Giraldi(^), 
quando icrifle Toccatone di edificare la Badia effere (tata, per- 
chè Ugo già fatto vecchio s'era infaftidito degli affari della 
guerra ; effendo tanto lontano , che fi ritiraffe negli anni più 
gravi dal guerreggiare , che anzi dopo la morte di Ottone Ter- 
zo non cefsò di travagliare per Ardoino , il quale fucceffe in 
quel tempo nel Regno d'Italia, e ciò per teftimonio del Sigo- 
nio, al quale mi pare di predare maggior fede, mentre ne fc ri- 
ve cosi. - (e) Ardoino prater ceteros It alice Principes Ugonem 
Marcbionem , de quo diximus, Atefiinum laudis Italica Jìudio ad~ 
duttum juiffe , atque ipfum cum Azione , & Opi^pne Filiis ad 
Papiam pralio fuperatum invento. Et le ciò fu l'anno 101 3. ef- 
fendo egli mancato nel 1014. appar chiaramente, che fino all' 
ultimo di fua vita abbia attefo alle armi, intravenendo a iurte le 
guerre de' fuoi tempi. Perdonili intanto alla lunghezza di que- 
llo difeorfo con la conliderazione dell'obbligo , che tengo di 
trarre dalle tenebre di intricatiffìme opinioni, e di tante diffi- 
colta i fatti di quel valorofo Principe, dal quale la mia Patria 
riconofee origine così illuftre, ed aufpicata . E qui mi fi con- 
ceda , che non oftante il tedio della barbarie , e de^li errori 
enormi nella lingua delle fcritture celebrate in fecolo infelicif- 
fimo di lettere, poffa portare per reale irruzione di ehi le°ge 
le donazioni di fopra più volte nominate. 

„ In Nomine Domini Noftri Jefu Chrifti Dei eterni, an- 
5, no ab incarnatione ejus nongentefimo nonagelimo fexto fe- 

X „ pà- 

Ca) Lìb. 8. de Reg. hai. m'ilL 1007. 
(b) Ove tratt* di Ugo fecondo, 
(e) £ìb. 8 ? de Reg. Ita!, mi//, io 13. 



iÓ2 ORIGINI E CONDIZIONI 

3 , ptimo Kalendas Januarii Indizione nona . Divina grati» 
„ munere , & fuperna? ultionis auxilio a faucibus Dasmoniacae 
„ poteftatis erepti , ut nos mifericors Dominus aeterna Patria; 
„ gaudio faciat cohaeredes fedulas amonitiones prsebenfque praj- 
„ cepta infìnuat. Undc eft illud: venite ad me omnes, qui la- 
„ boratis, & onerati eftis, & ego vos requiefcere faciam. Ne 
„ quis de via ad me perveniendi, vel qualiter ab eo recipien- 
„ di facultas dubitare queat, promifit ipfe, & ideo oftendit for- 
„ mulam, cuoi dixit: dimittite , & dimittetur vobis , date, & 
„ dabitur vobis . Ita me hoc idem docuit fegniter quis agere 
„ debeat ipfe alibi cum dixit: vigilate, & orate, quia nefcitis 
„ diem, neque horam. Hanc vocem S. debemus meditari fre- 
„ quìentifiìme quatenus femper oculis mentibus habeatur. Opor- 
„ tet enim fìngulos qui le Omnipotentis . Deo , & miferiam 
„ hujus mundi de intus , vel quibufcumque temporalibus ali- 
„ mentis noverit confolatum, & is, qui accepturus ab eo quan- 
„ tumlibet il li conferr-e cum gratiarurn acìione, idque fibi non 
„ fcit cuncla quae habeat concetta. Quia Regnum Dei tantum 
„ valet quantum habet , quod ut credi pofììt Dominici inftrui- 
„ mur documenfis , quia Muliere duo minuta devote offerente 
„ ceteris omnibus offerentibus adferuit obtulifìTe . Unde ego in 
„ Dei nomine Ugo Marchio lege vivente Saliga Filio bona? 
„ memoria? Uberti Marchio, & Saligno optimum duxi prò ani- 
„ mx mese remedio, offero, trado, & Ecclefia Monafterio bea- 
„ tx Sancii Maria?, femperque Virginis, qui eli: conftruóìa in 
,, loco qui dicitur Vangaditia. Jdeft cafis, & Curtis, feu rebus 
„ meis illis , qua? una ex ipfa Cafa , & Curte dominicata 
„ cum Cartello , & Ecclefia inibì confiftente , quam habeo 
„ in loco , 8c finibus ubi dicitur Montagnana una & cum 
„ omni fua pertiner.tia , & illa tertia cafa , & Curte illa do- 
,, nimicata cum Gattello , &. Ecclefia five ripis , & portoriis 
„ jnibi confidente , quam habeo in Loco , & finibus Lindina- 
„ ria ; quarta Cafa , & Curte illa dominicata cum Cartello , 
„ 8c Ecclefia inibì confiftente quam habeo in loco Maneggio , 
„ & cum omnibus eorum pertinente , five cum omnibus Ca- 
„ fis , & rebus tam dominicatis quam & Malfaritiis ejufdem 
„ Curtis, & Caftellis five Ecclefiis fic pertinentibus cum inte- 
„ gris aliis omnibus cafifis, & rebus meis illis, quas habeo in 
?) loco, & finibus Ecclefi. Longula in Rudrico conchi valli villa 

„ mar- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. ifj 

„ martiana , Se in villa archuata . Has vero praedióhs Curtes 
„ & Caftellis , live Ecclelìis , fìmulque rebus dominicatis , & 
„ maflaritiis eifdem curtis peninentibus , live praedióìis cafis , 
„ Se rebus qualiter fupra Jegitur tam dominicatis quam & maf- 
„ faritiis cutn fundamentis, & omne asdificium vel univerfis fa- 
„ bricis fuarum ieucurtis ortalias, vineis, olivetis , caftenetis , 
„ querceti»* filvis, virgultis, pratis, pafeuis, cultis, rebus, vel 
„ incultis, montibus, alpibus 3 planitiebus , molendinis , pifea- 

„ reis , piiiationibus , five ripis, & omnia, & ex om- 

„ nibus calìs rebus tam dominicatis, quam & madaritiis quan- 
„ tas ubique , & in qualibec locis vel vocabulis ad fupra fcri- 
„ ptis calìs , Se curtis dominicatis live ad predite Caftellis , 
„ & Ecclefns fupra pertinentibus, vel afpicientibus, vel quan* 
„ tas mihi de jam diétis cafis, & rebus peninentibus in firìgu- 
„ lis denommatis locibus, & vocabulis fuperius diclis invenitur 
„ effe , vel in eorum finibus , & mihi prò quocumque ordine 
„ erit pertinentes in integrum una cum infenoribus & fuperio- 
„ ribus Ibis , leu cum acceffionibus , & ingrefforas eorum tibi 
„ Deo , & pradiéìa Ecdefia? Monafterii Beata Sancii Maria? 
„ femperque Virgmis oflerre previdi, vel volo, atque inftituo, 
„ ur qui in prcecii&o Monafterio prò tempore fuerit , & i Ili 
„ Monachi, qui ibi fuerint omni tempore per anima; meae re- 
„ medium orare , Miflas canere , & facere debeant . Similiter 
„ volo, atque inftituo ut ille abbas, qui in ipfum Mona fieri urti 
„ ordinatus fuerit, & illi Monaci, qui ibi fuerinc omni tempo- 
„ re non habeànt poteftatem, ncque iicentiant ex omnibus pra- 
„ diéftis Cafis, Se rebus, quibus fupra leguntur neeme vendere, 
„ neque donare, ncque commutare, neque per libellum facere 
„ debeant, neque per nullum ingenium, atque argumentum alie- 
5> nare debeant in omni tempore ad jure proprietate de praferi- 
„ pto Monafterio habere, & detinere debeant,. quia fic in om- 
„ nibus mea decrevit voluntas. Infuper ego qui fupra Ugo Mar- 
yy chio ad pars ipfius Ecclefia Monafterii Sancii Maria de 
„ omnibus, que fupra leguntur legitimam facio mveftituraro > 
„ Se traditionem per cultelum , vuantonem , feu ramum ar- 
„ boris, Se unionem vel terra, feu .... . .• . . nodatum me 

„ exinde foris expulit ,, Se vuerpugi & exutum fecit , & ipfius 
, y Monafterii beata Sanófta Maria? ad proprie tatem , ficut fupra 
„, legitur, ad habendum reliqui . Si quis vero , quod faclurum 

X z „ effe 



itf 4 ORIGINI E CONDIZIONI 

„ effe non credo, fi ego ipfe qui fupra Ugo Marchio, aut il- 
„ la appofita periona contra hanc offertionis inftrLimentam ire 
„ temptaverimus , aut eam per qualecumque ingerì ium irrum- 
„ pere , aut retollere , & vel minuare de omnia , que fupra le- 
„ guntur quafierirnus, inferamus ad pars prafcripta Ecciefise Mo- 
„ nafterii Sancì» Maria multamquod eft penam aurum optimum 
„ libras quattuor millia , argenti ponderas decem miliia ; tali- 
j, ter volo, atque inftituo ego qui fupra Ugo Marchio ufque- 
„ dum Dominus mihi vitam concefferit in omnibus, qua fupe- 
„ rius legitur in mea fit potevate . Et fi forfitans Dominus 
„ Omnipotens mihi filium, aut filiam de legitimo Matrimonio 
„ dederit in eorum fit poteftatem, & de eorum filiis, & fìlia, 
„ qui de legitimo Matrimonio nati fuerint, omnibus fuprafcri- 
„ ptis rebus quot fuperius legitur in eorum fint poteftate . Et 
„ fi foriitans ego qui fupra Ugo Marchio fine hìio , aut fìlia 
„ legitima mortuo fuero , aut ipfe meo filio , aut fìlia legiti- 
„ aio fine filio , aut fìlia legitima mortili fuerint omnibus pra- 
5> fcriptis rebus qualiter fupra legitur ad jure proprietario no- 
„ mine de ipfo Monafterio Sana* Maria deveniat . Et quis 
„ his omnibus , qua fuperius legitur minuare , auc fubtrahere , 
,, vel fraudare, aut alienare quxfierit, aut delere voluerit, de- 
„ leat Omnipotens Deus nomen ejus de libro viventium , & 
„ cum juftis non fcribantur ,- fiat particeps cum Dathan , & 
„ Abiron, quod ape mie terra os fuum , & deglutivit eos , fiat 
„ focium cum Anania, & Saphira quod fraudaverunt pecuniari! 
„ Domini fui. Sit deprehenfus cum Simon Magus , qui gra- 
„ tiam Sancii Spiritus venundare voluit; fit particeps cum'Ju- 
„ da Scariothis , qui propter cupiditatem vendidit Dominum , 
„ & Magiftrum; fit feparatus a contar riunì omnium juftorum, 
„ ut in die judicii non refurgat in numero illorum , prater il- 
„ los ; quos fuperius ante pofuit, oc quo ea repetierunt, & vii> 
„ dicare non valemus . Sed prafens liane cartulam offertionis. 
„ diuturnis temporibus firma , & itabilis permaneat in convul- 

„ fa con (tipulatione fubnixa . . . & pergamena ma* 

„ nibus meis de tera . . * 

„ Imperatoris ad fcribendo tradidi , ac fcribere rogavi , texti^ 

3> bus obtuli Loco Marta Territorio 

„ Suanenfe. 

„ Et prsterea meo ordine Ego qui fupra Ugo Marchio per 

3 , liane 



DEL POLESINE DI ROVIGO. ió s 

lì liane offertionis pagi nani taliter vólo, acque ubi 

„ i p 1 li ai Monafterium Sancii Maria: edifica t uni eft, cum pra- 
„ diclo Monafterio, qnod cft in praidiclo loco Vangadicia, & cum 
„ omnibus Cafis, & Culcis, feu Cafalis acque Ecclefiis, five re- 
„ bus cam dominicacis quamSc Mafìaritiis quot fupra legitur, non 
„ fine in poieltace nulla pedona hominum mafculum , vel femi- 
„ na, neque de nulla Ecclefia nifi in potevate de illos abbas, qui 
„ ibi prò tempore ordinacus fuerit , & de illi monaci , qui in ip- 
„ limi fanclum locum congregati fuerint pfto monafterio , cum 
„ omnia , qua; fuperius leguntur in eorum fìnt poteftatem aben- 
„ di , & fruendi , iìcuc fupra legitur , prazter illis , quos fuperiu3 
„ ante poiuit , quia- fi e complacuit animo meo . A cium in pra;- 
„ fcripto loco Mirta ♦$♦ Ugo Marchio fi. fignum domini Petri , 
„ &: undifeo adelnn. legem vivences Saliga rogati teftes . Signum 
„ Domini Burchardi , & Richardi fimilicer lege viventes Saliga 
„ rogati teftes . Sigefrcdus Judex Domini Imperacoris fi. Gundal- 
„ prandus Notarius Domini Imperatoris rogatus tetris ff. Teuper- 
„ tus judex Domini Imperatoris fi. Joannes Notarius , & Judex 

5) Domini Imperatoris poft traditam & dedi taliter volo , 

„ atque inftituo , ut ille abbas , Se illi monaci , qui ibi prò tem- 
„ pore fuerint omni tempore fecundum regulam Sancii Benedici! 
„ Abbatis ibidem jufte , & recle vivere debeant. 

„ Qui fupra Gundalprandus Notarius Domini Imperatoris au- 
5 , thentico ilio fìdeliter exemplavi, & fi. 

„ Sigifredus Judex Domini Imperatoris authencico ilio vidi, 3c 
., legi, unde hanc exemplar facla eft ibi, & ff. 

„ Ego qui fupra Joannes Notarius, & Judex Domini Impera- 
„ toris autentico ilio vidi, & legi , jam dicla exempla facla eft 
„ ibi, & hic fubfcripfi. Ego qui fupra Teupertus Judex Domini 
„ Imperatoris autentico ilio vidi , & legi , & exemplar facla eft 
„ ibi, & hic ri. 

Qiiefte fono le prime donazioni fatte alla Chiefa, e Mona- 
ftero della Vangadizza, le quali come potiamo dire efsere fra- 
te le prime fabbriche, ed il principio della Terra della Badia, 
così potiamo pretendere, che fiano fempre (tate, come fono an- 
co al prefente, l'ornamento principale di quel luogo non foio per- 
chè furono edificate, e dotate, come fi è diffufamente inoltra- 
to di fopra, da foggetti degnuTimi, ed eminentimmi, ma anco 
perchè furono ornate di fantiulme reliquie ; perchè in quella 

Ghie- 



i66 ORIGINI E CONDIZIONI 

Chiefa furono fepolti dei più celebri , e famofi della cafa di Erte; 
perchè nella Cancellarla di quel monafterio fi fono confervate le 
più antiche memorie , che fi potettero avere da quei contorni , 
e 'finalmente perchè la giurifdizione Ipirituale dell' Abate è Irata, 
ed è nel fuo genere degnifiìma , e di modo ampia , che compren- 
de molti Villaggi fotto di fè ? oltre i proprj del Territorio di quel- 
la terra. Fu dunque ornata da principio la Chiefa della Vanga- 
dizza, per quanto fi è creduto fino all'anno idi 3. dei corpi fan- 
ti di San Primo , di San Feliciano , e di San Teobaldo , quelli 
Martiri in Roma, e quello Confeflbre nella Marca Trivigiana , 
e nel Polefine . La credenza univerfale è fiata fondata prima Co- 
pra la prefazione di un rogito in bergamina , die io ho veduto 
nella Cancellarla dell'Abazia di lettere molto antiche, le quali , 
per efiere fiato bagnato il rotolo da un capo, fono in qualche luo- 
go poco intelligibili . Però affai facilmente fi comprende il prin- 
cipio effere fiato in quella forma». In Nomine Domini Nofìri Jefu 
Chrijìi anno ab ipjius Incarnatone: lopy. 13. menjts Aprilis in mo- 
najìerio Beati fjìmae Mariae VirginisDei Genitricis , quod ejì adifica- 
tum juxta fiumen Athefìs in loco qui dicitur Petra , ubi corpora fan' 
óiorum Primi , & Feliciani , & Teobaldi in pace requie jcunt . E dal 
di fuori è ferino pur delle medefime lettere antiche. Donatio Al- 
berti , & A^gonis Mauhionum EJìenJìum de pluribus bonis mona/le- 
rio Vangadici ce .Conferma anco quella verità un marmo con lette- 
re antiche ritrovato nella fagreftia del detto monafterio , e l'anno 
1605. riporto, ed affilio in Chiefa nel muro apprefso la porta del- 
la detta fagreftia verfo l'Altare di San Teobaldo r e le parole dei- 
Marmo fono quelle . 

Anno Domini MCCXXVl. Hoc in tempio non ejì opus pulchtim 
ijìo quando fuit fatlum corpora fantlorum Primi , & Feliciani , & 
Sancii Tbeobaldi inventa fuerunP . Tu quicumque legis feias quod 
Abbas Orlandus hoc opus feri fecit .. 

Aggiongefi per comprobaz'ione alle dette memorie , che nella 
compilazione delli ftatuti municipali della terra (^)rirTormati l'an- 
no 1441. da Nicolò Marchefe da Elle Signore ài Ferrara , e 
Conte del Polefine di Rovigo , tra li giorni vietati alli Rettori di 
render ragione è fatta fpecial menzione delli Santi Primo, Fe- 
liciano, e Teobaldo nella Badia, acciò fiano offervate le loro 
feftivita, come ài particolari protettori di quellaterra; in onor 

dei 

(a) Trac, primo e cip. 14- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. i6 7 

dei quali ab antiquo lbgliono ogni anno in fimil giorno 'cantarli 
Mede, e Vcfperi iolenni nella detta Chiefa della Vangadizza, 
portando parte delle loro reliquie nelle Procefìioni , alle quali 
concorre non folo tutto il clero della terra, ma di tutti li Vil- 
laggi foggetti alla Abazia . Sono anco di più corroborate que- 
lle teftimonianze dai contenuto di certi verfi fcritti già molti 
anni fopra l'Altare delli Santi Primo, e Feliciano , per com- 
miflione di Ambrofio Bernardo Abate, e Commendatario di queir 
Abazia, ed i verfi fono quelli: 

F elidane ftmul cum te quoque Prime tenere f 

Hic minus ornatus corpora f ancia locus 
Non tvlit Ambrofìus Bernardce gentis alumnus 

Mandata forma dat meliore loco MDXXI. KaL Martii . 

Finalmente per quello, che appartiene a San Teobaldo , mol- 
to fi aflicurarono fempre i Badiefi fopra la nota di un libro an- 
tichifiìmo di bergamine coperto di legno , e confervato nella 
Cancellarla di detto monafrerio, nel qual libro li vedono re- 
giltrate molte memorie; e comecché alcune carte di elfo peri' 
antichità, e per efiere (tato mal tenuto , fo fiero corrofe , ed in 
molti luoghi le parole diffìcili da efiere intefe,quefte però, che 
da me ora faranno regiftrate, li difeernevano fenza molta dif- 
ficoltà. Anno a Nati-vitate Domini MCCCQXI. Inditlione lV.àie 
XXHL Menfìs Junii aperta fuit Arca Altaris in qua requie 'feit cor- 
pus Sanali Teobaldi , & renovata fuit capfa lignea ditlarum reli- 
quiarum, qua propter nimiam vetufìatem defìrutla erat , & areba 
ipfa ruìnam proximam minabatur , & die XXf. ditli Menfìs ite- 
rum recondita flint ditla reliquia in ditla arca in capfa nova fa- 
ti a perfolemni proceffìone cum maxima devotione^ & frequentiaCi- 
vium, & tot iu s populi terra bujus . Tempore Reverendijpmi in 
Còri/io Patr'is Domini Domini Antonii de Ferro de Parma, Dei, 
& Apofìolica gratia Camaldulenfis Ordini^ Generalis , &' fune 
Commendatavi hujus Monajìerii Sancite Maria de Vanpaditia exi- 
fentìbus ibi Monacis , & Fratvibus Domino Nicolao de Venetiis 
Priore Claufìrali ditli Monajìerii , Domino Antonio de Mutiliana 

Priore Sancii Joannis de F ave mi a , Don Micbaele de Fio- 

rsntia , Don Nicolao de Parma , Fratre Peno de Senis , & aliis j 
Dso gratias . Amen. Tanto, e non più fi avea di certezza , e 

di 



1(58 ORIGINI E CONDIZIONI 

di lume delle fopranominate reliquie, intorno alle quali ebbi 
già qualche difficoltà: poicchè quanto a quelle de' Santi Primo, 
e Feliciano, avendo io letto nel Tarcagnota, inBaronio, ed al- 
tri degni di fede, che i corpi di quei Martiri, i quali furono 
già, come dicono, in Arenario Via Nomentana^ erano flati leva- 
ti da quel luogo, e folennemente trafportate da Teodoro Papa 
nella Bafilica di San Stefano Protomartire , detta San Stefano 
Rotondo, che già era il Tempio di Fauno, ove ancora fi vedo- 
no due loro immagini antichiffime di Mofaico , né fapendofi, 
come, né quando, né da chi follerò flati portati in quella ter- 
ra , flava molto dubbio, e foipefo, maffimamente avendo letto 
nel Sigonio (<z) che Erembertus Vir lllujìris corpus Sancii Pri- 
mi Martyrh a Sergio Pontefice acceptum cum magna pompa Medio- 
lanum deportavate & cum reliquiis Sancii Feliciani jujju Angli - 
berti Arcbiepifcopi condidit . E comecché foffe vero non faperfi, 
che in Milano fi attrovino quefle reliquie, come apertamente 
fi cava dal Morigia (^),il quale numera e defcrive diligentif- 
fimamente tutte le reliquie, e corpi fanti , che fono in quella 
Città; era però anco vero, che quell'autore fi dichiarava ef- 
fere flato riconofciuto in Ligiuno il corpo di San Primo dall' 
Illuflriffimo Carlo Buonromeo, e da lui trafportato infieme col 
corpo del B. Nicò nelle Chiefe dedicate al nome loro, benché 
non abbia egli fatta menzione, come doveva, con quali rifcon- 
tri , o fede, da quel Prelato foriero fiate riconofciute quell'Offa. 
E in conformità Pietro Galefino (e ) notò , che in Ligiuno fi 
attrovava una tal memoria. Hic Sancii Primi corpus venerandum 
in Ch>iflo bumatum quiefiit^ quod Deo dfgnus Jer.jun. Eremberto 
Jllujìri Viro concejftt ab urbe Roma cum bj/mnis , ac laudibus 5 
fpiritualibusque canticis dum ejjet translatum , quem inter fantlos 
cjus Jphitus teneat primatum , in multis virtutibus , & fignis ejì 
declaratum . Reconditum ejì Beati Primi Martfris corpus cum re* 
liquiis Sanali Feliciani anno Incamationis Domini nojìri Jefu Còri* 
Pi Soó' Kaì, Augujìi Indizione celava ordinante Domino AngeU 
berto Arcbiepijcopo anno 23. Pajjìo fantlorum fexto idus Julii . 
Altri (d) aveano opinione, che follerò in una Villa dell' Alef- 
fandrino chiamata Quadringento . Ed altri in Pavia, tra'quali 

era 

(a) Lìb. 5. de Reg> Ital. mill. 846. 

(b) Lìb. 1. della Nobiltà dì Milano. 

(e) Ideile annotaz. alfuo Martìrol.F. Gio'.de Deis nel lib.delli uirc'tv. di Mìl.f. 52, 
( cj ) FU. Ferrari nel Cat. dei Santi d'Ital.fogL $ 5 1 ./otto lì y. Giugno . 



DEL POLESINE DI ROVIGO. i6 9 

era il Gualla, (a) ove parlando della ricupera del Regno fat- 
ta da Partari Re de' Longobardi fcrive, che quello , non imme- 
mor divini muner'ts , quo cruenta morte fuerat liberatns y fuo libera- 
tori Deo , Almaque Maria Virgmi , & Diva Martiri Agathce tem- 
plum cedificavit , venerandis divorum Martyrum Primi , & Felicia- 
ni reliquiis tllufìratum (b). Oi tre alle icritturc fin qui recitate 
fammi anco ftare in quefto propofito iòfpeiò lo intendere, (e) 
che in Germania fi trovaflero li corpi di due altri fanti Pri- 
mo, e Feliciano, martirizzati pur anch'elfi fotto Diocleziano , 
parendomi gran forte, e maravigliofa congiunzione , che nel 
medefimo tempo due Fratelli in Italia, e due in Germania del* 
Jì medefimi nomi follerò viffuti, e martirizzati. Ora avvenne, 
che l'anno ió'ió'.il giorno della fetta di quelli Santi trovando» 
mi al Vefpero, che fi cantava folenne, ebbi a difeorrere di que- 
lle difficolta con Filippo Recanati Cittadino della Badia, e mio 
cariflìmo amico, il quale mi flava fedendo appreffo,aggiongen- 
do, che volontieri avrei veduto ciò che fi trovaffe fotto il mar- 
mo di quell'Altare; ed io, diffe il Recanati , con altro fine , 
che di femplice curiofitk, bramerei di vedere le offa di San 
Teobaldo , poicchè efiendo li miei maggiori flati fempre devo- 
ti di quel Santo, e trovandoli la noftra Sepoltura al pie di quell' 
Altare, avrei in animo di adornare di marmi quella Capella, 
e collocare più degnamente quelle reliquie ; ma prima vorrei 
levarmi dal capo un poco di perplefiita nata dallo averfi per 
tradizione di quefti Monaci, che i Vicentini rubaflero già il cor- 
po di quel Santo, nafcondendolo a canto alle mura della loro 
Citta, e che un tal Pietro Abate, avendo intefo ove fofse fla- 
to nafeofto, Io ricuperafse, aggiungendo, che di queflo trafpor- 
to la Religione a' tempi più antichi ne facea commemorazione 
nell'officio in alcune lezioni. Delle quali però non fé ne ve- 
dendo memoria, né avendofi altro, che chiarifea , come paf- 
fafsero quelli garbugli, non retto pienamente foddisfatto . Io 
forridendo gli rifpofi, parermi poco verifimile , che i Vicenti- 
ni fi fofsero polli a rubare per divozione , fenza credere , fé 
aveano tanta pietà, il pericolo di lafciarvi le mani , e a fine di 

Y tene- 

(a) T^el fuo Santuario l'tb. 5. cap. 19. (b) V. il Ferrar io nel luog. citato. 

(e) Baron. nelPannotationi al Martir. Rotn. y.Oftob. in Fefto SS. Tri mi, &>Fe- 
lìciani dice : Reperiuntur duo ahi iifdem nominibur appellati Trimus , fan FeJicia- 
nus Germani, de quorum Martyrio agitur in aclis S. Fìdei die t. Oftobrisalii 
legunt 20. Oftclris. 



i 7 o ORIGINI E CONDIZIONI 

tenere quelle reliquie nafcofte , o nel fingere di averle trova te 
a calo, di dar ad intendere, che fof$e quel fant' uomo ftato 
fepolto, ove fi Sotterrano gli impenitenti, e i dannati, o in al- 
tro modo palliando il furto, reftar con difonore, e neceffuàdi 
reftituire, oltre il caltigo dovuto a tanta ìcelleratezza: lafeiando 
di avvertire, che certo Inno antico manoicritto fatto non foda 
chi racconti, che folle il corpo' di quello Santo non rubato , e 
nafcofto, come aiferilcono, ma rapito a viva forza dai Vicenti- 
ni, e ricuperato poi da untai Odane, non foggiongendo altro, e 
non concordando con le tradizioni pofte in coniìderazione : 

Pkìthfìfiìy dice f Inno, vi vap'mnt corpus 
Ferunt V'tncentiam 
Odo quod pofì recuperat 
Ducerts ad Vangaditiam. 
Laudis bine ad praconia &c. 

Con tutto ciò conclufì , che fofTe bene tentare di ottenere la gra- 
zia dal fuperiorej il quale comecché fofTe gentilifììrno , e molto 
affezionato a tutta quella terra , era però a lui in particolare affe- 
zionatiffimo ; onde poteva fperare che non folle per renderfi dif- 
ficile alle fue preghiere , maffime che dandogli quello gufto , n' 
era per riufeire effetto di ornamento notabile a quella Chiefa , e 
di confolazione a tutto il popolo . Così fopra quelli difeorfi , ed 
clonazioni, fupplìcò egli efficacemente alcuni giorni dopo Yllln* 
ftriifnno e Reverendi/Timo Matteo Priuli allora Abate, e Com- 
mendatario, che fu poi Cardinale , acciò permerteffe , che fi 
apnfle l'Arca di San Teobaldo per vedere, fé vi erano dentro 
ripofie le fue Offa, come era comune opinione, e come fica- 
vava dalla nota di quel libro delia Cancellarla, promettendo, 
quando vi. follerò realmente fiate trovate , di abbellire quella 
Caperla, ed erigervi un Altare più onorevole, e decente , co- 
me poi fece con molta fpefa, e apparato di marra! . Ricusò al- 
lora l'Abate di voler, che fi aprirle; ma il fagliente anno a- 
vendo noi replicate le preghiere, fi contentò, che il Revcren- 
eiffimo Abate Francefco Mocenigo Ìlio Vicario Generale dalle 
foddisfazione alla richtéfta del Recanati , e così l'ufriafo ii . • ar- 
zo 16*17. la mattina per tempo egli *in compunta delH Reverendi 
Don Pompilio Tealdo da Cittadella Arciprete , Don Stefano da 

Sai- 



DEL POLESINE DI PvOVIGO. 171 

Safluolo Monaco , ed Organifta , di Matteo R.igarotti Cancellie- 
re , e di Orazio Biliari Agente del Priuii, fi conduce ad aprir quel- 
la Cada di marmo, nella quale trovarono un'altra Caffo di le- 
gno col coperto pur di legno, e fopra le reliquie un panno di 
lino lottile vergato di feta verde, lopra il quale era una Cro- 
ce di legno grofiamente fabbricata; lotto quefta cucirà trova- 
rono tutte l' Olla d'un uomo porte fecondo l'ordine naturale di 
un corpo umano, e di più tra la teda, ed il pariete fuperiore 
della Galla di legno trovarono una laftra di piombo lunga mez- 
zo piede, e larga cinque dita , da un lato della quale in let- 
tere non molto bene fcritte fi leggeva : Hoc efl corpus Beat't Theo- 
baldi , e dall' altro in lettere di miglior forma era notato : 
Hoc ejì Corpus Sancii Tbeobaldi confejjoris - y e tutto ciò , co- 
me flava, fu fubito fatto vedere al Recanati , alli Regolatori 
della Terra , a me , e ad altri : dopo fornita la Pala , lo Al- 
tare, e la Capella di marmi, come fta alprefente, fu fattala 

traslazione con le debite folennita Fanno d all'I lluftrif- 

fìmo, e Reverendiffimo Agoftino Priulo Fratello del fopranomi- 
nato Cardinale allora Abate, e Vefcovo di Bergamo, e ne fu- 
rono fatte memorie , ed iftrumenti . Poicchè furono trovate nel 
modo narrato l'offa di San Teobaldo, rifolfe il Mocenigo di ve- 
der anco fotto la pietra dell'Altare delli Santi Primo, e Feii- 
ciano, ed avendo aperto con la prefenza delli fuddetti trovò due 
fole tette in due balle di vetro, e perchè non trovò altre offa, 
come fi credeva, tornò a ferrar l'Arca, né volle, che fi paflaf- 
fe più innanzi . Avvenne che dopo alquanti anni effendo an- 
dato a Roma Giacomo Rofino Dottore di Legge figliuolo di 
Francefco , ed ivi dimorando per fuo gufto , giunfe in quella 
Citta il Principe di Polonia, e fupplicò Noftro Signore Papa 
Urbano. VIIL acciò voleffe concedergli qualche parte notabile 
delle reliquie di quelli Santi, i corpi dei quali, non ottanti le 
già raccontate fcritture , che attediano il contrario , fi teneva 
per fermo trovarli in Roma , e mentre il Pontefice lo gratifi- 
cava, nello aprir, che fi fece il luogo, ove erano ripofte quel- 
l'Offa, non vi furono trovate le tette, ma folo alcuni pezzi di 
cranio, ài che effendofene ben certificato il Rofino argomentò, 
che certo le tefte trovate alla Badia foriero di quei Santi Mar- 
tiri, e che intendendoli i corpi, ove fono le tefte, perciò fof- 
fe fiato ietto , che nella Chiefa della Vangadizza fi trovino i 

Y 2 cor- 



iji ORIGINI E CONDIZIONI 

corpi; e cos'i all'incontro con quello, che fi è trovato alla Ba> 
dia, vesivafi a comprobare, che quelle di Roma follerò leve- 
re Offa dei Santi Primo ,. e Feliciano . Le fcritture cavate in 
Roma dal Rofino fono qui fotto regiftrate. 

D'Ordine di Noftro Signore Papa Urbano Vili, adi 8. di 
Gennaro 162$. fi cercarono in San Stefano Rotondo li corpi 
de'Santi Primo, e Feliciano, ì quali furono trovati fotto l'Ai- 
tar Maggiore pofto ad Oriente nella fuddetta Chiefa di S. Ste- 
fano Rotondo al Collegio Germanico, ed Ungarico di Roma r 
unita in una bellifiìma ftanza di marmo quadrata dentro una 
Calla fimilmente di marmo dove erano lamine di piombo con 
li nomi di detti Santi . Delle facre tefte altra non fi vede „ 
che molti pezzi di cranei , de' quali alcuni a dì o. dell' iftefiò- 
mefe furono d'ordine del fuddetto Sommo Pontefice per Breve 
eftratti da Monfignor Illuftriflìmo Vefcovo di Monte fiafcone. ora 
Cardinale di Santa Chiefa Laudivio Zachias de Nobilibus in- 
fieme con altri Offi di quei Corpi, come fi narra nell'Iftrumen- 
to fopra di ciò fatto . E in fede fi è fatta la prefente fotto- 
fcritta come fi vede quefto dì 13^ Luglio 1629. 

Io Bernardino Caftori Rettore del Collegio Germanico , ed 
Ungarico di Roma, ciò attefto &c. 

Io Gio: Battifta Tofchi della Compagnia di Gestì allora Pre- 
fetto di detta Chiefa fui prefente a quanto di fopra. 

„ In Dei Nomine Amen . Praefenti 1 publico Inftrumento cun- 
?) clis ubique pateat evidenter, & fit notum-, quod anno a Na- 
5, tivitateejufdem Domini niillefimo fexcentefimo vìgefimo quin- 
„ to Indiélione ocìava, die vero nona menfis Januarii, Ponti- 
„ ficatus autem Sancliflìmi in Crinito Patris & Domini Noftri 
5> Domini Urbani Divina providentia Papae Oóìavi anno fecun* 
? , do, in mei Notarti publici, teftiumque infrafcriptorum pra> 
3, fentia, praefens £c perfonaliter exiftens Illuftrifumus , & Re- 
„ verendiffunus Doininus Laudivius Zachias Epifcopus Montis 
„ Falifci , Domus , & Palatii Apoftolici- e/ufdem Ssmi. Prsefe- 
,5 óìus , qui habens pras manibus fuis Breve ejufdem Ssmi. 
5 , Domini Noftri fiBi direétum fub annulo Pifcatoris dat.um 
3, Romae apud Sanélum Petrum die nona prasfentis menfis Ja- 
3, nuarii tenoris fequentis, videlicet. Urbanus Papa Ocìavus ad 
3, futurarn rei memoriam. Ardens Catholicas Religionis Zwlus, 
3) ac fingularis pietas, nec non eximia in Nos, & nane San- 

33 clam 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 173 

j, Slam Sedem fidei, & devotionis, aliaque multa egregia me- 
5 , rita,quibus dile£ti(fimum Filium Nobilem viruni VVladislaum 
„ cariiTmii in Chrifto Filii noftri Sigifmundi Polonia & Sveciae 



Regis illius natum h Domino novimus infignitum , meritò po- 
ftulant, ut fpirituali ejufdem VVJadislai coniohtioni quantum 
cuoi Domino poffumus favorabiliter confulamus. Motu itaque 
proprio, & ex certa feientia noftra Venerabili Fratri Laudi- 
vio Epifcopo MontisflaiconenfijDoraus, & Palatii Noftri Apo- 
stolici Prajfeóìo, per prefentes committimus , & mandamus , 
ut ad Ecclefiam Sancii Stephani in Coelio Monte de Urbe 
, perfonaliter fé con fé rat , ac nullo edam dilecìi P^ilii Noftri 
«, in Alma Urbe Vicarii in fpiritualibus Generalis, five Pr»fi- 
3> dentium, & fuperiorum ejnfdem Ecclefia? , aut aliorum quo- 
-, rumeumque requifito confenfu infignem partem Sacrarum Re- 
„ liquiarum utriufque corporis fanótorum Primi, & Feliciani, 
„ qua in eadem Ecclefia atfervantur , etiam fi muro claufaj 
„ {ìnt,aueloritate Noftra extrahat; illafque dilecìo Filio noftro 
„ Francifco San&as Agatha? Diacono Cardinali Barberino nun- 
„ cupato Noftro fecundum carnem ex fratre germano Nepoti 
,, tradat, &confignet; ipfi autem Francifco Cardinali, ut Re- 
yy liquias hujufmodi diéio -Wiadislao donare, & elargire libere 
„ poffit, & valeat, dièta aucloritate tenore prsefentium plenam, 
„ & amplam facultatem, & aueioritatem concednnus, & impar- 
„ timnr. Injungentes propterea eidem Vicario noftro, ac man* 
yy dantes in virtute fanéta? obedieotiae & fub >iiìiis arbitrii No- 
.j ftri pcenis Prsefidentibus , & Superioribus praediéìis, ut diéìus 
„ Vicarius eidem Laudivio Epif.opo in extraelione Reiiquiaruttt 
5> hujufmodi, quatenus opus fit, faveat, &affiftat; Prsefidentes 
r , vero , & Superiores prsdicli eidem Laudivio in praemiflis.pa- 
yy reant, Se obediant, ejuique monita, &,/ufla omni,qua decet 
„ reverentia & ceìerirate exequantur. Non obftantibus Coniti- 
u, tutionibus , & Ordinationibus Apoftoìicis 3 ac -diétae Ecclefìae 
y y etiam juramento , connrmatione Apoftoiioa, vel quavis firmi- 
5, tate alia roboratis itatutis , & coniuetudinibus; nec non qui» 
,, buivis prohibìtionibus in contrariurn quomadoLbprfa^tis, ce- 
„ terilque contrarli» quibufeumque .• Datum Rome apud San- 
„ cium Petrum iub annulo Pricatoris die nona JarmariiMDCXXV, 
, Pontificatus Noftri anno fecundo. V. Theatmi . loco annuii 
,5 Pifcatoris. Cui quidem Brevi, & contemis in eo volens pra* 



y> 



i74 ORIGINI E CONDIZIONI 

,, dièlus Illuftriffiraus, 8c Reverendiffimus Dominus Laudivi^ 
3) Epifcopus, ut par eft, obtemperare fponte &c. omni meliori 
„ modo &c» fé perfonaliter mecumj Notano , ac admodum 
„ Reverendo Patre Remore Collegii Germanici diete Ecclefiar 
„ Sancii Stepliani Superiore , tefìibufque infrafcriptis Apoftoli- 
„ ca aucloritate, ut fupra fibi attributa , ad dicìam Ecclefiam 
5 > S* Stephani fé contulit, & in ea prajmifla humili r 3c fecre- 
„ ta oratione , pluribufque luminaribus accenfis de fub eju^Al- 
„ tare majore extrahere fecit capfulam marmoream lapide fi- 
„ militer marmoreo coopertam , illaque raox aperta , reperiit 
„ ab uno capite laminam plumbeam cum fequenti infcriptione: 
„ Reliquia? Sanélorum Primi, 3c Feliciani r qua Jamina amota, 
„ 8c ablàta fubtus eam invenit Sacrofanélas Reliquias pra;dì~ 
„ cìorum Sànclorum Primi , & Feliciani , ex quibus prardicta 
3> Apoftolica aucloritate fibi in prseinferto Brevi attributa pro- 
„ priis ejus manibus reverenter accepit infrafcriptas partes ; 
„ tfuo femora live offa cofcia? , duo numera , fi ve offa fuperio- 
„ ris partis brachii , tres radios ,, five offa inferioris partis bra- 
„ chii , quatuor parva frufta oflìs cranei, live capitis, quas fic 
„ reverenter in dicla capfula marmorea acceptas r & extracìas 
yy in vafe ibidem prarparato repofuit , praedicìamque capfulam 
„ marmoream cum aliis reliquiis in ea remanentibus eodem 
„ quo erat modo reaptari , & claudi, ac fìgillo Illuitriffimi, 8c 
„ Reverendiffimi Domini Francifci S. R. E. Gardmalis Barbe- 
„ rini in cera, qua? appelì'atur Hifpatfica~,muniri, & in eodem 
„ loco, & fub eodem Altare reponi diligenter curavit .. Prasdi- 
„ clafque Reliquias , ut fupra extracìas , & acceptas in Vafe , 
„ in qua repofita? erant,fecum afportavìt ad effeélum exequen- 
„, di mandatum Sancliffirni Domini Noftri Papa? frbi in diclo 
„ Brevi injunòlum omni &c» Super quibus omnibus, & fingulis. 
„ petitum fuit a me Notario publico infrafcipto r ut de pra> 
„ •mifiis unum , velplura, publicum, feu publica conficerem In- 
„ ftrumentum 8c Inftrumenra . Aóìum Roma? in dicla Ecclefia 
3> Sancii Stephani prafentibus ibidem Illuftri P* Jo: Ma- 
„ ria Alduino Lunen.. Sarzanen. Dicecefis , & Reverenda Jo: 
3> Baptifta Tofco Presbytero Societatis Jefu Religiofo teftibus ad 
}> praemiiTa omnia, & fingula vocatis, ftabiti?, fpecialiter atque 
» rogati^. 

Nota, come il Notajo* che flipulò il foprafcritto Inftrumen- 

to 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 175 

to in Roma fu Pietro Cafolini foftitnto di Odoardo Tibaldef- 
chi all'officio del Spada a San Tommafo in Parione Nodaro 
del Cardinal Mellini Vicario del Papa; e ciò fia detto per far 
fapere a chi volerle certificarfi del vero, dove, ed in quali atti 
fi pofla avere la fopra regiltrata Scrittura. 

Filippo Ferrari nel fuo nuovo Catalogo dei Santi nel gior- 
no 6, di Ottobrio a carte 3^1. di (lampa di Venezia fa men- 
zione di due altri Santi Primo, e Feliciano martirizzati in Fran- 
cia ■ e lo fteflb Ferrano parla di San Teobaldo „ E nel Mar- 
tirolooio Romano vi fono nove Martiri detti Feliciani , e fei 
nominati Primi. Serva per conciliare coi Milanefu 

Furono li Santi Primo e Feliciano Fratelli, e Cittadini Ro- 
mani a' tempi di Diocleziano, forto l'Imperio del quale fu fat- 
ta oran perlecuzione, e ftrage di Criftiani, tra i quali furono 
quelli Santi Fratelli accufati all'Imperatore che fprezzaflero gli 
Idoli, e feguitafiero la fede di Crifto, e perciò furono t>j)fti in 
prigione molto dura, ove dall'Angelo di Dio erano connotati* 
Dopo furono condotti al tempio d'Ercole per fare efperienza fé 
voleflero mutare opinione , e facrificare agli Dei de' Gentili • 
Ma perfiftendo efli nella loro fanta opinione furono ricondotti 
alla lolita .carcere, nella quale di nuovo furono confortati dal- 
l'Angelo; e l'Imperatore dopo aver fatto tormentare Feliciano, 
ch'era il più vecchio, fenza poterlo mai deviare dal buon pro- 
polito, fece a Primo gettar in gola piombo liquefatto, dal qua- 
le però non ricevè alcuna lefione, come non offe fero né l'uno, 
né l'altro i Leoni , ai quali erano, frati efpofti , perché foffero 
divorati , anzi quei ferociifimi animali fatti manfueti con ge- 
tti amorevoli gli accarezzavano; e comecché Diocleziano dopo 
aver loro fatta tagliar la tetta faceffe gettare i Corpi a quelle 
fiere, ad ogni modo però non mai gli vollero toccare, che per- 
ciò levati dai Fedeli di Crifto furono feppelliti. 

Di Santo Teobaldo abbiamo che foffe Nobile Francefe na- 
to di Arnulfo Conte , e ài Guilla nobilifTima Donna in un Ga- 
ttello della Sciampagna , Dicono , che fiorifTe di fantita a'tempi 
di Enrico Figliuolo di Corrado Imperatore, e di un altro En- 
rico Figliuolo di Roberto Re di Francia ? Fu predetta la fua 
nafcita, e fantiffima vita molti anni innanti da un altro Teo- 
baldo Vefcovo di Vienna, il quale era di vita molto efempla- 
re. Subito ch'egli arrivò agii anni della difcrezione cominciò 

a di- 



iyó ORIGINI E CONDÌ Z IONI 

a dilettarli di vita folitaria , e della celelte meditazione , fprez- 
zando le vanita del mondo , e perciò rifolfe fotto pretelle di an« 
dare a fervire in guerra l'Imperatore, di partirli dal Padre, e 
andare come andò in effetto a fervire a Dio . Cosi parti in 
compagnia di un tale Gualtero, e giunto a Rems lafciandociò, 
che avea feco portato, fi travetti con il compagno in abito da 
peregrino, e fece il viaggio di San Giacopo in Compoftella , e 
di fa tornato in Francia pafsò a vifitare li fanti luoghi di Ro- 
ma. Venne poi a Vinegia con propofito di andare in Terra 
Santa ; ma qual fi fofle la caufa eflendo reirato da quello pro- 
ponimento, dopo V effètti trattenuto per qualche tempo ora in 
uno, ora in un altro luogo, e fpecialmente in Vicenza, offician- 
do nella Cattedrale di quella Citta, finalmente capitò al mona- 
ilerio della Vangadizza, e ivi veftito l'Abito dei monaci Ca- 
maldolefi difle la metta per qualche tempo abitando in certa ritira- 
ta folitudine, che gli piacque, nella quale con cilicj , digiuni, 
attinenze , orazioni , e meditazioni menò un corfo di vita in- 
nocentifTima, ritiratiffima f e pazientilfima, e dopo lunga in- 
fermità di piaghe, che andavano ferpendo per tutto il corpo, 
pafsò alla gloria del Cielo, reftando il fuo corpo alla Chiefa del- 
la Vangadizza, nella quale fu poi in venerazione per i molti, 
e grandinimi miracoli moftrati nel liberar zoppi , ed aflìderati, 
paralitici ed altri opprem da infermità, e lefioni riputate uma- 
namente incurabili ; ma particolarmente per le grazie più deli' 
altre frequenti d'illuminar ciechi, ond'è, che fino al dì d'oggi 
s'ufa con una fua mano tenuta fuori tra le altre reliquie della 
Sacriftia nel giorno della fua Feda toccar gli ocelli a tutti quel- 
li, che dopo la benedizione dell'acqua vanno a prendere tal di- 
vozione al fuo Altare, L'anno della fua morte non fi sa per 
certo; ben fi sa il giorno elfere fiato l'ultimo di Giugno. E Pie- 
tro dei Natali Vefcovo di Giefolo nel Catalogo dei Santi libro 
fello cap. 3 6. dice che morì nel primo di Luglio. 

Qui a fine di moftrar la (lima, che fecero gli Eftenfi della 
Terra della Badia , ed in quanta venerazione avelfero la Chie- 
fa fabbricata dai loro maggiori, non pretermetterò le memo- 
rie antichilfime, dalle quali abbiamo, che in quello luogo vol- 
lero efiere feppelliti alcuni delli più illultri, efegnalati di quella 
nobilifiima flirpe. La prima di quelle memorie fi è trovata nel li- 
bro di bergamina fopranominato, ed è quella. 

ACTA 



DEL POLESINE DI ROVIGO. i 77 

ACTA GUNIGULDIS regali Jìemate fulti 

Indole nobilior ìmllus in orbe fuit . 
Germi ne VAI fonti* magni fum natu Hemani 

Indnperatorum ijìe fuit titulus 
Vir meus egregius popul locuplctior ullus 

Haud manet Italia band fimile peperit, 
A%a vir prudsns magnufque Marchio fulget 
Quem credo mcmorem Jemper adefje mei 
In terra cxlefìis fobolem concejjit utrique 

Qui VHElfons ditlm Dnxque potenfque pius, 
Hunc violare nefas loculum , nec inde recedam 
Donec vera carne refurgam* 
E fubito lotto a quelli verfi fi leggono le feguenti parole . 
Supraf cripta carmina inventa fuerunt in arca lapidea , qua ejì re- 
voluta cum fundo fuperius in hac Ecclefia B. Maria de Vangadi- 
ti a, & erant jculpta in quodam maton@ lapideo , Jett de petra co- 
ti a, & fuper ipfo matom tunc . erat quoddam caput , & a pedibus 
feu ab alio capite arca erat fimiltter quoddam aliud caput, & vi- 
debantur offa duarum perfonarum , & adbuc videbatur fuijje pan- 
nus , feu drapus deauream* intus in quantum videri potuit , quia 
•valde diminuiti* erat pannu* il le , & hoc fuit anno Domini 
MCCCXXXllII.de menfe Augufli quìa oportuit aperiri arcapra- 
dicla , & removeri propter reparationem Ecclejìa praditla , quia 
murus totus fratlus erat tempore Domini Severi Dei , & Apofìo- 
lica grafia Venerabili* Abbati* Monajlerii pr adibii . Io ho tra- 
fcritto fedelmente quei verfi dall' autentico, niente aggiongendo 
loro, né minuendo. Non nego però, che ove fi dice Afta , 
non porla chi fcriffe aver \«o!uto dire Viòla , come akuni van- 
no giudicando; e dove fi è: detto Hemani , fi abbia voluto di- 
re Germani, perchè forfè nel mattone faranno dai tempo (ta- 
te guatiate quelle lettere. Fu Cunigonda Figliuola di Guelfo 
IV* Duca di Baviera, e fu moglie di Azzo IV. da Erte, come 
caviamo dal Pigna (a), e fu madre di Guelfo; le parole fono 
quefte, ove fcrive di Azzo. Nec parvi extimatu* ejì ob ingente* 
div'ttia* , qua* in tbefaurìs condita* babere fama erat , [ed blennio 
ante fato conceden* tre* libero* ex totidem conjugtbus reltquit . Uni 
Chun-zanomen fuit , quam latini fcript ore* Chuntgundam appellante 
nata ex Velfone IV. B avaria Duca Regulo potentijjtmo , &c. e più 

Z ' abbaf- 

(a) Uh. i. mtll 1057. 



178 ORIGINI E CONDIZIONI 

abballo : Ex Cbunigunda natus eft Velfo nomine fortis ferie Inter 
Germano* VI, inter Atejìinos ejus nominìs Primus , qui unus Mater- 
ni Avi bares eo nomine Carintbiam , latos in Suevia^ & vetereRe- 
tia fines , nec non Veronenfem Prafeffuram obtinuit . Enim vero , ut 
apertius doceamus bine trabere originem regias familias apud inferio- 
res Saxonss rerum potientes , quarum in numero funt Duces Brunfui- 
cenfes , & Luneburgenfes & pariter conjìet , eos Germanos ex AtteftU 
nis ortoSf ortas , non contra , &C.TÌÌ Cunigonda,di Azzo IV". e del- 
la loro dipendenza lafciò quelli verfì il Tafso : 

Ma d' Az^p il quarto in più felici rami 
Germogliava la prole alma y e feconda j 
Va dove par ebe la Germania il chiami 
Guelfo.il Figliuola Figlimi di Cunigonda y 
E 7 buon germe Roman con dejìro fato 
E y ne campi B avarici traslato , 
Di un'altra Cunigonda fa menzione il JSigonio (a) . Ma 
quella fu più anticha, e fu Moglie di Enrico Primo Impera- 
tore uomo caftifftmo , il quale morfe lafciando lei vergine , 
che reflò perciò in grande opinione di lantità. Ma per non li 
partire dalli Eftenfi, abbiamo anco che Azzo Vili, volle effer 
fepolto alla Badia, ed oltre le memorie, che reftano pur vive 
fino al dì d'oggi in quella Terra, ci fervono anco le teftimo- 
nianze degli librici, tra i quali nominerò il Pigna (£), il Sar- 
di (V),ed il Scarpone (/).Fu quello quell'invitto, e generofo Az- 
zo, che fu la Boara di Verona a bandiere fpiegate combattè , 
vinfe, e fece prigione Ezzelino il Monaco, e che dopo per far 
conofeere a>lui, e a tutto il mondo, che egli avea combattu- 
to non per altro che per l'onore, generofamente Io rimifeinli- 
berta. Furono poi le fue offa trafportate a Ferrara , e l'arca 
fervi un tempo per Fonte Battifmale nella Chic-fa della Pieve 
di San Giovanni Battifta, che è nella Piazza di quella Terra, 
poi fu profanata, e dopo efser paffata per molte mani, al fine 
fu comprata da Marcantonio Bronziero mio Zio , e condotta 
alla PeffefTioiie fua della Corte in Salvaterra^, ove al prefente 
li vede avere nel parrete anteriore fcolpita l'imprefa di quel 
f rincipe, che fu ima ruota fermata da una catena , la quale 

neir 
(a) Lib. 8. mìll. 1024. 
(b)Lib. 2. mi//. 121 2. 
(e) Lib. 3. fotta lofieffb mi/I. 
(d) Lib. 3. Cldjf. 13. de Tatav. pace, iy> bel/o chrìjj. 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 179 

neireftremita è tenuta da due Aquile col motto VVORBAS . 
Il coperchio fu portato a Borica Villa lotto Rovigo, e Dioce- 
le della Yangadizza, ove ancor ferve per Fonte Battifmale, e 
vi lì vede dal di fuori fcolpita una Croce in mezzo a due Pa- 
voni. Di quello Azzo il Rolandino Itterico Padovano (*) rac- 
conta, che fu'tt forma corporis fpeciojus , feci armis Jpeciojior ,Ù" vir- 
ture: e poco dopo (£) portando il latto d'armi della Boara di 
Verona ieri ve quefte parole, che mi piace di recitare con al- 
tre d'altri icrittori, come veraci 111 me teftimonianze della glo- 
riola memoria di quell'invitto guerriero, dalla cui prefenza, e 
ricovero, mentre viffe, e dalle cui offa dopo morte fu onorata 
la Terra della Badia. Procedente quoque tempore ( dice il Ro- 
landino) /';/ amio S.MCCVII, Dominus y^T^p Ejìenfi-, Marchio 
faclus ejì Potejìas Verona , de cujus bonore condolens Eccelinus de 
Romano Secundus,memor quod idem Marchio quondam ei obvimfue- 
rat in faólo Cam preti, congregatis amicis juis de Verone} ,Vicentia , 
& undecumque potu'tt al'mnde in Cajìrum Monticli Vicentini di- 
fi rittus , un de poflea ditti funt Monticli , cum eis tal iter oràinavit, 
quod magnum habuit guarnimentum • & ftc fattus ejì qua fi exim- 
provifo- infultus maximus in Verona cantra Marchionem , & contra 
omries faventes ei , & ita demum ejì Marchio de Potefìaria ex- 
pulfus . Tunc Salinguerra de Ferrarla fattus ejì Eccelini manifefìus 
amieus , qui ufque nunc non videbatur alicui parti f avere . Recef- 
fit ergo Marchio 3 & ivit ad Abbatiam , fed non multo tempore 
pojì fatta magna congregatone de fuis amicis de Lombardia, Mar- 
chia, & Romagna, & al'mnde fapienter ■, & per fummam pruden- 
tiam,fìatim fequentt anno MCCVll.gentem juam Veronam condu~ 
xit in Braydam , & pugna Ulte comm'sjfa e fi Inter partes, & mi* 
lites occurrerunt militibus, pedites cum peditibus manualiter pugna- 
•verunt, certaveruntque inimici cum inimici*; demumque pojì fan- 
guinis effufionem, militum , & equorum pofl confìernationem plu- 
rium , & pojì aliquorum mortem Jìatim Marchio vittor in Bran- 
da turres habuit , & domos bellico fas per Civitatem * ipfum quoque 
Eccelinum tunc captum habuit , Ò* detentum , quem curialiter , & 
honejìe traci avit , eundemque honoravit , & ipje, fecitque illi ho- 
norem fieri per Dominas, & milites omnes, qui, vel qua fuerunt 
bonorabiles in Verona, Ultimo Eccelinum ipfum Marchio militibus: 

Z» % hono* 

(a) Lìb. 1. càp. S. 



i8o ORIGINI E CONDIZIONI 

konorifìce foeiatum de center conduci fé cip Baxanum, & ip/ì mili- 
tes , qui conduxerunt y eundem honorem maximum receperunt a domi" 
i%abus , & milìtìbus de Baxano , ec. Di quella Azzo dopo il RoJan- 
d'ino così ne fcrifle il Pigna. In diebus paucìs Marchio annos natus 
fexagìnta Verona morituv , & in Coznobio Vangaditìano con dì tur 
Sepulchro Carmen e fi incifum Longobardìcis litteris index quanto de- 
cori Imperio , nominique Italico extiterit • quantam e7 gloriam for- 
ma , facundia > 'vigor mìlitaris r atque prudentia pepererìnt , quantum 
'v'trtus abfolutis belli , pacifque artibus enituerit , ut non immerito di- 
rus cometes ipfius mortem portenderit . T efi anturi idem verfus prater u- 
tramque Prafetluram , quarum meminimus , non folum Ferraris , & 
Verona , fed ctiam Mantua prafuifje , qui qm Ateftinis vete- 
ribus dominh Fervariam refìituìt , et fi deinde multa adverfa incidìf- 
fenty hi Principes prò felici ornine accepetunty abundaffe illum bo- 
nis praeellentibus y & Regno dignis ; in omni fortuna pari exìfii- 
matione fuijfe ante , & pò fi imperium gefìum y amijjumque , nem- 
pe fertur folitus dicere : intrepidi animi confiantiam non pofje ex- 
ternis fortuna moitbus de juo [ìatu dimoveri . A quefto y che po- 
tiamo chiamare Elogio di Azzo Vili, mi par bene, ed oppor- 
tunamente fatto aggiungere quello che ha fcritto lo Scardeone 
in quefte parole . Huìc fucceffit Filìus Accius , qui n'ihilo parente 
inferìor centra Acciolinum cognomento Monachum in Braida Verona 
acriter decertavit , hiofìemque fuperatum y & captum Baffianum ad 
fuos gratis remifìt anno mille fimo ducenteftmo feptìmo . Is primus 
propter praclara fua in Kecleftam Romanam merita a fummo Ponti- 
fice Innocentio Uh Marchio creatus efi y & Ancone magnifica Urbe 
Piceni donatus . Verum diplomate fuper bis de more fub annulo Pifca- 
toris jam expedito morte illieo cheumventus Jus- omne Aldebr andino 
Filìo dereliquit . Sepultus efi in monafierio Abbatta Vangaditia }ux~ 
ta Athefim y cui indente* fundos- adjecit , quorum proventu plmes 
fubinde monachi ibi reftdentes abunde alerentur . Httic praefi modo 
Reverendus Abbas Francifcus Lauredanus Patritius Venetus in pan- 
peres , & egenos liberalijfìmus y in amicos beneficenti jftmus , in om- 
ties bumanifftmm . Extat ibi arca , qua nunc translata e monafierio 
ad Plebnnicam adem ufum Sacri Fontis infantìbus praftat . Hujus 
epitaphìum legitur in tabula marmorea in eodem monafierio litteris Lo n- 
gobardicis ìnfculptum y quod a me fummo pridem fiudio perquifttum 
tandem inventum hic tranfcrìbendum curavi , 



An- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 181 

jAmùs Cbrijìe titis bis fex & mille ducentis 
Conce fjtt jatis A-^p Marchio menfe Novembris 
Fi os , decus imperii , patria jtfav, gloria mundi 
Piti e ber, jormòfus , fapiens , eloquens , animo [us 
Si pacem coluit, fi trijìia bella pere 'gif . 
Semper in utroque providus fuit , CT gratiofus 
Quid Federico fecit quid fecit Othoni 
Omnibus ejì notum , non expedit bic recitari 
Mantua^ Veronaque , fimul Ferrarla pian gfnt 
Quh fuerat Dominus tutic temporis , at-que potejfas 
Quid moror in verbis , non ejì qui dicere pojfit 
Nec fcribi potuit fu a grafia quanta fu'tjfet 
invidi mors ijìum rapuity ne viveret ultra 
Credo quod inde fuit ctiam tunc luna cruenta 
Hic talisy tantufque jacet , tumulo hoc tumulatur 
Qui videt hoc dicat faltem, Deus hunc benedicat 
Quando vidiflis A-zpnem verjibus ijìis 
Stt vobis notus quamvisjit carne remotus 
Fullius eloquio fuit bic , Pe^eus in armis 
Icacus ingenio , quem tu cava pena reponis . 
Ove fofle portato , come , e quando quello marmo , nel quale 
erano (colpiti quefti verfi,io non l'ho mai potuto fapere da al- 
cuno, tuttocchè con ogni diligenza abbia procurato d'intender- 
ne . Sono anco fuori della porta della Chieia della Vangadiz- 
za due gran Calìe di Marmo, nelle quali fi ha per certe me- 
morie della Cancellarla, che vi foffero fepolti un Àzzo da Elle, 
ed Alifia fua Moglie, di che però io non ne faprei dir più ol- 
tre; falvocchè ntlli Statuti di Verona quella Alifia viene chia- 
mata Alice Conteffa, ove fi nominano anco Azzo fuo marito,, 
ed Azzolino fuo Figliuolo. E perchè difiì di fopra, che le fcrit- 
ture antiche conlervate nella Cancellarla della Vangadizza ren- 
dono onorevolezza non foia all'Abazia,, ma alla Terra tutta, 
io ne regiftrerò alcune delle più notabili , mettendole fecondo 
l'ordine dei tempi. Vi lono dunque prima le tre Donazioni già 
regiftrate di Ahnerigo , e di Franca fua Moglie, e due di Ugo 
Secondo; ed oltre quefte ne troviamo una fatta l'anno 104O. 20. 
Agofto di Rodolfo Norm^no Francefe Signore del Gattello di 
Arqua nel Pqlefìne , il quale dona alcuni fuoi Beni polti nel- 
le' pertinenze di Arquà per -remeiio dell' acima iua> di Ugo, 

e di 



i8z ORIGINI E CONDIZIONI 

e di iua Moglie ai fuddetto Monafterio , che fi dice in quella 
Scrittura effer pofto alle tipe dell'Adige nel luogo che fi chia- 
ma Pietra. 

icpj. 13. Aprile. Donazione di Alberto, & Azzo Marche- 
fi da Elle al fuddetto Monafterio di molti Beni nelle pertinen- 
ze di Monfelice, Vicoaciuolo , Meliadino, Saletto, Montagna- 
na, Urbana, Gafale, Altatura, e Merlara, nel quale iftrumen- 
to vien fatta menzione delle reliquie dei Corpi Santi , che fi 
confervano in quella Chiefa. 

1123. 6. Marzo Privilegio di Califfo Papa amplimelo con- 
eerTo ai Monaflero fuddetto in perpetuo indrizzato a Litaldo 
Abate, e fucceflbri fuoi in conformità di fimil privilegio con- 
certa da Papa Silveffro di felice memoria , confirmando tutti li 
Beni donati , ed offerti , e che nell'avvenire occorrerà effergli 
donati, deferivendo il fito dell'Abazia , nella quale confitte il 
Monafterio fopra nominato con la Pieve di San Giovanni Bat- 
ti-ita,, Villa Vangadizza, con la Ghiefa di San Michiele , Sal- 
vatela con la Chiefa di Sant'Antonio/ San Lorenzo in Villa. 
di Cavazzana ~ San Salvatore nel Vefcovato di Verona; Poffef- 
fioni nei Illafi in Bardolino, ed altri luochi. Nel Vefcovato di 
Vicenza la Terra di Albareto . Nel Vefcovato di Padoa mol- 
te Chiefe , e poffeffioni . Nel Vefcovato d'Adria Ja Chie- 
fa di San Pietro in Villa Gomeda ora detta Fratta; San Ber- 
nardo in Villa di Gognan; Borfea con laChiefa di San Zeno- 
ne; San Sifto in Contina; Venezze con laChiefa di San Mar- 
tino ed altre pofieffioni nel detto Contado, e Vefcovato» Altre 
nel Vefcovato di Ferrara, e di Bologna ivi deferitte, ordinan- 
do per Decreto, che ad alcuno non Ila lecito turbare il detto 
Monaftero , ne levargli le fue poffeffioni , e beni , ma quelli 
confervare illefì per ufo e comodo fuo , togliendo la Santa 
Sede per ftatutarìa fanzione il detto Monaflero fotto la prote- 
zione fua, e liberandolo da cadaun'altrapoteftà, e dominio di 
Vefcovi con tutti li Beni, e Chiefe, che al prefente poffiede , 
e nell'avvenire giustamente acquifera, facendolo immune, e li- 
bero dalle efazioni Sinodali, dando libertà, ed autorità al det- 
to Abate, e fucceffori fuoi di liberamente poffedere tutte ledet- 
te Chiefe con li fuoi Cimiterj, Battefmi, Capitoli , Sinodi , e 
quelli per loro proprj Sacerdoti inftituire fenza contradizione di 
alcun Vefcovo , e le promozioni di Chierici , confecrazioni di 

Chie- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 183 

Chiefe ricever da cadaun Vefcovo ad elezione del detto Aba- 
te, con autorità alli Sacerdoti deputati nelle Chiefe Parochia- 
li d'ingiunger penitenze faiutari alli Parochiani , terminare le 
controverfie dei Matrimonj giuda le facre coftituzioni , ricever 
il Santo Crilina ogni anno ad elezione del detto Abate da quel 
Vefcovo più li piacerà , diltribnendolo poi alle Chiefe fottopo- 
fte, non potendo effer alienate per alcun modo con commina- 
zioni di Efcommunica contra cadauno violatore, e contrafatto- 
re a detto Decreto, ed ordine. 

11 77. 7. Maggio, Privilegio di Alefìandro III. concelfo ad 
Ifaach Abate della Vangadizza , nel qual conferma tutte le 
conce moni, grazie , e prerogative contenute nelli altri Indulti , 
come nel precedente di Califfo Papa. 

1177. 17. Agofto . Privilegio di Federico Imperatore con- 
cedo al fopradetto Abate, eMonafterio, ricevendo quello fotto 
l'imperiai protezione, confermandogli il poffefib di tutti li Be- 
ni, che per sé, o per altri poflìede in cadami luoco, quelli de- 
fcrivendo particolarmente nel Veronefe, Vicentino, Padovano, 
e Polefine così nei monti, come nelle pianure , valli , bofehi, 
felve , fiumi , acque , venazioni , pefeagioni , t&nfe , bandi , 
tolonei , con ogni onore , e diftretto nelli detti luoghi , non 
dovendo riconofeer altri , che la Maeftk Imperiale , liberando 
efTo Monaftero , il fuo Abate , Confrati , ed uomini di detti 
luochi dal Dominio di cadaun altro Prencipe cosi Ecclefiafti- 
co come Secolare , imponendo pena a qualunque contrafacìen- 
te di libre cento d'oro , e della Imperiale indignazione . Pub- 
blicato in Venezia nel Palazzo del Serenifs. Duce Sebaftiano 
Zriani. 

11 ©6'. 25. Giugno. Privilegio di Celeftino Papa concedo ad 
Alico Abate del Monaftero fuddetto , e ad elfo Monaftero in 
conformità d'altri concedi per fuoi predeceffori di felice memo- 
ria Silveftro, Califfo, Innocenzio, ed Alefìandro, Pontefici Ro- 
mani, con le medefime prerogative, ed immunita. Fu fempre 
quefto Privilegio di Celeftino avuto in molta ftima per il mol- 
to, che contiene delle ragioni della Abazia, perchè è pofterio- 
re alli altri iommariamente portati di fopra, e perchè contie- 
ne, e concerne tutto ciò, che comprefo nelli altri, perciò non 
voglio refxare di regiftrarlo qui fotto ad verbum. 

„ Cceleltinus Epifcopus Servus Ser-vorum Dei ; dile&o filio 

„ Ali- 



i8 4 ORIGINI E CONDIZIONI 

„ Alico Abati Monafterii Sanèla; Marie Vangaditienfis . Ape* 

„ ftolicae Sedis , cui aurore Domino prefìdemus , Nos hortatur 

„ aucloritas prò Ecclefiarum ftatu fatagere, & quse ad earutn 

„ funt quieterà difpofita propenfiori diligentia ftabilire. Ea pro- 

,, pterdile&i in Domino Filiiveftrisjuftispoftulationibus clementer 

w annuirmi, & prediclum Vangaditienfe Monafterium, in quo 

5 , divina eftis obfequio mancipati , quod uti recedendo memo- 

5> rise Hugone quondam Marchione conftat effe conftruórum 

„ atque a Prsedecefloribus Noftris fanòle recordationis Silve- 

„ ftro, Califto,Innocentio, & Alexandro Romanis Pontificibus 

„ libertati donatum eft , atque ad jus Beati Petri , Sanóleque 

5, Romana Ecclefie fpeciali prerogativa pertinens , Apoftolice 

„ Sedis privilegio communimus ftatuentes , ut quafcumque pof- 

„ feflìones , quecumque bona idem Monafterium in prefentia- 

„ rum jufte , & canonico poflìdet^ aut in futurum conceflìone 

„ Pontificum , largitione Regum , vel Principum , oblatione fi- 

5, delium feu aljifvis modis , predante Domino , poterit adi- 

„ pifci, firma vobis, veftrifque fucceiforibus , & illibata perma- 

3 , neant , in quibus hec propriìs duximus exprimenda vocabu- 

„ lis. Villam Abatis in qua Monafterium fitum eft cutn Plebe 

„ Sancii Joannis; Vangaditiam cum Ecclefia Sancii Michaelis • 

„ VillamquediciturSalvaterra cum Ecclefia Sanfti Antonii; Ca- 

„ vazanam cum Ecclefia Sanéti Laurentii ; Ecclefiam Sancii An- 

„ dree de Ramo de palo cum pertinentiis fuis ; Infra Civita- 

„ tem Veronen. Ecclefiam Saniti Salvatoris cum omnibus fuis 

„ pertinentiis . Quafcumque etiàm ^offeifiones habetis in Illa- 

„ fìi, & in Bardubio, & in quibufcumque locis Veronen. Epi- 

„ fcopatus ; infra Epifcopatum Vicentinum Terram de Albare- 

5) to . In Epifcopatu Patavino Ecclefiam Sancii Petri fitam in 

„ Montefilice cum fuis omnibus pertinentiis; partem Va.ììis Aì- 

„ merici cum Ecclefia Sancii Andreas; in Efte Ecclefiam San- 

„ eli Firmi, & Ecclefiam Sancii Petri cum fuis pertinentiis. In 

„ Palfo Ecclefiam Sancii Michaelis; poflerfiones incuria vilie, 

„ & in aliis ejufdem Epilcopatus . In Epifcopatu Adrienfi Ve- 

„ nezza cum Ecclefia Sancii Martini ; Proiettarci cum Eccle- 

„ fia Sancii Leonis - In Connina Ecclefiam Santi Sixti. In Go- 

„ viano Ecclefiam Sancii Bartholomei . Ih Villa Comeda £c- 

5> clefiam Sancii Petri , & quafciìmque pofleflìones alias in eo- 

„ (lem Epifcopatu habet» vei in comitatu. Poiìeiilones in Epi- 

3> fco- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 185 

„ fcopatu Ferrarienfì, Se in Epifcopatu Bononienfi, Ecclefiam 
„ San&orum Simonis , Se Judaa de Urbiiano cum pertinentiis 
„ i'uis. Prxdi&orum denique noftrorum Statuta pradeceflbrum fine 
„ ulla fervare volentes refragratioue Monalterium ipfum fub 
„ Romanomm dumtaxac Pontiricum tuitione pofitum à reliquo- 
„ rum Dominio Epifcoporum cum univerfis quas nunc poflìde- 
„ re dignoi'citur Ecclefiis, leu quas impofterum jufte aquifive- 
„ rit omninò liberum fit, Se a Synodalibus quibuslibec exacìio- 
,, nibus abfolutum permanere decernimus. Tibi itaque Fili Ab- 
„ bas , tuifque omnibus fucceflbribus liceat veftras quaslibet Ec- 
„ clefias cum Coemeteriis , Baptifteriis , Capitulis , & Synodis 
„ quiete poflìdere, eaique per proprios ordinare Sacerdotes nul- 
„ lius Epifcopi obftante contradiétione. Reliquorum quoque v&- 
„ Itrorum promotiones,& confecrationes Bafilicarum , fed & infan- 
„ tum in viììis veftris pofitorum confignationes , ut a Catholi- 
„ cis , quos invitare volueritis Epilcopis prò reverenda fedis 
5) Apoftolica? nullius interveniente morbo venalitatis peragantur 
„ perpetua ^abilitate fancimus, Presbyteris infuper in Parochia- 
„ libus, Monade riifque Ecclefiis quocumque tempore conftitu- 
„ tis vulgatorum pariter, & fecretorum criminum libi commif- 
„ fis populis injungendi pcenitentias prafentis aucìoritate pri- 
„ vilegii fit indulta licentia , Ad eofdem etiam fpecìabit lolu- 
„ tiones quajftionum , qua? de Conjugiis emerferint, ac diffi- 
„ ciliora quoque negotia, ut juxta Sanólorum Patrum terminen- 
„ tur inftituta ad te Fili Abbas , tuofque referre fucceffores , 
„ ftudii prsEterea veltri fit facrofanétum chrifma fingulis annis 
„ per veftros a Catholico quocumque malueritis Epilcopo lega- 
„ tos accipere , acceptum vero baptifmalibus ex more Ecclefiis 
j, diftribuere, ficut omnimode haclenus fecifìfe nofeimini . Sane 
„ cunétis Abatis decimis, fimulque Vangaditias,Salvaterraj &Ca- 
„ vazzana? , leu etiam Ramipalii , ac de Territorio Profetta?, 
,, Lagneti, Se Venezze pietatis intuitu ex integro vobis haben- 
„ das concedimus. In aliis autem locis pr^dioruoi, quspropriis 
„ a vobis exculta iumptibus fuerint, ac redituum veltrorumde' 
„ cimationes noftra vobis aucìoritate vendicabitis, ficut eas in- 
„ conclufe à quadraginta retro annis habuiftis , 8z hxc facere 
?) confueviftis. Obeunte vero te nunc ejufdem loci Abbate, vel 
j, tuorum quolibet iucceflbrum , nullus ibi qualibet fubreptione 
„ aftutia prsponatur , nifi quem Fratres communi confenfu , 

A a „ vel 



i%6 ORIGINI E CONDIZIONI 

.,, vel fratrum pars confilii fanioris de fuo, vel aliorum Religio- 
„ forum Collegio: fi, quod abfìt, idoneus ibi repertus nonfoe- 
„ rit fecundum Dei timorem , & Beati Benedicci regulam ele- 
„ gerint ,eìecìus autem ad Romanum Pontificem confirmandus 
„ accedat. Decernimus ergo quod nulli omnino hominum pars 
„ fit prsefatum Coenobium temere perturbare, aut ejus poflef- 
9 j fiones auferre , vel ablatas retinere , minuere , aut aliquibus 
,,, vexationibus fatigare; fed omnia integra conferventur eorum, 
„ prò quorum gubernatione , ac fubftentaticne conceria iunt 
„ ufìbus oranimodis profutura falva iedis Apoftolicaj auéìoiita- 
„ te. Si qua? igitur in futurum Ecclefiaftica , fecularifve per- 
y> fona hanc Noftrse Conftitutionispaginam fciens contra eam 
„ temere venire tentaverit,fecundo, tertiove commo nita fi noti 
„ priefumptionem fuam congrua fatisfacìione correxerit potefta- 
„ tis , honorifque fui dignitate careat , reamque fé Divino ju- 
„ dicio exiftere de perpetrata iniquitate cognofcat , & a Sacra- 
„ ti Aimo Corpore , & Sanguine Dei , & Domini Redemptoris 
„ Noftri Jefu Chrifti aliena fiat , atque in extremo examine 
„ diftricìs ultioni fubjaceat . Cuncìis autem eidem loco fua ju- 
3, ra fervantibus fit pax Domini Noftri Jefu Chrifti quatenus 
„ hic fruóìum bonze aóìionis percipiant, & apud diftricìum ju- 
„ dicem proemia azternse pacis inveniant . Amen . Dat. Late- 
3> ran. per manum Centii Sancii Lucis in Orata Diac. Card. 
3, Domini Papse Camerario VI. Kal. Julii Indizione decima 
3, quarta Incarnationis Dominici anno ngó. Pontificatus vero 
„ Domini Coeletti ni anno VI, 

I2ip. 27, Marzo . Privilegio di Federico fecondo Impera- 
tore concerto al Monafterio fuddetto, per il quale fono confer- 
mate tutte le prerogative , immunità , e giurifdizioni conceffe- 
gli da fuoi antecefTori nell'Imperio con la detenzione deili Luo- 
chi, come nell'altro indulto di Federico Primo 1177. 17. Agofto, 

1271. Statuti novamente formati, ed aggiunti alli altri per 
Bernardo Abate della Vangadizza concernenti la fedeltà dell» 
abitanti, e la materia de' Datii. 

128^. io» Luglio . Elezione fatta da Bernardo Abate della 
Vangadizza della perfona di Gentilizio Domicelli Cameriera 
fecreto di Sua Santità in Rettore, e Podefra della Terra della 
Badia, e fue Ville con provigione a lui allignata di 300. Fio- 
rini, ofpizio, e fermento per fé, e per la fua famiglia con al- 
tre 



DEL POLESINE DI ROVIGO. 187 

tre onoranze, e condizioni, e ciò per le caufe civili , e crimi- 
nali , dandogli gli Oiiiciali della Corte con limitazione di fa- 
la rio . 

1289. 3. Settembrio . Elezione fatta dal fopradetto Gentili- 
zio Do lucclli in ilio Vicario nelle cauli* civili, e criminali nel- 
la pedona di Marco Bembo Nobile Veneto con ampia auto- 
rità per l'oiììcio luo. 

1292. 6. Maggio. Breve di Aleflandro IV. Papa contra il 
Comun di Padova acciò fia reftituito al Monafterio della Van- 
gadizza tutto quello, che, gli è ftato ufurpato , e fpecialmen- 
te la catena, ovvero traafito del Pinzone nel Fiume Adice. 

12^2. primo Decembrio. Altro Breve del medefimo Pontefi- 
ce contra il detto Cotnun di Padova, che defitta di turbare 
il detto Monafterio nella fua giurifdizione , avendo mandato a 
quel Reggimento un Podefta Padovano, e che reftituifea la ca- 
tena del tranfito dell' Adice nel luoco del Pinzon al detto Mo- 
nafterio con comminazione di Efcommunica. 

1 2^3. 5. Maggio .Breve del detto Pontefice di Efcommunica 
contro il detto Comun di Padova non avendo reftjtuito quel- 
lo, che avevano ufurpato all'Abazia della Vangadizza , né cef- 
fando di turbarla col mandare in quella Terra un Podeftb, Pa- 
dovano, ufurpando la catena del Pinzon , ed altre giurifdizionidi 
effa Abazia. 

125? 3. 28. Luglio. Breve di Nicola Papa, nel quale eforta Al- 
berto Capitanio, ed il Comune di Verona a preftare il fuo 
ajuto all'Abate della Vangadizza, acciò poffa godere la fua Aba- 
zia , e le fue giurifdizioni. 

1296. 16. Decembrio. Lettere dell'Abate della Vangadizza fcrit- 
te al Podefta, e Comun di Padova , acciò fi acquietino , e ceffino 
dalle ufurpazioni, e difturbi datigli. 

1298. 30. Ottobrio: Inftrumento di compofizione tra l'Abate 
della Vangadizza, e Capitolo dei Monaci da una parte, ed il 
Comune di Padova da l'altra, nel quale detto Abate per ra- 
gion di Feudo inveftifee il Comune fuddetto fenza obbligo di 
alcuna fedeltà, omaggio o altro fervizio, della giurifdizione dell' 
Abazia con il refto, che di fopra più diftufamente è ftato riferi- 
to . 

1433. 2p. Gennaro. Breve di Papa Eugenio IV. al Vefcovo d'- 
Adria , con il quale lo ammonifee, che effendo da lui perturbato 

Aa 2 lo 



i88 ORIGINI E CONDIZIONI 

lo Abate del Monafterio della Vangadizza nella giurifdizione fua 
contro la forma de'Tuoi privilegj ufurpandogli alcune cofe delle 
Chiefe di detta Abazia, la quale è fottopofta alla protezione 
delia Sede Apoftolica, e quella negletta per incuria dello Aba- 
te; commette , che debba attenerli da limili ufurpazioni, calcan- 
do, ed annullando ogni patto e convenzione , che forte (lata 
fatta con detto Abate, come nulle, ed illecitamente pattuite . 

14.55, 3. Giugno . Privilegio di Califto 111. Papa col qualein- 
erendo alli altri conferma tutte le giurifdizioni delfuddetto mo- 
nafterio della Vangadizza. 

1450'. 30. Aprile. Lettere Ducali di Borfo Duca Primo di Fer- 
rara Eftenfe al Podeftà della Badia, e altri Officiali del Pole- 
sine, neile quali ordina , che tutti quelli , che tengono Cafe, 
Cafamenti, ed altri beni (labili nel Polefine di ragion dell'A- 
bazia della Vangadizza, debbano rinnovare le loro Invertitore , 
e pagar li capiibldi, e cenfi alli debiti tempi fotto pena a quel- 
li, che ricuferanno,di privazione dei Beni, e non poffano fare 
alcuna alienazione, ne permutazione fenza licenza delio Abate r 
che farà per tempo fptto pena di caducità. 

1483. 27. Marzo. Nota, che in tal giorno al tempo di Leo- 
nello Trotti Abate, e Commendatario della detta Abazia della 
Vangadizza, la immagine della B. Vergine, che è nella Chiefa 
di detto Monafterio cominciò a far miracoli, e il primo fu , che 
rifufcitò un fanciullo morto in Corbolano. 

Dicono, che quella Santa immagine foffe condotta nella ter* 
ra della Badia l'anno 1460. 2 2.Febraro a ore 20. né più fé ne 
fa, falvo che in diverfi tempi per i molti, e grandinimi mira- 
coli rnoftrati fu tenuta in gran venerazione, edificandoli una fon- 
tuofa Capella, la quale al prefente è all'incontro di quella del 
Rofario, ed adornando l'Altare y che prima fu di legno dora- 
to con due Angioli grandi pur ài legno uno per banda; poi del 
1623, fu fatto dimar.no, come ora fi trova, 

145)4. 5. Marzo .Privilegio di Aleflandro V. Papa , nel quale 
fi fa menzione di altri Indulti Pontifici di Califto, Ceìeftino , 
Innocenzio, AlerTandro III. e con la defcrizione delle Chiefe , 
Ville, e Luoghi confermando eflì Indulti, e conceflìoni in am- 
pliflima forma con proteftazione di Efcommunica contro li vio- 
latori . 

14^0'. lo.Decembrio. Ducali del Sereniffimo Prencipe di Ve- 
nezia 



DEL POLESINE DI ROVIGO. i8p 

nezia Agoftino Barbarigo al Podeftà della Badia, e fucceffori , 
nelle quali inerendo al Decreto del Daca Borio dell' anno 1450*. 
ultimo Aprile ordina, che li Nodan, i quali faranno pregati di 
alcuna alienazione di Beni lottopolti al monafterio della Van- 
gadizza , debbano dinonziarle allo Abate, o fuoi Procuratori , al- 
trimenti li Iftrumenti fi abbiano per nulli. 

145)6'. 16. Decembrio. Ducali al Podeftà di Lendinara, efuccek 
fori nella medefima forma. 

1 501. io. Decembrio. Patenti del Sereniffimo Leonardo Lore- 
dano a tutti li Rettori, nelle quali fi narra, che per le guer* 
re, e molte depredazioni, le fcritture, e titoli dell' Abazia della 
Vangadizza fono andate a male, e fmarrite; onde quelli, che 
pofiiedono Beni di detta ragione ricufano di pagare li debiti 
ufi, e perciò fi commette, che fia fatto fapere a cadauno, che 
tiene di tali Beni, che debba andar a pigliare le Inveftiture , 
ed anco delli Beni, che acquieteranno per l'avvenire^, e che in 
oltre debbano pigliar le licenze delle alienazioni fotto pena di per- 
dere le loro ragioni . 

Altre Lettere Ducali , che feguono dopo quelle fcritte in di- 
verfi tempi nel medefimo propofito, e nella fletta forma fino 
all'anno 1597. fotto il Sereniffimo Marin Grimani con penalità 
in cafo di contrafazione.. 

E perchè diffi di fopra , e provai con autorità di fcritture 
autentiche, che la Chiefa, il Monafterio, e Cartello della Ba- 
dia con molti altri Beni apprefìb furono da Ugo Secondo do* 
nati alli Abati, ne feguitò, che fempre quelli ebbero il Do- 
minio temporale fin che volontariamente fé ne fpogliarono con 
i Padovani, come honarrato di fopra, e con gli Eftenfi, come 
attefta chiaramente una patente Ducale di Ercole Duca Secon- 
do di Ferrara fatta, come fi è toccato di fopra, l'anno 1492. 
primo Gennaro per cauzione delle immunità, privilegj , egiu- 
rifdizioni dell'Abazia della Vangadizza cuftodita nel Archivio 
di quel Monafterio . In quella efpreffamente vien detto , che 
godendo elfo Monafterio fondato da'Maggiori fuoi il Dominio 
fpintuale , e temporale dotato di molti poderi, e beni, gabel- 
le, e datii , efenzioni, prerogative, e libertà, e parendo cari- 
co men atto al governo di perfone Religiofe , volontariamente 
fu rinonziato il Dominio temporale a detti Eftenfi maggiori 
fuoi con patto, e legge di oflervare, e confervare li privilegj , 

efen- 



i>o ORIGINI E CONDIZIONI 

jefenzfoni e immunita a detta Abazia, come per l'addietro fu- 
rono 'Tempre offervate . É^quì non lafcierò di notare, come gli 
Abati , i quali tenevano il governo di quella Terra, furono per 
fpazlo di molti anni eletti di tempo in tempo dal Capitolo 
Generale della Congregazione Camaldolefefin che l'anno 1410. 
effendo Antonio Ferro dà Parma Dottore, e Monaco dell' Ere- 
mo Abate, e Generale- dell' Ordine Camaldolefe,per li difpare- 
ri , e riffe , che paffavano fra lo Abate , , e Monaci ifteffi del 
detto Monafterio , dal Pontefice Gregorio XII. fu in que- 
llo confirmato Abate, e perpetuo Commendatario il detto An- 
tonio, dal quale fu governata l'Abazia fino all'anno 1450. Al* 
tri vogliono, che dopo l'anno 1435. foffe quefta Abazia data 
in Commenda da Papa Eugenio al Cardinale Antonio Corre- 
rò -fuo Nipote , al quale dal Generale più volte fodero offerte 
grolle penfioni per riunirla alla Congregazione, ilchenonpuo- 
tè mai né egli, ne li fuoi fucceffori ottenere. Ma fia doga- 
me fi voglia, l'anno fuddetto 1450. mancato l'Abate di quel tem- 
po, fu eletto dal Pontefice per Abate, e Commendatario Lodo- 
vico Cardinale del titolo di San Lorenzo in Damafo Patriarca 
di Aquile/a, e Cameriera fecreto di fua Santità. Dicono ,. che 
foffe Medico prima che afcendeffe al Cardinalato , e che per 
altro nei maneggi del mondo, e nel fervizio di Santa Chiefa 
valeffe molto. Quello fece fabbricare il Dormitorio dei Mona- 
ci, e li Claultri, che erano rovinati/ e vedefì nella muraglia 
di elfi in pietra viva l'infrafcritta memoria fotto la fua Arma,, 
nella quale fi vede una mezza ruota. Revevendijjtmus Dominus 
Ludo+uicus Tituli Sanffi Lamentìi in Damafo Presbyter Cardinali^ 
aquile) enfts Pontificii Mazimi Camerarws bujus Jlbbati<£ Commen~ 
datarim , cujus hisc extant injtgn'ta ; hoc Dormito} fi opus tnftgne y cum 
Jais inferius Jìrucluris adificari juffit anno 1455. Jtc quoque Clau- 
fìrum Lapideum collapfum amen conjìnti fecit . L'anno fuddetto vo- 
gliono che foffe coniècrata la Pieve di San Giovanni Battifta il di 
21. Settembrio. 

A quello fucceìfe fanno 1465. Bortolameo Roverelia Cardi- 
nale di Ravenna , e perchè di quello ne ho già detto parlando 
di Rovigo quanto baila, noterò folamente, che fece egli fare 
alcune opere in Chiefa, e nel monafterio, fopra le quali fi ve- 
dono le lue arme concerta poca Ifcrizione. Infgnia Reveren- 
dijjìmi Domini Banholomm Tit. Sanali Clementi* divina ^providen': 

SÌA 



DEL POLESINE DIROVIGO. i 9 i 

tta Card. Raven. bujus Monajlcrtt Commendatarii . Opus 'vero M. Lu- 
ca ds Ragujìa A. D. MCCCCLXVI. 

Poicchè quelli ili pafiato a miglior vita l'anno 1478. fuccef- 
fe commendatario eletto dal Pontefice Leonello Trotti Nobile 
Ferrarefe Protonota rio Apolìolico. Di quello vivono memorie 
nella Cancellarla di quel Monafterio, come l'anno 1484. 7. A- 
gotto per li Capitoli della pace feguita tra li Potentati d'Ita- 
lia, e la Repubblica Veneta, fu convenuto, che reftando ilPo- 
lefine di Rovigo alla Repubblica , 1' Abazia della Vangadizza 
tenuta in Commenda da Monfignor Leonello Trotti Protono- 
tario Apoftolico gli folle redimita, e lafciata godere con tutte 
le lue pofl'efTioni, habenzie, e pertinenzie, e redditi fuoi. 

Avendo poi quello rinunciata la Commenda alla Santa Sede l 1 
anno 148p.fi! deputato Ambrofio Bernardo Nobile Veneto, e Pro,' 
tonotario Apoftolico, dal quale furono procurate molte comodità, 
ed ornamenti nel detto Monafterio, e tra quelli furono principali 
la Capella dedicata alla B. Vergine, la Palla nel Coro dell'Aitar 
Maggiore, la Capella, e Altare dei Santi Primo, e Feliciano, e 
l'Organo; fotto il quale fi vedono per memoria alcuni verfi,che 
tralafcio di recitare per elTer altrettanto inetti, quanto per la 
condizione de' tempi fu efquifito V Iftrumento. Fece anco que- 
llo Commendatario l'anno 15 17. la cuppola, che al prelente fi 
vede al Campanile del Monaitero, che vogliono alcuni per i 
rifeontri di certe memorie , le quali non ho però io mai potu- 
to vedere, eflere già fiato una Torre antichilTima del luogo, 
appreso la quale effendo poi edificata la Chiefa, p re Ma lTe , co- 
me fi è toccato di fopra., ufo di Campanile; ed io ho intefo 
da uomini vecchi, e degni di fede, che gli hanno veduti, ef- 
fervi (lati annelli di. ferro , ai quali fi attaccavano le barche , 
quando tutto quel contorno era lotto le acque del Adige, come 
al prefente fono le Vaili di Cavargere. Ma il terreno è tanto 
crefeiutp, che quelli fono del tutto fojterrati già moiri anni, ad 
ogni modo però fi vede chiaramente quefla eiTer fabbrica anti- 
chifTimà rifpetto alla Chiefa, la quale non è la medefima .di 
Almerigo, ma fabbricata molti anni dopo in luoco della anti- 
ca , ed è credibile ? che folle edificata quella Torre per Acu- 
tezza dei Paefani,.o che fofle delle prime fabbriche di Ugo , 
quando fondò l'Abazia per ficurezza del Monafterio 3 e della 
Famiglia dei Monaci . 

Il 



i 9 i ORIGINI E CONDIZIONI 

Al Bernardo fucceffe Francefco Loredan Nobile Veneto Fi- 
gliuolo d'una fua forella, e Pronipote del Principe Leonardo. 
Quelli fu eletto l'anno 1538. da Papa Paolo III. Abate, e Com- 
mendatario perpetuo di quell'Abazia . Egli tra l' altre belle , e 
buone fue opere ^rifece la facciata della Chiefa del Monaflerio, 
mettendo fopra la porta l'Arma Camaldolefe, alla delira la fua, 
ed alla figniftra quella della Vangadizza . Fece fare un Taber- 
nacolo al Santimmo Sacramento. Si fpezzò al fuo tempo , e fu 
ributtata l'anno 1553. la Gampana Maggiore fatta già e pofta 
fui Campanile da un tal Bernardo Abate fin dell'anno 1278. 
di libre ii^ó.h quale riufci poi perlettiffirna , coficchè fi può 
dire, che fia delle buone di Lombardia. L'anno 1545?. frantela 
fua età fenile, e le indifpofizioni , che lo travagliavano ,gliiu 
dato dal medefimo Pontefice per Coadiutore il Nipote Anto- 
nio Loredano; ma perchè quello mancò in Roma mentre era 
Cameriero del Pontefice, fu di nuovo provveduto, e pollo nella 
detta Commenda l'anno 1563. da Papa Pio IV. Francefco Lo- 
redano Secondo di quello nome, Nobile Veneto , e quello fab- 
bricò il Salone quadro in capo alle Camere delli Abati fopra 
li Orti verfo li Portoni . Due anni prima che mohfle , impaz- 
zi, ma per innanti avendo egli fatta libera rinunzia dell'Abazia 
in mano di Papa Clemente VIII,fu dafua Santità l'anno 1602. 
eletto Abate , e Commendatario Francefco Loredano III. di tal 
nome, Nipote del detto Francefco Secondo, e Figliuolo di Leo- 
nardo. Io alla memoria di quello vivo molto debitore per la 
particolar benevolenza, ch'egli fin che viffe mi morirò in Pa- 
dova, e comecché folle fplendido, e generofo, non puotè però 
effettuare alcuna di quelle opere, che andava divifando di fare, 
effendo morto giovine d'anni 25. in Padova ammalato di febbre 
per difordini fatti in un viaggio di Fiorenza in compagnia di 
D.Giovanni de' Medici, e perchè la fua morte fu impenfata , 
e prefta,non vi fu tempo per far larafiegna in alcuno della fua 
Cafa, che perciò fu l'Abazia conferita da Papa Paolo V. nella 
perfona del Cardinale Borghefe fuo Nipote in tempo che dal 
Generale Vifitatore dei Camaldolefi era flato creato Aba- 
te di quella Abazia un tale Don Fulgenzio da Elle, pretenden- 
do poter ciò fare in virtù del Concilio. Ma finalmente la de- 
lìrezza, e la prudenza di Francefco Contarmi allora Ambafcia- 
tore in Roma per la Repubblica operò, che il Pontefice teflaf» 

fé 



DEL POLESINE DI ROVIGO. i 9 $ 

fé foddisfatto di una grolla pendone di cinque mila feudi , e 
che l'Abazia folle data a Matteo Priuli Nobile Veneto, Abba. 
te di Colle j Figliuolo di Antonio Priuli allora Procuratore, che 
fu poi Doge. Quelli l'anno io'oQ.ebbe il pofleflb , e poco do- 
po andò a Roma, e fu dal detto Pontefice fatto Camerier d' 
onore, e poi Cardinale l'anno 1616. Ma non pacarono dueme- 
fi dalla fua promozione , che s'infermò di podagra , e poi di 
artritide univerfale, dalla quale eftremamente fu cruciato finche 
piacque a Dio di chiamarlo a miglior vita, che fu l' anno tren- 
tefimo fettimo compito della fua età, il quale calcò nel lóit. 
Ebbi da elio il favore di poter vedere a mio piacere le fcrittu- 
re della fua Cancellarla ; fu di memoria feliciffima, copiofo di par- 
titi, prudentifiìmo, e diligentifTuno nel trattare, ed efpedire i ne- 
gozj. Sotto di lui furono rinovate tutte le In velature dell' Abazia, 
e regiftrate in catartici nuovi . Ricuperò molte ragioni , le quali a' 
tempi de' fuoi Precettori da divedi erano (late ufurpate , e parti- 
colarmente dal Vefcovo d'Adria, ottenendo, e mettendo in ufo 5 
che neh' Abazia (tata fempre di niuna Diocefe fia chiamato per le 
fonzioni Epifropali quel Vefcovo, che vorrà lo Abate. 

Succeffegli il Fratello Agoftino Priuli ora Vefcovo di Berga- 
mo, dal quale fu fatta, come fi è detta, la traslazione delle 
Offa di Santo Tebaldo", e fotto di lui fu mutato il modo del 
dare la Elemofina del pane folito già difpenfarfi a tutti li po- 
veri due giorni la femmina, e fu pofto in ufo di difpenfare il 
grano a certi tempi alle Caie deila Terra giudicate dalli fuoi 
deputati più bifognole. 

Le entrate di quella Abazia al prefente confiltono per Io 
più in decime fatte fopra i fondi già donati a quel Mon afte- 
rio, i quali perchè erano o tutti, o la maggior parte foggetti 
alle acque , a fine di ridurli a buona coltura , e di rendere abi- 
tato il Contado, furono conceffi in emfiteufi con emolumento 
conforme alla condizione migliore, o peggiore delli terreni; e 
perciò alcuni pagarono il quarto delle entrate , altri il terzo , 
altri delle undici parti due, ed altri la decima, altri pagarono 
danari , altri ebbero in feudo con diverfe recognizioni . Cosi 
anco le Cafe della Terra ^ e Borghi per il fondo loro ricono- 
feono il Monafterio di danaro , o di qualche regalia , e quan- 
do occorre far qualche alienazione di fimili beni, tutti pagano 
quattro per cento y e fi chiama il capofoldo . Spefa lo Abate 

Bb al 



i P4 ORIGINI E CONDIZIONI 

al preferite otto Monaci, e due converfi dell'Ordine Camaldo- 
lefe dai quali è officiata la Chiefa, ed egli li elegge, trattie- 
ne vitìta, e licenzia a fuo piacimento. Così mette e leva i 
Curati delle Ville ioggette alla fua giurifdizione, che fono Sal- 
vatela, Crocetta, BaruchelJa, Viliafuora , Barbuglio, Sague- 
do, Cavazzana, la Rafa, Fratta, e Borfea . Difpone medefi- 

mamente del Priorato di San * in Monfelice, e dello Ar- 

cipretado della Pieve di San Giovanni Battifta nella Badia , o- 
ve tiene un Vicario, che giudica il Civile, ed il Criminale di 
tutto il Clero della Diocefe , eccettuati li Cappuccini , e li Pa- 
dri di Sant'Antonino nelle Ghiare . Conferisce anco le Predi- 
che ài tutte le fopranominate Ville, e della Badia, fa le Di- 
milTone a quelli, che vanno altrove a prendere gli Ordini' fa- 
cri. Dona anco alli Rettori di Rovigo, Lendinara, ed Abadia 
certa quantità di formento , e mantiene di cere , paramenti, 
ed altre cole bifognofe la fua Chiefa della Vangadizza. Mantie- 
ne, oltre il Vicario fopranominato, anco un Cancelliere, ed Of- 
ficiali, e brevemente non cede ad alcun Vefcovo , fé non nel 
titolo, e nella facoltà di conferire gli Ordini facri . L'entrate 
un anno per l'altro Hanno di fopra da diecimila Ducati, e fa- 
rebbero fenza comparazione maggiori , quando follerò goduti 
dall'Abazia tutti li Beni, che gli fono (tati ufurpati, e non fi 
poiTono ricuperare per mancamento di Scritture fmarrite,e per 
le prevenzioni, che fono parlate , per quello, che ne abbiamo 
nel Privilegio di Celerino regiftrafo di fopra , e nelle Scrittu- 
re confervate nelli Archi vj delle Carcere , fé è vero quanto 
oja ne intefi da perfone degne di fede, dalle quali lono fiate 
vedute. E tanto fia detto abbaftanza delli Abati , del monafterio 
dell'Abazia, e delle lue Giurifdizioni, le quali tutte cofe appref- 
fo alle altre appartenenti all'origine di fopra confiderate fono di 
grande ornamento alla Terra della quale al prefente trattiamo . 

Notò il Nicolio, che dallo ftatuto di Verona la Badia era 
chiamata Villa, e ciò per moftrare forfè, che da' Veronefi fu 
tenuta per Villa; e più che cosi nel Configlio di quella Ter- 
ra come in quello òi Lendinara, averterò luogo i Contadini . 
Perciò a fine di chiarire il Mondo della verità , prima quanto 
allo ftatuto Veronefe non negherò effer vero, che chiami Vil- 
la il luogo dell'Abazia; ma dirò bene effer anco vero, che in 
quel!' ifteffo Capitolo fi fa menzione del Cartello della Badia 



con 



DEL POLESINE DI ROVIGO. ip S 

con nome di Cartello, per lafciar di confiderare, che trattan- 
doli ivi , quod Abbas SanBte Marta de V angndiùa Potejìatem quem 
accipere voìtwrit , debiat illum accipere cum cotifìlio Domini Potejia-, 
tis Verona Jtve Illuflrijpmi Domimi Veneti CPc. non refta dubbio , 
che quanto fu fcritto in quel Capitolo fu a'temjkT, chela Ter- 
ra della B-idia avea Podeftà, e Territorio : onde ben propria- 
mente fi potea, e dovea chiamar Terra , e Cartello, come pur 
anco è nominata in quel luogo, e fé è detta Villa, ciò fi avrà, 
da intendere impropriamente, o riguardando i tempi più anti- 
chi innanti, che riceveffe forma diCaftello, e che fofie irtitui- 
to il Dominio delli Abati; le parole dello ftatuto fono querte: 



Ma fia dello rtatuto Veronefe ciò che fi voglia, la verità è , che 
la Badia fu, ed è Cartello tanto onorato, popolato, e civile , 
che da alcuni Iftorìci di gran nome è flato onorato col nomi- 
narlo Citta. Leggafi l'Argentone (<*), ove parlando dei Pole- 
fine fcrive,efier in quello due picciole Città Rovigo,, e la Ba- 
dia. Cosi Pietro Giuftiniano (£) chiama Città Rovigo y Len- 
dinara, la Badia, ed Adria; e lo fteffo dice anco Gioì Nicolò 
Doglioni (e), ed il Biondo (d) nota , oltre Rovigo efTere nel 
Polefine Lendinara , e la Badia Terre affai popolate . E Fra 
Leandro (e) y che non fu delli Antipodi, ma Bolognefe, nello- 
flato, che fi trovavano al fuo tempo le Terre del Polefine,, 
chiama Lendinara, e la Badia Cartelli molto abitati di popoli, 
avendo prima onorato Rovigo col nome non di Città , ma di 
nobil Cartello, dai quale viene denominato il Polefine . Vero 
è, che parlando delli nomi antichi io fio dubbiofo, fé a quei 
tempi, quando fu edificato da- Ugo il Cartello dell'Abazia' no- 
minato nelle fcritture delle fue donazioni , fi chiamafiero, e s' 
mtendeffero Cartelli tutta l'adunanza delle Cafe porte nel luo- 
go' ove era il Rettore; oppur {blamente certe Torri o Rocche 

B b 2 fab- 

(a) ì<[el fuo memoriale ì. 7. cap* 2.. 

( b ) Uh, fecondo . 

(e) TS{sl fecondo libro della fua Ifioria ,. e netta feconda parte del Teatro* unì- 

verfale de Vrencipì . 
(d) Bell'Italia* 
( e ) ideila Romagna Trafpadana > ove delti Cenom, 



\ 9 6 ORIGINI E CONDIZIONI 

fabbricate per Scurezza delli abitanti nelle Cafe circonvicine , 
l'adunanza delle quali quando non era cinta di mura,o difof- 
fe,fi chiamane Villa, tuttocchè aveffe Podeftà, e Territorio ; on- 
de forfè fia avvenuto, che anco nel Privilegio di Celeflino , 
del quale già abbiamo fatta menzione, quella Terra fia chiama- 
ta Villa, come trovo appretto il Rolandjno {a ) , che chiama 1' 
antica e famofa Terra di Erte già Capo della Venezia, come 
vuole il Pigna, Villani EJìenfem, e cosi anco il Cornilo nella 
fila Cronica de Novitatibus P aduce, & Lombardia lib. fecondo, ed 
in quello modo forfè , effendo la Badia chiamata Villa , può effe- 
re, che il Borgo di San Francefco pollo all'incontro del Pin- 
jzone dal capo di fotto della Terra, fia flato nominato , come anco 
fi nomina fino al dì d'oggi, Capo di Villa, quafi fi voglia aver det- 
to in capo, o nel fine della Villa; fé però non fu così chiama- 
to dalli foldati Oltramontani, che già vi dimorarono, nel mo- 
do, che chiamano Ville anco le Citta. Ma fia di ciò quello, 
che fi voglia, è cofa certa, che la Badia ebbe le condizioni , 
che al prefente hanno li Cartelli fino dai tempi delle donazioni di 
Ugo fecondo da Effe . 

"Che li uomini del Contado fìano in alcun tempo entrati nel 
Configlio di quella Terra, io non l'ho mai letto, nèintefo da 
altri, che xlal Nicolioj ma ho ben trovato che di tempo in 
tempo fiano (lati eletti Configlieri del Corpo della Civiltà , e 
de melioribuS)& praftantioribuS) come vuole lo Statuto, reftando 
Configlieri in vita, come fi tifa nelle altre due Terre Rovigo, 
e Lendinara . Benché io non voglia negare di avere intefo , 
che circa l'anno" 1510. e poco flopoi fofiero introdotti nel Con- 
iglio due del Territorio un per 1 Villafuora, 1' altro per Salvater- 
ra, acciò avellerò contezza, e vedeflèro le caufe delle molte gra- 
vezze, che s'imponevano per ociyafione ddk fguerre , e non per 
altro affare; né perciò fi fa, che avefTero mai voto nelle bal- 
lottazioni . Quanto poi a Lendinara confederò anco di aver tro- 
vato nelle fcritture di Viviano Fantoni da Lendinara , che nel 
Configlio di quella Terra entrafsero otto uomini delle Ville , i 
quali poi furono efclufi , reftando il Configlio nelli foli Civili . 
Le parole del Fantoni nelli fuoi Collettanei fìano così per ap- 
punto. ,, Il governo antiquo della Terra di Lendinara , come 
„ procedette ne tempi antichi, cioè che prima era Podeftà, e 

Vica- 

{a) Lib. primo cap. 1%. 






DEL POLESINE DI ROVIGO. 197 

Vicario. Vide Mijfal e Reverendi Presbiteri F acini Ri/ti ; Exinde 
PotcflaS) & Conjilium cum otto rujiicis, Conjulibus , Syndìco, Ca- 
var^eranis , Provijore ad vicinale, quod atium Conjilium ad nume- 
rimi 40. Exclufi Rvjìici corina formam Ducalium datarum tempore 
additionis . Videto becc omnia, tam in Jìatutis , quam in fcripturis no- 
tata dignis , quas babes penes te , & pone omnia ftto debito Leo , & 
tempore . Da opcram , ut babeas a Communi taf e Abbatini , Ù* Rbo- 
digii &c. Ma torniamo alla Terra della Badia . Qual forma o 
circuito averte il Cartello fabbricato nel primo tempo appref- 
f o , o d'intorno col Monafterio, io non lo so per certo, ma e- 
ftimo , che le fabbriche confiireflero prima nell'abitazione del 
Poderta, luogo della ragione, prigioni, e piazzale quali abbia- 
mo per antica t< adizione efiere (tate, ove al prefente fono le 
Caie dei Chiteri ora detti Marii, ed ove fu certo Torrazzo 
antichiflimo già pofTeduto dai Bajolani, comprato, e demolito 
gli anni parlati dalli Rofini per farvi Orto; e fé fu ferrato il 
Cartello non fu certo da altro, che da forte, le quali però non 
puotero efler in tutto le medefime, che ora fi trovano, fatte ca- 
vare moki anni dopo, cioè nel i 390. dal Marchefe Alberto fuc- 
ceflore di Niccolò il Zoppo da Erte, dalle quali tutto il cor- 
po della terra fu circondato, e fatti li ponti levatoj di legno 
alle porte, i quali poi l'anno 1 541. furono fatti di pietra a vola- 
to, come ora fi trovano.' e perchè querte eilendo per la forti- 
ta dell'Adige in ogni tempo abbondantiffime di acque, ebbero 
bifogno di qualche condotto non folo per fcaricarfene , ma a 
fine anco di tenere l'acqua in moto, onde non generale mal' 
aria; perciò da quefte principiò il Fumé del Cerefuojo, il qua- 
le ingroflato per diverfi condotti d'acque inferiori , che capita- 
no nel fuo alveo, cammina per Villafuora , e Saguedo corteg- 
giando Cavazzana , Bornio, Grcmpo, Conca di Rame , e più 
oltre Mardimago, e giunge finalmente nella Valle di Santa Giu- 
ftina , e poi nell'Agide di fopra di Cavarzare, L'anno io'oó'. 
per le diffidenze, che pafsarono tra la Repubblica, ed il Pon- 
tefice, caufate dall' interdetto, furono ricavate le fofle e fortifica- 
ta la Terra di terrapieni, come ora fi vede. 

Poicchè il Cartello fu accrefeiuto, e circondato dalle dette 
forte, che ora lo chiudono, ebbe tre porte con le fue Torri , e 
ponti ; e quelle riferifeono ai tre Borghi , i quali fono fuori dei 
corpo della Terra , La prima chiamata di fopra conduce al Bor- 
go 



ip8 ORIGINI E CONDIZIONI 

go fuperiore del Pinzane, la feconda dì mezzo per il Ponte di 
Pietra fopra l'Adige al Borgo di Francavilla, la terza di fotto 
al Borgo di San Francefco detto anco Capo di Villa . 

Ha la Terra della Badia tra le altre del Territorio fuo,dif- 
eofto un miglio, o poco pia verfo Lendinara, la Villa di Salva- 
terra, così detta, come fi crede, perchè foife la prima falvata 
dalle acque , avendo ella le più alte campagne di tutto il Pole- 
fine.. Vogliono,, che le ragioni del Comune di quefta. Villa fof- 
fero anticamente molto ampie tra il Fiume Adigetto , 1' argi- 
ne di Po alto, e la Molinella Paefe la magior parte poffeduto 
dalla Cafa San Bonifacia ,. e da quella da Lendinara; ed a'no- 
ftri tempi per li grofli capitali di Beni,, che quetta ritiene in 
quei contorni, Gaipero Cattaneo da Lendinara ArTefibre prima- 
rio tra i primi parti del fuo ingegno, e della fra diligenza 1' 
anno ..... operò, che fi facefle, e perfezionaffe il Ritratto della 
Valdentro, che è poi riufcita una delle più utili,, e Segnalate 
Bonificazioni , che da gran tempo in- qua fiano (tate fatte nel 
Polefine di Rovigo . Ebbe già Salvaterra una Rocca , o Torre 
antichiffima ,. non molto lontano dalla quale cavandoli l'anno 
1584. per refìaurare certa doccia,, fu fcoperto un volto forterra- 
neo,, che ad eda andava a riferire , tutto però era rovinate , e 
guafto , ed anco della Torre al prefente ne retta poca parte. 

Porta la Comunità della Badia nel!' Arma tre Torri forfè 
per le tre Rocche,, o perchè fia la terza in ordine, portando- 
ne Rovigo una , e due Lendinara. Sopra quelle Torri teneva- 
no già tutte tre le Comunità l' Aquila Aftenfe; ed ora vi ten- 
gono il Leone alato di S. Marco in fegno di devota fogge- 
zi on e. 

Delle Fabbriche pubbliche di qualche confiderazione , delle 
quali da cento poco più anni in qua fé ne ha confervara- me- 
moria in quella Terra, dirò brevemente,, che 

L' anno: 1511. la Comunità fece fabbricare la Chiefa di S* 
Rocco alla Porta di fopra entro al corpo della Terra; per la 
pelle, che vi fi avea fatta fentire. 

L'anno 157& la notte di Nata le arfe il Palagio Pretorio* veo 
chio ,, ed in quell'incendio reitarono diftrutte le fcritture , e 
memorie antiche della Terra confervate dai noftri maggiori fi- 
no a quel tempo , e con tale occafione fu: dato- principio» alla 
Fabbrica del Palagio nuovo y ove ora abitano' li- Rettori. 

L'affi- 



DEL POLESINE DI ROVIGO. i 99 

L'anno 1 55? 5. fu edificata in Piazza la Torre per la Cam- 
pana del Configlio, e del Orologio comune , il quale era fla- 
to levato dal Monafterio della Vangadizza l'anno 1532. efpo- 
fto nella facciata della Chiefa di S. Gio: Battifta. 

L'anno 1^66. rovinò il Ponte di pietra, che fu di tre volti 
fopra l'Adigetto per mezzo la porta xli Santo Alberto a mezza 
Terra per una grandiffima Rotta fuccèffa di fotto dalla Chie- 
fa di S. Francefco nel Borgo di Capovilla , la quale in una 
eftrema decaduta di acque fece gorgo di e ftraord inaria profon- 
dita , e portò giù parte della Buova , ch'era di legno , ed in 
luogo di quello fu fatto un altro Ponte di legno, il quale du- 
rò fin Tanno 15... che un altro ne fu fatto di pietra con gran 
fpefa del pubblico, ed è quello, che al prefente fi vede di due 
archi, neli'ifteflb fito, ove fu il primo.. 

L'anno 16. ..fu fabbricata la Buova di pietre vive, e cotte, 
ove fi parte TAdigetto dall'Adige grande, e l'opera fi fece con 
grande fpefa di tutte tre le comunità Rovigo , Lendinara , e 
Badia, efiendo afeefa fino a 25. mila e più Ducati. 

L'anno io. ..«..fu allargata la Piazza verfo Tramontana levan- 
do il Sagrato della Pieve di S. Gio: Battifta, 

L'anno 16. ..per le diffidenze, che pattarono tra la Repub- 
blica, ed il Pontefice, dubitandofi di rotture aperte, di guerre 
e d'invafioni ,fu fortificata la Terra con Terrapieni, come an- 
co Rovigo, e Lendinara,. 

Dopo l'anno 1620. fi fono cominciate alcune fabbriche fo- 
pra la Piazza nuova per il Collegio , e per li Archivi delle 
icritture dei Nodari e per altri bifogni pubblici , che quando 
fiano compite adorneranno molto la Piazza, e faranno di gran- 
de utile alia Comunità, 

L'anno 162S. fi è dato principio alla Fabbrica del Conven- 
to, e Chiefa dei Cappuccini, nel qual tempo appunto comin- 
ciai a fcrivere queft' opera in la Badia nella Cai* del Colonel- 
lo Giacopo Rofino mio Cugino, ove fon nato, che finifeo l'an- 
no 1629. il dì 20. Decembrio in Cividale di Belluno. 



J L FINE, 

TA- 



zoo 



TAVOLA 

Delle cofe più notabili. 



A 



ABate della Vangadizza noti poteva 
eleggere Podeft'à" che non folle Ve- 
ro isie t 54. vende ai Padovani la giu- 
rifiizione del Cartello della Badia » 
38. per ragion di feudo inveftifce il 
Coman di Padova della giurifdiz'ro- 
ne della Badia &c. 44. fpefa al pre- 
fence otto Monaci, e due Converti, 
e gli elegge, mantiene, vifita, e li- 
cenzia a ilio piacere, immette e le- 
va i Curaci delle Ville fjggette \ ed 
ha altre giurifdizbni. ivi. dàalli Re- 
fori di Rovigo ^ Lendinara , e Badia 
certa quantità di fo-rmento . ivu non 
cede ad alcun Vefcovo-, fé non nel 
titolo e nella facoltà di conferire gli 
Ordini facri . ivi. 

Abati, i quali tenevano il governo dei- 
la Badia , per lo fpazio di molti anni 
furono eletti di tempo in tempo dal 
Capitolo G nerale della Congregazio- 
ne Camaldolefe . 190 

Abazia della Vangadizza non conobbe 
mai altra fupenorità che della S. Se- 
der e degl' imperatori.. 3f 

Abitatori del Polefine trattabili e affe- 
zionati ai loro Principi naturali, ij. 
nobili e ricchi della Venezia fi riti- 
rano ad abitar quelle Ifole , ove al 
prefente è fituata la Città di Vene- 
zia . 26 

Aborigeni finitimi dell' Umbria uniti 
con 1 Pelafgi fanno- guerra- agli Um- 
bri . 18- 

Acque del Polefine per lo più gravi e 
mal fané. 17 

Adelaida , dopo la morte 'del marito , 
dai fecondo Berengario confinata nel- 
la Rocca di Garda, s'ingegna di fug- 
gire, e fi riduca nella Rocca di Ca- 
noffa . Mi 

Adelardi capi dei Guelfi , cf della fazio- 
ne Ecclefiaftica in Ferrara. 32 

Adige dai Paefani chiamato l'Adege,. il 



Ladefe , e con più corfotto vocabo * 
lol' Efe. 1. anticamente T Atriano . j. 
lo chiamano ^itbejìm in latino , e 
ÙTuyiv in greco. 7. jLtac'nn\ lo chia- 
mano alcuni Cromiti Padovani . ivu 
stTHTitm lo chiama Plutarco, ivi, 
un tempo non divideva r ma corteg- 
giava Verona. 7. pafFa per Porto ed 
a-ltri luoghi . ivi, fé fia 1' Atifone di 
Plutarco, 9. fi divide alla Torre Mar- 
cheggiatia. io; mette con due foci nel 
mare. ivi. tre fiate divifo fa due Po- 
lefìni. ivi. fopra Villabuona non avea 
un tempo quel dritto corfó che ha al 
prefente . ri 

Adria data a Nicola Secondo Marche- 
fe da Sigifmondo Imperatore. 33. ed 
Afria fon nomi ambigui. 50. fu pri- 
ma chiamata Étria . fr. è fiata Cc*- 
lonia antichi firma (dei Tofcani jAfTa- 
gi . 54, da e(fa il Golfo , ora chia-- 
mato di Venezia , ricevè if nome di 
Adriatico, ivi. diverfa da un'altra A- 
deia polla nel Piceno, che fu patria 
di Adriano Imperatore. 55. ebbe un 
porto affai celebre anche ai tempi di 
Vefpafiano% 5^. fu* vicina all'ultimo 
eccidio. 57. fu in gran parte abbru- 
ciata, ivi. preeminenze che riloftrano- 
fa fira grandezza, ivi. riputata d J aria 
grave e infalnbre. ivi. ridotta al pre- 
fente fra termini, rifpetto agli anti- 
chi , anguftiffi'mi. 58. tirava verfo' il 
mare , e verfo Ravenna . ivi .. ca- 
vando nelle vicinanze di effa fi tro- 
vano fragmenti di colonne, marmi, 
ponti, tavole, focolari &c. 59: e feg. 

Adriano Pontefice, fatto venire in Ita- 
lia Carlo Magno , è invertito da lui 
di quanto fino all'ora era flato fotto 
gli Efarchi . 2S. fi- (lima offefo, e fi 
duole di Federico. 31 

Adriatico viene dalla nortra Adria Ve- 
neta, antica e potente, nonda quel- 
la del Piceno^ 35 

Adrrefi disfati da Otto Orfeolb. 90 

Agat&a 



T A V 

Agathia citato . 26. 2S 

Agilulfo quarto Re [dei Longobardi 

abbn.gia Padova e prende Moniclice 

Alani condotti in Italia da Attila. 25 
Alboino Re dei Longobardi chiamato 
in Italia da Narlete. 26. arrivato nel- 
la Marca Trevigiana occupa Trivigj, 
Vicenza, e Verona, ivi. occupa Pa- 
via, e tutto il refto della Lombar- 
dia, ivi. 
Aleflandro Quarto Papa con due Bre- 
vi minaccia di [comunica il Comu- 
ne di Padova . 4$ 
AlicarnafTeo , Dionifio , diligentirtimo 
efpofitore delle antiche fucceflioni 
delle genti. 17. citato. 51 
Alpi fepontie. 5» 
Aitino. j 
Alvianc Generale dei Veneziani. 48 
Amabilia Moglie di Badocro dei Ba- 
dori da Venezia. 37. 155 
An-bafciatori mandati dal Configlio di 
Padova a D. Francefco , e D.Rinal- 
do da fide. 38 
Ammirato, Scipione, attribuire il Mar- 
chiato della Toicara ad Ugo nipo- 
te di Ugod' Arh Conte di Provi nza. 149 
Borghino ... è feguitato dall' Ammira-. 
to. 142 
A molino, Lorenzo, Filofofo, Medico, 
e Teologo e fua opera. 122 
Annio, Fra Giovanni , Viteibiefe , è 
fpacciato per ciurmatore. 7. Tuoi co- 
mentarj pieni di ciancie , e menzo- 
gne . ivi . fuo parto . 72. altro fuo paf- 
fo. 74 fua autorità fofpetta , e mal 
inteia dal Nicoliq. 7S. fua impoftu- 
ra raccontata dal Oliverio. 84 
Antenore cacciati gli Euganei s' impa- 
dronilce della Venezia , e fabbrica 
Padova. ip 
Antichità trovate fotterra , cavando 
nelle vicinanze di Adria. 58. 55). 60. 
e feg. 
Appiano Aleflandrino citato. 24 
Aquila , Conte Francef,o dall', capo 
del prefidio in Rovigo. 46 
Aquile ja fpianata da Attila. 25 
Arca di marmo, in cui era riporto il 
Corpo di S Bellino, con grande fa- 
cilità, non altrimenti che fé forte 
fiata di legno, fu tirata da due pie- 



o L 



i»5 



cole e deboliffime vacche. 128 

Argentone parlando del Polefine, 

Ieri ve erter in quello due ricciole 
Città Roigo, e la Badia. 1^ 

Aretino Leonardo citato. 28 

Ariofto, Lodovico, luoi verfi. 147 
Arinotele citato. - 71 

Arma concerta alla Contea di Rovgo 
da Federico Terzo Imperatore- 49 
Arme Ertenfe congiunta con la Cana- 
nea l'opra le fèpolfure degli Eftenfi 
nella Chiefa di S. Francelco di Efte . 

Aftolto Re dei longobardi prende Ra- 
venna , e i luoi contorni. 27. diman- 
da certo tributo . ivi. è coftretto a 
chieder pace, e render l' Efarcato . 
ivi . 

Atefte primo nome di EU*. 15) 

Ateftino , Girolamo. 7 

Atria famiglia nobilifiìma ed aiitichif- 
ma tra le Tofcane. 6$ 

Atriano non è flato altro fiume che 1' 
Adige. 6. forfè fu così chiamato da 
Tolommeo per un fuo ramo che paf- 
fa vicino ad Adria. 9 

Atrio uno degli antichi Re deiTofca- 

i ni. 7 

Atro, annoverato da Manetone tra i 

Re dei Tofcani . 67 

Attila condurte in Italia varj popoli . 
25. fpianò Aq l'Ieja , e devaftò tutto 
il paefe della Venezia, ivi. 

Avanzi , Gioan Maria , Giureconfulto 
ed Avvocato. 124. poema da lui la- 
feiato dà alle ftampe Carlo fuo fi- 
gliuolo, ivi. 

Amare Re dei Longobardi. 7 

Autore, 1', prima di difeender a 5 partico- 
lari d'alcun luogo , confiderà il no- 
me di Polefine, il (ito, confini &c. 1. 
crede che nel Polefine fi chiami ve- 
ramente Penifola quella parte che 
vien ferrata tra' rami dell'Adige. 2. 
rimette gli ftudiofi a varj Autori . 
8. non ardifee affermare più una co- 
fa che un'altra . to. penfa che nel 
tefìo delSabellico porta effer errore. 
11. non trova differenza di confide- 
razione nel linguaggio delle Terre 
del Polefine. \6 fortoferive al pare- 
re di Di odoro Siculo , e feguira Pli- 
nio, jjjfc nelle cofe difficili ad erter 
C e decife 



202, 



T A 



o 



A. 



decife fi- fida affai full' autorità del Si- 
gonio. 22. argomenta da un' ifcrizio- 
ne la foggezione dei Vicentini a Ro- 
ma . 2$ efamina le ragioni antiche di. 
Verona fu la Badia . 34. e feg. refta 
maravigliato della poca avvertenza 
del Nicolio. 59.rifponde al Nicolio. 
40. e leg^porta varie fcritture per ap- 
poggiare la fua fentenza . 42. e feg. 
parlando d'Adria, feguita il nome 
più comune, e più. conforme a quel- 
lo ch'é in ufo- 50. inclina alla opi- 
nione più ricevuta . 54. taccia Poli- 
bio di poco accurato in propofito di 
Geografia .55. riferHce ima lettera 
goffratagli da Monfignor Pignoria. 
6.2. trafcrive fedelmente ad verbuin 
un lungo paffo deli' Istoria del Ni- 
colio. 65. cerca qual' forma di prova 
fi poifa cavare dalle- par-ole del Ni- 
colio. 67. efamina più diligentemen. 
te la fcrittura de! Nicofto . 68: vuo- 
le , che quanto ha fcritto- il Nico- 
lio, fia pura e mera finzione . 71. 
rimprovera allo fteffo di non aver 
ben ponderato il fènfo d'una fcrittu- 
ra. 75. dà la diftinzione tra Cittadi- 
ni Romani, Municipi , e Coloni . 
81. non nega , che le Tribù ^fbiTèro 
più di trentacinque , e che alcuna 
di effe chiamata fòfle con due no- 
mi. 83. ìnveftiga il vero tempo del- 
la edificazion di Rovigo . 85. crede 
affai deboli i fondamenti dell' opi- 
nion del Nicolio . 90. 5)1. non vuol 
parere di dubitar troppo fuperftizio- 
famente della buona fede del Nico- 
lio. 9J.non lo crede un Evangelifta 
ael citar gli fcrittori . ivi. lo confu- 
ta con le parole del CafiìinO' . 95. 
crede non ingannarfi nell' attribuire 
aflài al giudizio del Cafilino . 102. 
l'Iftoria che va fotto il nome del Pi- 
gna^la crede di Girolamo Faletti . 
104. non fa gran capitate dei Privi<- 
legj portati dal Nicolio . 105. fa in» 
torno ad effi- alcune confiderazioni. 
**©. non approva il penfiero del 1 Ba- 
nio .. m 5. vuole che un Vefcovo 
non pofTa aver due titoli. 116. cón- 
feffa di buona voglia e riconofce 
per Città- Rovigo . 120. riferifee 
gli uomiajj chiari- e famofi. in- lette- 



re di patria Rodigini . 120. e feg» fi 
confetta debitore alla memoria di 
Antonio Riccobuono fuo Maeftro in 
Padova. 124. dice, che Lendinara fia 
fiata antichi ffi ma grarifdizione di quel- 
li da Lendinara. i| 2. più' fi acquetaal- 
l'autorità di motti che di un folo . 
136. paffaa trattare della Badia. 14©- 
crrca il nome di Vangadizza non ha 
mai trovato altro che penfieri volon- 
tari- e capiiccj fenza fondamento. 145. 
non pretta fede ad un Epitafio por- 
tato dal Pigna. 147. porta più argo- 
menti contro quelli che vogliono U- 
go Marchete di Tofcana effere fiato 
Provenzale. 150. fegue in ciò' il pa- 
rere degl'Idonei Ferrarefi. 152. la(cia 
alla confiderazione del giudiziofo Let- 
tore lo. fcioglimento d' una- difficoltà . 
i5&hè afferma, né nega che fiano ftate 
due Giulie nel medefimo tempo, 161. 
per iftruzione di chi legge- porta di- 
ftefamente le Donazioni defla Cafad' 
Efte alla Badia . ivi. e feg. riferifee un 
fuo dilcorfo tenuto con Filippo Re- 
canati in propofito delle reliquie dei 
SS. Primo e Feliciano, e di S. Teobal- 
do. 1 69. e feg..fupplica egli cogli al- 
tri , che fi aprirle 1' Arca di S. Teo- 
baldo . 170. regiftra le memorie anti- 
chiffime della Cafa d'Effe , che fi tro- 
vano in quella Terra .^77. riferifee la 
eompreda fatta dì un'Arca da Marcan- 
ton-io Bronziero tuo Zio. 178. porta le 
fcritture antiche confervate nella Can- 
cellaria della- Vangadizza , fecondo l'or- 
dine dei tempi.i8i.é molto debitore alla 
memoria di Francefco Loredano ter- 
zo di tal nome per la particolàr be- 
nevolenza , che gli moftrò fin che 
vifse. 192. ottenne da Matteo Priuli 
Abate di quel tempo di poter vede- 
re a fuo piacere le fcritture della fua 
Cancellaria. 15)?, vuole contra il Ni- 
colio, che la Badia non fia Villa, ma 
Cartello onorato e civile . 195. non 
ha mai letto, che gli uomini del Con- 
tado fiano in alcun tempo entrati nel 
Configlio' della Badia . 196. non fa 
qual circuito avefse il Cartello ne'pri- 
mi tempi della fua edificazione. '97- 
annovera le fabbriche pubbliche di; 
quella Terra . 198. e feg. cominciò a. 

fcd- 



T A V o 



A. 



ZÒ$ 



fcriver queft' Opera in la Badia in ca- 
la del Coloiullo Giacopo Rolìno Ino 
Cugino , ove ò nato , e Ialini in Ci- 
ridale di Belluno un anno dopo. 199. 



B 



Adia, patta per erta l'Adige. 7. ha 
meno villaggi, né così t'ertili co- 
me quelli di Lendinara . 16. è in un 
(ito ameno e per la Navigazione af- 
fai comodo . ivi . e luo Territorio fu 
delle antiche ragioni di Verona. 34. 
pofl'eduta dal Commi di Padova. 35. 
era anticamente una adunanza di Ca- 
le chiamata il Pi'nione. 140. per l'»al- 
tezza del l'ito, (ìcurezza , lalubri^à , 
amenità , comodo della navigazione, 
invitò i ftiameii a fermarvi le loro 
abitazioni, ivi . è purgata dai fiumi, 
che la circondano. J4i.èopportuni(- 
fima al traffico, ivi. vi furono in di- 
verto" tempi fabbricate tre Fortezze o 
Torri. 142. ne Ila fua Chiefa fono fé. 
polti i più celebri e famofi della ca- 
la di Elte. 166. è ornata dei corpidi 
S. Primo, di S. Feliciano, e di S.Teo- 
baldo . ivi. fecondo il Nicolio , era 
chiamata Villa dallo Stato di Vero- 
na. iv4-è Cartello tanto onorato e 
civile, che da alcuni Iftorici di gran 
nome è chiamato Città. 195. gli uo- 
mini del Contado non fono mai en- 
trati nel fuo Configlio . 169. ha tre 
porte con le fue Torri e Ponti, che 
conducono nei tre Borghi . ivi. ha 
tre Torri nella fua arme. 198. fab- 
briche di detta Terra . ivi. 

Badoeri , Badoero dei , da Venezia . S7 

Bagarotti, Matteo, Cancelliere è pre- 
fente all'aprimento dell' Arca di S. 
Teobaldo. 171 

Barbarigo, Agoftino, Capitanio di Pa- 
dova, deftìnato allo ftabilimento del- 
le cofe del Polefine. 47 

Barbiano, Conte Manfredo da, Gene- 
rale ai fervigio del Marchefe da E- 
fte . , 46 

Baronio vuole, che Narfete forte rice- 
vuto onoratamente in Coftantinopo- 
li 26. e che Alboino non chiamato, 



ma di fua volontà vcnifTe in Italia » 
ivi. iuo lungo parto. ti 2. nj.114 

Battaglia civile kguita in Padova ira 
i Car rarefi da una parte , e Paulo 
Dente con fuoi feguaci dall'altra. 40 

Beccadelli, Poli ione de' , Bologne le , Pa- 
della di Padova ammazzato dai Car- 
rarefi . 40 

Behlario Capitano dell' Imperatore Giu- 
ftiniano, 26 

Bellino S. memoria della fua vita fcrit- 
ta da Fra Bonagiunta. 127. è privato 
di vita con feiite, o fatto sbranare 
dai cani da Tommafo Capo di Vac- 
ca . ivi. fu fepolto in un'arcadi mar- 
mo in S.Giacomo della Fratta, ivi. 

Bellunefi, per aver ammazzato il loro 
Vefcovo, reftarono puniti con la pri- 
vazione del Vefcoyato per cento an- 
ni. \ 119 

Bembo, Marco, Vicario di Gentilizio 
Domicelli nelle caufe civili e crimi~ 
nali. 35 

Berengario Re d'Italia. 30 

Bernardo Abate della Vangadizza eleg- 
ge Gentilìzio Domicelli Podeità della 
Terra della Badia. 35 

Bernardo, Ambrofio, Nobile Veneto, 
Protonotario Apoftolico, eletto Aba- 
te. 191. comodi ed ornamenti procu- 
rati da erto al monaftero. ivi. 

Berofo , fuo parto. 72.meffo in credito 
da Annio. 1 

Bignonio, Girolamo, fuo parto. 78 

Biondo citato . 3. fuo parto. 5. è ri- 

prefo da alcuni. ivi. fuo detto. 15. cita- 
to. 28. fuo parto. 57 

Biorgo Re degli Alani partàto anch' 
egli in Italia finì di diftruggerla. 25 

Boccaccio citato . 15 

Bocchi ... feguìta Giovanni Villani , 
ed aggiunge un fogno di Ugo fecon- 
do. 148. 149 

Bonagiunta, Fra, Vefcovo d'Adralcrif- 
fe una memoria di S. Bellino , quale 
partita in nove lezioni è introdotta 
neir officio di quel Santo. 127 

Bonifacj, Bonifacio , Giureconfulto ed 
Arte fibre fcrirte varieOpere. 124 

Bonifacio , BaldafTare , Archidiacono 

nel Duomo di Trevigi , uomo eru> 

ditiflìmo . 125. varie opere di lurftam- 

pate . ivi. altre opere di lui manO- 

C e a fcritte. 



88 



Tavola. 



fcritte. "- u6 

Bonifacio, Fabio , Rodigino , Gìure- 
confulto, Afferfore, e perito di A- 
ftrologia. i25.fue opere edite, e in. 
edite . 1 2$ 

Bonifacio, Gafpero, figliuolo di Boni- 
facio, compofe un volume di Rime 
piacevoli e gravi , ed una favola bo- 
fchereccia . 135 

Bonifacio, Giovanni , Giureconfulto , 
fuo elegante Epitafio fu la fepoltu- 
ra di Celio Rodigino. 122. con una 
ornatiflìma orazione procura, che gli 
ila anche drizzata una ftatua. ivi. 
varie opere di lui fopra varj argo- 
menti, 125 

Bonifacio, Girolamo, Canonifta ed Ar- 
ciprete di Rovigo , e Vicario Gene- 
rale della Diocefe d' Adria , e fuo 
Comento fopra i Diftici di Cato- 
ne. 124 

Bonifacio, Lodovico Conte di S. lettera 
ad elfo fcritta da Papa Eugenio IV. 
121. invertito da Bernardo Abate del. 
la Vangadizza di una parte di Feudi 
frettanti ali! Albrici da Lendinara . 

»37- 
Bonifacio Papa approva la compofìzìo* 

ne ed inveftitura, feguita tra l'Aba- 
te, ed il Comune di Padova. 45 

Bonifacio, Rizzardo San , inveftifce cer. 
ti fuoi livellari di Beni porti &c. 137 

Borfo Duca di Ferrara rafciuga il Pae- 
fe fommerfo dalle acque del Cafta- 
gnaro. ti 

Brello, Giacomo, Dottore , e Cittadi- 
no di Lendinara. 48 

Breve di Papa Alelfandro Quarto con- 
tra il Comune di Padova , acciò re- 
rtituifca all' Abazia tutto quello che 
le avea ufurpato . 4?. altro breve di 
fcomunjca del detto Pontéfice contro 
lo rte0b Comune , ivi. 

Erogi.ioli, Marchioro e Filippo, fcuo- 
prono una fepoltura , nella quale era- 
no offa, come credettero, di un Gi- 
gante . * 6.0 

Brondolo finirtra foce dell'Adige , coti 
cui inette in mai e . 10 

Brufoni , Francefco, Rodigino , Conte 
Palatino, e Poeta laureato. ' 123 

Bruto D. fu con imperio; nella Vene- 
zia . 24- 'fualerrera a Cicerone in rac- 



comandazione dei Vicentini. ivi. 

Buonvico fu Vico , e Corte. 6j. fu poi 
chiamato Rovigo . 6% 

Buova dell' Adigetto. i 

Burgundio, Teofilo, Rodigino, Teolo- 
go, fue opere. I2J 

Bufati , Orazio , Agente del Priuli è 
prefente all' aprimento dell'Arca dì 
S. Teobaldo, 177 



GAnal de' Buoi. 6 

Cancellarla della Vangadizza • 50 
Candiano , Pietro , Doge di Venezia* 

Canobio, AlefTandro , citato. 35 

Capaccio, Giulio Celare, citato. 8 

Capo di Vacca, Tommafo, priva di vi- 
ta con molte ferite S. Bellino, o, fe- 
condo altri, lo fa sbranare dai cani . 
127. nerTuno della fua dipendenza po- 
tè mai entrare nella Chiefa di S.Gia- 
como del la Fratta, in cui S. Bellino fu 
onorevolmente fepolto. ivi. 

Cardona , D.Raimondo di , Viceré di 
Napoli. 48 

Carlo Magno ha dato il nome alla Ro- 
magna . 27 

Carrara, Conte da, mandato a metter 
campo alla Terra della Badia. 45. paf- 
fa ad efpugriar Rovigo, ma è richia- 
mato per la interpolazione degli Am- 
bafciatori Veneti, ivi. 

Carrara, Francefco da , fa guerra coi 
Veneziani. 45. induce il Marchefe Ni- 
colò fuo Genero a romper efTo pure 
la guerra alla Signoria di Venezia. 
46. va in perfona al campo porto a 
Rovigo, ivi. ferito nei primi aflalti 
gli conviene ridurfi a Padova per ef- 
fer curato, ivi. rifolve di pafsar di 
nuovo fopra il Polefine , e vi fa mol- 
ti acquifti . ivi. vinto dai prieghi e 
dalle ragioni del Marchefe leva il 
campo e ritorna a Padova . ivi. 

Carrara, Francefco il vecchio da, glie 
levatala Signoria di Padova daGioan 
Galeazzo Vifconte. 45 

Carrara , Francefco Novello da , muo- 
ve guerra al Marchefe Alberto da 

Fer- 



T A V O 

Ferrara . 4f 

Carrara, Marfilio, Nicolò , Obizzo da, 
vengono alle mani con Paulo Den- 
te, e legnaci . 40 

Carrara, Obizzo da, ammazza fua io- 
rella per caufa d'onore, è ferito in 
faccia nella Battaglia tra i Denti e i 
Carrarefi, ed è fatto tre anni dopo 
Cavaliere da Cane Grande dalla Sca- 
la . 4 1 

Carrara, Ubertino da , infìeme con 
Tartaro da Lendinara ammazza Gu- 
lielmo Dente. 40 

Cafaubono , interprete di Polibio. 4. fua 
traduzione fedeliflìma di Polibio. 22. 
citato. 70 

Cafìlino, Bonaventura, Rodigino , ci- 
tato . 574. fua Iftoria di Rovigo . 

Cafìlino, Paolo Emilio, confuta il Ni- 
colio . 25. foi. 102. ha fatto un di- 
lcorfo dell'Origine e condizione del- 
la fua Patria e Famiglia , ed una O- 
razione al Cardinal Canano , ed al- 
tro. 125 

Caftagnaro fiume, io. paefe fommerfo 
dalle fue acque, n. entra in effo il 
fiume Tartaro. 14 

Caftelbaldo. 7 

Cartellano Veneto dì Rovigo fu pela- 
to in pubblico a pelo per pelo. 49 

Cartello dell'Abazia del Polefìne prefo 
da Alberto dalla Scala. 35 

Caftelnuovo. 12 

Catanio , Gafparo, Afleffore primario, 
nato della nobile ed antica ftìrpe di 
quelli da Lendinara , poffertbre di un 
libro mefTo infìeme da Viviano Fan- 
toni. i2c>.operò che fi facefTe il ri- 
tratto della Valdentro . 198 

Cato Cavalier Ferrarefe , oriondo pe- 
rò da Lendinara , feri ve certa Apolo- 
gia fotto il nome del Zago di Santa 
Rentua contro l' Iftoria del Nicolio. 
124, 

Cattanea Famiglia pria chiamata da 
Lendinara. 134.155 

Cattaneo , Altegadro , gran Canoni- 
fta e Vefcovo di Vicenza , fua fepol- 
tura in S. Agoftino di Padova . 
132 

Cattanei Antonio e Rizzardo Vendo- 
no la fua-giurifdizione di Lendinara. 37 



A. 



189 



Cavaleonc, f orto di, altrimenti la fo- 
ce Sagis. 4 

Cavalieri fatti da Cane Grande Scali- 
gero nelle allegrezze per 1' acquifto 
di Padova. 132 

Celio Rodigino, vedi Richieri Lodo- 
vico Maria. 

Cenoniani, amici econfederati dei Ro- 
mani . 21 

Cerimonia nella creazione del Duca 
Borfo di Ferrara . 49 

Cbiefa di S. Bellino. 12. di S. Sebartia- 
no. 14. fondata da Almerigo da Erte, 
dedicata alla B. Vergine, e dotata di 
beni circonvicini, fu poi chiamata dì 
Vangadizza. 143 

Chiruola o Fofla Padovana era perdi- 
videre il Polefìne dal Padovano, io 

Cicerone, fuo luogo. 22. "23. fuo paf- 

. io • . . . . 75 

Cimbri calarono in Italia per il Nori- 

co, fecondo Plutarco, o per le Alpi 

di Trento. 9. è loro vietato il paf- 

far verfo Roma da Lutazio Catulo 

Proconlòle. ivi. 

Cimmerj, popoli nei confinì di Pata- 
gonia. ^ j 9 

Cittadinanza antica Romàna in checon- 
fifteffe. 80. donata da Gelare ai Tra f- 
padani . 82 

Citadini Romani altri erano pieno jure, 
altri Municipi , altri Coloni , altri 
anco di minori prerogative. 81 

Cittadino pieno jure che privilegi , pre- 
rogative , e preeminenze averte . 81 

ClafTe prefa. 27 

Oliverio, Filippo, citato. 8.ha avver- 
tito molti errori in Tolommeo ed 
altri .5?. fuo lungo parto, in'cui raccon- 
ta una notabile impoftura di Annio 
Viterbiefe. 84.85 

Colonie mandavanfì o per ifearicare le 
Città di Cittadini poveri', o perchè 
era bifogno di aflìcurare qualche con- 
fine col fabbricarvi Città &c. 68 

Colonie dovevano ufare le leggi e for- 
me dei magiftrati della loro matri- 
ce. 82 

Colonna Profpero. 4S 

Columella, fuo paffo. 77 

Comizj Curiati .81. Centurìati . ivi. Tri- 
buti . ivu 

Comune di Padova compra dagli E- 
C e 3 ftenfì 



zo6 



Tavola 



frenfi per diecimila lire Rovigo. 38 

invertito dall'Abate dilla giurisdizio- 
ne della Badia &c. 44 
Comune di Verona manda ad afTalue 
il Cartel lo della Badia . 36. efortato 
con Breve d-f 1 Papa ad affiftere all' 
Abate della Vangadizza . 45 

Concilio convocato nella Città di Ve- 
rona da Lucio Pontefice. 32 
Contado di Rovigo confiderato nello 

. flato preferite ha molte fortezze. 126. 
è ornato del Corpo di S. Ballino. 127 

Contarmi , Francesco , Ambalciatore in 
Roma per la Repubblica, 192 

Conti Ingolfo (eguita ed appruova l'o- 
pinione dell' Ongarello. 37. citato. 38 

Contrarj Ugucione prende Rovigo per 
il Duca. 49 

Convenzioni tra l'Abate, ed il Comu- 
ne di Padova regiftrate e notate in 
tre luoghi . 44 

Corbola fiume . 6 

Corio numera i gradi della nobiltà. 
154. ma'e informato, o equivocando 
fenve che Eccelino facefle ammazza- 
re tutti gli abitanti di Lendinara . 

157- 

Cornelio Nepote citato . 20 

Corradino, D. Ifnardo , Abate Camal- 
dolefe , (uà memoria lafciata di aver 
veduto orli umani di grandezza mol- 
to più: che ordinaria cavati dall'im- 
peto deh' acqua. 60 

Corfo dell'Adige per Caftagnàro , Ma* 
lopera, Buova, e Chiruola . io 

Corte non è di parere del Pigna. 

54. citato. ' % 55. 142 

Corte luogo delti Bronzieri . 14 

Corte Noifa fabbricata dalli Tofcani a 
fine di ridurvifi a contemplare il cor- 
fo delle ftelle - 77 

Corte, tao lignificato non folo predo i 
buoni Autori Latini, ma anco nelle 
formule e fcritture antiche de' No- 
tai. . ; 77 

Coi tufo Guglielmo , citato .38.3(9.40. 
4 r.fcrive coerentemente ad una Croni- 
ca antica manoferitta • 156 

Craffo, Nicolò , fuo tertimonio circa 

, il Te/lamento del Paletti, efua Irto- 
ria creduta del Pigna. 105 

Crepaldo, Pietro, disfece un Ponte tro- 
vato [otterrà, . $1 



Ctefcenzìo Nobile e Confole Romano, 
morTo da ambizione , e corrotto dai 
denari di certo Vefcovo Piacentino, 
lufeira un graviflìmo feifma . 145. è 
aiTediato nella mole di Adriano. 146. 
dopo effergli ftate troncatele mani, 
cavati gli occhi, tagliato il nafo e 
le orecchie, con il capeftro al col- 
lo è condotto per la Città, e final- 
mente impiccato, ivi. 
Crifoftomo Dione, fuo caffo. ; 19 
Crocetta, villa fotto alla Badia. 14 
Cronica antica allegata dal Prifciano . 

6. creduta dall' Alberti, ivi. 
Cronica Padovana fcritta in bergamina 
da Pietro Paolo Vergerio da Giuftino- 
poli. 41 
Cronica Padovana antica manoferitta 
in bergamina pofleduta prima daTro- 
jano ed Ettore Dotti Nobili Pado- 
vani, ora è preffo gli Eredi di 

Duodo Cavaliere , e Nobile Vene- 
ziano . 13 5. fuo principio, e capitolo 
riferito, ivi. 136 

Cronichetta Veronefe citata. 137 

Crotone metropoli degli Umbri. 18 
Cunigonda Figliuola di Guelfo IV.Du- 
ca di Baviera , moglie di Azzo IV. 
da Erte. 177 

Cunigonda, altra, diverfa dalla prima, 
e più antica, moglie di Enrico Pri- 
mo Imperatore, 178 



D 



DAmararo Corintio diede l'ufo del- 
ie lettere alli Tofcani . 7^ 
Dante, fuoi verfi. 69. altri verfì . 14S 
Dardano figliuolo di Conto cacciatoda 
Teucro torna con gli Euganei in Ita- 
lia. 19. fabbrica Erte Città antichiilì- 
ma capo della Venezia . ivi. fecondo 
altri, figliuolo di Giove e di Elet- 
tra . ivi. 
Dentato M. Curio, Confole. 56 
Dente, Gulielmo, ammazzato da Uber- 
tino da Carrara , e da Tartaro da 



Lendinara, 



40 



Dente, Paulo, venuto alle mani coi 
Carrarefi è fuperaro, e .(cacciato, ao 

Defiderio Re dei Longobardi , fucceffo- 
re di Aftol&fciinfcfta lo ftato della 
Chiefa, e prende alcune Città dell* 

Efar- 



AVO 



A. 



207 



Efarcato. 28. viene in Italia contro 
di lui Carlo Magno a richieda i i 
Papa Adriano, ivi. èfuperato da Car- 
lo, e rtniicc in erto il Regno dei 
Longobardi, iva 

Diacono Paolo, citato. 55 

Diomede, gli è attribuita l'origine di 
duf* antichififime Cictà , _ Adria , e 
Spina . 50. fuoi compagni fi finfero 
cangiati in uccelli, infetti a tutti , 
fuorché ai Greci. 51 

Dione, fuo parto. 90 

Domiceli) Gentilizio , Camcrierofecre- 
to del Papa, eletto Rettore e Po- 
deftà della Badia , e fue Ville. 55, 
elegge Marco Bembo per fuo Vica- 
rio nelle caufe civili ■ e criminali . 
ivi. 

Dominio della S. Sede fopra Ravenna 
e 1 Eiarcato. 50 

Domnizone lcrifife le cofe di Matilde 
in Utile molto barbaro. 158. titolo e 
verii del ino libro, ivi. fi è inganna- 
to. 160. altri fuoi veri! . i<5i 

Donazione del Re Pipino alla Chiefa. 
28. di Carlo Magno, di Lodovico , e 
di Otto Primo Imperatore. ivi.à\ Lo- 
dovico Pio. 27. di Lodovico regiitrata 
dal Sigonio. 29 

di Otto Pnmo fi trova recitata ad 
ver bum negli Annali del Baronio. 
29 

Donazioni degl'Imperatori. 28 

Donazioni tre fatte da Ugo alla Aba- 
zia della Vangadizza. 150. riportate 
di ilefa mente . 1 6 1 . e feg. 

Dotti, Trojano ed Ettore, Nobili Pa- 
dovani polTeifori un tempo di un'an- 
tica Cronica Padovana manoscritta. 

Duodo Cavaliere e Nobile Ve- 
neziano , fuoi eredi pofleflbri di un' 
antica Cronica Padovana. 155 



E Goni Galli. 20 

Emilia con altre Città comprefa 
nella donazione di Lodovico Pio . 

Eneti venuti con Antenore di Paflago- 
nia. 15. goderono e dominarono i 



contorni d' Adria fino ai tempi di 
Tarquinio Prifico. 20 

Enrico Duca di Baviera infieme con U- 
go libera l'Imperatore. 146 

Enrico Primo Imperatore, uomo caftif- 
fimo, morendo laida la moglie ver- 
gine. 178 

Enrico Figliuolo di Federico Barbaroila. 
dona , o , fecondo altri , fa reliitui- 
re Rovigo ad Obizzo primo d'Efte . 

r- 

Enrico VI. Imperatore. x 1.154 

Eridano foce che va nell'Adriatico. $ 
Erizzo, Domenico, ammazzato , com- 
battendo virilmente . 57 
Erodoto fa Tirreno figliuolo di AtiRe 
di Lidia. - 17 
Eruli condotti in Italia da Attila . 2$ 
Efarcato fu chiamato Romagna, e Ro- 
rnaniola. j. molto vicino a Raven- 
na. 2^. detto per l' innanzi la Flami- 
nia . ivi. è di ragione dell' Imperio 
Greco . 27 
Efacro ajutato e rimeffo in iftato dai 
Veneziani. 27 
Erte fabbricata da Dardano. 19. fuo pri- 
mo nome Atefte. ivi. 
Elle Aìbertazzo Marchete I.d' 30 
Erte , Marchefe Alberto da , paga quin- 
dici mila Ducati d' oro al Signor di 
Padova. 45 
Elle Aldobrandino e Francefco vendo- 
no al Comune di Padova [per dieci 
mila lire Rovigo ed ogni fua ragione 
nel Polefine. j8 
Efte , Aldobrandino Marchefe da , cede 
a Giacopo da Carrara il Caftello di 
Vigifiuolo in Padovana , ed ha all'in- 
contro la Torre fabbricata nel Pin- 
zone. 141 
Elie Aldobrandino da, figliuolo d'Azzo 
acquifta con l'armi la Marca Anco, 
ni tana occupata per innanzi dai Con- 
ti di Celano. $2. }j. è fatto Vicario 
con titolo di Marchefe da Innocenzo 
III. ivi. gli è confermato il dominio 
di Rovigo , come erede e fucceffo- 
re di Obizzo fuo avo » e di Azzo fuo 
padre . ivi . 
Efte, Alfonfo fecondo da, Duca di Fer- 
rara occupa , perde , e ricupera il 
Polefine. 4S 
Efte , Azzo à' f ottiene per eredità della 

Ma- 



19* 



T A V O 



A. 



Moglie Marchefelia le facoltà degli 
Addardi. 3 2.. fu Tempre parziale del- 
la Chiefa , contro Salinguerra To- 
rello di fazione Imperiale , ivi. pri- 
gione de' padovani . 36 
Elie, Azzo novello d\ fratello di Aldo- 
brandino ^benemerito della Santa Se- 
de. 33 
Eftè, Azzo Vili. da, volle efler Sepol- 
to alla Badia . 178. combattendo a 
bandiere fpiegate, fu la Buara di Ve- 
rona vinfe e fece prigione Ezzelino 
il Monaco , cui generofamente rimi» 
fé in libertà, ivi . furono poi le fue 
offa trafportate a Ferrara . ivi . fuo 
epitafio» i8r 
Elle, Bonifacio da. 54 
Elle, Borfo da , creato folennemente 
Conte di Rovigo da Federico Ter- 
zo Imperatore . $4. creato Duca di 
Ferrara dallTmpera'tore. 49 
Efte, Nicolò III. .Marchefe da , è in- 
dotto dal Carrarese a romperla guer- 
ra alla Signoria di Venezia. 45. man- 
da in Polefihe Luca da Lione con 
buon numero di foldati. 46. va pro- 
vednto di gente alla Badia , che gli 
apre le porte, jitf.il fimile faaLen- 
dinara . ivi. pone il campo a Rovi- 
go, ma è obbligato a partirli per 
andar a impedire i progredì de* Ve- 
niziani. ivi. 
Ette, Ercole primo da, Duca di Ferrara 
dà caufe ai Veneziani di movergli 
guerra. 46. fa fare, contra Je con* 
yenzioni ,fali a Comacchio, non vuo- 
le pagare i folìti Dazj, e pianta al- 
cune fortezze a Cavarzere. 47. è in- 
dotto da Lodovico Sforza fuo Gene- 
ro a negare il paffo alle genti Ve- 
neziane, ivi ^ gli è reftituito Rovigo 
dai Veneziani per levarlo dall'unio- 
ne col Duca di Milano . 46 
Efte, Nicola Marchefe da , riceve A- 
dria da Gifmondo Imperatore. 33 
Efìe Obizzo primo da. Gli viene do- 
nato da Enrico, o , fecondo altri r 
reftituito Rovigo da Ezzelino Mo- 
naco . 32. s' impadronifce di Modena 
e Reggio. 3Z 
Efte , Rinaldo da . 33. leva Rovigo al 
Vefcovo Adriefefcifmatico, e ne of- 
tkae iavsftkura dall legìtimo Ponte- 



fice. $6 

Efte, Ugo fecondo da , Marchefe di 
Tofcana , dona la Chiefa della Van- 
gadizza ai Monaci Camaldolefi dell' 
Ordine di S. Romoaldo. 144. fi può 
dire che fia flato il primo edificato- 
re della Badia, ivi. da alcuni è chia- 
mato Ugo Terzo, ivi. pafsò con Ot- 
to fecondo Imperatore , e Duca di 
Saffonia in Italia. 145. foccorre il ve- 
ro Pontefice Gregorio. 146. cava af- 
tutamente dal pericolo 1' Imperato- 
re, ed è creato Marchefe d' Italia , 
e Governatore e Vicario della Tof- 
cana. 146. 147. fuo epitafio regiltra- 
to dal Pigna, dal quale fi cava, the 
forte nomi-nato Ugone Azzo. 147. 
148. non fi dee preftar fede a queir/ 
epitafio. ivìSi vuole da alcuni, che 
oltre l'abazia della Vangadizza, ne 
abbia edificato altre fette in Tofca- 
na. ivi. morì la fefta di S. Tommafo, 
nel qual giorno fé ne fa dar Mo- 
naci la folenne ricordanza . ivi. non 
fu di ftirpe Provenzale. 1 50. fuo Pa- 
dre chiamato con varj nomi . 152. 
fu congiunto di parentela con Bo- 
nifacio Marchefe di Tofcana, Padre 
di Matilde. 159 

Eftenfe, Nicolò Maria, Vefcovo d'A- 
dria, divifa in nove lezioni la me- 
moria fcritta da Fra Bonagiunta, la 
introdufTe nell'Officio di S. Bellino . 
127. 

Eftenfi cominciano a impadronirfì di 
Rovigo. 30. erano prima flati Pa- 
droni della Badia, ivi. 

Evandro Arcade diede l'ufo delle let- 
tere agli Aborigini. 73. 

Euganei partati in Italia con Dardano 
19. accompagnano Ercole all'imprefa 
di Spagna. 141 

Eugenio IV. Papa, fua lettera a Lodo- 
vico Conte di S.Bonifacio. 121 

Euftazio citato dal Calaubono fopra 
Strabone. 8. citato. 50 

Ezzelino il Monaco vinto e fatto pri- 
gione, è generofamente rimetto in li- 
bertà da A*zo VI IL da Efte . 17S 



Fabbri- 



Tavola. 



209 



FAbbrlche pubbliche della Badia di 
qualche coniiderazione. 19S. 199 

Faletti, Girolamo, fcrifle certe Poefie 
latine molto eleganti ed erudite.104. 
fa telbraento, e raccomanda la l'uà 
Moria a Gio. Battila Pigna. ! 105 

Famiglie di Ferrarefi e di Romani ve- 
nuti ad abitar la Crocetta. 14. nobi- 
li molte hanno ricevuto il nome da 
quei luoghi, ne' quali hanno avuto 
dominio. 131.de' San Bonifacj , e de 
Salvaterra ebbero campi e pofleflìo. 
ni, ma non già dominio o giuril- 
dizione nel Cafteho dì Lendinara . 
138. 

Fantoni , Viviano , da Lendinara, {uè me- 
morie, io. vuole che vi fi a qualche 
differenza di lingua nelle Terre del 
Polefìne . 16. fuoi Collettanei . 41. 
fcritturecontenute inefli. 41.42. rac- 
colte molte fcritture antiche appar- 
tenenti ad alcune Famiglie di quel- 
la Terra. 129. fuoi penfieri merita- 
no più tofto effer partati con rifo , 
che confutati con alcuna ragione . 
ivt. 150 

Federico BarbarofTa tira a sé la pro- 
prietà di tutti i contorni d' Italia 
50. riceve 1' Abazia della Vanga-* 
dizza fotto 1' imperiai protezione j 
e conferma il pofleffo di tutti > 
beni . 30. libera V Abate , Cartello, 
ed abitanti dal dominio di eadaun 
altro Prencìpe così Ecclefiaftico , 
coma fecolare . ivi, ,*i, pretende- 
va autorità di riscuotere dalle Città 
della Chiefa certa ricognizione chia- 
mata Fodruni. ivi. pretendeva aver 
ragione e fovranità lopra la, fteffa 
Roma. ivi. nega di redimire a .Lu- 
cio Pontefice l'eredità di Matilde , 
e ciò eh' era di ragion della Chiefa. 

Federico Terzo Imperatore crea Borfo 
Conte di Rovigo. 54. gli dà la fua 
propria arnia. 49 

Ferrari, Ottavio, citato. 8 

Ferreti, Pietro, fuo giudizio. 90 

Ferro, Antonio, da Parma Dottor© e 



stonaco fu confermato Abate , e per- 
petuo Commendatario dal Pontefice 
Gregorio XII. 19» 

Ficheruolo, rotta ivi. fuccefla . f 

Fiumi tono più antichi delle Città . 6. 
di coniiderazione tralasciati da To- 
lommco e da altri. 6.9 

Flaminia comprefa neh* Efarcato . 3. co- 
sì nominata dalla via di Q^ Flami- 
nio. 27. fu dipoi chiamata Romagna 
da Carlo Magno, e da Papa Adria- 
no . ivi. 
Foce prima e più meridionale che sboc- 
ca nell'Adriatico, ha varj nomi, j 
Fortezze del Territorio dì Rovigo. 126 
Fortuna di bronzo , lunga un piede e 
mezzo, di opera antichiifima. 61 
Forta Padovana, detta la Chiruola. S 
Foifa Filiftina cavata da' Tofcani Atfa- 
gi. 12. cominciava fotto Caftelnuovo, 
e conduceva le acque al mare. ivi. 
Foffa Saga creduta il Po dal Nicolio. 

Foffioni della Filiftina , fé fi: a foce. 4 

Follone deftra foce deli' Adige , con cui 
mette in mare . io 

Fracchetta, Girolamo, Filofofo , e gran 
Cortigiano j ftampò varie opere. 124 

Fratta, Fortezza della, occupata, o fe- 
condo il Sigonio, edificata da Salin- 
guerra Torello . 54. ricuperata dall' 
efercito Veronefe. ivi. da chi edifica- 
ta. 126 

Fuìigno, Lodovico, Rodigino , Giure^ 
confulto, &c. fua orazione. 12J 



Alefino Pietro riferifee una me- 
moria trovata- in Ligiuno in pro- 
posito del corpo di S. Primo, e le re- 
liquie di S.Feliciano. 168 
Galli Egoni.20.non ebbero mai che fa- 
re nei paefi poffeduti dai Veneti. 22 
Gavello parte del Contado di Rovigo. 

Gazzo o Gaibo Caftello di. 36. edificato 
dai Veronefi. 127 

Geilio, fuo parto riferito. 81.82 

Giancarlì , Gioan Battifta , Rodigino , 
Arteffore. 123 

Giovanni X. non Papa , ma fcellerato 
Pfeudo- Pontefice. uà 

D d Gio- 



210 



Tavola: 



Giovanni XX. Papa, diverfi pareri in- 
torno all' intrufione, od elezione di 
dui, "5 

Giornande citato, . 28 

Gìraldi concorda col Pigna. 34. citato 
144. 145. 148 

Gifmondo Imperatore dà Adria a Ni- 
colò fecondo Marchefe . 33 

Giurifdizioni degli Abati della Vanga- 
d'izza, *i>4 

Giuftiniano Imperatóre, ~''J-\ 2Ó 

Giuftiniano, Pietro, chiama Città Ro- 
vigo , Lèndinara , la Badia , ed A- 
dria, e le altre Terre. ! 15*5 

Giuftino abbreviatore di Trogo citato. 
52. 

Giuftino Imperatore. _ 26 

Goltzio tratta efattamente delle Tribù, 
ma non fa menzione della Tribù La- 
tina, 8$ 

Goti venuti in Italia con Teodorico 
Re loro. 25. vinti e depreffida Belifa- 
rio. 26. fpenti del tutto da Narfete . 
ivi. 

Gradi della Nobiltà annoverati dal Co- 
rio, . J54 

Gregorio Papa perfuade i Veneziani ad 
aiutare l'Efarco. 27 

Gregorio V. Pontefice di vita efempla- 
riffima è foccorlo opportunamente 
dal Marchefe Ugo. 145.146 

Gregorio Segretario di Coftantino IV. 
Imperatore,. 27 

Gualdrada Moglie di Pietro Candiano 
Doge di Venezia. _ 15 

Gualla vuole che i corpi di S. 

Primo e S. Feliciano fiano in Pavja. 

169. 

Guerra nata tra i Veneziani e Fran- 
cete© da Carrara . 45. moffa da Fran- 
cefco Novello da Carrara ad Alber- 
to Marchefe di Ferrara. 45 

Guicciardino citato. 142 

H ' 



HEneti vennero dì Paflagonia a 
Troia , e da Troia in Italia. 20, 
mutata l'H. in V, furono chiamati 
Veneti, iv'u 



IDoli di bronzo trovati fotterra in gran 
quantità. 60. furono donati ad un 
Mercante Veneziano. 61 

Imperio de'Vjfigoti abbattuto fotto Ar- 
cadio ed Onorio. 25 

Incursione degli Ongarì fotto Berenga- 
rio Re d'Italia. 30 

Innocenzo III. fpoglia Filippo, Marcol- 
do , e Corrado di quanto loro era 
flato donato di ragion della Chiefa. 

Inondazione gravifilma. 7 

Ifach Abate della Vangadizza . 30 

Scrizione d'un marmo antichiffimo , 

24 
Ifthmo , picciol braccio , col quale la 
penifola è attaccata al continente . 
I 
Iftorici, gì', trattando di Ugo, fi fo- 
no allontanati dalla verità chi in 
una chi in un'altra parte, 151 

frumento celebrato l'anno 1379, 14. 
di compofizione tra l'Abate e Capi- 
tolo dei Monaci da una parte , ed 
il Comune di Padova dall' altra . 

44 
Italia inondata al tempo di Autare Re 

dei Longobardi. 7 

Italia nei primi tempi detta Saturnia . 51 
Italico Silio, fuof verfi . 55 



LAgo ofcuro. 1 £ 

Lago Verbano. p 

Laftricato a molàico belliffimo trovato 
jn certo campo dei Bocchi verfo Ra* 
venna . ,jp 

Lambertj, Lamberto, Podeftà dei Ve- 
ronefi, 54. chiama Lèndinara e la 
Badia Cartelli molto abitati , 1515 

Leandro Fra citato. 2. 3. 15. 28. 

Lèndinara , pafTa per effa l'Adige. 7. 
benché riftretta di Territorio iupera, 
però di fertilità. 16. è popolata po- 
co meno di Rovigo , ivi. effa e la 
Padia reftìtuita all'Eilenfe . 45. non 

è mai 



Tavola. 



zìi 



e mai fiata in rerum natura fotto 
altro nomo . 130. derivò tal nome 
dalla Famiglia Lendinara di Verona. 
ivi. era prima della edificazione di 
Rovigo, e della Badia . i ^ t . non è 
mai fiuta diftrutta. ijS. fi la per tra. 
dizione, elferfi trovati in ella molti 
marmi con iscrizioni antiche . ivi . 
al prefente non le ne trova che vi- 
no, il quale maltrattato fi vede ap- 
pretto il pozzo di S. Soffia . ivi. i- 
icrizione di quel marmo. 139 

Lendinara, la Famiglia da , chiamoffì 
prima forfè Lendinara , o dei Len- 
dinari , ora Cattane» , ebbe origine 
da Verona, iji. ebbe , fé non tutta, 
gran parte delle giurifdizioni di quel- 
la Terra , e f« non le diede efla il 
nome, è da credere, che il ricevef- 
fe . ivi . fu ne' paffati tempi molto 
nominata nelle Iflorie e Croniche 
fìampate e manoferitte di Verona e 
di Padova, ivi. è primaria di ricchez- 
ze e di nobiltà in Lendinara, ed ha 
cafe e beni in Verona ed in Padova. 
132. il primo di quella Famiglia , 
per le più antiche memorie , fu Li- 
berto Nobile Veronefe. 133. var) al- 
tri periònaggj di quefta Famiglia per 
ordine Cronologico, ivi. da un Gu- 
gliemo Capicanio Generale di Fede- 
rico Secondo Imperatore cominciò a 
chiamarli dei Capitanei, e poi Cap- 
tanei , e con più corrotto vocabolo 
Cattanei. 134. fuo dominio e grurif- 
dizione in Lendinara pafsò in altre 
Famiglie per via di Donne . ivi . e 
fpezialmente perviadi Amabilia ma- 
ritata in Badoero Badoeri Nobile Ve- 
neziano, .135 

Lendirìafa , Alberico da ,- privilegio a 
lui concetto da Enrico Imperatore . 
132. fu "Avo di quel Cofmo da Len- 
dinara che i'ntravenn'e nella congiura 
ed uccifione di Mattino primo dalla 
Scala Signor di Verona. 133 

Lendinara, Marfilio da , ebbe feudi e 
giurifdizioni da Federico Primo Bar- 
ba rotta. 13 3 

Lendinara, Rizzardo , chiamato Tar- 
taro da, grande amico dei Carrare- 
Ci, molto nominato dai Cronifti Pa. 
divani. 131, fu fatto Cavaliere da 



Cane Grande Scaligero nelle alle- 
grezze per l'acquillo di Pudova.ru/. 

Lendinara , Tartaro da , inficine con 
Ubertino da Carrara, ammazza Gu- 
lielmo Dente . 40 

Lendinarefi ebbero ordini e confuetudi- 
nì di Governo , prima dei Rodigi- 
ni. 131 

Leonello Marchefe , 14 

Leoni , Antonio , Nodaro della Can- 
cellarla del Comune di Padova. 13^ 

Leonora Figliuola di Ferdinando di Ar- 
ragona Re di Napoli, moglie di Er- 
cole Primo Duca di Ferrara. 47 

Lettera di Mr. di Peirefc. 62. di chi ha 
fatto -l'incontro dei Privilegi- 107. 

Lettere dell' Abate della Vangadizza al 
Podeftà e Comune di Padova . 44 

Lidj furono prima nominati Tirreni da 
Tirreno Re loro. 17. poi Tofcani 
dall'ufo dei Sacrifizi. vùìl 

Lingue Ofca e Cartaginefe fonò anda- 
te in dimenticanza. ij» 

Lione , Luca da , fi unifee con il Con- 
te Manfredo da Barbiano Generale del 
Marchefe . 47 

Livio citato. 17. 20. 50. 54. 55. 71 

Lodovico Cardinale di San Lorenzo iti 
Damafco Patriarca d' Aq-uilei-a eletto 
Abate e Commendatario dal Ponte- 
fice. 15)0. fabbrica da elfo fatta , e 
memoria di ciò. ivi» 

Lodovico Pio, fua donazione. 17 

Lombardia occupata da Alboino . 26 

Longino con titolo di Éfarco rifìede ini 
Ravenna , ed ha fuprema autorità 
nelle cpfe d'Italia. 16 

Longobardi venuti in Italia con Alboi- 
no fuo Re.* 2£ 

Lonigo Gattello del diftretto Vicenti- 
no* 24 

Loredano Antonio dato per Coadiuto- 
re nell'Abazia a Franceicc* fuo Zio. 
192. muore in Roma, mentre er£ 
Cameriero del Pontefice. ivi. 

Loredano, Francefco, Nobile Veneto,. 
Pronipote del Principe Leonardo,- elet- 
to Abate. 15)2. gli è dato per Coa- 
diutore Antonio Loredano iuò Nipo- 
te.- ivi, 

Loredano, Francefco , fecondo di que- 
llo nome , eletto Abate. 142. due 
anni prima di morire impazzjfce- , e 
0d 1 fa 



212 



T a v o t a 



fa Ubera rinunzia dell' Abazia in ma- 
no del Pontefice Clemente Vili. ivi. 

Loredano* Francelco , terzo di quello 
nome fuccede nell' Abazia a France- 
sco fecondo- 192. muore giovine d' 
anni 25. in Padova , per disordini 
fatti in un viaggio con Giovanni 
1 de'Medici . - ivi. 

Luchini, Padre Benedetto, pofe infieme 

• e divòlgò l'albero della Contea Ma- 
tilde. 159- 

Lucio Pontefice convoca un Concilio 
in Verona, e addimanda all'Impera- 
tore Ja reftituzione dell'eredità di 
Matilde, e del refto ch'era di ragion 
della Chiefa. '32. 133 

Lùìtprando XIX. Re dei. Longobardi s' 
impadronifee di molte Città a Ra- 
venna foggette, e ne forma un Du- 
: cato„ 27 

Lutazio Catulo vieta ai Cimbri i! paf- 
faggio verfo Roma. 9 



M 



M Aerobi© , fuo luogo.. 24 

Manuzio tratta efattamente del- 
le Tribù . 8-5 
Marca Anconitana ufurpata già dai 
Conti di Celano , acquetata con 1' 
armi da Aldobrandino da Elle* 32 
-Marcello M. Claudio, fua vittoria. 20 
Marchefella figlinola di Adelardo , e 
nezza di GugHemo- , moglie di Az- 
zo Eftenfe. £ 2 
Marcomanni condotti in Italia da At- 
tila . 25 
Marmo antichiffimo in Lonigo. 24 
Marmo con lettere antiche ritrovato 
nella fagreffia del Monastero delta 
Vangadìzza . 166 
Marocello Pietro porta urio ftendardb 
. rofifo nella creazione del Duca di 
Ferrara . 49 
Marfo , Pietro , fuo sbaglia non ha ef- 
cuiàzione. 56 
Martino Abate invertito da Ugo fecon- 
do da Efte della Chiefa, e beni del- 
la Vangadizza. 144 
Marziale, ino verfo. 77 
Maffimiiiano Cefare. 48 
Matilde fu maritata prima in Gotti- 
fredo il Gobbo , poi in Azzo* o Al- 



berto 5 da Efte fuo parente. 1^9 

Matterelli , Gio. Maria, Rodigina , 
Dottore di Canoni s e Vefcovo Cor- 



fenfe , 



12* 



Medaglia ftraordinaria deferitta . 62. 
vedi lettera di Mr. di [Peifefc. 

Medici, Giovanni de'. 192 

Melandriano foce prima dell' Adriati- 
co, ^ 

Memorie dei Ss. Primo , e Feliciano 
Fratelli Romani a' tempi di Diocle- 
ziano. 175. di S. Teobaldo Nobile 
Francefe. ivi. e feg. 

Minàdoi, Giambatifta , Rodigino , Fi- 
lofofo e Medico , e Tuo libro ftam- 
pato, i2j 

Minadoi , Tommafo , fuo Figliuolo , 
Medico anch' elfo, Filofofo , fcrifTe 1° 
Kloria di Perfia , e molte opere di 
Medicina. ti; 

Mocenigo, Giovanni,- Doge, nella fe- 
poltura di lui furono fcolpite le tre 
Terre del Polefine, e fuo elogio. 47 

Mocenigo , Abate Francefco , Vicario 
Generale apre l'Arca di S. Teobaldo 
di commiffione di Matteo Priuli .• 170* 
rifolve anco di veder la pietra delP 
Altare de' Ss. Primo , e Feliciano . 

Monache d' Adria, facendo cavare nèlP 
orto, trovarono un focolare, e alcune 
piccioli bafi di pietra rolla lavora- 
te'. 60 

Moncelice. 7. predo da Agilulfo, 27 

Monticoli capi della parte- Ghibellina 
in Verona, 34. 

Morìgia ..... .-. deferive diligentemente 

tutte le reliquie e corpi fanti , che' 
fono in Milano. ió8 : 

Mula , Criftoforo da , fua mifericordia 
verfo la Città d'Adria. 5.7 

Mula* Lorenzo da, Fedeltà di Rovi- 
go .- 102 

Municipi potevano governarfi con quel- 
le leggi che avevano per innanzi . 
82 

Mufsato, Albertino , Iftorico e Poeta 
celebre Padovano , Podeftà di Len- 
dinara per il Comun della iua Cit- 
tà. 38. 45 



&ar- 



Tavola. 



*'* 



N 



NArfete fpegne intieramente la na- 
zione dei Goti . i6. vuole che 
tutte le Città riconoscano la fovra- 
nità dell' Imperatore . ivi. oltraggia- 
to da Sofia moglie dell' Imperato- 
re Giuflino chiama in Italia Alboi- 
no Re de' Longobardi , 2<5 
Nicola Papa eforta con fuo Breve 
Alberto Capìtanio , e il Comune di 
Verona , a predare il fuo aiuto all' 
Abate della Vangadizza . 43 
Nicolio , Andrea, autore dell' Ifloria 
di Rovigo. 3. malamente pretende, 
che il Po fia flato la fotta Saga 3. 
citato . 5. (uà vanità. 15. altera la 
verità di un fatto. 36. dittìmula la 
compreda di Rovigo fatta da' Pado- 
vani. 58. pretende vanamente, che 
Rovigo fia (lato fempre Terra prin- 
cipale perle fletta, indipendente, né 
foggetta ad altri. 39. non ha ben e- 
faminate le fcritture antiche delle 
Cancellarle del Polefine. ivi. cerca, 
qua! provinone abbia mai fatto il 
Comun di Padova per Rovigo . 40. 
lungo difcorfo trafcritto dalla fua I- 
floria . 65. e feg. fa alcune tacite 
fuppofìzioni o apertamente fai fé , o 
difficili a foflenerfi. <58. e feg. vuole 
che una Famiglia di Rovigo eftinta 
1' anno 1310. folte fobole dei primi 
Tofcani . 70. fi ferve fuori del cafo 
dell'autorità di Livio. 71. affai buon 
Giurifconfulto vuol trattare alla lega- 
le. 75. o ha prefo errore nel legge- 
re, o fi è fervito di tefto deprava- 
to. 79. fa gran fondamento fopra le 
fcritture dì Annio . 83. vanamente 
fi aggira per dedurre i primi princi- 
pi della fua Patria da una rimotiffi- 
ma antichità. 85. confutato da Pao- 
lo Emilio Cafilino . 95. fi sforza di 
rifolvere l'im portanti ifi ma oppofizio- 
ne 96. yji. fue fantafie. 104. Giure- 
confulto ed AfTeffore, (lampo V Ifto- 
ria di Rovigo, 124 rifponde a cer- 
ta Apologia fcrittagli contro con u- 
na Scrittura intitolata , 1' Antilogia 
del Bidello al Zago Rentuano . ivi. 
ftampa anche un Configlio legale 



per la Comunità di Rovigo, ivi. s* 
inganna circa l'edificator della Frat- 
ta. 126. fi è appigliato all'opinione 
del Pigna . i.?8. citato . 142. finge 
un'oraziou di Rinaldo ai Rodigini* 

Nomi de' Vefcovi Adriefi defcritti di 
tempo in tempo fecondo le loro pro- 
mozioni . 89 

Nota di un libro antichilTìmo , in cui 
fi fa memoria del corpo di S. Teo- 
baldo 167 



O 



Odoacre Re degli Eruli , e dei Tu- 
ringi riduce la Venezia a forma 
di deferto. 25 

Ongarello Scrittore di Padova. 37 

Opinioni varie circa Ugo fecondo da 
Efte. 148. 149. e feg. 

Orazione di Giovanni Bonifacio a Gi- 
rolamo di Porzia Vefcovo di Adria. 
per trafportare a Rovigo il Corpo 
di S- Belino. 125. 128 

Orfeolo Otto vinfe gli Atlriani , e gli 
disfece . ?o 

Otto Secondo Imperatore , e Duca di 
SaiTonia. 145 

Otto Terzo Imperatore (accetto ad Or- 
to Secondo. 145. palTa con efercito 
in Italia 146. attedia Crefcenzio col 
fuo falfoPonrefice, gli ha in fuo po- 
tere, e fa loro portare le debite pe- 
ne, ivi- flretto etto nel Vaticano dal 
Popolo Romano follevato, era in ter- 
mine di perder la vita e l' Imperio , 
fé non era liberato da Ugo. ivi» 

Ovidio, fuoi verfi * 52. altro fuo ver- 
fo. 77 



PAce tra 1' Imperatore e le Città 
confederate di Lombardia , ed al- 
tre d' Italia .31. fu detra quefla la 
pace di Coflanza . 32. tra gli Pado- 
vani, e gli Eflenfii 38. procurata da- 
gli Ambafciatori Veneti, e conclufa 
in Venezia. 45 

Padova munita dall' Efarco. 26. abbru- 
giata da Agilulfo. 27 

Padovani ai tempi |dei Marchefi d'Elle 

ebbe- 



214 



T A V O L À. 



ebbero padronia e ragioni nelle Ter- 
re del Polefine.. 45^ 
Padufa, paludi verfo Ravenna. % 
Paefe d'Adria pertinenza dell' Efarcato. 
27. tra il Po e V Adige vicino all' 
Adriatico (otto l'Efarco refla intatto 
dai Longobardi. 26. verfo il Po per- 
tinenza propria dell' Efarcato. 27 
Palude, Buonacorfo dalla, ',36 
Paludi alla banda deftra del Po verfo- 
Ravenna fi adiimandavano Padufa. 
j. quelle dallato fmiftro verfo Aiti- 
no , Settembri . ivi. sboccavano per 
fette foci nell'Adriatico^ ivi* 
Panvinio, Onofrio, citato. 8. 8r. fuo 
parto . 82. tratta efattamente delle 
Tribù. Si 
Paolo Diacono citato. 28 
Paolo II. Papa crea Baffo Duca di Fer- 
rara .. j4* 
Papafava, Ubertino, Vefcovo d* Adria 
acquifla moki Idoli di bronzo . 6t 
Parenzo, Conte Bonifacio da, 36 
Patercolo Velleio, fuo pattò. 24 
Patara, Marco, ha in dono gran quan- 
tità d'idoli di bronzo da Bàtti fta Sac- 
chetta.- 6 1 
Pavia occupata da Alboino-. 26 
Peirefc, Mr. di , Francefe , Configfieró 
Regio nel Parlamento d' Aix in Pro- 
venza , fua lettera . 6% 
Pelagio^ Papa . Italia inondata al fuo 
tempo. ■ 7 
Pelafgi fcacciati da' Liei) . 17. corretti 
a ridurfi cogli Aborigìni . 18 
Pellegrino fcriffe le- cofe di Ferrara e 
degli Eltenfi- it 
Perotto , interprete di Polibio. 4. fua 
traduzione di un luogo di Polibio .■• 
21. malamente traduce la voce Ffs- 
pxy- 22 : 
Pefcara, Marchefe df, 48- 
Pezzolato, Fioravanti , Nodaro Figli- 
uolo d'Antonio . 14 
Pigna, Gio. Battifla, citato. 30. fente 
diverlamente dal Sigonio. 34. deferi- 
ve l'arma di Rovigo. 49. è il pri- 
mo che abbia fcritto della edificazio- 
ne di Rovigo. 85. molto ben infor- 
mato delle cofe appartenenti agli [la- 
ti poffeduti dagli Eflenfi . 86.. fuo 
lungo paiTo. ivi. l'Iftoria , che porta 
il fuo nome,, none, fua ► 104. s'ingan- 



na nell'affegnare chi abbia edificato 1 
la Fratta 126. fuo paffo « 135. cita- 
to. 142. fuo paffo. 14$. 144. 1,56. 
ha prefo errore . 160. citato . 177. 
178. fa l' elogio di Azzo ottavo da 
Efte. 180 

Pignoria, Monfignore, citato. 8. citato. 
22^fuo perfetto giudizio. 25. peritif- 
fimo di antichità. 61. lettera a lui 
fcritta da Mr. di Petrefc 6% 

Pinzone luogo della Badia con altri 
Caftelli conceduto da Otto Primo* 
Imperatore ad Albert azzo Marchefe 
I. d'Efte per dote di fua Figliuola 
Moglie del detto Marchefe. $0. è al 
prefente uno dei BorghideLla Terra 
della Badiar 140 

Pipino Re viene in Italia e coflringe 
il Longobardo a chieder pace . 27. è 
ammonito da Coftantino IV. Impe- 
ratore a non impofTeffare dell'Efarca- 
to i Romani, ivi. 

Platina citato. 28" 

Plinio, citato. 3. 4. fa menzione della 
Fofifa Filiflina.- 12. citato. 15. 17. 50 
<2. 54. <<. 

Po fiume ferra il Polefine . pag; r. cor- 
re per varj' rami , e fi fcarica nell'A- 
driatico. 4. fuo alveo chiamato Bon- 
dànco e Po di Volane.- ivi. altro al- 
veo più auflrale chiamato Sandalo 3 
e da Plinio, Vatreno. ivi.- 

Polefine, in latino "Venìnfula , importa 
quali Ifola, o come Ifola . pag. 1. è 
ferrato dal- Po , e dall' Adige . ivi. 
fua eftremità fuperiore Confina con i 
territori Verocele e Ferrarefe . 2. il 
Sardi vuole, effere flato detto quafi 
Polinefo, cioè molte Ifole . iv'c traf- 
portata una fillaba fi chiama Poline- 
fo, che importa grande ifola . ivL 
dallo Strozza è chiamato Jflhmos. ivi. 
fu forfè detto Poli fino per il grave 
d'arano dato dalle acque, f. o Polife- 
no- per effere folitario è deferto dal- 
le innondazionr. infecondo Tolom- 
meo, e i più antichi, è nella Vene- 
zia, ivi. fecondo altri più moderni è 
oltre la Venezia , ed appartiene alla 
Flaminia. ■ ivi. i\x comprefc> nell'E- 
farcato .• ivi. è pofto dal Nicolio tra 
l'Adige, e il Po. ivi. ^prefentemente 
riceve termine dal Po verfo mezzo- 
giorno 



Tavola. 



zis 



giorno. 6. Polcfinc vecchio quello di 
là da Rovigo f, nuovo quello dì qua. 
io. Tua lunghezza, il. £ tutto pianu- 
ra, fenza monti, e ha bifogno di ar- 
gini. 12. non produce vini generofi , 
bensì tormenti in copia, ed ogni al- 
tra forte di grano e lino. 1 5. i'uoi ca- 
rtelli e contadi fufficienternente labi- 
tati . fri. (uà aria non è conforme . 
ivi. ha lane , leta , armenti , quanto 
ogni altro paefe circonvicino . 17.C0- 
me parte dell'Efarcato, e pertinenza 
dell' Adria , refta al Pontefice . 28 

Polibio, fuo luogo.4. altro luogo. 15). ci- 
tato. 20. fuo patto tradotto dal Pe- 
rotto. 21. ha prefo errore. 55 

Pollione Afinio fu con imperio nella 
Venezia . 24 

Polonia , il Principe di , chiede al Pon- 
tefice qualche parte notabile delle re- 
liquie dei SS. Primo e Feliciano, eie 
ottiene . 17 l 

Ponte trovato fotterra, disfatto da Pie- 
tro Crepaldo. 60 

Pontefici non avevano così afToluto do- 
minio nell* Esarcato, che anco gl'Im- 
peratori non vi averterò la parte lo- 
ro . %9 

Pirtenari, fuo perfetto giudìzio. 25 

Tortbmus è quell'anguilla di mare, che 
cade tra due continenti . 3 

Porto, luogo per cui parta l'Adige. 7 

Poffertione dei Longobardi breviflima. 

27 

Prifciano, fua traduzione di un r paffo 
di Polibio, 4. cronica veduta da lui, 
6 

Privilegio antico di Papa Martino III. 
14. di Lodovico regiftrato ad vsrbum 
dal Sigonio. 25). di Alertandro III. al- 
l' Abate padrone della Badia. 37. di 
Federico Barbarofla ad Ifach Abate 
della Vangadizza padrone allora del 
Cartello della Badia. 30. di Celeftino 
Papa ad Alicho Abate . 57. di Mari! 
no Papa. 105 

Privilegi della Cittadinanza Romana 
raccolti ed efpofti dal Panvinio. 81 

Piiuli, Agoftino, Vefcovo di Bergamo 
ed Abate Commendatario fuccede 
al Fratello Matteo ., e fa la trasla- 
zione delle ofla di S. Teobaldo. 193. 
foto di lui fu mutato il modo di dar 



l'elcmofina del pane folito dilpcnfar- 
fi ai poveri due giorni alla fettima- 
na . ivi. 

Friuli , Antonio, Procuratore, che fu poi 
Doge, è regalato di un facco di fta- 
tuette di bronzo . 61 

Priuli, Matteo, Abate Commendatario 
permette che fi apra l'Arca di S. 
Teobaldo . 170. andato a Roma fu 
fatto Camerier d'onore, e poi Car- 
dinale. 193. infermatoli di podagra 
e di artritide univerfale muore d: 
anni 37. ivi. ricupera molte ragioni 
ufurpate al tempo de' fuoi Predeccf- 
fori . ivi. 

Primo e Feliciano SS. varie opinioni 
circa il luogo dei loro corpi. 168.165). 
i corpi di altri due Santi Primo e 
Feliciano, martirizzati anch' erti fot- 
to Diocleziano fono in Germania . 
165;. lotto la pietra dell' altare dedi- 
cato a quelli due Santi nella Chiefa 
della Badia fi fono trovate due fole 
tefte in due balle di vetro . 171. in 
Roma fi trovarono le olla con al- 
cuni pezzi di cranio fenza le tefte . 
ivit fcritture cavate in Roma fuque- 
fto propofito. 172. altri due Santi di 
tal nome martirizzati in Francia , 
menzionati dal Ferrari. 175. vi furo- 
no nove martiri Feliciani , e fei Pri- 
mi . ivi. 

Procopio citato. 28 

Prumienfe, il Monaco, citato. 145 



QJ 



Uadi condotti in Italia da Atti- 
la. 25 



R 



RAngone Vincislao Modenefe por- 
ta uno rtendardo verde nella cre- 
azione del Duca di Ferrara . 45 
Ravenna prefa da Aftolfo. 27. com- 
prefa nella donazione dì Lodovico 
Pio . 27. fi drizza in libertà . 28. è no- 
minata tra le Città che ftavano per 
la parte deli' Imperatore. 31 
Rebuffo , Pietro , grave ed accurato Giu- 
reconfuko. 75 
Recanati, Filippo, Cittadino della Badia 

defide- 



%i6 



Tavola. 



defidera di vedere le offa di S. Teo- 
baldo , avendo in animo di collocar- 
le più degnamente , ed ornare la ca- 
sella di marmi. 169. fupplica effica- 
cemente Matteo Priuli Abate Com- 
mendatario, perchè fia aperta l'Arca, 
e l'anno feguente è fodisfatta la fua 
richiefta. 170. trovate le offa , rifab- 
brica i' altare fecondo la fua promef- 
fa per ivi riparie. 171 

Regiftro fcritto in hergamina con co- 
perte verdi confermato nella Can- 
cellarla della Comunità^ Padova . 41 

Regno dei Longobardi durato duecento 
anni in Italia. 28. d'Italia comincia- 
to dai Longobardi manca in tutto e 
li eftingue l'otto Rodolfo . 33 

Reno fumé omeflo da Tolommeo. 9 

Repubblica Padovana compera du^ par- 
ti della giurifdizicne di Lendinara . 

37- 

Rettori deftinati a Rovigo erano un 
tempo difpenfatì di risedervi un an- 
no folo, contro l'ufo degli altri . 16 
di Rovigo, Lendinara, e Badia rice- 
vono certa quantità di tormento da- 
gli Abati. _ i5>4 

Riccobuono, Antonio, Giureconfulto , 
dottiffimo nelle lettere Greche e La- 
tine . i24.fuoi ftndj ed opere (lampa. 
te. ivi. 

Riccobuono, Barnaba, Abate Oliveta- 
no, fratello di Antonio, fuoi fcritti. 
124. 

Ricbieri, Lodovico Maria , volle effer 
chiamato Celio per la memoria di 
Celio Calcagnino eruditiffimo uomo . 
122. fuoi ftudj, impieghi, e fua fepol- 
tura. ivi. gli è poflo un elegante E- 
pitafìo da Giovanni Bonifacio Giure- 
confulto. ivi. 

Rizzano di nazione Tedefco , Capitano 
di Spagnuoli, Governatore di Rovi- 
go. 4 8 

Rocca di Caftelnuovo. 12 

Rocche Marchefane . _ 7 

Rodigini mandarono dei fuoi Cittadini 
a .Lendinara per informar/!, del go- 
verno di quella Terra. 131 

Rodigino, Bonaventura , minor Fran- 
cete ...no, Vefcovo d'Amelia. 125 

Rodigino, Celio ,; fua opinione citato. 
5>o. 1%- 



Rodigino Zaccharia celebra Giurecon- 
fulto, e Auditore di Rota. 12$ 

Rodolfo Re ed Imperatore .33. manca 
fotto di lui il Regno d'Italia comin- 
ciato dai Longobardi . ivi. 

Rolandino, Iftorico Padovano, fao lun- 
go racconto del fatto d'armi della Boa- 
ra di Verona . 179 

Roma prefa fotto Arcadio ed Onorio . 
25. 

Romagna Trafpadana . 3 

Romoaldo e in grande opinione di fan- 
tità ai tempi di Ugo fecondo da E- 
fte. 144. è pregato ad accettare il go- 
verno della Badia di Claffe. 145 

Roncali , Gio. Domenico , Cavaliere , 
fua Orazione recitata a Lorenzo Mu- 
la Podeità di Rovigo. 102 

Rofino, Giacomo, Dottore di Legge , 
è in Roma , quando fi apre il luo- 
go, in cui erano ri porte le Offa de* 
SS. Primo e Féliciano. «72. cava e ri- 
porta le Scritture appartenenti a que- 
' Ito aprimento. 172. Cugino dell'Au- 
tore, in caia del quale cominciò a 
feri ver quell'Opera. 199 

Rofino, Giovanni, citato. 8 

Rotta a Capobufo . 14. altra a Ma- 
lopera. 14. altra Sabbadina così det- 
ta, perchè fucceffa in giorno di fab- 
bato . 70 

Rotta di Ghiarra d'Adda • 48. granda 
data agli Adriefi da Otto Orfeo- 
Io. 5>Q 

Roverella, Bartolomeo , Figliuolo di 
Giovanni , Rodigino , per equivoco 
chiamato Ferrai efe . 120. cappellano 
di Papa Eugenio IV. Vefccvo d'A- 
dria, e poi Arcivefcovo di Ravenna, 
e Cardinale del titolo di S. Clemeu. 
te. i2i.effendo Abate Commendata- 
rio , opere da effo fatte in Chieia 
e nel monafterio , fopra le quali fi 
vedono le fue armi con una breve 
ìfcrizione. 190.191 

Roverella , Lorenzo , fratello di Bar- 
tolomeo , Vefcovo di Ferrara &c. 
122. 

Roverelli trafportarono la loro Fami- 
glia da Rovigo a Ferrara. 120 

Rovigo, paffa per effo l'Adige. 7. fé ne 

] impadronifeono gli Eftenfi . 30.com- 

prato dal Comune di Padova. 38. ef_ 



TAVOLA 



217 



lo e le altre due Terre del Polefine 
impegnate ai Veneziani per Ducati 
cinquanta mito. 45. ebbe il nome di 
Contea. 49. ed una fua propria arma 
concerta da Federico Terzo Impera- 
tore al Duca Borio da Efle. ivi. ha 
avmo forma di Cartello intorno all' 
anno 1161.86. è flato edificato da un 
Velcovo Adriefe riputato fcifmatico, 
a cui è (tato tolto da Rinaldo da 
Efte nel tempo fleflb della fuaedifi- 
cazione.m.è chiamata Città dalla Re- 
pubblica Veneta, ch*è Principe indi- 
pendente. 119. è proveduta di tutti i 
requifiti temporali , che a Città nobi- 
le fi convengono . 120. Ha Rettore 
con titolo di Podeftà e Capiranio , e 
Proveditore fopra tutto il Polefine . 
ivi. è d'ampiezza e circuito fufficien- 
te. ivi. in erta fi fa una fiera delle 
prime d'Italia , ed ha territorio am- 
pio e fertile, ivi. ha prodotto Tem- 
pre, e produce animi grandi, ed uo- 
mini chiari e famofi in lettere . ivi . 
Hutilio , Bernardino, citato. 8 



S Abellico. 8. inchiude il Polefine tra 
i rami dell'Adige . io. può eflTer 
errore nel fuo tefto. 11. fa gli Um- 
bri primi abitatori del Polefine. 17. 
citato 20. 21. 28. 50. fuo parto. 56 

Sacchetto, Battifta , detto anche Fel- 
letto, dona gran quantità d'Idoli di 
Bronzo a Marco Patara . 6r 

"Sagis terza foce. 4. non è più in ef- 
fere . ivi. il Sardi la fa ventotto mi- 
glia lontana da Primaro . ivi. è det- 
ta in alcune carte marine Porto di 
Cavaleone. ivi. 

Sagrati, Rinaldo, prende la Terra di 
Rovigo per il Duca. 49 

Salluftio , fua autorità non difprezza- 
bile . 24 

Salvatemi , Aleardo de , nominato in 
un Testamento di D. Corrado di 
Lendinara . 137 

Salvaterra, Uberto de, nominato in un 
Iftrumento di divifione tra li Catta- 
nei. 157 

Salvaterra , Villa {aggetta alla Badia , 



così detta , come fi crede , perche 
folle la prima falvata dalle acque . 
19S. ebbe una Torre, o Rocca anti- 
chiffìma. ivi. 
Sandalo, alveo del Po. 4 v. Po. 

Santato, Giovanni, Domenicano, Vef- 
covo di Retimo. 124 

Saraceni in Puglia e nella Calabria dal 
Pontefice e dal Marchete Alberto in- 
teramente disfatti. c>2 

Saraina , Torello , uomo grave , e di 
grande erudizione, 6. fua opinione, 
ivi. non fi allontana molto dall'opi- 
nione del Pigna. 54. 3 5. dalle fue no- 
te antiche raccolte in Verona fi rica- 
va , eflere flati trovati nella Marca 
Trivigiana molti marmi della Fami- 
glia Severa. 139 

Sardi, Gafparo , Iflorico rapprefenta di- 
verlamente lecaufe della rottura tra i 
Veneziani, e il Duca di Ferrara . 47. 
Iflorico Ferrarefe , ha trovato l'ori- 
gine di Rovigo. 87. è diverfo dal Pi- 
gna nel tempo della edificazione di 
Rovigo . ivi. fua opinione circa 1" 
edificatore della Fratta . 126. fuo pa- 
tctc cij<-rt Caliti Guglielmo . ivi. cita- 
to. 142.144.145. 1 5_ 9 . i 7 8 

Safluolo , D. Stefano da Monaco ed Or- 
ganica , affifle all' aprimento dell'Ar- 
ca di S. Teobaldo. 170. 171 

Scala, Alberto dalla, Signor dì Vero- 
na. 55 

Scala , Cane Grande dalla , fa Cava- 
liere Obizzo da Carrara. 41 

Scaligero, Giofeffo , citato. 8 

Scardeone, Bernardino , fcrittore delle 
cofe di Padova. 57. citato. 178. fuo 
paflb » 180 

Scardonio , Giovanni, così è chiamato 
'dal Nicolio Bernardino Scardeone . 39 

Scifma di Vittore Antipapa. 31 

Scifma graviffìmo fufcitato nella Chie- 
fa di Dio da Crefcenzio Confole Ro- 
mano. 145 

Scotto, Andrea , citato. 8 

Scrittura di pace feguita in Venezia tra 
Federico ed il Pontefice Alefiandro 
III. regiflrata dal Sigonio ad ver' 
bum. 31 

Scritture negli archivj di Padova abbru- 
ciate , 40. autentiche confèrvate nella 
E e Can-, 



i8 



TAVOLA: 



Cancellarla della Vangadizza. $6. al- 
cune più notabili , che fanno onore 
alla Terra della Badia, regiftrate fe- 
condo l'ordine dei tempi. 181. 182. 
183. 184. 185. 1S6. 187.188. 185). ca- 
vate dal Rofino circa le offa trova- 
te in Roma dei Ss. Primo & Feli- 
ciano<. 172. 173. 174. 

Sempronio , fua autorità . 6. è fofpetta 
a molti . 7. qual fede meriti'. 8 

Senoni Galli ftefero il fuo dominio fino 
all'Adige. 120. debellati dai Roma- 
ni. 21. non ebbero mai che far nei 
paefi poffeduti dai Veneti . 22 

Sforzatello Francefco porta uno ftendar- 
do di Zendado verde nella creazio- 
ne del Duca di Ferrara . 45-) 

Siccardo , rotta di , fucceffa a Ficheruo- 
lo gl'anno 11 50- 5* fue acque capita- 
rono prima nel Lago ofcuro , e Vil- 
lanuova , indi in due fiumi.. 6 

Signoria di Padova levata aiCarrare- 
fi da Gioan Galleazao Vifconte Du- 
ca di Milano ,, detto il Conte di Vir- 

. t{l : r . 45 

Sigonio , fua autorità. 22. fuaopinione , 
che la Venezia fofTe u«ka al Roma- 
no Imperio. 25. citato. 28. fuoipaffi 
riferiti. 25*. fua opinione intorno al- 
la Frata. . 34. fuo patto . 40. tratta 
efattamente delle Tribù. 8.?.fuopaf- 
£0* 5-i.fuopaffo. 1*4. tocca, le male 
arti di Giovanni XX. nell' invafione 
deìPonteficato , ma niente parla dell' 
abdicazione ,,nè di altra nuova ele- 
zione. 115. citato . 144. fuo paflTo. . 
1,53. 154. 1.55.. fa menzione di un'- 
altra Cunigonda più antica>moglie di 
Enrico I. Imperatore. 178. 

Sofia moglie, di Giufìino Imperatore . 
26. 

Spagnuoli nel Polefine. 48; 

Spi nerico foce da Spina città, antichi^ 
fima. 3 

Squarcio di Privilegio o Referi tto Ponti- 
ficio portato dal Nicolio. 857 

Statue feoperte ne' contorni , e nella 
Città di Adria. 61 

Statuto, di Verona , fuo- provedimento 
circa delezione del Podeilà della Ba- 
dia . 34, vecchio di Padova feri tto 
in bergamina nella Cancelleria della 
Comunità ., 4? 



Stefano citato daf Càfaubono fopra Stra- 
bone . 8. citato . 50 55 

Stefano Pontefice va in Francia a chie- 
der aiuto al Re Pipino . 27 

Strabone, fua autorità. S.fuopaffb. 17 
citato. 50.51.54.68.80 

Strozza, Tito Vèfpafiano-, Ferrarefe , 
chiama il Polefine Iftbmon. pag. 2. 
fuoi verfi. 16 

Svetonio , fuo paffo niente ferve al 
Nicolio ■. 80 



T Acito citato . 50. fuo paflo . 56. 
citato. 73. 80 

Tagli dell' Adige air Anguillara fatti 
dal Podeftà di Rovigo- a datino del 
Carrarefe-, 45, 

Tarcagnota ...... citato. 28 

Tarquinio Prifco fu circa feicento anni 
innanzi la natività del Salvatore , 20 

Tartarello > ramo- del Tàrtaro . 14 

Tartaro vien- creduto l'Atriano di To^ 
Jomraeo dal Mercatore , e dal Olive- 
rio . 13: 

Taflò, Torquato, fuoi verfi. 144. altri 
fuor verfr. 147. altri verfi-. 178 

Tealdo >. D. Pompilio ,da Cittadella Ar- 
ciprete affifte all' aprimento dell' Ar- 
ca di S.Tèobaldo. 170 

Tela ultimo Re dei Goti . 26 

Teobaldo S. i Badiefi fi aflìcurano dr'- 
aver- il fuo corpo. 167. fi aveva per 
tradizione, che i Vicentini averterò 
già. rubato- il corpo di quefto Santo »- 
165-. ciò non pare verifimile all'Au- 
tore . ivi. e 170. ne fi accorda con ; ' 
certo Inno antico manoferitto , nel 
quale non fi dice rubato e nafeofèo , 
ma rapito* a> viva forza dai Vicenti- 
ni, ivi. apertala fua Arca, fi trovai 
rono. tutte le offa polle fecondo l v 
ordine naturale di un corpo umano, 
ed una laftra di piombo*- con due if- 
crizioni . 171. edificato l'altare , e 
la capella di marmi, fu fatta la tras- 
lazione di dette offa con le debite- 
folennità. 'ivm 

Teodorico Re dei Goti per ordine dì 
Zenone Imperatore pafsò in Italia^ 
conOdoacre.25, z6. vien fatto Red.'; 

Italia» 



TAVOLA. 



2ip 



Italia ." 16 

Teopompo citato. 8 

Terre del Polefine hanno abbondante- 
mente pefci, e carni. 17 
Telino fiume ometto da Tolommeo . 

9' 

Teucro caccia di Frigia Dardano. 157 

Tinto , Gio: Francefco , Veronefe , ci- 
tato. S 

Tirreni, popoli di Lidia, così chiama- 
ti da Tirreno Re loro . 17- furono 
poi chiamati Tofcani . 74 

Tirreno Re dei Lidi. 17 

Tofcani antichi parlavano in lingua 
Aramea ed Egizia. 74 

Tolommeo nelle fue Tavole geografi- 
che ha tralasciato molti fiumi di con- 
fiderazione. 6. tra quefti il Reno, e 
il Telino. 9. citato. 50.55 

Torello, Salinguerra, di fazionelmpe- 
riale in Ferrara . 52. occupa , o fe- 
condo il Sigonio, edifica la Fortez- 
za della Frata . 54 

Torri di quelli da Lendinara disfatte da 
Eccelino da Romano. 132 

Tofa , fiume eh' efee dalle Alpi Sepon- 
tie , e sbocca nel Lago Verbano . 

9 

Tofcani palfati nella regione Trafpa- 
dana dopo gli Eneti ed i Trojani . 
20 

Tofcani Aflagi primi padroni ed abita- 
tori del Polelìne . 17 

Traverfari, ora S. Bonifacj , capi del- 
la parte Guelfa in Verona. 54 

Tribù Latina non è polla da alcuno 
fcrittore . 83 

Tribù , le , non facevano leggi lépara- 
tamente a fé ftefife, ma tutte infie- 
me le facevano alla Repubblica . 82. 
alcune chiamate forfè con due no- 
mi . 83. fi denominavano non folo 
dalle Ville, ma anco dai laghi e dai 
fiumi. 84 

Trivigi occupata da Alboino. 26 

Trogo citato. 50 

Trotti , Leonello , Nobile Ferrarefe , 
Protonotario Apoflolico , eletto Aba- 
te dal Pontefice . 151. rinunzia la 
Commenda alla Santa Sede. ivi. 

Turingi condotti in Italia da Atila . 
25- 



V 



Alvafori , nome derivato da Val- 
erano della Famiglia Impe- 



ci 



riale, ecommenfali. 154. così anche 
detti i Prefidi meffi dagl* Imperatori 
in certe Valli del Contado di Mila- 
no . ivi. 

Vandelmonda nobiliflìma Donna . 14.9 

Vangadizza Badia. 50. nome derivato 
da Vanga iftrumento rufticano por- 
rato nell'arma dell'Abazia. 143 

Vatreno , alveo del Pò, così chiamato 
da Plinio. 4. v. Po. foliti facrificare 
un cavallo bianco a Diomede. 51 

Veneti chiamati prima Heneti. 20. fé 
innanzi ai tempi di Auguflo fiano 
flati liberi , o foggetti all' Imperio 
Romano , è cofa molto controverfa . 

22. non avevano perduti gli fpiriti , 
né la libertà al tempo di Cicerone. 

23. loro pofleffo in quelli paefi durò 
fino al tempo di Attila . 25 

Venezia comprefa fotto il nome di Gal- 
lia . 21. ubbidì a Bruto, ivi. deva- 
flata da Attila. 21 

Veneziani con armata maritima aiutano 
e rimettono l'Efarco. 27. fanno guer- 
ra a Francefco da Carrara . 45. prendo- 
no le Badie di Santo Alberto , e flrin- 
gono di tal modo Ferrara , che obbli- 
gano il Marchefe a chieder la pace. 
46. è loro reftituito il Polefine , e pon- 
gono prefidj in tutte le Terre, ivi. 
lo reftituifeono al Marchefe a fine di 
levarlo dall' unione col Duca di Mi- 
lano , col quale avevano guerra di 
confeguenza maggiore. fu/ . provocati 
da Ercole Primo Duca di Ferrara gli 
muovono guerra, e gli levano varie 
Terre . 47. fi fa pace , e loro refta il 
Polefine . ivi . occupato da Alfonfo fe- 
condo Duca di Ferrara dopo la rotta 
di Ghiarra d' Adda , lo ricuperano 
dopo fei meli. 48. è loro ritolto dal 
medefimo Duca con Y aiuto di Maffi- 
miliano Celare, ivi . io riacquiftann 
per opera dell' Alviano, e di Baldif- 
fera Scipione Luchefe , cacciandone 
gli Spagnuoli. ivi. 

Vergerlo , Pietro Paolo , da Giuftinopo- 



220 



TAVOLA. 



li , fua Cronica fcritta in bergamina 

Verona un tempo non divifa , ma co- 
rteggiata dall'Adige. 7. occupata da 
Alboino. 26 

Verone!!, fecondo il Pigna, collegati di 
Obizzoda Elle. 34. per alcuni mar- 
mi trovati in Verona , i quali fanno 
menzione di Plinio fecondo, voglion 
provare che fra flato Veronefe. 84 

Verfi ferirti fivpra l'altare de'Santi Pri- 
mo e Felicianoj per commifTione di 
Bernardo Abate Commendatario dell' 
Abazia. 167 

Vefcovo d'Adria (lede immediatamen- 
te appreffo l' Arcivefcovo di Raven- 
na dalla parte delira . 58. Adriefe 
partigiano di Vittore Antipapa , edi- 
ficatore di Rovigo. 86. non può aver 
due titoli . 116. Piacentino , di na- 
zione Greco , durante la vita di Gre- 
gorio vero Pontefice , col mezzo di 
Crefcenzio è creato Papa . 145. do- 
po effergli flati cavati gli occhi , 
tagliato il nafo, le orecchie e la lin- 
gua, è condannato ad un' ofeura pri- 
gione , ove dopo dieci meli finifee 
miferabilmente la vita. 146 

Vefcovi d' Adria non hanno mai volu- 
to trafportare a Rovigo l'arca diS. 
Bellino , e perchè. 128 

Ugo Parmigiano Podeftà. 36 

Vicariato della Tofcana conceflfo a Ro- 
dolfo Re ed Imperatore . a. della 
Marca Anconitana conceda ad Aldo- 
brandino da Elle. ivi. 

Vicentini raccomandati da Bruto a Ci- 
cerone . 24. fi aveva per tradizione 
che aveffero rubato il corpo di S. 
Teobaldo. 169 

Vicenza occupata da Alboino. 2& 

Vico urbano che foffe pretto i Gram- 
matici . 75. diflinzione tra elfo , e 
il Vico Rulìicano. ivi. 

Villani, Giovanni, citato. 148 

Ville foggette alla giurifdizione della 



Badia. i^ 

Virgilio , fuoi verfi . 1 6. akri fuor ver- 
fi. 21. altro fuo verfo. 79 
Viridamaro Re dei Galli Senoni . 20 
Vifconte Gioan Galeazzo detto il Con- 
te di Virtù , leva la Signoria di Pa- 
dova ai Carrarefi. 45 
Vifdomino Veneziano feomunicato e 
cacciato di Ferrara dal Vefcovo per 
aver fatto carcerar certo Prete. 47 1 
Vifigoti , fuo imperio abbattuto. 25 
Vifitatore Generale dei Caraaldolefi crea 
Abate un tal D. Fulgenzio da Elle , 
pretendendo poter ciò fare in virtù 
del Concilio. 192 
Vitige Re dei Goti prefo. 26 
Vittore Antipapa, che fu dopo Adria- 
no . 3-i. riceve fomento da Federico 
Imperatore. io? 
Vittore, Sefto Aurelio, citato. 55 
Umbri primi abitatori del Poleflne . 

17. fcacciati dai Pelafgi . ivi. 
Unni condotti in Italia da Attila . 25 

Volaterrano citato. 8. fuo paiTo. 74 

Volilo , Gherardo Giovanni . 8 

Urne antLchiffime trovate da alcuni 

Pefcatori . 61 



X 



x 

Enodoto citato. 
Z 



20 



ZAcchi Bortolaniio. 37 

Zago di Santa Rentua , titolo 
dell'Apologia fcritta contro l' Iftoria 
del Nicolio. 124 

Zeno, MaeflroMichiel, dona un facco 
di flatuette al Procuratore Antonio 
Priuli . 6 1 

Zenone Imperatore manda in Italia 
Teodorico Re dei Goti contro Odoa- 
cre. 25. 2£ 

Ziani, Sebastiano, Doge di Venezia. 30 



IL FINE. 



X 



y 



UNIVERSITY OF ILLINOIS-URBANA 



3 0112 102182851